Hyundai

Hyundai
Santa Fe

da 56.800

Lungh./Largh./Alt.(cm)

479/190/171

Posti

7

Bagagliaio (litri)

130/1649

Garanzia (anni/km)

5/illimitati

In sintesi

La Hyundai Santa Fe è la più grande delle suv della casa coreana: offre spazio a volontà, oltre ai sette posti e alla trazione integrale di serie. Massiccia e dai tratti grintosi, è disponibile in tre versioni, pressochè uguali per la ricca dotazione ma diverse per il tipo di motore: la 2.2 diesel e due ibride, la full e la plug-in. Le ultime due abbinano un 1.6 turbo a iniezione diretta di benzina da 180 cavalli a un’unità elettrica con, rispettivamente, 60 e 91 CV. La batteria, ai polimeri di litio, è di 1,49 kWh per la full e di 13,8 kWh per la versione ricaricabile (che consente di percorrere, secondo la casa, 58 km in modalità solo elettrica). In tutti i casi, la potenza è adeguata per muovere con fluidità e disinvoltura una suv piuttosto pesante. Complici le ruote di 19", la tenuta di strada della Hyundai Santa Fe è sicura, ma lo scotto da pagare è un non sempre ottimale assorbimento delle buche. Si tratta, però, dell'unico neo in fatto di comfort, per il resto elevato anche per l'efficace insonorizzazione (il discorso vale più per le ibride che per la diesel). L'abitacolo offre sedilli confortevoli, un accogliente divano piatto per la seconda fila (è scorrevole e con lo schienale reclinabile) e due strapuntini che fuoriescono dal fondo del baule in caso di necessità: sono adatti a  persone non più alte di 170 cm. Tante le soluzioni pratiche per l'interno, con una generosa dotazione di diffusori per il "clima". Considerato il prezzo, però, alcune plastiche sono sottotono. Con solo la prima o anche la seconda fila di sedili in uso, il bagagliaio è molto capiente, mentre con sette passeggeri resta spazio per un paio di trolley.  

 

 

Versione consigliata

L'unico allestimento della Hyundai Santa Fe è molto generoso. Della dotazione fanno parte le sei modalità di guida (gestibili dalla manopola nel tunnel): tre per gli spostamenti su strade asfaltate e altrettante per affrontare rispettivamente fondi innevati, fangosi o sabbiosi. Sempre di serie il raffinato sistema di monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori: oltre all’allarme di segnalazione dei veicoli che sopraggiungono, mostra nel quadrante del cruscotto sul lato in cui si sta per spostarsi (attivando le “frecce”) le immagini riprese dalle retrocamere inserite negli specchietti. Quanto ai motori, la diesel è la più interessante per chi percorre almeno 20.000 km l'anno, e soprattutto in autostrada; la plug-in per chi può (e vuole) ricaricarla frequentemente, tenendo conto che il serbatoio della benzina di soli 47 litri (67 nelle altre) limita parecchio l'autonomia nei viaggi; l'ibrida full per tutti gli altri.   

Perché sì

Dotazione Quella di serie è davvero ricca.
"Frecce" Una volta attivate, il cruscotto mostra le immagini di quanto accade dietro l’auto sul lato in cui si sta svoltando.
Spazio Risulta abbondante sia per le persone sia per i bagagli.

Perché no

Comfort sulle buche Sfavorite dalle ruote di 19" talvolta le sospensioni non "lisciano" le sconnessioni.
Finiture Visto prezzo dell’auto, alcuni particolari in plastica rigida sono sottotono.
Tasche Quelle nelle porte sono strette.

Hyundai Santa Fe
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
18
7
20
21
40
VOTO MEDIO
2,5
2.45283
106

Photogallery