PRIMO CONTATTO

Mercedes SLK: sa far divertire anche a gasolio

La nuova Mercedes SLK 250 CDI turbodiesel ha un motore brillante e con una gran coppia, che la rende così piacevole da guidare da non far rimpiangere quelli a benzina. Il prezzo, però, non è leggero.

28 ottobre 2011

Listino prezzi Mercedes SLK non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 50.422
  • Consumo medio

    20,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    128 grammi/km
  • Euro

    5
Mercedes SLK
Mercedes SLK 250 CDI Premium 7G Tronic Plus
Fuori non cambia

Ci voleva la terza generazione della spider tedesca per rompere la tradizione che la voleva solo con motori a benzina. Del resto, oggi tutti sono più attenti ai consumi, e poi i motori diesel hanno dimostrato di avere molto da dire anche in fatto di prestazioni sportive (basti pensare alle vittorie dei V12 Audi e Peugeot nella 24 Ore di Le Mans). Nulla di strano, quindi, se la Mercedes ha deciso di mettere un motore a gasolio anche sulla SLK. Presentata all’ultimo Salone dell’auto di Francoforte, la Mercedes SLK 250 CDI esternamente non si differenzia dalle sorelle a benzina (leggi qui il primo contatto della SLK 200 CGI Sport), nemmeno nel doppio scarico cromato; ma sotto il cofano c’è il moderno 2.2 a quattro cilindri da 204 cavalli, abbinato al sistema Start&Stop.

Non si distingue per il “bel canto”

È avviando il motore, però, che si sente la differenza. Appena prende vita, infatti, il quattro cilindri biturbodiesel della Mercedes SLK 250 CDI mostra subito il carattere tipico dei motori a gasolio, con il particolare ticchettio e qualche leggera vibrazione. E in accelerazione, quando si pesta sul pedale del gas, il suono rauco si fa sentire parecchio nell’abitacolo (bisogna dire, però, che la SLK che abbiamo provato era un esemplare di preserie). A bassa andatura e a velocità costante, invece, il 2.2 mantiene un tono di voce molto basso, che non compromette il buon livello di comfort generale dell’auto.

Spinge bene a tutti i regimi

In marcia si apprezza la notevole coppia di 500 Nm disponibile già a 1600 giri, che consente di scattare con decisione al semaforo e di riprendere con grande vigore fin dai bassi giri. Nel breve test lungo la costa laziale ci è sembrato che i 6,7 secondi dichiarati dalla casa nello scatto da 0 a 100 km/h non siano lontani dal vero. Notevole anche il dato ufficiale di velocità massima, pari a 243 chilometri l’ora: vedremo se è corretto in una nostra prova sul circuito d’alta velocità di Balocco. Certo, l’allungo non è quello di un motore sportivo a benzina, che magari si spinge fin oltre i 7000 giri. Il 2.2 CDI, poco dopo i 4000 ha già dato tutto ed è inutile insistere con l’acceleratore. Meglio sfruttare le doti di coppia e godersi la spinta vigorosa a ogni pressione sull’acceleratore già sotto i 1500 giri. Quanto ai consumi, se dovesse essere confermata dal nostro centro prove, la media di 20,4 km/l di omologazione sarebbe eccellente per una spider brillante come la SLK.

La guida è da sportiva

Anche l’assetto, le sospensioni e lo sterzo ci hanno fatto una bella impressione: hanno una taratura sportiva, e rendono la Mercedes SLK 250 CDI estremamente maneggevole e divertente sui percorsi tortuosi, soprattutto con le sospensioni attive (1.198 euro). Pure la tenuta di strada e la potenza dell’impianto frenante ci hanno soddisfatti, mentre il cambio a sette rapporti 7G-tronic in modalità automatica non è molto rapido; la situazione migliora quando lo si usa in manuale: salendo e scendendo di marcia con le levette al volante, è più reattivo e si adatta meglio alla guida sportiva.

