PRIMO CONTATTO

MG Marvel R: offre tanto spazio e scatta come una sportiva

La Marvel R Performance è la suv elettrica più potente della casa cinese MG: ha tre motori, 288 CV e la trazione integrale. È comoda e ha un’accelerazione bruciante; peccato per qualche plastica sottotono.
Pubblicato 12 novembre 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 49.990
  • Autonomia (dichiarata)

    370 km
  • Tempo di ricarica (dichiarato)

    7 ore a 11 kW
  • Capacità batteria

    65 kWh
MG Marvel R
MG Marvel R 70 kWh Performance
A due e a quattro ruote motrici

Lunga 467 cm (due in meno della concorrente più vicina, la Ford Mustang Mach-E, e nove in più di una Volkswagen ID.4 GTX), la MG Marvel R è una suv-coupé elettrica a trazione integrale dalle linee sportive e con le fiancate alte e lisce: anche le maniglie non sporgono, visto che fuoriescono quando si sbloccano le serrature. È disponibile in tre allestimenti: i due abbinati alla trazione posteriore si chiamano Comfort e Luxury, e costano rispettivamente 40.990 e 45.990 euro; il più ricco Performance (del nostro test), rigorosamente 4x4, ha un listino di 49.990 euro. La Marvel R a trazione posteriore è spinta da due motori elettrici, entrambi sull’asse posteriore e ha 180 CV complessivi, mentre la Performance aggiunge un motore elettrico da 109 CV sulla asse anteriore, per 288 CV combinati. Per tutte batterie agli ioni di litio da 65 kWh effettivi (69,9 kWh il dato nominale) che per la casa assicurano un’autonomia fino a 402 km per le meno potenti e fino a 370 km per la Performance.

Può ricaricare monopattini e bici elettriche

Tutte le versioni della MG Marvel R possono essere ricaricate anche da una colonnina pubblica in corrente alternata (AC) grazie alla presenza del caricatore di bordo da 11 kW: ci vogliono 7 ore per una rigenerazione completa. In alternativa, è possibile sfruttare la ricarica rapida in corrente continua (DC), che consente di ripristinare le “pile” fino all’80% in 43 minuti. È poi presente il sistema V2L (vehicle-to-load), che permette alla batteria di fornire energia per ricaricare un sistema elettrico esterno, come un monopattino elettrico, un computer portatile o una bici a pedalata assistita.

Scenografico il gigantesco display centrale di 19,4”

Gli interni della MG Marvel R sono accoglienti e luminosi, e subito colpiscono per l’ampio spazio a disposizione di tutti i passeggeri, sia davanti sia dietro (dove il pavimento piatto consente di far viaggiare comodo anche chi siede al centro). Di grande impatto il cruscotto digitale configurabile a colori di 12,3” e quello verticale di 19,4”, da cui è possibile controllare il sistema MG iSMART, sempre connesso alla rete e in grado di garantire la connessione da remoto tramite l’applicazione per smartphone. Il sistema, il cui software è aggiornabile attraverso internet, offre il Bluetooth, un hotspot Wi-Fi per collegare i dispositivi mobili a internet, l’integrazione con lo smartphone attraverso Apple CarPlay o Android Auto, e consente di controllare il traffico in tempo reale, di trovare un parcheggio, di conoscere le previsioni del tempo o ascoltare la musica con Amazon Prime.

È possibile navigare nel menu sia con i numerosi comandi “touch” sia mediante i comandi vocali. Non esistono, però, tasti fisici, che renderebbero più immediato l’uso, diminuendo ogni possibile fonte di distrazione dalla guida, dovendo distogliere gli occhi dalla strada per sfogliare le schermate del grande display centrale. Non è molto ampio, invece, il baule della MG Marvel R, che nella versione Performance perde i 150 litri del vano anteriore, per la presenza del motore elettrico aggiuntivo sotto il cofano. I materiali e le finiture sono da auto di classe superiore, anche in considerazione del prezzo competitivo di questa vettura; solo in alcuni punti, alla base delle porte e nel mobiletto centrale, le plastiche rigide hanno un aspetto meno curato.

