PRIMO CONTATTO

Peugeot 2008: Promossa in curva, rimandata in sprint

Dimensioni compatte, sterzo pronto e assetto ben tarato permettono alla nuova Peugeot 2008 di muoversi con disinvoltura sia in città sia sui percorsi tortuosi. Con il 1.6 aspirato a benzina, però, non è proprio scattante.

8 maggio 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.000
  • Consumo medio

    16,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    135 grammi/km
  • Euro

    5
Peugeot 2008
Peugeot 2008 1.6 VTi Allure
Non nasconde le sue origini

Peugeot 2008

La nuova Peugeot 2008 nasce sulla piattaforma della berlina 208 (rispetto alla quale è più lunga di 20 cm), con cui condivide ben il 66% di componenti: per lo più non a vista, ma anche “alla luce del giorno” (e tutt’altro che secondari) come le porte anteriori, il parabrezza e i gusci dei retrovisori esterni. La crossover francese riprende anche alcuni tratti stilistici della 208, a partire dalla mascherina fino ai fari a punta con luci diurne a led. Comunque, la Peugeot 2008 ha una personalità ben definita, con elementi originali quali il tetto che sale verso la coda all’altezza delle porte posteriori, i mancorrenti sul tetto (di serie fin dalla “base”) e i fanali dalla forma filante. Oltre agli inserti in metallo nei paraurti, che le conferiscono un’aria da fuoristrada. 

Curata, ma con qualche svista
Peugeot 2008
 
L’abitacolo della Peugeot 2008 spicca per la cura degli assemblaggi e la buona qualità delle plastiche che compongono la plancia. La luce non manca, soprattutto se si sceglie il tetto in vetro (500 euro per la Allure): quest’ultimo si oscura con una tendina ad azionamento elettrico, che scorre lungo guide longitudinali arricchite da accattivanti luci blu a led. Peccato, però, che per attivarla vada tenuto il dito sul pulsante fino a operazione conclusa: altri modelli della casa francese hanno un pulsante “one touch” (che non costerebbe uno sproposito…) per aprire e chiudere completamente il tetto semplicemente azionando a fondo una sola volta il pulsante. Assenze gravi sono anche quelle di maniglie al soffitto (mentre non mancano dietro due ganci cui appendere una giacca): la casa le giustifica affermando che sarebbero troppo vicine alla testa degli occupanti. A proposito, la distanza tra la seduta del divano e il soffitto è 86 cm, meno di quanti ce ne saremmo aspettati. Colpa però del tetto in vetro, optional (da 500 euro) presente sull'auto del test. Nelle vetture che ne sono prive si guadagnano oltre 5 centimetri.
 
Lo spazio c’è, anche se si poteva far meglio
Peugeot 2008
 
Non male, almeno per un’auto così compatta, l’agio per le gambe di chi sta dietro: da 11 a 42 cm a seconda della posizione delle poltrone anteriori. Peccato che la panca posteriore della Peugeot 2008 non scorra (come accade invece nella rivale diretta, la Renault Captur): permetterebbe di modulare meglio lo spazio tra abitacolo e bagagliaio, la cui capacità dichiarata è di 360 litri con il divano in posizione d’uso. Quest’ultimo si reclina agevolmente e forma una superficie di carico piatta (in questo caso lo spazio dichiarato sale a 1194 litri). Apprezzabili le finiture e la bassa soglia di carico, oltre a dettagli come le guide in plastica per favorire lo scorrimento dei bagagli e i ganci per fissarli. Non si spiega però perché la cappelliera non si sollevi insieme al portellone: solo la parte terminale si tira su, ma a mano.
 
