PRIMO CONTATTO

Opel Meriva: spinge forte, e in silenzio

L'aggiornamento di metà carriera della Opel Meriva ha portato pochi cambiamenti alla carrozzeria e un nuovo 1.6 CDTI da 136 CV, vivace e poco rumoroso. Invariati gli scomodi comandi nella consolle.

31 gennaio 2014

Listino prezzi Opel Meriva non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 24.070
  • Consumo medio

    22,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    116 grammi/km
  • Euro

    6
Opel Meriva
Opel Meriva 1.6 CDTI 136 CV Cosmo Start & Stop
Progettato in italia
 
Con i suoi 430 cm di lunghezza, a questa Opel Meriva compatta lo spazio non manca. A quattro anni dal lancio, arriva la versione aggiornata: gli interventi alla carrozzeria sono limitati (nuovi luci e paraurti, oltre a qualche finitura color metallo che dà un tocco d’eleganza all’insieme), e ancor meno evidenti sono quelli all'interno. La vera novità, però, è sotto il cofano: un 1.6 a gasolio progettato da zero in Italia (a Torino, nella  sede della GM Powertrain dove vengono sviluppati tutti i motori a gasolio del gruppo americano) e che, a dispetto della cilindrata identica, non ha neppure un bullone in comune col 1.6 dell'ex-alleata Fiat usato anche sulla Opel Combo Tour.
 
Vivace e silenzioso
 
Il nuovo motore della Opel Meriva è Euro 6 e non è avaro di cavalli, che sono 136 e vivaci: verosimili i valori ufficiali, che parlano di 197 km/h di velocità massima e di 9,9 secondi per passare da 0 a 100 km/h. Anche la silenziosità è tra i suoi punti di forza: anche a freddo, il suo “timbro” di voce rimane fuori dall'abitacolo (un bel passo avanti rispetto al 1.7 CDTI che sostituisce). Per ora, però, col nuovo turbodiesel il cambio automatico non è disponibile: chi lo volesse, dovrebbe “ripiegare” proprio sul vecchio 1.7, decisamente più “fracassone”. Il cambio manuale a sei marce, ampiamente rivisitato, ha comunque innesti precisi e rapporti correttamente spaziati (nella marcia più lunga, a 130 km/h indicati si viaggia a soli 2250 giri). A breve, arriverà anche una versione da 110 cavalli (già ordinabile: fa risparmiare 650 euro e promette ben 26,3 km/l, contro i 22,7 della vettura provata) e, più avanti, anche una da “soli” 95 CV.
 
Non regala nulla
 
Le sospensioni “solide” e lo sterzo preciso della Opel Meriva infondono sicurezza nelle curve. In manovra, invece, il lunotto piccolo (appare più grande solo perché la zona della carrozzeria in cui è inserito è verniciata in nero lucido) obbliga a far ricorso ai sensori di distanza. Questi ultimi, benché la Cosmo sia la versione più ricca (e costosa), sono optional (305 euro), così come altri equipaggiamenti che  sono di serie in alcune rivali: come l’interfaccia Usb (80 euro) e la presa da 12 volt nel bagagliaio (altri 25 euro). Nuova anche la retrocamera (455 euro). Per i primi mesi, però, la radio con schermo a colori (più definito e rapido nei passaggi fra i menù) e il navigatore vengono offerti col 50% di sconto: così costano, rispettivamente, 200 e 400 euro. Inoltre, sulle 1.6 CDTI c'è un migliaio di euro di riduzione e le versioni a Gpl (1.4 turbo da 120 CV) sono offerte allo stesso prezzo delle benzina.
 
Ben fatta, ma quei comandi...
 
A non meritare critiche, invece, sono le soluzioni “furbe” dell'abitacolo: il piano di carico è posizionabile su due livelli e le poltrone laterali della seconda fila possono scorrere non solo avanti e indietro, ma anche verso il centro della vettura (grazie al posto centrale che si abbassa). In questo modo, si guadagnano centimetri preziosi all'altezza delle spalle. Le porte, poi, si aprono “ad armadio”, e un pratico maniglione sul montante aiuta a uscire dalla vettura. Bene anche le finiture, curate, e la posizione di guida alta, che infonde sicurezza. Chi trascorre molte ore al volante della Opel Meriva, apprezzerà anche i comodi sedili ergonomici: costano il giusto (415 euro) e si regolano anche nella lunghezza della seduta. L'aggiornamento non ha, purtroppo, interessato la consolle, che rimane zeppa di tasti e rotelle, tutti simili e troppo vicini fra loro. La nuova interfaccia con schermo sensibile al tatto introdotta sull'Insignia avrebbe fatto comodo...
 
Secondo noi
 
PREGI
> Abitacolo. La sua qualità migliore è la versatilità, dovuta anche ai posti posteriori che scorrono nei due sensi per dare più spazio alle spalle quando si viaggia in quattro.
> Carrozzeria. Per essere una monovolume, la Meriva è piuttosto slanciata e non manca di classe (merito anche dei “tocchi” metallici introdotti col restyling). D'effetto (e pratiche) le porte che si aprono “ad armadio”
> Motore. Il nuovo 1.6 CDTI è grintoso e promette bassi consumi. Ma, cosa più importante, è silenzioso: una qualità che il “vecchio” 1.7 CDTI non ha mai posseduto.
 
