PRIMO CONTATTO

Lexus CT: più intuitiva che spaziosa

L’ibrida giapponese si rinnova nell’aspetto e si conferma facile da guidare. Generosa l’offerta di lancio; non altrettanto lo spazio per chi siede dietro (e per i bagagli).

25 febbraio 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 30.250
  • Consumo medio

    24,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    94 grammi/km
  • Euro

    6
Lexus CT
Lexus CT 200h Executive
Poche novità
 
La Lexus CT 200h è l’unica ibrida di lusso e di medie dimensioni (435 cm la lunghezza) in vendita in Italia (dove è anche il modello più richiesto del marchio). A tre anni dal debutto, è stata sottoposta a un leggero aggiornamento, più che altro nel frontale (ora con la mascherina a clessidra comune alle Lexus più recenti), negli interni (rinnovato l’impianto multimediale) e nell’assetto (diversa taratura per gli ammortizzatori). Resta sostanzialmente invariata la meccanica (deriva da quella della Toyota Prius), con il 1.8 a benzina da 99 CV accoppiato a un motore elettrico da 82: quando lavorano insieme erogano 136 cavalli e garantiscono basse emissioni inquinanti. Già in vendita, la Lexus CT 200h ha prezzi compresi fra i 27.250 euro del modello “base” (che ha di serie sette airbag, climatizzatore automatico bizona e radio con Bluetooth) e i 36.250 della Luxury (navigatore, sedili riscaldabili e in pelle, sensori di distanza). Non manca un’allettante offerta lancio, che prevede uno sconto di 4.350 euro: nel caso della versione intermedia del test (l’Executive, con cerchi in lega di 17”, cruise control, fendinebbia e retrocamera di serie), il prezzo cala da 30.250 euro a 25.900. 
 
Cambia poco
 
A parte il volante e il sistema multimediale migliorato (più moderno e con schermo tipo tablet), l’abitacolo della Lexus CT 200h resta quello di prima e, nel complesso, non è mal fatto. In rapporto alla lunghezza della carrozzeria non offre molto spazio per chi siede dietro e, per via della batteria sotto il fondo, nemmeno per i bagagli (375 litri la capacità con il divano su; 985 la massima). In compenso, il guidatore sta comodo. Ha un sedile accogliente, una strumentazione completa e quasi tutti i comandi disposti come si deve: per esempio, la levetta nella consolle per il cambio a variazione continua di rapporto (in realtà non è un vero e proprio cambio, ma un complesso dispositivo che collega i motori alle ruote motrici anteriori) e i “mouse” fra i sedili per accedere ai servizi di bordo e per modificare, su tre impostazioni (Eco, Comfort e Sport), la risposta del motore, dello sterzo e del climatizzatore. Da rivedere il freno di stazionamento: invece della classica leva accessibile a tutti i passeggeri dell’auto, c’è un pedale, che solo il guidatore può azionare (e con il piede sinistro).
 
Si guida bene
 
Nonostante il frontale aggressivo e la taratura rigida delle sospensioni (anche se non così dure come prima), la Lexus CT 200h Executive non è una sportiva. I motori spingono con più regolarità che grinta (verosimili il tempo di 10,3 secondi per coprire lo “0-100” e la velocità massima di 180 km/h) e si fanno apprezzare per i consumi ridotti (16,7 km/l la media calcolata nel test dal computer di bordo). A batteria carica, siamo anche riusciti a percorrere un chilometro (viaggiando a meno di 50 km/h) in modalità solo elettrica. Migliorato il cambio a variazione continua di rapporto: è ora meno avvertibile lo sgradevole effetto del motore che sale troppo di giri rispetto alla velocità dell’auto. Per il resto, la Lexus CT 200h si conferma facile nella guida: sterzo e freni rispondono prontamente mentre la tenuta di strada è elevata. Le sospensioni solide aggiungono anche una soddisfacente agilità, però mal digeriscono le sconnessioni dell’asfalto. 
 
Secondo noi
 
Pregi
> Consumi. Stando al computer di bordo, la media nel test è stata buona: 16,7 km/l.
> Emissioni inquinanti. Grazie al motore elettrico, sono basse.
> Facilità di guida. Questa ibrida si lascia condurre senza alcuna difficoltà.
 
Difetti
> Freno di stazionamento. A pedale, è scomodo e non raggiungibile dai passeggeri.
> Sospensioni. Nonostante la nuova taratura, restano piuttosto dure.
> Spazio. Limitato per chi siede dietro e per i bagagli.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1798
No cilindri e disposizione 4 in linea (propulsione ibrida)
Potenza complessiva del motore termico ed elettrico kW (CV)/giri 100 (136)/5200 giri
Coppia max del solo motore a benzina Nm/giri 142/4000
Emissione di CO2 grammi/km 85
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio automatico a variaz. continua
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 435/176/144
Passo cm 260
Peso in ordine di marcia kg 1370/1410
Capacità bagagliaio litri 375/985
Pneumatici (di serie) 205/55 R16

 