Dentro sembra una piccola SLS

L’abitacolo, come sulle altre Mercedes SLK, ha una forte impronta sportiva; con la plancia, la consolle, gli strumenti di colore argento e le grandi bocchette tonde dell’aria che ricordano la supercar SLS AMG. I rivestimenti sono impeccabili, ma i comandi di radio, navigatore e “clima” sono numerosi, e prima di usare al meglio tutte le funzioni bisogna studiarsi per bene il libretto d’uso della macchina. Non convince, poi, il discutibile sfruttamento dello spazio a bordo: viaggiando in due non c’è spazio per appoggiare una giacca; manca un’apertura che colleghi l’abitacolo con il baule, per caricare oggetti lunghi, e il bagagliaio, pur non essendo piccolo per una spider, ha una forma molto irregolare.

Vende cara la pelle

La versione Premium è la più ricca (l’altra, la Sport, fa risparmiare 4.840 euro). Di serie ha i sedili sportivi in pelle, il frangivento trasparente Airguide e i fari bixeno. Lunga la lista degli accessori, che vanno dal navigatore satellitare con schermo di 7” integrato nella plancia (2.214 euro, quello estraibile Becker Map Pilot di 5,8” è di serie), alle bocchette di ventilazione Airscarf che soffiano aria calda sul collo (876 euro, per viaggiare a cielo aperto anche nelle mezze stagioni). Ma a pagamento ci sono pure i sensori di parcheggio (883 euro) e il climatizzatore bizona (828 euro), che su un’auto con il prezzo della SLK dovrebbero essere di serie. E per 2.408 euro si può avere il tetto rigido ripiegabile panoramico in vetro, con l’opzione Magic Sky Control: passa da trasparente a scuro premendo un pulsante (leggi qui). Ma così il conto finale si fa ancora più pesante.

Prima automatica, poi manuale

La Mercedes SLK 250 CDI, già prenotabile, arriverà nei saloni a partire dal 26 novembre, con il cambio automatico 7G-tronic. A febbraio 2012 sarà disponibile anche con il manuale a sei marce, al prezzo di 43.114 euro nell’allestimento Sport, e a 47.954 nella versione Premium. A dicembre arriva anche la SLK 55 AMG, con il V8 5.5 a benzina da 421 CV, al prezzo di 75.372 euro.

Secondo noi

PREGI
> Finiture. Com’è consuetudine su una Mercedes, i materiali sono di pregio e le finiture curate. Piacevoli anche i tanti particolari sportivi che fanno assomigliare l’abitacolo delle SLK a quello della costosissima SLS AMG.
> Guida. La SLK è agilissima tra le curve, briosa e tiene bene la strada. Sul misto è davvero divertente. Lo sterzo (con la cremagliera a rapporto variabile) è progressivo nella risposta e preciso.
> Motore. I cavalli non sono pochi e la notevole coppia del 2.2 turbodiesel dà gusto nelle accelerate da fermo. Pur non essendo un motore sportivo, è ben accordato alla macchina.