DIFETTI
> Cambio automatico. Per ora non è previsto con questo motore, ma solo col “fracassone” 1.7 CDTI.
> Dotazione. D’importante non manca nulla, però spiace dover pagare perfino sulla versione più ricca cose che altri offrono di serie (come i sensori di distanza e le prese Usb e 12V).
> Comandi. L'aggiornamento non ha ridotto l'affollamento di tasti nella consolle centrale: sono troppi, troppo simili e troppo vicini.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 100 (136)/3500-4000 giri
Coppia max Nm/giri 320/2000
Emissione di CO2 grammi/km 116
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 430/181/162
Passo cm 264
Peso in ordine di marcia kg 1443
Capacità bagagliaio litri 400/1500
Pneumatici (di serie) 205/55 R16

 

VIDEO
Opel Meriva 1.6 CDTI 136 CV Cosmo Start & Stop
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
4
2
0
0
4
VOTO MEDIO
3,2
3.2
10
Aggiungi un commento
Ritratto di PariTheBest93
31 gennaio 2014 - 15:16
3
Okay che Opel vuol divenire man mano marchio premium, l'importante è che non "se la tirino" inizindo a far pagare cose che dovrebbero essere di serie come fanno Audi, Bmw e MB... Quanto al motore è netta la differenza con il vecchio 1.7 isuzu, ma dite alla GM power train di Torino di progettare un bel diesel anche per le Cadillac in europa, visto che i diesel sembrano saperli fare bene!
Ritratto di Sim
1 febbraio 2014 - 00:16
Perchè è sempre un difetto la consolle centrale affollata??non c è cosa più bella,i tasti da usare sono i soliti,prima o poi ci si abitua. Voi preferite i nuovi interni della 308 o dell audi a1??privi di tutto, senza niente,io no.
Ritratto di onizuka92
1 febbraio 2014 - 13:08
secondo me per i vecchi o chi usa l'auto solo come un oggetto per guidare... potrebbe essere fastidioso... soprattutto se già hanno difficoltà a leggere i segnali stradali o a prestare attenzione alla strada... ma personalmente preferisco una giusta via di mezzo ne troppi ne troppo pochi xD
Ritratto di onavli§46
1 febbraio 2014 - 21:32
meglio dire gli anziani. tutti lo diventeremo o prima o poi.
Ritratto di MarBru
31 marzo 2014 - 19:48
Bene, te prova a fare 10.000 km/mese, essere sempre al vivavoce con segretarie, soci, capi, clienti, alberghi e ristoranti e poi doverti distrarre ogni volta che cerchi una funzione di un touch pad ... Te prova, vedrai come bestemmi in turco! No, no, 100 volte meglio i tasti, dove, appunto, ogni tasto ha una funzione: è molto, molto, molto più intuitivo e non corri pericoli di fare incidenti!
Ritratto di Dick76
26 aprile 2014 - 19:02
1
Mmm...chissà, probabilmente hai ragione tu, MarBru.
Ritratto di onizuka92
1 febbraio 2014 - 13:08
secondo me per i vecchi o chi usa l'auto solo come un oggetto per guidare... potrebbe essere fastidioso... soprattutto se già hanno difficoltà a leggere i segnali stradali o a prestare attenzione alla strada... ma personalmente preferisco una giusta via di mezzo ne troppi ne troppo pochi xD
Ritratto di cris25
2 febbraio 2014 - 11:47
1
la plancia con parecchi tasti mi è sempre piaciuta, certo poi magari possono confondere alla guida, ma è tutta una questione d'abitudine che alcune persone fanno subito, e altre che invece si confondono esageratamente! Sono gusti... fatto sta che la Meriva mi piace, l'unica cosa che avrei cambiato con il restyling sono le porte posteriori con l'apertura ad armadio, avrei preferito quelle tradizionali!
Ritratto di preoccupato
3 febbraio 2014 - 15:29
Mi pare un pò salato,visto che c'è da aggiungere i sensori di parcheggio,la visibilità posteriore è scarsa.
Ritratto di nero zabriski
3 febbraio 2014 - 17:00
Io toglierei il "mi pare". E' fottutamente cara. Non so' chi fa le ricerche di mercato e stabilisce i prezzi in casa Opel ma, la Meriva è un piccola monovolume e non puo' costare tra 1000 e i 5000 euro in più rispetto le dirette concorrenti. Poi quelle portiere posteriori concepite da un killer dei parcheggi. Vai al supermercato o al cinema non le apri, parcheggi a spina, non le apri. La Fiesta Bmax vuole 21000 euro per il diesel con parità di accessori ed ha la comodità delle porte posteriori scorrevoli che, a differenze di quelle Opel, sono una manosanta per chi, purtroppo come me, ha dei disabili in famiglia. La nuova Nissan Note (uscita a Settembre 2013 ed ignorata dal il Volante in un modo vergognoso a discapito dei tremila proclami alla 500L) costa nel suo allestimento massimo full optional 19200 euro e sono pure in promo dunque il prezzo cala di parecchio. Pure la 500L (vade retro satana) viene a costare 2000 euro in meno se scelta col 1,3 multijet ed è tutto dire quando una Fiat ti viene a costare meno di un altra vettura! Ma se vogliamo proprio dirla tutta la Chevy Orlando (turbodiesel da 163 cv) 7 posti full optional costa nel suo allestimento top 1000 euro in meno della Meriva. Ora comprendo perchè i tassisti a Roma guidano Chevy Orlando e non Opel Meriva... Un motivo ci sarà! E questo che in GM non capiscono: non è ammazzando il marchio Chevy che guadagni clienti. Se mi fai pagare la presa usb, oltre i 24000 euro, io nemmeno ti prendo in considerazione, e se mi togli una scelta concreta come Chevy, io nemmeno ti considero alla lontana e, guarda un po' ti preferisco la DACIA! Poi visto che per una Corsa 1,7 diesel in allestimewnto Cosmos chiedi (Autoimport Roma) euro 19,200 vado da Italwagen e mi compro la Nuova Golf Tech and Sound diesel e mi tengo 300 euro in tasca alla faccia vostra!
Pagine