Già ordinabile 
Peugeot 2008
 
Della Peugeot 2008 è già noto il listino e le concessionarie hanno raccolto i primi ordini. A “scatola chiusa” però, visto che le prime vetture arriveranno nei saloni sono nel corso di questo mese, mentre i week-end “porte aperte” sono previsti nei fine settimana dell’8-9 e 15-16 giugno. La gamma prevede tre allestimenti (Access, Active e Allure) e cinque motori, di cui due a benzina (il 1.2 tricilindrico da 82 cavalli e il 1.6 a quattro cilindri da 120 CV). I turbodiesel partono dal 1.4 da 68 cavalli per arrivare al 1.6 da 114, disponibile anche nella versione da 92 CV (di cui vi presentiamo il test sulla rivista).  I due propulsori a gasolio di cilindrata maggiore hanno di serie lo Stop&Start, che a settembre sarà disponibile anche per il 1.2 VTi a benzina. 
 
La compro o la noleggio?
Peugeot 2008
 
Analogamente alla 208, anche la Peugeot 2008 offre la possibilità del noleggio a lungo termine per i privati (Peugeot&Go) con canone variabile in funzione della durata del contratto e della percorrenza annua. Per esempio, scegliendo una Peugeot 2008 1.2 VTi Access, il cui prezzo d’acquisto è 15.100 euro, e tenendola per quattro anni (con una percorrenza prevista di 10.000 km/anno) si pagano 279 euro al mese oltre a una primo canone di 3.575 euro. Il noleggio include manutenzione ordinaria e straordinaria, bollo e assicurazione con “mini-Kasko”. Proprio il fatto che l’Rca sia compresa rende particolarmente vantaggiosa la formula Peugeot&Go per i giovani o per tutti coloro che, acquistando l’auto in modo tradizionale, pagherebbero un premio assicurativo molto elevato a causa della classe di merito alta, della tipologia di guidatore o della provincia di residenza considerata “a rischio” dalle compagnie.
 
Su strada manca di brio
Peugeot 2008
 
Nel nostro test in Alsazia abbiamo avuto modo di provare la nuova Peugeot 2008 con diversi i motori. Il più brillante, almeno sulla carta, è il 1.6 a benzina per il quale la casa dichiara uno scatto “0-100” di 9,5 secondi e una punta massima di 196 km/h. In realtà, la spinta del quattro cilindri si fa sentire solo dopo i 4000 giri, quindi nell’utilizzo di tutti i giorni non è la vivacità la sua dote migliore. E neppure la silenziosità nei viaggi. Per quest’ultima, però, basterebbe un cambio con una marcia in più: infatti, in quinta, a 130 km/h il millesei lavora ben oltre i 3500 giri e fa sentire parecchio la sua “voce”. Una trasmissione a sei marce favorirebbe anche lo sprint e aiuterebbe a ridurre i consumi: a fine test, il computer di bordo segnava circa 11 km/litro, a dispetto di un dato d’omologazione di 16,9 km/litro.
 
Si riscatta tra le curve
Peugeot 2008
 
Nei percorsi tortuosi la Peugeot 2008 se l’è cavata alla grande, grazie allo sterzo pronto e alle sospensioni rigide, ma non scomode. L’agilità è notevole (come del resto in città, grazie anche alle dimensioni compatte). E tra le curve pure la visibilità è discreta, mentre quella posteriore in manovra è limitata (i sensori di retromarcia sono di serie per la Allure, che per 325 euro può avere anche quelli anteriori con il sistema di parcheggio semiautomatico). A proposito di visuale, come sulla 208 il cruscotto è sopra il piccolo volante, ma ne viene in parte coperto. Qui il problema però è meno evidente essendo la posizione di guida più rialzata.
 
Non è una 4x4, però…
Peugeot 2008
 
La Peugeot 2008 non è prevista in versione a trazione integrale, tuttavia l’altezza da terra di 16,5 cm offre una buona mobilità sugli sterrati. Utile il dispositivo Grip Control, disponibile (350 euro) per la Allure e abbinato ai pneumatici “all season” (danno una buona aderenza anche sul fango, oltre che sulla neve): tramite una manopola tra i sedili permette di cambiare la taratura del controllo di trazione per riuscire a cavarsela sui fondi scivolosi anche senza le quattro ruote motrici. Il sistema agisce sui freni e sull’erogazione del motore e prevede cinque posizioni: normale (per l’asfalto), Neve, Sabbia, Fango e “Esp off”: oltre che intuitivo, si è dimostrato efficace nel nostro test.
 