DIFETTI
> Praticità. Nell’abitacolo manca un ripiano per mettere una giacca e non c’è una botola di collegamento con il baule. Quest’ultimo, inoltre, ha una forma poco regolare e perde molta capacità (da 335 a 225 litri) quando il tetto è aperto.
> Prezzo. La SLK è una spider prestigiosa, ma non costa poco e aggiungendo qualche optional (alcuni dovrebbero essere di serie), il prezzo lievita parecchio.
> Visibilità. Non è facile intuire gli ingombri del muso e, col tetto chiuso, dietro si vede poco. I sensori di parcheggio ci sono, ma si devono pagare a parte.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2143
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 150 (204)/4200
Coppia max Nm/giri 500/1600
Emissione di CO2 grammi/km 128
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (aut.-seq.) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 413/181/130
Passo cm 243
Peso in ordine di marcia kg 1515
Capacità bagagliaio litri 225/335
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16
La nuova SLK è disponibile con due motori a benzina: sono un 1.8 turbo declinato in due livelli di potenza, 184 e 204 CV e il 3.5 V6 da 306 CV. L'alternativa diesel è rappresentata dal 2.2 CDI a quattro cilindri da 204 CV. Il cambio automatico 7G Tronic è offerto di serie sulle SLK 250, 350 e 250 CDI, e a pagamento sulla SLK 200.
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
200 CGI Sport 39.900 benzina 1.796 184/135 240 7,3 15,6 149 1360
200 CGI Sport 7G Tronic Plus 42.348 benzina 1.796 184/135 237 7,0 16,4 142 1360
200 CGI Premium 47.650 benzina 1.796 184/135 240 7,3 15,6 149 1360
200 CGI Premium 7G Tronic Plus 50.098 benzina 1.796 184/135 237 7,0 16,4 142 1360
200 CGI Edition 1 53.100 benzina 1.796 184/135 240 7,3 15,6 149 1360
200 CGI Edition 1 7G Tronic Plus 55.548 benzina 1.796 184/135 237 7,0 16,4 142 1360
250 CGI Sport 7G Tronic Plus 44.820 benzina 1.796 204/150 243 6,6 16,1 144 1425
250 CGI Premium 7G Tronic Plus 52.570 benzina 1.796 204/150 243 6,6 16,1 144 1425
250 CGI Edition 1 7G Tronic Plus 58.020 benzina 1.796 204/150 243 6,6 16,1 144 1425
350 V6 Sport 7G Tronic Plus 53.000 benzina 3.498 306/225 250 5,6 14,1 167 1465
350 V6 Premium 7G Tronic Plus 60.750 benzina 3.498 306/225 250 5,6 14,1 167 1465
350 V6 Edition 1 7G Tronic Plus 66.200 benzina 3.498 306/225 250 5,6 14,1 167 1465
250 CDI Sport 7G Tronic Plus 50.422 diesel 2.143 204/150 243 6,7 20,4 128 1515
250 CDI Premium 7G Tronic Plus 45.582 diesel 2.143 204/150 243 6,7 20,4 128 1515
Mercedes SLK
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
51
32
24
7
15
VOTO MEDIO
3,8
3.75194
129
Aggiungi un commento
Ritratto di gig
28 ottobre 2011 - 19:21
Complimenti alla Mercedes. Da provare!
Ritratto di jb007
28 ottobre 2011 - 20:25
ha anke dei tester donne?uaoh,nn me lo sarei mai aspettato...
Ritratto di giuseppe26
28 ottobre 2011 - 20:59
... ma che prezzo!
Ritratto di follypharma
28 ottobre 2011 - 21:12
2
...pero' una spider della quale sperare di non sentire il rumore del motore mentre vai .... La comprerei ma benzina ...cosi' accenderla sarebbe un vero piacere.... Col diesel invece accendendola crolla la poesia... e' meglio da spenta .... e ho detto tutto ....
Ritratto di mattias93
28 ottobre 2011 - 23:20
Non so quanto senso può avere un diesel economo in una macchina che costa 50000 euro.
Ritratto di beppe81
31 ottobre 2011 - 12:30
perfetto, concordo in pieno! io sono un fan sfegatato dei motori a gasolio, ma su un golf gtd, una giulietta, un 320... non su una spider da 50mila euro! è quantomeno discutibile, per non sbilanciarsi su un ridicolo! ci può stare che qualcuno che vuole il berlinone da 50 mila euro per rappresentanza possa poi preferire consumi ridotti perchè fa tanta strada, ma questa non è di certo l'auto per fare 30mila km l'anno! e poi parlare di 20,4 km/l MEDI è un insulto al buon senso, su! se la piazzi a 90 all'ora su rettilineo senza incroci e rallentamenti forse, ma a far media tra città in condizioni ordinarie (non alle 2 di notte), extraurbano ed autostrada mi stupirei se stesse intorno ai 15!
Ritratto di loba15
29 ottobre 2011 - 13:16
2
Non so voi, ma di questo modello, dal lancio, ne ho viste gran poche in giro... e non penso che il problema sia il tipo di combustibile del motore!!
Ritratto di el doni
29 ottobre 2011 - 18:18
bello aggressivo il posteriore, non so se è una mia impressione , ma il frontale sembra quello della opel tigra twin top....
Ritratto di gig
30 ottobre 2011 - 08:39
Essendo il frontale dell' auto leggermente ricurvo verso l' esterno, la targa, per esser posizionata al meglio, necessita di un portatarga o dev' essere piegata per non farla sporgere? Grazie.
Ritratto di NURS
31 ottobre 2011 - 13:33
Quindi rimane curva
Pagine