PRIMO CONTATTO

Mercedes A: ora è proprio cattiva!

La A 45 AMG 4Matic è la versione più potente della media Mercedes: con il suo quattro cilindri 2.0 da 360 CV e la trazione integrale si guida come un'autentica sportiva. Per palati fini… e portafogli gonfi.

21 giugno 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 44.000
  • Consumo medio

    14,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    161 grammi/km
  • Euro

    6
Mercedes A
Mercedes A 45 AMG 4MATIC 7G-DCT
Il tassello che mancava
 
Anche nei suoi allestimenti più “normali”, la Mercedes A45 AMG si presenta bassa, larga e filante. In una parola: grintosa. Per chi ama la guida davvero sportiva, però, all’appello mancava ancora una versione specifica: lacuna colmata oggi con questa A 45 AMG 4Matic, preparata (e “firmata”) dal reparto sportivo che dal 1999 è entrato a far parte della casa tedesca. 
 
Il quattro cilindri dei record
 
Con la Mercedes A45 AMG, gli specialisti della AMG si sono impegnati senza farsi condizionare troppo da quegli aspetti che da sempre contraddistinguono le auto del marchio (il lusso e il comfort), ma puntando soprattutto al carattere da sportiva di razza. Il 2.0 turbo a iniezione diretta di benzina, tutto nuovo, è il più potente quattro cilindri sovralimentato di serie a livello mondiale: nessun altro motore analogo (non realizzato espressamente per le competizioni) è in grado di sfoderare una potenza di 265 kW (360 CV) e una coppia massima di 450 Nm. Anche la potenza specifica è da record: 133 kW (181 CV) per litro rappresentano un valore superiore a quello delle supersportive più potenti.
 
Tecnologia a piene mani
 
Leggendo le caratteristiche tecniche del nuovo quattro cilindri della Mercedes A 45 AMG 4Matic (assemblato artigianalmente, come tutti i motori AMG esibisce una targhetta con la firma del tecnico addetto al suo montaggio) ci si rende conto che rappresenta un concentrato di tecnologia. Dotato di turbocompressore di tipo twin scroll, per migliorare la risposta ai bassissimi regimi, è a iniezione diretta di benzina con iniettori piezoelettrici collocati al centro delle quattro camere di scoppio. Il basamento è interamente in alluminio, l'albero motore e i pistoni in acciaio fucinato. Anche il sistema di raffreddamento è stato sviluppato per migliorare l'efficienza del motore, integrando un radiatore supplementare nel passaruota. L'impianto di scarico (optional la versione Performance, che ha un suono ancora più coinvolgente) dispone di una valvola controllata elettronicamente, la cui apertura è regolata in base alla potenza richiesta e alla velocità di rotazione del motore. Al 2.0 è abbinato il cambio a doppia frizione Speedshift DCT a sette rapporti, con tre programmi di marcia (manuale, sport e controlled efficiency), la doppietta automatica in scalata e la modalità Race Start, cioè la funzione di launch control in fase di accelerazione. 
 
Con la trazione 4x4 è più efficiente
 
Per facilitare il controllo della macchina e renderla più sicura ed efficace, la Mercedes A45 AMG è stata dotata della trazione integrale 4Matic, abbinata a un Esp a tre livelli. Normalmente la coppia viene trasmessa solo alle ruote anteriori ma, a seconda delle condizioni di guida, la potenza può essere inviata alle ruote posteriori, fino a un rapporto di 50/50, attraverso una frizione a lamelle a comando elettroidraulico. I parametri di riferimento per la ripartizione variabile della potenza sono la velocità di marcia, l'accelerazione longitudinale e trasversale, l'angolo di sterzata, la differenza di rotazione tra le singole ruote, la marcia inserita e la posizione dell'acceleratore. Anche il comparto sospensioni (avantreno MacPherson e retrotreno a quattro bracci oscillanti) è stato completamente rivisto e irrigidito; l'impianto frenante (davvero efficace, in ogni condizione) è stato potenziato con dischi autoventilanti e forati, e la taratura dello sterzo è stata resa più sportiva (con una servoassisrenza che cambia al variare della velocità).
 
Aggressiva, ma senza eccessi
 
All'esterno la Mercedes A 45 AMG 4Matic appare cattiva, ma non tanto da risultare eccessivamente vistosa. A distinguerla dalle altre versioni ci sono la mascherina con i due listelli cromati più vicini tra loro, il paraurti con le prese d'aria più grandi, i cerchi a doppie razze AMG, le minigonne laterali in grigio titanio opaco, le (finte) feritoie verticali di sfogo dell'aria nel paraurti posteriore e i due terminali rettangolari e cromati. Anche gli interni non cambiano molto: l'intonazione più sportive è data dai sedili molto avvolgenti, dalla plancia con finiture tipo carbonio e dalle cinture di sicurezza rosse.
 
