PRIMO CONTATTO

Mercedes GLS: con lei viaggi sul velluto

La nuova Mercedes GLS è una maxi-suv che convince appieno per finiture, tecnologia e comfort. Enorme, accoglie nel lusso sette adulti ma la scelta dei motori è limitata.

Pubblicato 24 giugno 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 125.000
  • Consumo medio

    10,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    223 grammi/km
  • Euro

    6d
Mercedes GLS
Mercedes GLS 580 Premium Plus 4Matic
Oltre 5 metri e 20

La Mercedes GLS è la suv più lussuosa (e più grande) della Mercedes: sostituisce l’omonima vettura nata nel 2012 e porta con sé linee più eleganti e ancora più spazio a bordo (il passo cresce di 6 cm e la lunghezza di 8, arrivando addirittura a quota 521). Meccanicamente è una GLE (escono entrambe dalla stessa fabbrica in Alabama), da cui riprende anche la plancia e la consolle fra i sedili: cambiano alcuni rivestimenti e materiali e montaggi sono inappuntabili, però ci saremmo aspettati maggiore esclusività. In compenso, rispetto alla GLE aumenta l’agio nella seconda e, in particolare, terza fila di sedili. Quest’ultima è di serie, accoglie senza sacrifici due adulti e scompare nel fondo del baule grazie a un comando elettrico. Peccato solo che le guide del divano siano a vista e possano graffiare le scarpe di chi siede dietro.

Suv-limousine

Il cruscotto della Mercedes GLS ha due schermi affiancati di 12,3’’ l’uno, che fungono da cruscotto e da “cuore” del raffinato sistema multimediale Mbux: si comanda a voce, dal display “touch” destro e dalle superfici tattili su volante e tunnel centrale. Costantemente collegato col web e ampiamente configurabile, integra Android Auto e Apple CarPlay e ha una grafica davvero curata. Con € 2.867 si possono aggiungere due monitor di 11,6’’ l’uno sul retro delle poltrone, anch’essi “touch” e collegati all’infotainment. Non manca, poi, la possibilità di ottenere le funzioni di massaggio, riscaldamento e ventilazione per i posti laterali del divano, con anche gli airbag laterali, una piastra di ricarica wireless per i cellulari predisposti e un tablet asportabile che funge da centro di controllo per queste e altre funzioni: tutto nel pacchetto Executive Rear (€ 4.802).

Motori? due

In Italia la Mercedes GLS è già ordinabile nelle versioni 400 d e 450 d, mosse dallo stesso 3.0 a gasolio con sei cilindri in linea e con potenze rispettivamente di 286 e 330 CV. Le impressioni di guida della versione più potente le trovate su alVolante di agosto, in edicola dal 10 luglio prossimo. Ci sono poi due ibride a benzina: la 580 del test, col suo ben più vigoroso 4.0 V8 biturbo, arriverà a breve, mentre non vedremo in Europa la 3.0 turbo a sei cilindri in linea. Per tutte, trazione integrale e cambio automatico a nove marce. Il 4.0 V8 della 580 guidata si abbina a un motore elettrico integrato nel cambio che, per alcuni istanti, fornisce 22 CV e ben 250 Nm di coppia supplementari. A dispetto dei vetri antirumore (pacchetto Comfort Acustico, € 1.464), in accelerazione il gradevole rumore “pulsante” tipico di questa architettura arriva (con la giusta discrezione) nell’abitacolo e la velocità cresce con apprezzabile decisione: visti i pesi in gioco, è questo il motore “giusto” per la GLS. Difficile trovare i difetti al cambio, che ha innesti impercettibili, mentre il comportamento su strada cambia molto in base al tipo di sospensioni scelte.

Qui c’è da spendere

Di serie per la Mercedes GLS ci sono delle molle ad aria la cui taratura è molto morbida: anche la minima curva si trasforma in un eccessivo rollio e, se il fondo non è un biliardo, persino in rettilineo si possono innescare ondeggiamenti longitudinali. La situazione migliora un po’ impostando su Sport gli ammortizzatori, ma quello che consigliamo è di spendere € 7.930 per l’E-Active Body Control. Questo sistema prevede pompe idrauliche ad alta pressione (così potenti da essere alimentate con un circuito elettrico dedicato, a 48 V) che riescono a sollevare o abbassare quasi istantaneamente ogni singolo ammortizzatore. Ciò avviene anche in maniera predittiva, in base a quanto “visto” da una telecamera stereoscopica posta dietro il parabrezza, che “legge” l’andamento dell’asfalto. Così, appena prima che la ruota colpisca un ostacolo o scenda in una buca, l’ammortizzatore corrispondente viene retratto o esteso. Il risultato? Su qualunque fondo pare di viaggiare su un biliardo. Sempre nell’E-Active Body Control, è compresa la funzione “Curve”: l’auto si inclina come una moto all’interno della curva, riducendo le forze laterali che agiscono sui passeggeri. 