C’è tutto quello che serve, e anche di più

La MG Marvel R Performance non delude neppure sul piano della dotazione. Di serie ci sono i fari full led, i cerchi in lega di 19”, l’hi-fi Bose con 9 altoparlanti, quattro porte Usb, i sedili in pelle regolabili elettricamente e riscaldabili, il portellone elettrico con l’apertura “senza mani”, la telecamera perimetrale, il tetto panoramico e il caricatore wireless per gli smartphone. La dotazione di sicurezza, compresa nel pacchetto MG Pilot di serie, non è da meno, con 7 airbag (incluso quello centrale tra i due posti anteriori) e 14 adas, tra cui la frenata automatica d’emergenza, il monitoraggio dell’angolo cieco, l’allarme anti-colpo di sonno, gli abbaglianti automatici e il cruise control adattativo con la guida autonoma di livello 2.  

Garanzia lunga

Su strada la MG Marvel R Performance convince per la prontezza di risposta dei suoi tre motori elettrici, che assicurano uno scatto degno di una berlina sportiva, tanto che i 4,9 secondi dichiarati per passare da 0 a 100 km/h appaiono verosimili. Anche la ripresa è istantanea e consente di effettuare sorpassi in tutta sicurezza, pure in situazioni di emergenza. La MG Marvel R, però, grazie alle poltrone ben imbottite e alle sospensioni non troppo rigide, convince soprattutto per il comfort, che ad andatura costante in autostrada dovrebbe consentire di effettuare lunghi trasferimenti senza affaticarsi troppo.

Certo, l’autonomia ufficiale di 370 km non è delle migliori, ma utilizzando le colonnine ultrarapide (l’auto accetta fino a 92 kW in corrente continua) le batterie della MG Marvel R si possono ricaricare dal 5 all’80% in 43 minuti, permettendo di riprendere il viaggio in tempi abbastanza rapidi. Nella nostra breve prova di 30 km su strade a doppia corsia, tenendo un buon ritmo con frequenti affondi sul pedale dell’acceleratore, siamo passati dai 286 km iniziali, con una carica delle “pile” pari all’89% ai 243 km residui con il 77% di carica indicati dal computer dell’auto alla fine del test. La vettura, che viene proposta con una garanzia di 7 anni o 150.000 km, sarà presto nelle concessionarie, subito disponibile per il ritiro.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. Gli interni sono ampi sia davanti sia dietro, e il pavimento è piatto: si viaggia bene anche in cinque.
> Comfort. L’insonorizzazione è efficace, le poltrone e il divano sono comodi e le sospensioni ben tarate.
> Prestazioni. I tre motori spingono forte, con uno spunto davvero bruciante.

DIFETTI
> Baule. La soglia è alta 80 cm da terra e non è molto capiente (la versione a trazione posteriore offre altri 150 litri in un vano sotto il cofano).
> Comandi. Quelli principali sono tutti a sfioramento, nel grande display centrale: sono poco intuitive: si sente la mancanza di rotelle e pomelli.
> Dettagli. Alcune plastiche hanno un aspetto povero e stonano con il buon livello di finiture generale.

SCHEDA TECNICA

Motori 3 elettrici trifase
Potenza massima kW (CV)/giri 212 (288)/n.d.
Coppia max Nm/giri 665/n.d.
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Batteria ioni di litio
Tenzione V -
Capacità kWh 65
Potenza max di ricarica dalle colonnine  
in corrente alternata -
in corrente continua -
Tempo di ricarica 7 ore (a 11 kW)
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima km/h 200 (autolimitata)
Accelerazione 0-100 km/h 4,9 s
Autonomia km 370
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 467/192/161
Passo cm 280
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 1920
Capacità bagagliaio litri 357/1396
Pneumatici (di serie) 235/45 R 19
MG Marvel R
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
12
13
11
13
50
VOTO MEDIO
2,2
2.232325
99