Maneggiare con cautela
 
Ma è su strada, o meglio in pista, che la Mercedes A 45 AMG 4Matic dà il massimo. Già al momento dell'avviamento si capisce di che pasta è fatta la belva tedesca. Il motore gira rotondo, con un borbottio cupo che fa intuire tutte le potenzialità della macchina. Ad andatura da passeggio, la A 45 AMG si comporta (quasi) come una normale media, con l'agilità tipica di un'auto lunga 429 cm e il comfort di una berlina (le sospensioni sono rigide, ma filtrano bene tombini e imperfezioni del manto stradale). Il motore risponde prontamente, ma sa anche essere omogeneo e pure silenzioso (a 130 orari, in settima, lavora a soli 2100 giri, con un filo di voce). Appena si preme con più decisione sul pedale dell'acceleratore, però, l'auto schizza in avanti come un razzo e il rumore allo scarico si fa davvero cattivo, con scoppi in rilascio che fanno tanto macchina da corsa. In curva la tenuta di strada è elevata quanto la sensazione di sicurezza che riesce a trasmettere, e anche sollecitando la macchina in pista non ci si accorge più di tanto dello smistamento della coppia sulle quattro ruote e dell'intervento dell'Esp. Il cambio automatico Speedshift DCT con levette al volante, messo a punto dalla AMG, scala abbastanza in fretta e la macchina riprende velocità rapidamente. Scegliendo una delle tre modalità di funzionamento, cambia il comportamento della macchina: in M (manuale) e in S (Sport) il motore e il cambio sono sempre più reattivi, mentre in C (Controlled Efficiency) vengono privilegiati il comfort e i consumi, anche sfruttando il sistema Stop&Start, sempre attivo con questo programma (i 14,5 km/l del dato di omologazione ci sono sembrati ottimistici, noi ci siamo fermati a poco meno di 9). Quanto allo scatto dichiarato di 4,6 secondi da 0 a 100 km/h, non abbiamo motivo di metterlo in dubbio; realistica pure la velocità massima di 250 orari autolimitata (il picco può essere spostato a richiesta a 270 orari). La Mercedes A45 AMG è già in vendita, a 44.000 euro: una cifra di tutto rispetto, e che con la lunga lista di optional a disposizione può diventare molto più salata. La versione Edition 1, per esempio, con un vistoso alettone posteriore, le appendici aerodinamiche anteriori (piccole alette ai bordi del paraurti), i cerchi di 19" e i sedili performance in pelle, costa 51.400 euro. A settembre arriverà in concessionaria anche la CLA 45 AMG 4Matic, con lo stesso motore da 360 CV. Il prezzo dovrebbe partire da circa 52.000 euro.
 
Secondo noi
 
PREGI

> Linea. Pur con un chiaro carattere sportivo, la A 45 AMG 4Matic non perde l'eleganza delle auto del marchio.
> Motore. Il quattro cilindri 2.0 da 360 CV non è solo il più potente 4 cilindri di produzione a livello mondiale, ma sa anche essere docile a bassi giri.
> Tenuta di strada. La trazione integrale 4Matic rende più agevole il controllo della vettura e migliora notevolmente la tenuta in curva, già ottima, della versione normale.
 
DIFETTI
 
> Baule. È poco capiente (341 litri) e non offre un’agevole accessibilità a causa della forma irregolare della bocca di carico. 
> Hazard. Il tasto per azionarle le frecce d’emergenza è piccolo e troppo in basso nella consolle.
> Prezzo. Ok, la A 45 AMG è una macchina speciale, adatta a chi ha la guida sportiva nel sangue ed è piena di tecnologia; 44.000 euro, però, restano tanti.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1991
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 265 (360)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 450/2250-5000
Emissione di CO2 grammi/km 161
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 auto. doppia friz. + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 436/178/142
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1550
Capacità bagagliaio litri 341/-
Pneumatici (di serie) 235/40 R18

 

