PRIMO CONTATTO

Mercedes A: tanta grinta e bella guida. Il baule, però…

La nuova Mercedes Classe A è più lunga, bassa e sportiva della precedente: su strada sfodera una buona agilità e il suo 1.8 turbodiesel da 136 CV è piuttosto vivace. Ma il baule è piccolo e di difficile accesso.

13 luglio 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    € 32.872
  • Consumo medio

    22,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    116 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Mercedes A
Mercedes A 200 CDI Premium 7G-DCT
Evoluzione? No, rivoluzione

Non cercate punti di contatto tra la la nuova Mercedes Classe A e la precedente, nata nel 1997: la casa tedesca ha compiuto una vera rivoluzione. Solo il nome è lo stesso: i punti di contatto si fermano qui. La nuova Classe A è più lunga di 41 cm e più bassa di 16 (misura 429 cm per 143) e ha una linea decisamente sportiva, più vicina a quella delle rivali BMW Serie 1 e Audi A3. 
 

Slanciata e muscolosa

La Mercedes Classe A comunica una forte sensazione di sportività. Il muso è grintoso, la mascherina a sviluppo orizzontale ha la stella a tre punte al centro e i fari a led allungati verso i passaruota. La fiancata è molto elaborata, ricca di nervature sulle superfici, e ha una vistosa bandella sottoporta. I finestrini piuttosto piccoli e il tetto basso e piatto accentuano il profilo slanciato. La coda, con il lunotto spiovente e il massiccio paraurti che integra i due terminali di scarico, ha larghi fanali a led che sottolineano la larghezza della vettura.

Finiture all'altezza del marchio

Anche gli interni della nuova Mercedes Classe A appartengono a un altro mondo rispetto a quelli del vecchio modello. La plancia, suddivisa in due parti (una superiore, che pare quasi un'ala, e una inferiore che funge da base), ha un andamento avvolgente. Le finiture sono curate fino nei dettagli. Il volante, la strumentazione, le bocchette di aerazione, la consolle centrale e lo schermo a colori della plancia (talmente sottile da sembrare un tablet appoggiato in verticale) richiamano quelli della Classe B, ma con un tocco di sportività in più. Volendo rendere più personali gli interni, si possono scegliere varie finiture per la fascia centrale in plastica morbida della plancia, tra cui quella che simula la fibra di carbonio.

Baule? Così così

Al posto guida della Mercedes Classe A sembra quasi di essere in un'auto sportiva: la seduta è bassa, il sedile avvolgente ha il poggiatesta integrato nello schienale, il volante è verticale e non eccessivo nelle dimensioni. Lo spazio, per chi sta davanti, è abbondante. Diversa la situazione dietro: l'accesso non è molto agevole a causa del tetto basso, i finestrini piccoli riducono la luminosità all'interno e manca un po' di spazio in più sul divano. In due adulti va ancora bene, ma in tre si soffre (al centro, il tunnel fa stare scomodi). Infine il baule. Il vano (341/1157 litri) ha una forma abbastanza regolare, ma l'apertura si stringe parecchio in basso e compromette la capacità di carico: Audi A3 e BMW Serie 1 fanno un po’ meglio. La situazione era ben diversa nella vecchia Classe A, che poteva contare su un bagagliaio di 435/1995 litri.

Un “pieno” di tecnologia

Lunghissima la lista degli accessori della Mercedes Classe A. Non mancano gli airbag laterali posteriori (441 euro), i fari bixeno attivi che regolano il fascio di luce in base al tipo di strada e alle condizioni del traffico (1.694 euro), il tetto apribile panoramico (1.065 euro), il navigatore con mappe 3D e informazioni in tempo reale sul traffico (da 871 euro). C'è pure, novità importante, la possibilità di integrare il sistema multimediale dell'auto con i dispositivi della Apple, come l'iPhone e l'iPad (702 euro) attraverso la tecnologia Siri, che consente di gestire con la voce non solo il navigatore satellitare, ma anche facebook e twitter. Guidando, insomma, è possibile dettare mail, post e sms, oppure fare ricerche su internet (leggi qui per saperne di più). Notevole pure la dotazione di sicurezza della Classe A. Oltre a sette airbag e all'ausilio alla partenza in salita, di serie ci sono l'Attention Assist che riconosce quando il guidatore è stanco; il Brake e il Collision Prevention Assist che valutano la distanza dal veicolo che precede e riducono il rischio di incidente, avvertendo con un segnale luminoso e sonoro di un possibile tamponamento e rendendo più pronta la frenata. A pagamento si possono aggiungere altri sistemi elettronici, come il Pre-Safe (410 euro): se un impatto è imminente, si chiudono i finestrini, si azionano i pretensionatori delle cinture di sicurezza e i sedili si regolano nella posizione ottimale per l'attivazione degli airbag.