Lexus CT
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
66
64
96
63
61
VOTO MEDIO
3,0
3.03143
350
Aggiungi un commento
Ritratto di Sprint105
25 febbraio 2014 - 15:42
è ibrida. Da quello che leggo, la macchina non è che sia proprio il massimo
26 febbraio 2014 - 12:43
1
Interni che sono il benchmark del segmento per qualità delle plastiche e precisione degli assemblaggi, e l'affidabilità top di Lexus. Cos'ha audi a3 da mettere di così importante sul piatto della bilancia a parte i soliti naftoni che io non voglio neppure sentir nominare? Di certo non ha finiture migliori di quelle della CT.
Ritratto di fabri99
27 febbraio 2014 - 18:57
4
Beh, premetto che questa Lexus non mi piace affatto e non mi ha mai convinto, ha i suoi difetti, ma comunque non mi sembra male. Non ho capito il perchè del confronto con la A3: concordo su quello che avete detto, la A3 non mi piace per niente e non ha niente di speciale, solo i 4 anelli. Se però cominciamo a confrontarla con la Classe A per le linee con la sublime Serie 1 per il piacere di guida, beh, ciao ciao Lexus... Anche la V40 si difende bene, inoltre... Anche se confrontarle non ha molto senso, questa è un'ibrida e, sì non è radicalmente diversa come auto, ma molti non sono convinti ne del marchio Lexus ne dell'ibrido soprattutto in Italia, quindi questa Lexus è svantaggiata rispetto alle rivali, e con tutto questo non c'entrano gli ottimi(o meno, non so) contenuti dell'auto...
Ritratto di Andrea Ford
26 febbraio 2014 - 12:52
La CT è stupenda e ha una presenza scenica spettacolare soprattutto in combinazione bianca con tetto e vetri neri, l'A3 ha la stessa linea di quella del 2003 e infatti sembra un auto di oltre dieci anni fa.
Ritratto di marian123
26 febbraio 2014 - 13:10
sono quasi certo che tu sia sempre maxtone con un'altro account tanto per avere un sostegno, bella mossa Bramante ma chi visitava anche QR sicuramente non ci casca.
Ritratto di Beppe limongelli
9 settembre 2014 - 00:32
Ecco,appunto,"Da quello che leggo".... secondo me la macchina di cui scrivono non l'hanno nemmeno provata. le foto sono prese pari pari da automobilismo, la versione di cui dicono di aver fatto il test non compare in nessuna foto.... " l'abitacolo non è mal fatto" , ma per piacere! Non conoscete la resistenza all'abrasione che hanno quei tessuti e la qualità dei pellami utilizzati per le tappezzerie, signori come qualità costruttiva siamo al top, altro che storie! ...."1 chilometro in sola modalità elettrica" pensate che riesco a farne più di 2 con la honda insight che è una light ibrida, ma la lexus,a maggior ragione essendo dotata di un'unità elettrica ben più generosa, non può fare solo un km a BATTERIA CARICA!!!! In ultimis, aggiungo che il consumo rilevato da questo fantomatico test NON è ASSOLUTAMENTE IN LINEA con i reali consumi di questa fantastica automobile, difficile fare meno dei 20 km/l e con un po' di attenzione e con il piede leggero è poco improbabile che ci si avvicini ai 23 24 km/l ! Noto che i tester di questo giornale sono sempre molto attenti a quei dettagli superflui tipo il numero dei vani portaoggetti e a quanto è più o meno facile mettere nel baule la borsa della spesa... Ma è così che si testano le automobili??
Ritratto di PariTheBest93
25 febbraio 2014 - 15:47
3
Insomma nuovo frontale a parte (che ritengo riuscito), rimane una tranquilla ibrida, non particolarmente spaziosa dietro...
Ritratto di Flavio Pancione
25 febbraio 2014 - 16:20
7
a me piace e pure parecchio. Ma sembra quasi un contrasto eccessivo: linea così sportiva e spigolosa, indole così tranquilla forse troppo.. Aggiunge poco alla Prius , chissà se non fosse possibile coniugare con più efficacia ibrido e sportività. Stesso problema della IS insomma..
Ritratto di fabri99
27 febbraio 2014 - 18:59
4
Solo che a me non piace affatto neanche esteticamente. Quindi, oltre ai problemi della IS, che trovo stupenda, questa nel mio caso non ha neanche la linea dalla sua parte. Sì, se piace il genere e anche l'auto, in fondo non è male, ma costa parecchio e le avversarie la battono in diversi campi. Ha anche lei i suoi punti di forza, però deve piacere...
Ritratto di MatteFonta92
25 febbraio 2014 - 17:01
3
Non è male, il restyling al frontale devo dire che l'ha svecchiata parecchio. Nonostante siano messi tra i pregi, mi aspettavo però di più però consumi: 16,7 km/l per un'ibrida non sono molti. Per me questa è l'ennesima prova che l'ibrido non è la soluzione migliore per risparmiare sul carburante, anche perché fuori città e in autostrada l'efficacia di tale sistema scende praticamente a zero. Le ibride vanno bene come specchietti per le allodole, per far vedere che ci si tiene all'ambiente, ma se si vuole risparmiare bisogna orientarsi su altro.
Pagine