Molto ingombrante

Oltre che aumentare il comfort, questo sistema migliora anche la risposta dello sterzo: stiamo sempre parlando di una suv dal baricentro alto e lunga oltre 5 metri e venti, ma la precisione non è un problema. La vera criticità sarà fare i conti con la mole: nelle ampie strade dello Utah, dove si è svolto il test, la Mercedes GLS ci è sembrata quasi un’auto poco ingombrante. Ma scommettiamo che nelle vie (e nei parcheggi) italiani, le telecamere perimetrali (di serie) verranno sfruttate a fondo…

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. Persino i posti della terza fila ospitano bene due adulti. 
> Comfort. Anche per merito dell’E-Active Body Control le sospensioni “lisciano” l’asfalto. Curata l’insonorizzazione, specie con i vetri isolanti.
> Finiture. Convincono senza riserve montaggi e materiali
> Sistema multimediale. Il Mbux è reattivo, ricco di funzioni e con una grafica molto curata.

DIFETTI
> Dimensioni. Non è a misura di città italiana: i 521 cm si “sentono” in manovra e parcheggio
> Gamma motori. L’alternativa a questo “motorone” sono due diesel “normali”: il 3.0 a benzina (ibrido come il V8 del test) non arriverà in Europa. 
> Guide del divano. Prive di protezione, potrebbero danneggiare le scarpe di chi siede in terza fila. 
> Unicità degli interni. La plancia e molte altre componenti sono ripresi dalla ben meno costosa GLE: chi spende oltre 100.000 euro potrebbe volere qualcosa di più “esclusivo”

SCHEDA TECNICA

 

Motore a benzina  
Cilindrata cm3 3982
No cilindri e disposizione 8 a V di 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 360 (489)/5500
Coppia max Nm/giri 700/2000-4000
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 16 (22)/n.d.
   
Potenza max complessiva kW (CV)/giri 16 (22)/n.d.
Coppia max complessiva Nm/giri 250/n.d.
   
Emissione di CO2 grammi/km 223
No rapporti del cambio 9 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 250
Accelerazione 0-100 km/h (s) 5,3
Consumo medio (km/l) 10,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 521/196/182
Passo cm 314
Peso in ordine di marcia kg 2545
Capacità bagagliaio litri 355/n.d.-890/2400
Pneumatici (di serie) 275/45 R21
VIDEO
Mercedes GLS
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
5
9
7
7
16
VOTO MEDIO
2,5
2.545455
44
Aggiungi un commento
Ritratto di luperk
24 giugno 2019 - 12:33
Giusto una gle a passo lungo venduta ad un extra ingiustificato. la gle 580 è molto più sensata.
Ritratto di Diabloo
24 giugno 2019 - 13:59
Bel ferro nel complesso ma linea vecchia
Ritratto di Illuca
24 giugno 2019 - 16:24
Ci vuole la patente C..
Ritratto di Alfista73
24 giugno 2019 - 16:47
7
un furgone... da 150k
Ritratto di ziobell0
24 giugno 2019 - 16:58
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Elix69
24 giugno 2019 - 21:43
Se dovessi scegliere uno di questi "furgoni" sceglierei la Q8 tutta la vita!!! Saluti
Ritratto di Enrico55
24 giugno 2019 - 23:05
Auto nata per gusti Americani, prodotta in America con dimensioni da strade Americane e motori per Americani....bruttissimo ed antisportivo il cassonetto pensiero unico al posto del cruscotto, Mercedes si farà male insistendo su questa strada con tutti i modelli , i gusti di noi Europei sono più raffinati, ha indovinato il tablet sul cruscotto, ma adesso penso che stiano facendo un grosso errore con questa scelta antiestetica ed antisportiva, da furgone appunto, Audi e Bmw fanno salti di gioia...
Ritratto di HomerSimpson
26 giugno 2019 - 07:59
DIFETTI > Dimensioni. Non è a misura di città italiana: i 521 cm si “sentono” in manovra e parcheggio > Gamma motori. L’alternativa a questo “motorone” sono due diesel “normali”: il 3.0 a benzina (ibrido come il V8 del test) non arriverà in Europa. > Guide del divano. Prive di protezione, potrebbero danneggiare le scarpe di chi siede in terza fila. > Unicità degli interni. La plancia e molte altre componenti sono ripresi dalla ben meno costosa GLE: chi spende oltre 100.000 euro potrebbe volere qualcosa di più “esclusivo” Dov'è il difetto di avere il freno di stazionamento a sinistra del volante irraggiungibile dal passeggero????? Alvolante questa dimenticanza non è da te.
Ritratto di AMG
26 giugno 2019 - 13:10
Ahahah vero. Ma chissà magari lo hanno spostato per la gioia della rivista
Ritratto di AMG
26 giugno 2019 - 13:09
Sono d'accordo con le critiche. Si sarebbe apprezzata una maggiore differenza tra questa e la GLE ma dopotutto la GL è sempre stata nient'altro che una versione della GLE, quindi nulla di nuovo. Non l'ho ancora vista dal vivo ma la linea mi pare pesante come design. Elementi che non nascondono la mole dell'auto e appesantiscono il complesso... Ma vediamo. La mia GL preferita rimane la seconda generazione (quella uscente, pre-restyling) con il design spigoloso e carico della Mercedes del 2009. Peccato l'assenza del V8 gasolio. Motore che spicca nella gamma della rivale Audi Q7/Q8 (rivale per modo di dire essendo in realtà più piccola di questa GL) Q7 che tra l'altro verrà rinnovato nel design.. Girano già le immagini sulla rete
Pagine