Motore, sterzo e sospensioni su misura

Appena si avvia il 1.8 turbodiesel da 136 CV della Mercedes Classe A 200 CDI (l’abbiamo provata sulle strade tutte curve della Slovenia, tra Lubiana e l’Adriatico) si resta colpiti dalla scarsa rumorosità del motore e dalla quasi assenza di vibrazioni. Premendo sull'acceleratore l'auto risponde con una discreta vivacità (lo "0-100" in 9,3 secondi dichiarato dalla casa è verosimile, come la velocità di 210 km/h). Anche l'assetto non delude: in curva la macchina è piatta e sincera, si corica poco di lato e dà una sensazione di grande sicurezza pure ad alta velocità (l'allestimento Premium ha l'assetto ribassato di 15 mm e le sospensioni attive, regolabili su tre posizioni). Elevata la tenuta di strada e ben tarato il servosterzo elettromeccanico. In città la A 200 CDI si comporta bene, grazie alle sue dimensioni compatte, allo sterzo leggero e al sistema Stop&Start. Nelle manovre di parcheggio, però, la visibilità posteriore non è granché. L'esemplare del test era equipaggiato con il cambio robotizzato a doppia frizione 7G-DCT a sette rapporti (2.202 euro), che assicura passaggi di marcia abbastanza veloci in modalità Sport e cambiate dolci in Economy. I rapporti lunghi, inoltre, consentono di abbassare il regime di rotazione per contenere i consumi (a 130 km/h, in settima, si viaggia a 2200 giri). A fine prova il computer di bordo indicava un consumo medio di 14 km/l: lontano dai 21,7 d'omologazione, ma basso per una sportivetta come la A 200 CDI.

Da 109 a 211 cavalli

La nuova Mercedes Classe A ha motori tutti turbo a quattro cilindri, abbinati al sistema Stop&Start e al cambio manuale a sei marce; il robotizzato a doppia frizione 7G-DCT è di serie soltanto per la A 250. Per i benzina si va dai 122 CV della A 180 ai 211 CV della A 250. I turbodiesel sono tre: il 1.5 da 109 CV e un 1.8 con due livelli di potenza, 109 CV (solo con il cambio robotizzato a doppia frizione) e 136 (quello del nostro test). A dicembre è previsto l'arrivo anche del 2.2 a gasolio da 170 CV. Già ordinabile, la vettura arriverà in concessionaria da settembre.

Secondo noi

PREGI
> Guida. L'auto è agile, rapida nei cambi di traiettoria e ben bilanciata in curva: quasi una sportiva. Lo sterzo preciso e le sospensioni ben tarate rendono piacevole la guida.
> Linea. La nuova Classe A colpisce per le forme, che uniscono sportività ed eleganza in un alternarsi di superfici concave e convesse e tratti decisi che le donano parecchia grinta.

DIFETTI
> Baule. Molto più piccolo di quello della vecchia Classe A e meno capiente anche di quello delle rivali BMW Serie 1 e Audi A3, ha una bocca che si stringe parecchio in basso, rendendo difficile il carico di oggetti ingombranti.
> Visibilità posteriore. Il lunotto piccolo e i larghi montanti posteriori del tetto rendono difficili le manovre in retromarcia. E i sensori di distanza costano 823 euro (altri 351 la telecamera).

