Renault

Renault
Captur

da 16.100

Lungh./Largh./Alt.

412/178/157 cm

Numero posti

5

Bagagliaio

377/1.235 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

Rinnovata nell'aspetto, con piccoli interventi (soprattutto nel frontale) che ne migliorano l'impatto visivo, la crossover Renault Captur piace per le sue dimensioni compatte, per l'elevato spazio offerto dall'abitacolo e per il buon comfort. A cambiare rispetto alla vecchia versione sono gli inediti fari full led (di serie per gli allestimenti al vertice della gamma) e, soprattutto, le luci diurne a forma di “C” ai lati del paraurti anteriore, che rendono l'auto più moderna e riconoscibile. Nuovi anche il tetto panoramico in vetro, che inonda di luce l’abitacolo, e i fanali a led. Gli interni hanno un aspetto vivace e adottano soluzioni interessanti, come i sedili con rivestimenti rimovibili e lavabili in lavatrice. Migliorate le finiture, con un nuovo rivestimento per la parte alta della plancia: morbido al tatto, rende più gradevole l’abitacolo. A cambiare è anche il sistema multimediale, che, oltre alle nuove versioni del R&Go e del Media Nav Evolution, offre l’R-Link Evolution con lo schermo tattile di 7”, ora compatibile con gli smartphone Android tramite l’app Android Auto. Novità anche sul piano dei sistemi elettronici di ausilio alla guida, che si arricchiscono del sensore di angolo cieco e del dispositivo di parcheggio semiautomatico Easy Park Assist. Promosso il baule, adeguato alle esigenze di una piccola famiglia. Abbastanza alta da terra per affrontare qualche sterrato (ma la trazione integrale non è prevista, e con quella anteriore non conviene osare più di tanto), questa francese offre una guida piacevole anche fra le curve: è agile, sicura e ha uno sterzo preciso (sebbene non molto pronto). D’altra parte, la massa limitata della Renault Captur garantisce un certo brio già con i 90 CV offerti dal 0.9 TCe a benzina (turbocompresso, come lo sono gli altri motori) e con i 110 del 1.5 dCi a gasolio. 

 

Versione consigliata

La 0.9 TCe in allestimento Zen offre un buon equipaggiamento, è sufficientemente brillante e non “beve” troppa benzina. Ma se si fanno molti chilometri con la Renault Captur, meglio optare per la 1.5 dCi a gasolio.

 

Perché sì

Bagagliaio Con il divano scorrevole “tutto avanti” vale ben 455 litri, in caso contrario 377: non pochi, considerati gli ingombri esterni della Captur.

Comfort Senza risultare troppo cedevoli, le sospensioni assorbono bene le buche; curata anche l’insonorizzazione.

Personalizzazioni Oltre al tetto con verniciatura a contrasto e agli adesivi per la carrozzeria, c’è grande scelta di tinte per i rivestimenti dei sedili e per numerosi dettagli, anche esterni.

Tenuta di strada Il comportamento è sempre sicuro: fra le curve non sembra di guidare una vettura con assetto rialzato.

 

 

Perché no

Airbag I “cuscini” laterali anteriori sono estesi a proteggere la testa, ma quelli posteriori a tendina non sono previsti nemmeno a pagamento.

Quinto posto Dietro si sta comodi in due (e, grazie al divano scorrevole, non manca lo spazio per le gambe), ma un eventuale quinto passeggero sta stretto e si trova il tunnel fra i piedi.

Tasto del cruise control Vista la posizone nel tunnel, tra i sedili anteriori, è scomodo da utilizzare.

Visibilità Nelle svolte strette i montanti del parabrezza danno fastidio; in “retro”, invece, si fanno i conti con il lunotto piccolo e inclinato.

 

 

Renault Captur
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
104
97
102
48
101
VOTO MEDIO
3,1
3.12168
452
Photogallery