PRIMO CONTATTO

Renault Captur: briosa e più rifinita

La nuova generazione della Renault Captur è più grande e spaziosa, e col 1.3 da 154 CV ha un bello sprint. Migliorate anche le finiture. Ma soglia di carico alta e niente “clima” bizona.

Pubblicato 31 ottobre 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 29.900
  • Consumo medio

    17,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    129 grammi/km
  • Euro

    6d-TEMP
Renault Captur
Renault Captur 1.3 TCe 155 CV Initiale Paris EDC
È 11 cm più lunga

Dopo l’aggiornamento del 2017, la Renault Captur arriva oggi a introdurre la seconda generazione. Completamente nuova (è realizzata sulla base della piattaforma CMF-B, che condivide con la Clio lanciata pochi mesi fa), la crossover francese è lunga 423 cm, 11 più del vecchio modello, e ha un passo aumentato di tre centimetri (da 261 a 264). Pur senza stravolgerne il carattere, i designer hanno dato alla nuova generazione una maggiore grinta, con la grande presa d’aria nel paraurti, le vistose luci diurne a “C” e le lunghe nervature sul cofano. Nella vista laterale, l’auto mostra un profilo a cuneo più accentuato che in passato, con le fiancate scavate nella parte bassa che risalgono verso la coda, e il tetto che scende progressivamente, andando ad appoggiarsi sul terzo montante. È originale anche la parte posteriore, con i fanali che riprendono il motivo “a C” di quelle frontali, la coda alta e il lunotto piccolo e inclinato. 

La qualità è migliorata

All’interno della Renault Captur le differenze con la vecchia generazione sono ancor più marcate. Quello che colpisce di più è l’eleganza del design (in gran parte ripreso dalla Clio), con la plancia a due colori che sottolinea lo sviluppo in larghezza dell’abitacolo e l’alta consolle con la corta leva del cambio, che appare quasi sospesa. Apprezzabili anche la cura delle finiture, la qualità dei materiali e l’aspetto tecnologico dato dagli ampi schermi: la plastica della plancia e dei rivestimenti della parte alta delle porte è morbida e l’assemblaggio preciso. Ma, su tutto, risaltano i grandi schermi del cruscotto digitale di 10,2”, a colori e configurabile (può visualizzare anche le mappe del Gps), e quello verticale di 9,3” del sistema multimediale al centro della plancia (con Android Auto, Apple CarPlay e la connessione a internet). Sotto il display ci sono i tasti, ben realizzati, per attivare rapidamente le telecamere a 360°, per accedere ai menu di personalizzazione delle modalità di guida e delle luci d’ambiente, che possono cambiare tonalità di colore. Visto il prezzo e la ricchezza di dotazione della Initiale Paris (versione di lusso, che ha di serie persino i sedili in pelle, con quelli anteriori riscaldabili e regolabili elettricamente, l’hi-fi della Bose e il sistema di parcheggio semiautomatico) è un peccato che non ci sia, neppure tra gli optional, il “clima” automatico a due zone presente in rivali meno costose.

Ora c’è più spazio

Anche la praticità non è stata trascurata. Oltre alle due prese Usb e alle bocchette dell’aria anche per chi sta dietro, gli interni della Renault Captur sono disseminati di portaoggetti, compreso il vano sotto la leva del cambio automatico (assente nella versione manuale). E lo spazio a bordo è aumentato. La posizione di guida, rialzata, è comoda; le poltrone sono ampie e ben sagomate e il divano offre parecchio per le gambe di chi siede dietro. Grande il bagagliaio, che con il divano scorrevole (si sposta in avanti fino a 16 cm) guadagna 81 litri di capacità rispetto a prima, da 455 a 536 litri: ha una bocca di carico dalla forma regolare e il fondo che si può fissare su due livelli, ma con la soglia un po’ alta, a 78 cm da terra.

L’utilizzo della nuova piattaforma modulare CMF-B ha anche consentito di migliorare l’isolamento acustico degli interni della Renault Captur. Per ridurre i disturbi sonori è stata rinforzata la struttura della scocca, sono stati utilizzati nuovi materiali isolanti per l’abitacolo e per il vano motore, è stata aggiunta una carenatura completa del basamento per una migliore insonorizzazione del pianale, sono state applicate nuove guarnizioni attorno al parabrezza con un apposito film acustico, e altre a doppia tenuta per le porte.

Un discreto caratterino e qualche ruvidezza

Ma veniamo alla prova dinamica. Il 1.3 turbo a iniezione diretta di benzina da 154 CV della Renault Captur spinge bene fin dai bassi regimi ma convince soprattutto per la fluidità d’erogazione e la contenuta rumorosità. Ottimo l’abbinamento al nuovo cambio a doppia frizione a 7 marce EDC con le levette al volante (sul vecchio modello aveva 6 rapporti), dolce e piuttosto rapido. Valide le sospensioni, che sulle asperità, però, sono un po’ secche nella risposta (anche a causa dei cerchi di 18”). Per variare la reattività della macchina, ci sono tre diversi programmi di guida (Eco, Sport e MySense, che è configurabile), che agiscono su motore, cambio e sterzo, per dare più sprint o viaggiare contenendo i consumi. In effetti, impostando la modalità Sport il motore appare un po’ più brioso e il cambio guadagna rapidità d’intervento. Lo sterzo diventa più consistente. La tenuta di strada è sicura e la stabilità elevata, ma su fondi a scarsa aderenza manca un aiuto elettronico come il sistema Extended Grip, presente sul vecchio modello, che attraverso il controllo di trazione gestiva la distribuzione della coppia sulle due ruote motrici anteriori in modo da ottenere un po’ più di aderenza su fango e neve. In attesa di una prova con i nostri strumenti elettronici, che pubblicheremo quanto prima su alVolante, i consumi ci sono parsi solo discreti: alla fine del test (che si è svolto lungo un percorso su strade extraurbane, ma con un lungo tratto in coda nel traffico), nello schermo del computer di bordo abbiamo letto una media di poco superiore a 11 km/l.