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1.796
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 100 (136)/3600
Coppia max Nm/giri 300/1600-3000
Emissione di CO2 grammi/km 116
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizzato a doppia frizione) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 429/178/143
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1400
Capacità bagagliaio litri 341/1157
Pneumatici (di serie) 195/65 R 15
La nuova Mercedes Classe A è disponibile con una gamma articolata di motori tutti turbo a quattro cilindri, abbinati al sistema Stop&Start e al cambio manuale a sei marce; il robotizzato a doppia frizione 7G-DCT è di serie soltanto per la A 250. Per i benzina si va dai 122 CV della A 180 ai 211 CV della A 250. I turbodiesel sono tre: il 1.5 da 109 CV e un 1.8 con due livelli di potenza, 109 CV (solo con il cambio robotizzato a doppia frizione) e 136.
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
180 BlueEFFICIENCY Executive 22.990 benzina 1.595 122/90 202 9,2 17,2 135 n.d.
180 BlueEFFICIENCY Sport 24.570 benzina 1.595 122/90 202 9,2 17,2 135 n.d.
180 BlueEFFICIENCY Executive 7G-DCT 25.192 benzina 1.595 122/90 202 9,1 17,5 133 n.d.
180 BlueEFFICIENCY Sport 7G-DCT 26.772 benzina 1.595 122/90 202 9,1 17,5 133 n.d.
180 BlueEFFICIENCY Premium 26.850 benzina 1.595 122/90 202 9,2 17,2 135 n.d.
180 BlueEFFICIENCY Premium 7G-DCT 29.052 benzina 1.595 122/90 202 9,1 17,5 133 n.d.
200 BlueEFFICIENCY Executive 27.020 benzina 1.595 156/115 224 8,4 17,2 136 n.d.
200 BlueEFFICIENCY Sport 28.400 benzina 1.595 156/115 224 8,4 17,2 136 n.d.
200 BlueEFFICIENCY Executive 7G-DCT 29.222 benzina 1.595 156/115 224 8,3 17,5 133 n.d.
200 BlueEFFICIENCY Sport 7G-DCT 30.602 benzina 1.595 156/115 224 8,3 17,5 133 n.d.
200 BlueEFFICIENCY Premium 30.720 benzina 1.595 156/115 224 8,4 17,2 136 n.d.
200 BlueEFFICIENCY Premium 7G-DCT 32.922 benzina 1.595 156/115 224 8,3 17,5 133 n.d.
250 BlueEFFICIENCY Executive 7G-DCT 32.770 benzina 1.991 211/155 240 6,6 16,1 145 n.d.
250 BlueEFFICIENCY Sport 7G-DCT 33.470 benzina 1.991 211/155 240 6,6 16,1 145 n.d.
250 BlueEFFICIENCY Premium 7G-DCT 36.030 benzina 1.991 211/155 240 6,6 16,1 145 n.d.
180 CDI BlueEFFICIENCY Executive 24.100 gasolio 1.461 109/80 190 11,3 25,0 105 n.d.
180 CDI BlueEFFICIENCY Sport 25.480 gasolio 1.461 109/80 190 11,3 25,0 105 n.d.
180 CDI BlueEFFICIENCY Premium 27.960 gasolio 1.461 109/80 190 11,3 25,0 105 n.d.
180 CDI BlueEFFICIENCY Executive 7G-DCT 26.030 gasolio 1.796 109/80 190 10,6 22,7 116 n.d.
180 CDI BlueEFFICIENCY Sport 7G-DCT 27.410 gasolio 1.796 109/80 190 10,6 22,7 116 n.d.
180 CDI BlueEFFICIENCY Premium 7G-DCT 29.890 gasolio 1.796 109/80 190 10,6 22,7 116 n.d.
200 CDI BlueEFFICIENCY Executive 26.970 gasolio 1.796 136/100 210 9,3 21,7 121 n.d.
200 CDI BlueEFFICIENCY Sport 28.350 gasolio 1.796 136/100 210 9,3 21,7 121 n.d.
200 CDI BlueEFFICIENCY Executive 7G-DCT 29.172 gasolio 1.796 136/100 210 9,2 22,7 116 n.d.
200 CDI BlueEFFICIENCY Sport 7G-DCT 30.552 gasolio 1.796 136/100 210 9,2 22,7 116 n.d.
200 CDI BlueEFFICIENCY Premium 30.670 gasolio 1.796 136/100 210 9,3 21,7 121 n.d.
200 CDI BlueEFFICIENCY Premium 7G-DCT 32.872 gasolio 1.796 136/100 210 9,2 22,7 116 n.d.
Mercedes A
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
217
176
118
60
87
VOTO MEDIO
3,6
3.57143
658
Aggiungi un commento
Ritratto di MatteFonta92
13 luglio 2012 - 13:58
3
Decisamente più bella della precedente, ma troppo cara per un'auto di quel segmento, anche se si tratta di una Mercedes. È uno dei motivi per cui le auto tedesche mi interessano poco; sono tutte fuori budget per le mie finanze...
Ritratto di laion
13 luglio 2012 - 14:49
Veramente bella dalla linea sportiva e dinamica brava mercedes di aver avuto il coraggio di rivoluzionare così un'auto come la classe A venderà quasi sicuramente finalmente le case automobilistiche stanno cambiando il mondo delle auto facendole un pò più futuristiche mossa azzeccata il cambio a doppia frizione cambi quasi impercettibili e voloci non vedo l'ora di vedere e guidare una classe A amg penso sia spettacolare da guidare speriamo con trazione integrale disattivabile e trazione posteriore standard
Ritratto di JDeeeeM
13 luglio 2012 - 14:54
Ci faró un pensierino, sicuramente nella sua versione entry level è la piu accessibile rispetto alle rivali
Ritratto di CICCIOBELON
13 luglio 2012 - 15:07
Pero` oltre 30.000 euro per un utilitaria sono troppi.
Ritratto di osmica
14 luglio 2012 - 11:35
Suppongo che la 300C "lancia" è una media. A quando una berlina da 5,5 metri spacciata per italianissima?
Ritratto di marcoVB
14 luglio 2012 - 17:48
se questa macchina è un'utilitaria, allora la Panda è una bicicletta.
Ritratto di marziorx8
15 luglio 2012 - 13:12
ahaha...e la smart un monopattino. Infatti la mercedes fa 429 di lunghezza e si ostinano a chiamarla utilitaria.. sono saltati gli schemi?
Ritratto di franci95
16 luglio 2012 - 01:51
2
Ahahah ti stimo troppo, te e quello sopra! Comunque non ti stupire se in Mercedes la chiamano utilitaria, negli Stati Uniti per utilitarie si intendono auto come la Rabbit (Golf) e non mi immagino come vengono classificate le varie Toyota Yaris e Ford Fiesta.. :)
Ritratto di nello13
17 luglio 2012 - 13:15
7
così mi pare le chiamino le nostre utilitarie...
Ritratto di King Eko
10 agosto 2012 - 13:39
Ma lo sapete che ci sarà una versione col motore 1.5 dci Renault... hahaha è come aprire il cofano di una Porsche e scoprire un cuoricino tutto Skoda...
Pagine