VIDEO
Mercedes A 45 AMG 4MATIC 7G-DCT
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
31
20
3
4
6
VOTO MEDIO
4,0
4.03125
64
Aggiungi un commento
Ritratto di follypharma
21 giugno 2013 - 12:26
2
la classe a mi piace, ci avevo fatto un pensierino serio.. qualche sbavatura negli interni ( diciamo che dove l'occhio e la mano non cadono spesso....si nota subito la differenza di qualita'..) pero' sinceramente non credo anche avendo i soldi opterei per una classe A potendo spendere 45000 euro ... anche minimizzando gli optional al max direi che scendere sotto i 46000 e' ottimistico ... A questa cifra comprerei altro di sicuro ( Cayman p. es., anche se poco piu' che modello base, o una giappo tipo la subaru wti o la lancer evo ..
Ritratto di Erdadda
21 giugno 2013 - 12:37
1
Piccola nota. Esiseva sempre una certa evo fq che di cavalli ne aveva 400 sempre duemila ed era una versione in vendita. Per la Mercedes. Davvero bella e aggressiva. Senza risultare pacchiana o dal design forzato. Ormai siamo su livelli assurdi. Pensare una classe a da 360 cv solo 10 anni fa sembrava impossibile. Ottimo. Però è cara. Molto cara. Sarà di qualità e tutto quanto ma parliamo di 90 milioni delle vecchie lire per una compatta. Però per chi vuole spenderli è un ottima proposta. Un appunto? Il posteriore troppo banale se si pensa alla concept.
Ritratto di napolmen
21 giugno 2013 - 13:34
anche la subaru: la 360spec
Ritratto di Flavio Pancione
21 giugno 2013 - 12:49
7
davvero non male, come estetica in sè però continuo a preferisco di gran lunga CLA ma non capisco la differenza di prezzo che si è moltiplicata rispetto la classe A. Comunque questi 44 mila euro sono allineati alla concorrenza diretta ..
Ritratto di Delicious
21 giugno 2013 - 13:07
3
Molto bella e indubbiamente valida ma la Mitsubishi Lancer Evolution FQ400 mi risulta essere la macchina di serie con il 4 cilindri più potente.
Ritratto di biondo89
21 giugno 2013 - 13:19
un 2.0 con 360 cv??? per non restare a piedi ogni 1000 km dovrà essere di kryptonite comunque se costa tanto la classe a allora la cla è un furto dato che c' è scritto che con lo stesso motore verrà 62mila euro praticamente 18mila in più per avere la coda...
Ritratto di cicciononno
4 febbraio 2015 - 14:13
Guarda che la cla c'è scritto che costerà 52.000€ e non 62.000€
Ritratto di fabri99
21 giugno 2013 - 14:27
4
Mercedes si è data veramente da fare con questa nuova Classe A, hanno fatto un lavoro incredibile, e si vede anche dall'ottimo risultato... Ma a me, proprio non piace... Per prima cosa, esteticamente: sì, è soggettivo(infatti non ho capito perchè alVolante lo indica come pregio), ma secondo me è troppo forzata e ostentata, neanche troppo esagerata, solo forzata... Il frontale è molto molto bello, anche se un po' sproporzionato: è cattivo e accigliato, come di tradizione MB... Il posteriore invece non mi piace per niente... Già non mi piaceva sull'auto normale, così schiacciato e banale, bruttino... Quei due sfoghi lo migliorano, ma rimane brutto e goffo... Poi, internamente: mi piace come la hanno resa racing, anche se avrei gradito un po' di rosso in più... Volkswagen dovrebbe prendere lezioni da MB, visto che gli interni delle loro sportive, sono banali, tristi e anonimi, quasi uguali all'auto normale... L'unica cosa che non gradisco, presente anche sulla normale, è lo schermo in cima alla plancia: è posticcio e non mi piace doverlo azionare con la rotellina, meglio TouchScreen... Per il resto sembra davvero un'ottima auto sportiva, divertente, ma impegnativa: complimenti a Mercedes, nulla da ridire, davvero ottima... Un'altra cosa che non mi piace, ma che non poteva essere altrimenti, è il prezzo: 44.000€ sono davvero troppi, è sì un'ottima auto sportiva e cattivissima, ben fatta e progettata e tecnicamente davvero fantastica, ma è pur sempre una segmento C con una stella sul naso! A me sembra davvero troppo spendere così tanto su un'auto del genere, certo nemmeno a Monaco le regalano... Anzi, costa addirittura 2.000€ in più e ha meno cavalli, ma ha qualcosa che la Mercedes non ha, qualcosa che farebbe ricadere la mia scelta ancora su BMW, la trazione posteriore, sconosciuta a parecchi clienti BMW, ma la preferita dagli amanti delle auto, la più divertente e la più emozionante... Sempre rimanendo in Germania, sinceramente, piuttosto che queste cattivissime segmento C, mi compro una più tranquilla Z4 o SLK, o magari anche Boxster... Oppure chiuderei gli occhi e sognerei una bella Camaro, dato che qui in Italia un'auto del genere comporta spese deprimenti... Ritornando alla Mercedes, bravi... Non la miglior'auto del mondo, ma è comunque una fantastica sportiva... Una vera Mercedes Benz insomma... Saluti!
Ritratto di money82
21 giugno 2013 - 14:43
1
Esteticamente mi piaceva all' inizio, poi l' ho vista e mi piaceva ancora di più...ora inizia già a stancarmi e ne ho viste poche per strada. Trovo un po' incerto quel frontale che sporge. Comunque il pezzo forte di questo articolo è il motore, potenza esagerata sia per la vettura che per la cubatura, attendiamo un test su pista per i commenti e le sensazioni.
Ritratto di padoin
21 giugno 2013 - 14:59
finalmente mercedes si è convinta della necessità di ridurre la cubatura dei motori.. a questo punto xo se si monta un 2 litri x contenere la sete di benzina e gli si abbina la trazione integrale il vantaggio sparisce.. io resto convinto che le vere sporive siano a TP che se realizzate bene come fa la Motorsport nn danno problemi nemmeno sul bagnato (vedi M3 vs rs5) e nn soffrono del sottosterzo delle integrali.. la linea è cmq riuscita e rappresenta una ventata di novità
Pagine