PRIMO CONTATTO

Mazda 3: un cuore piccolo, ma generoso

La nuova media giapponese è piacevole da guidare anche con il quattro cilindri 1.5 a benzina da 101 cavalli. Scarsa la visibilità posteriore nelle manovre in retromarcia.

21 settembre 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 19.800
  • Consumo medio

    19,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    119 grammi/km
  • Euro

    5
Mazda 3
Mazda 3 1.5 Skyactiv Evolve
Sa perfino essere briosa
 
Dopo aver provato la 2.2 D turbodiesel da 150 CV (leggi qui il primo contatto), ecco ora il test della Mazda 3 con il nuovo 1.5 da 101 CV, un quattro cilindri a iniezione diretta di benzina che, nonostante la cubatura contenuta, ci è sembrato adeguato all’auto. Appena avviato, lasciandolo girare al minimo, è silenzioso e non vibra. Poi, quando si preme sul pedale dell'acceleratore, l'auto si muove con una certa vivacità (anche grazie alla leggerezza della carrozzeria: 1190 kg non sono tanti per una media); e infatti, il buon tempo di 10,8 secondi dichiarati dalla Mazda per scattare da 0 a 100 km/h ci è parso verosimile. 
 
In retromarcia si vede poco
 
 
In città la Mazda 3 1.5 non è mai a disagio: le dimensioni esterne non esagerate (rispetto al vecchio modello la lunghezza, 447 cm, è praticamente invariata) le consentono di muoversi con agilità; frizione e sterzo sono leggeri e il motore risponde con sufficiente rapidità. Nei parcheggi, però, bisogna fare attenzione, specie in retromarcia: il lunotto piccolo e inclinato crea qualche problema di visibilità (e i sensori di parcheggio costano 850 euro, nel pacchetto Evolve). 
 
Le curve non la spaventano
 
Nelle gite fuori porta è possibile apprezzare le buone doti di guida della Mazda 3 1.5. Il quattro cilindri aspirato eroga con dolcezza i 101 cavalli e non si fa sentire troppo nell'abitacolo (almeno, finché non si tirano le marce), consentendo di viaggiare in relax. Sulle strade piene di curve la macchina si apprezza per la corretta taratura delle sospensioni, che non la fanno piegare molto di lato e, allo stesso tempo, filtrano con efficacia le buche. Nei sorpassi, invece, il 1.5 soffre un po': per riprendere velocità con la necessaria rapidità bisogna scalare marcia. Lo sterzo ci è parso preciso e abbastanza diretto e la tenuta di strada sicura. Pur non avendo potuto testare le doti velocistiche (la prova si è svolta lungo le statali attorno a Barcellona, in Spagna e, soprattutto, su alcuni tratti autostradali dove il limite è di 120 orari), i 182 km/h dichiarati ci sono parsi alla portata della macchina. Abbastanza distante dai 19,6 km/l ufficiali, invece, il consumo medio: alla fine della prova, infatti, sul computer di bordo abbiamo letto 15 km/l; comunque, un risultato di tutto rispetto per un 1.5 a benzina.
 
Linea sportiva e dinamica
 
Quanto al resto, la Mazda 3 1.5 non differisce dalle altre versioni: le linee nette, taglienti, slanciate che rispondono ai dettami del Kodo design danno dinamicità alla carrozzeria, senza togliere equilibrio alle forme. Gli interni sono riusciti, con i principali strumenti a portata di mano del guidatore, e le linee sportive della plancia, sottile e ben rifinita nella parte alta (mentre nella zona del tunnel centrale e della consolle lascia un po' a desiderare). Le poltrone sono basse e hanno i bordi rialzati che contengono a dovere il corpo in curva; peccato che lo schienale abbia la regolazione a scatti, poco precisa. Curioso il cruscotto di tipo motociclistico, col grosso tachimetro circolare al centro e il contagiri digitale a sinistra. Piccoli i portaoggetti (non refrigerati con l'aria del "clima"). L'abitabilità è elevata nella parte anteriore; dietro, il tunnel alto dà fastidio alle gambe di chi siede al centro, e l'accesso al divano è penalizzato dalla forma del tetto che scende deciso verso la coda e costringe ad abbassare parecchio la testa per entrare in auto.
 
Lo schermo di 7" è di serie
 
Un punto nel quale la Mazda 3 si dimostra davvero al passo con i tempi è la dotazione tecnologica. A cominciare dall'head-up display, solitamente riservato a vetture di categorie superiore, che proietta sul parabrezza le principali informazioni di guida. Sofisticato pure il sistema multimediale, con il sottile schermo a sfioramento di 7" sopra la plancia  che si controlla attraverso l'Hmi Commander (di serie per la Evolve), sul tunnel centrale. È compatibile con gli smartphone per la lettura di sms ed email, è dotato di comandi vocali, bluetooth e navigatore satellitare e offre una serie di servizi mobili, dai feed di facebook e twitter alle news. Strano, però, che per l'allestimento Evolve non sia possibile avere il sistema di monitoraggio dell'angolo cieco dei retrovisori e il pacchetto i-Activesense Technology (1.250 euro), riservato alla versione al top della gamma, la Exceed (prevista per la 2.0 a benzina e la 2.2 a gasolio). Comprende utili dispositivi di ausilio alla guida, importanti per aumentare la sicurezza, come il cruise control adattativo e il sistema di segnalazione del cambio involontario di corsia. 
 