Aggiungi un commento
Ritratto di Trattoretto
12 novembre 2021 - 15:48
Meglio poco ma ben ottimizzato che tanto che fa poca resa.
Ritratto di Turbostar48
12 novembre 2021 - 16:17
Quelli di MG China, ha quanto pare non sanno cosa significhi Estetica e Qualità. Come volevasi dimostrare nuovamente pessima qualità costruttiva dei materiali, esteticamente brutta, le fiancate si vedono che sono state disegnate dal Designer Pedrali, l'affidabilità qui dicono che ottima mai io sinceramente dubbito. Per non parlare della capienza del bagagliaio 357litri, più piccolo di quello della nuova Skoda Fabia, veramente ridicolo per un'auto del genere con un passo del genere. Insomma la solita MG China Lowcost non Premium come sostiene Giulio Pedrali, se costasse poco avrebbe un perchè, ma ha questo prezzo mi sa che se le possono tenere nei piazzali a prendere la polvere e gli esgrementi di volatili sulla carrozzeria.
Ritratto di giulio 2021
12 novembre 2021 - 17:11
Turbostar48 : Lei vive nel 1948 davvero, Facciamo che siamo nel 1974 e la gente come lei che vive nel secolo precedente esprima le prime impressioni sulla Golf. La Golf di Giugiaro del designer Giugiaro Pedrali è veramente brutta tutta quadrata, sembra una scatola, volete mettere il design filante della nostra Lancia Beta o la splendida 128, il baule è piccolo volete mettere per lo stesso prezzo il baule della Fiat 131 a 3 volumi, ecco e tutto il finale lo si può copiare pari pari da quello che scrive lei...
Ritratto di nafto
12 novembre 2021 - 17:19
Golf squadrata e 128 filante / non squadrata?
Ritratto di nafto
12 novembre 2021 - 17:20
Per una volta che potevi davvero usare l'Alfasud come riferimento giusto
Ritratto di giulio 2021
12 novembre 2021 - 17:25
All'epoca la gente così preferiva davvero la 128, la 131 e perfino la Beta giuro alla Golf e all'Alfasud, viste col fumo negli occhi come oggi le elettriche o le cinesi, uno non capiva perchè doveva pagare tanto qualità nel tempo, o divertimento, oggi .... Va bè guardatevi su YouTube il grande esperto Sandy Munro cosa dice di ciò che arriverà dalla Cina...
Ritratto di nafto
12 novembre 2021 - 19:39
No, grazie, passo. Coi tuoi consigli di andarci a vedere i video di tizio e caio sul tubo, a quest'ora dovevamo essere pieni di Nio, X-Peng a Aiways da almeno un paio di anni, mentre invece ad oggi per strada nemmeno una Polar o una MG abbiamo mai visto
Ritratto di giulio 2021
12 novembre 2021 - 21:25
Sandy Munro è il più grande esperto di costi e marketing di auto al mondo, un autorità rispettata da tutti, ha lavorato con tutte le più grandi Case USA, e ora parla soprattutto di cinesi, di decadenza totale dell'industria europea, però si meglio neanche vedere...
Ritratto di nafto
12 novembre 2021 - 21:51
E va bene allora, vogliamo dargli una chance. Step 1 Cita, visto che sembri conoscerne bene la storia, una delle grandi predizioni esclusive sue, roba che nessuno aveva colto magari, fatta nel passato e in cui ci ha preso in pieno
Ritratto di nafto
12 novembre 2021 - 21:54
A seguire, eventuale Step 2, poi eventualmente andremmo a verificare cosa dall'America avrebbe mai detto delle auto Cinesi relativamente al loro futuro in Europa. Io intanto cerco qualche blogger italiano che esprima una sua idea di come le auto vietnamite andranno nel mercato congolese
Pagine