PRIMO CONTATTO

Opel Zafira Tourer: soprattutto confortevole

Con il nuovo 1.6 turbodiesel, l'Opel Zafira Tourer è poco rumorosa e la guida è fluida. In ripresa, tuttavia, il peso dell'auto si fa sentire (e le marce lunghe non aiutano). Davvero spazioso l'abitacolo.

16 ottobre 2013

Listino prezzi Opel Zafira Tourer non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 30.640
  • Consumo medio

    24,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    109 grammi/km
  • Euro

    6
Opel Zafira Tourer
Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI ecoFlex 136 CV Cosmo
Migliora il comfort
 
Già in passato abbiamo avuto modo di apprezzare le doti di comfort della Opel Zafira Tourer, legate soprattutto al notevole spazio che la vettura offre ai passeggeri (salvo nei posti in terza fila, che nell'auto di questo test non erano presenti): con questo nuovo motore 1.6 CDTI (già omologato Euro 6), che riduce la rumorosità nell'abitacolo, le cose vanno ancora meglio. La spinta è omogenea dai 1500 giri fino a poco oltre i 3000, e in autostrada quasi non si avverte il lavoro del propulsore. Merito anche dei lunghi rapporti del cambio manuale che, a 130 km/h in sesta, tengono il regime di rotazione del"millesei" a circa 2700 giri. 
 
In ripresa fa quel che può
 
Oltre che il rumore, del nuovo motore della Opel Zafira Tourer beneficiano anche i consumi, per i quali la casa dichiara 24,4 km/litro. Nel nostro giro su strade urbane, collinari e autostrade nei dintorni di Torino non siamo andati oltre i 14 km/litro, ma guidando in maniera "spigliata" (abbiamo così apprezzato anche la buona precisione dello sterzo e la fluidità degli innesti del cambio). Le prestazioni non sono affatto male in rapporto alla cilindrata: la casa parla di una punta massima di 193 km/h e di uno "0-100" in 11,2 secondi (per il 2.0 CDTI da 131 CV, destinato a uscire di scena, il tempo è di due decimi più alto) che, nella nostra prova, ci è parso credibile. Tuttavia, i lunghi rapporti (sommati al notevole peso della vettura, 1626 kg a vuoto) penalizzano la ripresa.
 
Però non costa poco
 
La nuova Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI è già ordinabile negli allestimenti Elective e Cosmo. Già il primo è ben dotato, ma non è “regalato” (28.990 euro) in rapporto a gran parte delle concorrenti: di serie, oltre all'Esp e ai sei airbag, ci sono i vetri dietro scuri, le barre sul tetto, la radio con lettore di cd mp3 e i cerchi di 17 pollici in lamiera. Le ruote diventano in lega per la Cosmo (1.650 euro in più) che può avere anche quelle di 18", come nell'auto che abbiamo guidato (costano 405 euro, in abbinata all'assetto sportivo). Di serie per quest'ultimo allestimento anche il "clima" bizona, i retrovisori ripiegabili elettricamente e il vivavoce Bluetooth, oltre alle luci posteriori a led, ai fendinebbia e all'attivazione automatica di fari e tergicristallo. 
 
Un cuore tutto italiano
 
Il nuovo 1.6 CDTI è il primo di 13 motori che la Opel intende introdurre da qui al 2016. A gennaio debutterà anche sulla Opel Meriva e in futuro il numero di applicazioni aumenterà rapidamente, anche fuori dai confini europei. Come tutti i propulsori a gasolio del gruppo General Motors, è stato progettato nel centro sviluppo di GM Powertrain di Torino: quest'ultimo, nato pochi mesi dopo il "divorzio" della General Motors dalla Fiat, ha sede nel cuore del Politecnico, da cui attinge numerosi ingegneri (il numero di dipendenti è passato dagli 80 del 2005 a oltre 560). Le elevate competenze del personale e i sofisticati sistemi di progettazione, simulazione e test hanno fatto del centro di Torino uno dei fiori all'occhiello del gruppo GM: 15 le sale prova motori (più altre quattro in costruzione), un banco a rulli climatizzato per i test di omologazione a vettura completa, decine di postazioni per lo sviluppo delle centraline elettroniche. Anche queste (sia per la parte hardware, sia per il software) vengono progettate qui, a pochi passi dal Lingotto... 
 
Secondo noi
 
Pregi
> Cambio. È una piacevole novità, grazie agli innesti fluidi delle marce.
> Motore. Per essere un 1.6 è vivace. Ma le doti che si apprezzano di più sono la regolarità di funzionamento e il bassissimo livello di vibrazioni.
> Spazio. L'abitabilità è notevole (l'auto del test era a cinque posti) e il baule davvero grande.
 
