PRIMO CONTATTO

Kia Optima Sportswagon: spaziosa e poco rumorosa. Certi dettagli, però…

La Kia Optima Sportswagon è spaziosa e confortevole. Il 1.7 CRDi a gasolio da 141 CV è brillante; rapido e dolce nei passaggi di marcia il cambio a doppia frizione DCT. Sottotono, invece, alcune plastiche.

1 settembre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 35.000*
  • Consumo medio

    21,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    120 grammi/km
  • Euro

    6
Kia Optima Sportswagon
Kia Optima Sportswagon 1.7 CRDi GT Line DCT

*prezzo indicativo

Grande, ma non si direbbe

Dopo la berlina, ora tocca alla grossa famigliare coreana il compito di dire la sua in un settore già ben presidiato da modelli quali la Ford Mondeo Wagon, la Volkswagen Passat Variant e la Opel Insignia Sports Tourer. L’impresa sembra alla portata della Kia Optima Sportswagon: anzitutto per il suo aspetto accattivante, con una carrozzeria dalle forme sobrie e sportiveggianti  che, rispetto alla quattro porte, non appare per nulla appesantita dall’aggiunta del portellone e, anzi, nasconde bene gli abbondanti ingombri (è lunga 486 cm, larga 186 e alta 147). In secondo luogo per lo spazio che offre ai passeggeri: sia davanti sia dietro, dove l’ampio divano permette a tre adulti di non stare a stretto contatto di gomito (in larghezza, all'altezza delle spalle, abbiamo misurato 144 cm) e di allungare le gambe.

Un bagagliaio fatto come si deve

La parte anteriore dell’abitacolo della Kia Optima Sportswagon è identica a quella della berlina, con poltrone ampie, ben imbottite e dotate di precise regolazioni (che per la GT Line sono, di serie, elettriche). La plancia ha un design moderno ed essenziale, con materiali che nella parte alta convincono per qualità e accuratezza del montaggio. Deludono, invece, le plastiche rigide della parte inferiore e alcuni dettagli un po’ trascurati, come il cassetto di fronte al passeggero anteriore,  non  rivestito e di aspetto poco robusto. Intuitivo da usare e ben realizzato il sistema multimediale, con lo schermo di 8” del navigatore e il sofisticato impianto Hi-Fi della Harman Kardon con 10 altoparlanti; grazie alle funzioni Android Auto e Apple CarPlay è possibile anche gestire le applicazioni degli smartphone direttamente dal monitor a sfioramento sulla plancia. Ben fatto  anche il bagagliaio, che ha una capacità minima di 552 litri, al quale si accede attraverso l’ampio portellone ad apertura elettrica (bassa la soglia di carico, a 60 cm da terra). E, per abbassare il divano, basta azionare due levette nelle pareti laterali del baule: una soluzione pratica e veloce, come la divisione in tre parti dello schienale, che consente di caricare oggetti lunghi ma stretti abbassando solo la sezione centrale. Si ottiene così un piano lungo e piatto, senza gradini, e la capacità totale sale a 1686 litri. Di grande utilità i ganci e le barre scorrevoli per ancorare il carico.

A suo agio nei lunghi trasferimenti

Il 1.7 CRDi turbodiesel da 141 CV della Kia Optima Sportswagon gira regolare e spinge con forza fin dai bassi giri, nonostante la cilindrata contenuta in rapporto alla massa della vettura. Ben coadiuvato dal rapido cambio a doppia frizione DCT, in condizioni di marcia normali non fa sentire la mancanza di una maggiore potenza e al semaforo riesce a far scattare la macchina senza incertezze. Solo se ci si fa prendere la mano, invogliati dalla pronta risposta del DCT, e si cerca un comportamento sportivo si può rimanere un po’ delusi: specie su percorsi tortuosi, dove la macchina si dimostra poco agile e non rapidissima nella risposta. Ma questa è una vettura da guidare in relax, apprezzandone l’elevato comfort di marcia assicurato anche dalla  rumorosità contenuta (a 130 km/h il motore lavora a 2100 giri in settima) e la sensazione di sicurezza che riesce a trasmettere. Anche sul versante dei consumi non sembra che la vettura possa deludere: al termine del nostro test (svoltosi in parte anche su percorsi cittadini, dove l’auto non si dimostra molto maneggevole a causa delle misure extralarge, e dove fa un po’ penare nelle manovre di retromarcia per la scarsa visibilità posteriore), il computer di bordo riportava una media di circa 14,5 km/l, che se confermata in una prova strumentata sarebbe un buon risultato. 

Equipaggiamento mica male

Degna di nota la dotazione di sicurezza, che prevede sette airbag, la frenata automatica d’emergenza, il cruise control adattativo, il sistema di mantenimento della corsia di marcia e i dispositivi di controllo dell’angolo cieco e dello spazio dietro l’auto nelle manovre in retromarcia. La Kia Optima Sportswagon sarà nelle concessionarie a partire da ottobre (anche col 2.0 T-GDI turbo a benzina da 245 CV), con prezzi da circa 31.000 euro per la 1.7 manuale, e la garanzia di sette anni o 150.000 km. Nel 2017 arriverà anche la versione ibrida plug-in da 205 CV, a benzina ed elettrica, con le batterie ricaricabili dalla presa. 