Prezzi da 17.700 euro

Un altro passo avanti nella seconda generazione della Renault Captur è stato compiuto nella dotazione di sicurezza, che ora comprende parecchi sistemi di ausilio alla guida prima assenti, come la frenata automatica d’emergenza col riconoscimento di pedoni e ciclisti, il cruise control adattativo (attivo da 0 a 170 km/h) con la funzione che permette all’auto di seguire il traffico, frenando e accelerando da sola (la guida autonoma di livello 2), l’avviso dell’angolo cieco e la telecamera che riconosce i segnali stradali. I prezzi? Partono da 17.700 euro per la 1.0 Life turbo a benzina da 101 CV (anche in versione a Gpl, da 18.500 euro), che però fa pagare a parte il "clima" (850 euro), e vanno fino a 30.600 della 1.5 a gasolio da 116 CV Initiale Paris. Nel corso del 2020 si aggiungerà alla gamma la versione ibrida ricaricabile E-Tech Plug-in, col 1.6 a benzina da 160 CV complessivi, e una batteria da 9,8 kWh, capace secondo la casa di garantire un’autonomia a zero emissioni di circa 45 km fuori città e 65 sulle strade urbane (in base al ciclo WLTP). La nuova Renault Captur sarà nelle concessionarie a gennaio, ma è già ordinabile.

Secondo noi

PREGI
> Interni. L’abitacolo è spazioso, ha il divano scorrevole di 16 cm ed è rifinito con cura. 
> Motore. Ben abbinato al nuovo cambio a doppia frizione, è brioso e progressivo. 
> Sistemi di sicurezza. Un bel progresso rispetto al vecchio modello: ora c’è pure il cruise control adattativo con funzione Stop&Go.

DIFETTI
> “Clima” automatico. Non è disponibile quello bizona: strano; avrebbe potuto essere compreso almeno fra gli optional. 
> Soglia di carico. È alta da terra: 78 cm non sono pochi (prima erano 70).
> Sospensioni. Sono consistenti e sulle buche hanno una risposta un po’ secca.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1333
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 113 (154)/5500 giri
Coppia max Nm/giri 270/1800
Emissione di CO2 grammi/km 129
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 202
Accelerazione 0-100 km/h (s) 8,6
Consumo medio (km/l) 17,5
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 423/180/158
Passo cm 264
Peso in ordine di marcia kg 1266
Capacità bagagliaio litri 420-536/1275
Pneumatici (di serie) 215/55 R18
VIDEO
Renault Captur
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
35
34
25
17
7
VOTO MEDIO
3,6
3.618645
118
Aggiungi un commento
Ritratto di anarchico2
31 ottobre 2019 - 12:46
Si criticano i prezzi delle tedesche, ma questa non mi pare regalata.
Ritratto di mstm
31 ottobre 2019 - 16:05
Hai ragione, mi sembra un po' alto anche il prezzo di partenza di 17.700€
Ritratto di michc3
31 ottobre 2019 - 18:07
Elencami quali son i modelli che partono da un prezzo minore a 17.700 euro
Ritratto di andrea999
2 novembre 2019 - 12:31
La Duster e anche diesel e 4x4 e col clima automatico e barre sul tetto...
Ritratto di michc3
2 novembre 2019 - 12:38
Si è vero,pero quello sopracitato è un modello low cost,vai a vederti le altre concorrenti,da che prezzo partono.
Ritratto di Paolo-Brugherio
4 novembre 2019 - 11:48
6
Continuano a chiamarle «low cost», ma la dicitura esatta sarebbe «al giusto prezzo»! E con la Duster 4x4 si può fare un vero fuoristrada.
Ritratto di impala
1 novembre 2019 - 19:20
briosa questa renault ??? .... si finche il motore 1.3 tce non si rompe, comè i Dci o il 1.2 TCE, o che i guai cominciano con il cambio EDC, come l'hanno denunciato in Francia, il giornale "que choisir" o "auto plus"
Ritratto di abruzzesino
2 novembre 2019 - 07:18
Per quanto riguarda il prezzo vi dico che la mia fiat cinquecento aveva un prezzo di listino di euro 17.500 che non e poco per la macchina che e ..
Ritratto di Leonal1980
31 ottobre 2019 - 19:14
4
bhe loro fanno così, 30 mila con sconto 18 mila, così sembrano di qualità, per un po' di plasticaccia con della eco pelle intorno.
Ritratto di cremo7
4 novembre 2019 - 16:06
Si hai ragione sui listini.....ma la realtà è un'altra. I concessionari teteschi sono poco propensi a concedere sconti, al contrario di quelli della Renault che hanno parecchie promozioni...ad esempio io e amici abbiamo acquistato Captur o Kadjar con una scontistica del 10/13 % piu' supe valutazione usato. Quindi il prezzo reale di tutti modelli lo fanno all'interno delle concessionarie e quando vedono il reale e concreto interessamento dell'auto cui si stà trattando. Infatti quando ti rechi in concessionaria (quasi tutte le marche) ti dicono: "questo è il prezzo di partenza del listino però....ecc....ecc..). Cordialmente Cremo14
Pagine