Difetti
> Mole. Questa monovolume è più grande e pesante delle sue concorrenti. Lo si nota soprattutto tra le curve. 
> Prezzo. Vero che l'auto è ben rifinita, e ha un motore già a norma Euro 6. Però costa…
> Ripresa. Le lunghe marce alte (specie la sesta) non aiutano a riguadagnare velocità in fretta.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1956
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 100 (136)/4000 giri
Coppia max Nm/giri 320/2000
Emissione di CO2 grammi/km 109
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 466/192/168
Passo cm 276
Peso in ordine di marcia kg 1701
Capacità bagagliaio litri 152/1860
Pneumatici (di serie) -

 

Opel Zafira Tourer
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
57
50
43
22
26
VOTO MEDIO
3,5
3.454545
198
Aggiungi un commento
Ritratto di PariTheBest93
16 ottobre 2013 - 20:04
3
Addio 1.7 isuzu, benvenuto nuovo 1.6, sono curioso di vedere come va nell'astra o insigna; comunque molto bella la zafira nel frontale come quello dell'ampera, le luci posteriori sembrano piccole è l'unica cosa che non mi convince appieo nel riuscito design
Ritratto di TommyTheWho
16 ottobre 2013 - 20:18
7
Sicuramente è il "motore giusto" per un'auto che non aspira ai circuiti di F1 ma bensì alle pacate gite familiari.... Detto questo mi pare che i consumi non siano poi così "interessanti" e il prezzo è decisamente altino a mio avviso. Comunque una delle migliori monovolume sul mercato secondo me.
Ritratto di cris25
16 ottobre 2013 - 22:05
1
almeno esteticamente...la preferisco di gran lunga alla gran C4 picasso, alla 5008 o alle varie sharan, alhambra e quant'altro! E poi sono curioso di sapere le dotidi questo nuovo mote 1.6 che prende il posto del "vissuto" 1.7 ISUZU... aspetto di vederlo sull'astra e sull'insigna per vedere come si comporta !!!
Ritratto di MatteFonta92
16 ottobre 2013 - 23:29
3
Concordo con cris25, esteticamente questa Zafira è la più bella e riuscita nel suo segmento. Peccato per il prezzo alto e soprattutto per il peso dell'auto, che mortifica ulteriormente la ripresa unito alle marce lunghe (cosa comune a tutte le tedesche, per la verità). Quello del peso eccessivo è un difetto comune a quasi tutte le Opel, compresa la nuova "piccola" Adam... mi domando perché.
Ritratto di Bounty Killer
17 ottobre 2013 - 13:36
Tra le più gradevoli e promettenti monovolume del suo segmento. Piacevole, curata e molto ben dotata per lunghi viaggi in pieno relax e sicurezza. Interessante il nuovo propulsore da 1,6 litri a gasolio.
Ritratto di Gordo88
17 ottobre 2013 - 14:57
Unico difetto di sta monovolume è il peso elevato e per quanto buono sia il 1.6 diesel non potrà mai essere brillante con 17 quintali da spostare. Per il resto ottima monovolume
Ritratto di M93
17 ottobre 2013 - 17:02
Come monovolume ha una linea gradevole, anche se l'interno non mi convince più di tanto, anche per via dei troppi tasti sulla consolle (difetto comune ad altre Opel). Finalmente l'arcaico propulsore 1.7 Isuzu è sostituito da questo nuovo 1.6, che viene ribadito essere sviluppato nel centro di progettazione ex Fiat/GM ai tempi della loro alleanza.
Ritratto di TurboCobra11
17 ottobre 2013 - 18:01
<<Come tutti i propulsori a gasolio del gruppo General Motors, è stato progettato nel centro sviluppo di GM Powertrain di Torino: quest'ultimo, nato pochi mesi dopo il "divorzio" della General Motors dalla Fiat, ha sede nel cuore del Politecnico, da cui attinge numerosi ingegneri (il numero di dipendenti è passato dagli 80 del 2005 a oltre 560). Le elevate competenze del personale e i sofisticati sistemi di progettazione, simulazione e test hanno fatto del centro di Torino uno dei fiori all'occhiello del gruppo GM: 15 le sale prova motori (più altre quattro in costruzione), un banco a rulli climatizzato per i test di omologazione a vettura completa, decine di postazioni per lo sviluppo delle centraline elettroniche. Anche queste (sia per la parte hardware, sia per il software) vengono progettate qui, a pochi passi dal Lingotto... >> Non ha nulla a che vedere con Fiat esclusa la città in comune, Torino. E' nato li semplicemente perché dal politecnico di torino uscivano ottimi ingegneri e Gm ai tempi dell'alleanza ha avuto modo di capirlo e così dopo ha deciso di aprire il centro li, perché c'era la "manodopera" ben specializzata, gli ingegneri del politecnico, e loro avevano bisogno di ingegneri esperti nei diesel, perché non ne sapevano nulla, a parte di qualche inefficiente V8 da 6-7 litri per pick-up. dove adesso le centraline dei Duramax, per esempio sono sviluppate a Torino. Infatti ogni motore a gasolio della Gm ha la centralina sviluppata a torino, mentre lo sviluppo completo dei motori è solo per le piccole medie cilindrate, per esempio i Duramax che sono progettati(centraline e elettronica a parte) negli Usa. ...Saluti
Ritratto di Boys
17 ottobre 2013 - 20:25
1
Bella macchina, prezzo altissimo..anche se per miei gusti personali il posteriore è criticabile, comunque finalmente un motore odierno.il 1.7 diesel oltre che rumoroso era poco performante,,,ovviamente era datato mi domando come mai la Opel abbia messo cosi tanto a sostituirlo con un motore odierno.
Ritratto di Boys
17 ottobre 2013 - 20:35
1
Bella macchina, anche se il posteriore è criticabile..prezzo altissimo..finalmente un motore attuale. Mi domando il perché la Opel non abbia aggiornato prima un motore diesel 1.7 vecchio, rumoroso e poco performante..avevo provato la opel astra s.t. 1.7 da 131 cv : bella macchina anche se un po lunga per la categoria, rifinita bene, il motore inferiore in tutto e per tutto al ford 1.8 tdci da 115 cv. il che...
Pagine