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. Lo spazio a bordo è tanto, anche per chi siede dietro.
> Comfort. Ben isolata dai rumori e dalle buche, la famigliare coreana fa stancare poco anche nei lunghi trasferimenti.
> Motore. Il 1.7 da 141 CV è ben abbinato alla macchina e non fa sentire troppo la sua voce nell’abitacolo.

DIFETTI
> Dettagli. Le plastiche rigide della parte bassa della plancia hanno un aspetto economico.
> Maneggevolezza. Nei percorsi ricchi di curve e nelle strette vie cittadine l'auto si rivela poco agile.
> Visibilità posteriore. Il lunotto piccolo rende indispensabile fare ricorso alla retrocamera (che, per fortuna, è di serie) nelle manovre di parcheggio.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1685
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 104 (141)/4000 giri
Coppia max Nm/giri 340/1750-2500
Emissione di CO2 grammi/km 120
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (automatico doppia frizione) + retromercia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 200
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,1
Consumo medio (km/l) 21,7
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 486/186/147
Passo cm 281
Peso in ordine di marcia kg 1560
Capacità bagagliaio litri 552/1686
Pneumatici (di serie) 215/55 R17
Kia Optima Sportswagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
16
15
24
17
9
VOTO MEDIO
3,1
3.14815
81
Aggiungi un commento
Ritratto di nicktwo
1 settembre 2016 - 13:43
a quel prezzo giulia tutta la vita... oppure a 10 mila euro in meno la superb 1.4 tsi... saluti
Ritratto di AlexTurbo90
1 settembre 2016 - 21:08
Concordo per l Giulia. Ma il 1.4 tsi non va bene per quella macchina. Il motore perfetto sarebbe il 2.0 tsi da 180 cv che sarà disponibile sul SUV Kodiaq ( ma che non hanno mai avuto la decenza di metterelo su una ben più leggera e aerodinamica Superb, valli a capire...).
Ritratto di AlexTurbo90
1 settembre 2016 - 21:09
"Quella macchina" ovviamente si intende la Superb, non la Giulia.
Ritratto di nicktwo
2 settembre 2016 - 09:34
con rispetto ma non concordo, la superb me la prendo se voglio una segmento d (quasi segmento e, in verita', per spaziosita') al minimo sindacale del prezzo d'acquisto accontentandomi poi di quello che mi da anche in termini prestazionali, che poi sono comunque 150cv e 0-100 in meno di 9 secondi... se devo incominciare a fantasticare in quanto a prestazioni dinamismo e sportivita' in generale allora ribadisco solo giulia... saluti
Ritratto di MAXTONE
1 settembre 2016 - 15:13
Formalmente corretta ma inesorabilmente anonima. I coreani dovrebbero abdicare con gli ampiamente sopravvalutati designer europei e rivolgersi a quelli Giapponesi, vera rivoluzione degli ultimi anni: Ormai oggi ogni volta che si vedono linee bellissime e ricche di personalità queste vengono da Lexus, Mazda o Infiniti ma i marchi europei sono in fase calante quando non lassativa
Ritratto di jabadais
3 settembre 2016 - 18:55
Passi per mazda che esteticamente son le migliori, lexus è troppo di rottura quindi o la odi o la ami, ma le infiniti non saranno mica originali...
Ritratto di M635_Csi
1 settembre 2016 - 17:56
Sottoscrivo Maxtone. Nel segmento, la Mazda 6 resta insuperata per estetica, confort e rapporto qualità/prezzo. In merito al motore, poi, è semplicemente al top, con il 2.2 diesel biturbo non ce n'è per nessuno in termini di coppia, ripresa e comodità di marcia, per non parlare dei consumi: io dopo oltre 50.000km non ho problemi ad avere una media di 6,5/6,7 x 100km. Questa Kia non mi dispiace come stile, ma un 1.6 proprio non ce lo vedo, al pari di quanto proposto da Renault per la Talisman. Sono auto di una categoria, per dimensioni e funzionalità che non dovrebbero prescindere da un motore di almeno 2000cc........
Ritratto di SuperMaserati
1 settembre 2016 - 18:57
Nel complesso non è così male: fuori è carina, quasi bella, dentro anche (la plancia mi ricorda quella della Serie 3), il motore invece trovo abbia prestazioni troppo scarse, con 140 cavalli si potrebbe fare decisamente di più. Certo che del segmento preferisco di gran lunga la Mondeo e la Mazda 6, pur essendo auto da padre di famiglia hanno personalità da vendere.
Ritratto di tody
1 settembre 2016 - 19:32
2
Al di là di altre valutazioni avete notato di come la plancia sia stata spudoratamente copiata da quella della Bmw Serie 3 ?
Ritratto di ziobell0
2 settembre 2016 - 09:21
no, non mi fa impazzire. il design si è un po' appiattito (dietro ormai è uguale all'audi A6 avant, ma proprio uguale), la plancia BMW style...Kia dovrebbe osare di più...a quel prezzo poi!!
Pagine