Renault

Renault
Captur

da 17.950

Lungh./Largh./Alt.

423/180/158 cm

Numero posti

5

Bagagliaio

420-536/1275 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati

In sintesi

La seconda generazione della crossover francese è realizzata sulla base della piattaforma CMF-B (la stessa della nuova Clio, utilizzata anche per la "cugina" Nissan Juke), è lunga 11 cm più del vecchio modello (ora arriva a 423 cm) e ha un passo accresciuto di 3 cm (da 261 a 264). Le forme della Renault Captur mantengono l'equilibrio che contraddistingueva la prima edizione, ma acquistano maggiore grinta, grazie alla grande presa d’aria nel paraurti, alle inedite luci diurne a “C” e alle evidenti nervature sul cofano. Le fiancate scavate nella parte bassa, con la linea alla base dei finestrini che risale verso la coda, e il tetto che scende verso la parte posteriore fino ad appoggiarsi sul terzo montante, danno slancio. E a rendere personale la coda ci sono i fanali che riprendono il motivo “a C” di quelle frontali, accentuandolo, e il lunotto piccolo e molto inclinato. Di grande impatto gli interni, che appaiono più moderni e meglio rifiniti, con la plancia su due livelli e la consolle rivolta verso il guidatore, che, nella versione con la corta leva del cambio automatico, appare quasi sospesa sopra un pratico vano portaoggetti. Migliorati i materiali (con plastiche morbide per la plancia) e le finiture. Convincono anche la strumentazione digitale configurabile di 10,2" e il display verticale di 9,3" del sistema multimediale delle versioni più ricche. L'abitacolo è spazioso, le poltrone sono ampie e ben sagomate e il divano offre parecchio per le gambe di chi siede dietro. Comoda anche la posizione di guida. Notevole il baule, che grazie al divano scorrevole (una rarità nella categoria) di 16 cm consente di gestire al meglio lo spazio. Alta, però, la soglia di carico a 78 cm da terra. Bene la dotazione di sicurezza, che ora comprende parecchi sistemi di ausilio alla guida prima non disponibili, come la frenata automatica d’emergenza col riconoscimento di pedoni e ciclisti, il cruise control adattativo con la funzione Stop&Go che permette all’auto di seguire il traffico, frenando e accelerando da sola (la guida autonoma di livello 2), l’avviso dell’angolo cieco e la telecamera che riconosce i segnali stradali. I motori sono il 1.0 a benzina da 101 CV (anche a Gpl), il 1.3 da 131 e 154 e il 1.5 a gasolio da 95 e 116 CV. Interessante (anche se non a buon mercato) la versione ibrida ricaricabile E-Tech Plug-in da 160 CV combinati, col 1.6 a benzina e una batteria da 9,8 kWh: per il costruttore, vanta un’autonomia a zero emissioni di circa 45 km fuori città e di 65 in ambito urbano (in base al ciclo WLTP). La tenuta di strada è sicura, la stabilità elevata e lo sterzo rapido (ma brusco nel ritornare nella posizione centrale). Peccato che manchi un aiuto elettronico per migliorare la trazione sui fondi a bassa adetenza, come il sistema Extended Grip presente sul vecchio modello,

Versione consigliata

La 1.3 da 131 CV, solo col cambio automatico a doppia frizione a sette marce, ha la giusta potenza per il tipo di macchina. Inoltre, il quattro cilindri è fluido, fa poco rumore ed è ben abbinato al dolce cambio EDC. Da considerare anche la 1.0 a Gpl o la 1.5 dCi a gasolio per chi fa tanta strada, e l'ibrida per chi ha la possibilità di ricaricarne agevolmente la batteria a casa o sul posto di lavoro. La Intens è la versione più equilibrata, con i cerchi in lega di 17", il "clima" automatico e la retrocamera di parcheggio. La lussuosa (e costosa) Initiale Paris aggiunge gli interni in pelle, il sensore dell'angolo cieco, il sistema di parcheggio assistito e il navigatore con lo schermo di 9,3". Nessuna, però, può avere il climatizzatore bizona.

Perché sì

Gamma Offre molta scelta, con parecchie soluzioni interessanti: c'è a benzina con varie potenze, bifuel a Gpl, a gasolio e persino ibrida plug-in. 
Interni Sono spaziosi e ben rifiniti, e col divano scorrevole di 16 cm anche molo pratici.
Sistemi di sicurezza La dotazione è ricca e propone anche il cruise control adattativo con funzione Stop&Go.

Perché no

“Clima” automatico Non c'è quello bizona, neppure tra gli optional. 
Soglia di carico 78 cm da terra non sono pochi (tanto più che prima erano 70 cm).
Sospensioni Sulle buche hanno una risposta un po’ secca.

GLI INTERNI

Renault Captur
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
49
38
27
16
14
VOTO MEDIO
3,6
3.63889
144

Photogallery