Secondo noi
Peugeot 2008
 
PREGI
> Agilità. Tra le curve, come in città, questa crossover compatta si muove con disinvoltura.
> Finiture. Buona la qualità dei materiali e la cura degli assemblaggi, considerato che l’auto nasce sulla base di un’utilitaria.
> Piano di carico. Basta un gesto per reclinare le due parti del divano e ottenere una superficie piatta. Vicina a terra la soglia inferiore del portellone.
 
DIFETTI
> Cambio. Ci vorrebbe una marcia in più per favorire lo sprint, ridurre i consumi e soprattutto far girare più piano il motore ad andature autostradali. 
> Cruscotto. Il quadro strumenti viene in parte coperto dalla corona del volante: un po’ meno che nella 208, però…
> Dettagli. La cappelliera che non si solleva e l’assenza di maniglie al soffitto sono una sorpresa, vista la buona cura generale dell’abitacolo.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 88 (120)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 160/4250
Emissione di CO2 grammi/km 135
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 416/174/156
Passo cm 254
Peso in ordine di marcia kg 1080
Capacità bagagliaio litri 350/-
Pneumatici (di serie) 195/60 R16

 

VIDEO
Peugeot 2008 1.6 VTi Allure
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
11
16
12
8
4
VOTO MEDIO
3,4
3.43137
51
Aggiungi un commento
Ritratto di italico
8 maggio 2013 - 13:44
3
non ci riesco ....i suv non riescono ad essermi simpatici ....
Ritratto di Marco20
8 maggio 2013 - 14:17
Se manca di sprint il 1.6 da 120cv chissà cosà farà con il 1.4hdi da 68... forse inclusa nella formula Peugeot&go oltre la rca ci sono anche degli addetti che ti spingono da dietro...
Ritratto di biondo89
27 maggio 2013 - 20:21
ah ecco perche il bagagliaio è cosi ampio quando non la usi ci dormono loro
Ritratto di pippoc73
8 maggio 2013 - 14:28
3
La cosa che mi lascia perplesso è la mancanza della seduta posteriore scorrevole! Un accorgimento così importante l'avrebbe resa più appetibile anche per le famiglie. Per me sarebbe stata la macchina ideale per il mio lavoro, ma il bagagliaio è troppo piccolo! Resta il fatto che sembra un ottima vettura, saluti.
Ritratto di ford 00
8 maggio 2013 - 14:31
Non mi fa impazzire,poi se manca di sprint il 1.6 il 1.4 deve essere proprio lento
Ritratto di miscone
8 maggio 2013 - 15:54
1
bruttina, con delle trovate fatte estetiche assurde che magari volevano stupire ma che a parer mio hanno l'effetto contrario. Fari inguardabili. Per nn parlare di "quell'onda" cromata di fianco, all'altezza del tetto .... mah. Care francesi siete alla frutta.
Ritratto di MatteFonta92
8 maggio 2013 - 17:22
3
Nonostante le ultime Peugeot siano esteticamente (e qualitativamente) davvero belle e gradevoli, questa 2008 non riesco a mandarla giù... il design del frontale è bruttino, e anche dietro non è granché, e la forma allungata dell'auto non la rende molto aggraziata e uniforme come linea. Dentro le cose migliorano un po', escluso il problema del volante che copre la strumentazione (cosa che accade anche con la 208).
Ritratto di juvefc87
8 maggio 2013 - 17:37
stupenda e pesa solo 1080kg!!
Ritratto di demarchig
8 maggio 2013 - 17:44
non oso immaginare la lentezza
Ritratto di P206xs
8 maggio 2013 - 18:23
Mi sembra una C..zzata che il 1.6 120cv su un auto da 1080 kg manchi di sprint !! .....secondo me colui che ha fatto la prova un motore aspirato non sa utilizzarlo/ sfruttarlo, ed è normale che sia più pigro ai bassi rispetto ai turbo!! ma definirlo lento o privo di sprint ........aspetterò i dati 0-100 e le prove di altre riviste....
Pagine