Secondo noi
 
PREGI

> Dotazione. Oltre al “clima” bizona, ai cerchi in lega e al cruise control, di serie per la Evolve c’è anche il sofisticato sistema multimediale con lo schermo di 7” e il navigatore. 
> Guida. Cambio ben manovrabile, sospensioni tarate in maniera adeguata, sterzo preciso e motore “azzeccato” per la vettura: la guida è perfino divertente.
> Tenuta di strada. L'auto è sempre sicura in curva e non si corica troppo di lato.
 
DIFETTI
 
> Accessibilità posteriore. La forma del tetto che scende parecchio verso il posteriore costringe ad abbassare tanto la testa per salire a bordo.
> Dettagli. Le plastiche della consolle non sono all'altezza del resto dell'abitacolo e la regolazione a scatti dello schienale dei sedili anteriori è scomoda.
> Visibilità posteriore. Il lunotto non fa intuire con precisione gli ingombri della carrozzeria e in "retro" si rischia di "toccare" con il paraurti.

 

SCHEDA TECNICA
Motor e cilindrata cm3 Aspirato, 1496
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 74 (100)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 150/4000
Emissione di CO2 grammi/km 119
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 447/180/145
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1190
Capacità bagagliaio litri 364/1263
Pneumatici (di serie) 205/60 R16

 

VIDEO
Mazda 3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
258
154
71
25
41
VOTO MEDIO
4,0
4.0255
549
Aggiungi un commento
Ritratto di lucios
21 settembre 2013 - 17:36
4
...un 1.6 diesel......chi so ccatt chist!
Ritratto di M93
21 settembre 2013 - 18:23
Questa nuova 3 mi piace, è molto dinamica. Peccato solo che, per il momento, non sia dotata di un motore diesel di cubatura inferiore (intorno al 1.6 litri, magari abbinabili al cambio automatico) come accadeva con la precedente generazione.
Ritratto di MaCiao5
22 settembre 2013 - 12:09
3
...monteranno un 1.6d sui 120 cavalli l'anno prossimo, basta avere un po' di pazienza e questa 3 sarà perfetta :)
Ritratto di Davide-91
31 ottobre 2013 - 11:04
3
Ciao mi sono informato in concessinaria dove ho acquistato la mia Mazda 3 nel 2011 e mi hanno detto che per il prossimo anno è in arrivo un 1.5 turbo diesel da 125Cv Skyactive completamente made in Mazda, finalmente basta con i motori prestati, anche se il 1.6 che ho io (PSA) va benissimo forse solo un po rumoroso. Visto che il 2.2 non me lo posso permettere, aspetto con ansia questo nuovo motore per poter cambiare la mia 3 con questa nuova fantastica Mazda 3, sono ancora indeciso sul colore....ma ho tempo :) Ciao.
Ritratto di sokrates
21 settembre 2013 - 18:34
bella mi piace veramente
Ritratto di pujentil
21 settembre 2013 - 21:03
Veramente bella la preferisco ad una blasonata tedesca, dopo la v40 e questa sono le due auto meglio riuscite a mio parere
Ritratto di MatteFonta92
21 settembre 2013 - 22:26
3
Dopo aver visto dal vivo la Golf VII, mi piacerebbe vedere anche questa nuova Mazda 3 per fare un paragone tra le due auto. La tedesca esteticamente è gradevole ed equilibrata, ma alla fine la linea non è nulla di speciale (anche se sta meglio con i colori scuri). Gli interni invece sono curati, come da tradizione VW, ma tutt'altro che originali. La Mazda 3, a veder così, ha linee molto più grintose e scolpite, ma gli interni sono fin troppo seri. Somigliano un po' a quelli delle BMW...
Ritratto di lucios
22 settembre 2013 - 11:08
4
....a qualità, non si discute, ma la linea è sempre la stessa: trasversale, che accontenta un po' tutti. Questa invece sul piano dello stile è un altro livello.
Ritratto di MatteFonta92
22 settembre 2013 - 16:21
3
E infatti nel mio commento non ho mancato di sottolinearlo: la Golf ha una linea gradevole ed equilibrata ma dalla scarsa personalità, la Mazda 3 invece ha forme decisamente più grintose e scolpite, molto più "muscolose", se vogliamo.
Ritratto di lucios
22 settembre 2013 - 16:35
4
.....comprai la Mazda3 prima serie proprio perché, a parità di prezzo, la preferivo rispetto alla Golf .......personalmente ho sempre preferito auto con una certa originalità, in luogo di auto anche qualitativamente migliori ma un po' troppo omologate.........ovviamente, gli amici e i parenti per circa un anno mi hanno visto come un marziano/cretino per l''acquisto fatto.........
Pagine