PRIMO CONTATTO

Renault Mégane Grand Coupé: comoda e disinvolta, ma non del tutto pratica

Look sportivo per la variante a quattro porte della Renault Mégane: accogliente, spaziosa e, con il 1.5 a gasolio da 110 CV, briosa quanto serve. Da rivedere alcuni dettagli.

11 ottobre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 24.000*
  • Consumo medio

    27 km/l
  • Emissioni di CO2

    95 grammi/km
  • Euro

    6
Renault Mégane Grand Coupé
Renault Mégane Grand Coupé 1.5 dCi Intens
È la terza delle serie

Dopo la classica versione a cinque porte e la station wagon Sporter, nella gamma della nuova Renault Mégane arriva anche la Grand Coupé, ovvero la variante a quattro porte: lunga 463 cm, riprende il frontale delle altre “sorelle”, ma per il resto sfoggia un aspetto più sportivo, dovuto alla linea discendente del tetto verso la coda e al lunotto assai inclinato. Da qui il nome di Grand Coupé, sotto il quale si cela però una tradizionale berlina da famiglia, con un abitacolo accogliente (la distanza fra il centro delle ruote anteriori e di quelle posteriori è di 271 cm, quattro più che nella Mégane a cinque porte) e un baule generoso (550 litri). In vendita dalla primavera del 2017, la Renault Mégane Grand Coupé dovrebbe essere disponibile in Italia con il 1.2 turbo a benzina da 131 cavalli e il cambio a doppia frizione EDC (successivamente anche con quello manuale) in aggiunta a tre unità a gasolio: il 1.5 da 90 o 110 CV (pure con trasmissione EDC) e il 1.6, forte di 131. Parlare di prezzi è prematuro, ma per la Grand Coupé la Renault Italia sembra intenzionata a circoscrivere l’offerta agli allestimenti più ricchi, con prezzi che potrebbero partire da 23.000 euro per la versione a gasolio meno potente. Fra le dotazioni, i fari bi-led, la frenata automatica d’emergenza (attiva fra i 30 e i 150 km/h) e la visualizzazione di alcuni segnali stradali nel cruscotto, oltre ai sedili con funzione massaggio e al tetto apribile panoramico in cristallo.

Si viaggia comodi

Facilmente accessibile, l’abitacolo della Renault Mégane Grand Coupé condivide l’aspetto moderno e le buone finiture delle altre versioni. L’elemento di spicco è l’ampio schermo (di 7” o di 8,7”) a sfioramento che occupa gran parte della consolle: concentra i comandi dei servizi di bordo, come il navigatore e la radio, oltre a permettere di selezionare le cinque modalità di guida (cambiano le risposte del motore, del volante e del climatizzatore, oltre alla grafica e al colore dell’illuminazione per la strumentazione). Il sistema è configurabile: richiede un minimo di apprendistato per orientarsi fra le varie schermate del menù, poi però si rivela di facile utilizzo. Il resto della strumentazione digitale nel cruscotto è chiara e completa. Ok anche la posizione di guida: la vettura del test era completa di sedile avvolgente, che permetteva regolazioni precise. Non ci hanno invece convinti il bilanciere per attivare il cruise control, collocato fra i sedili (costringe a togliere lo sguardo dalla strada ed è troppo arretrato), l’assenza di un vano refrigerato nella plancia o nel tunnel e la mancanza di un tasto per aprire il baule dall’esterno: si devono utilizzare quelli a sinistra della plancia o nel telecomando (è però disponibile il sensore, sotto il paraurti, che sblocca la serratura quando “vede” il piede). Nulla da ridire sullo spazio per i passeggeri: in quattro si viaggia comodi. Al centro, il divano può accogliere bene anche una quinta persona: che, però, avrà fra i piedi il mobiletto con le bocchette del climatizzatore. La forma della carrozzeria penalizza la bocca di carico, alta soltanto 44 cm, in compenso il vano è capiente e di forma regolare. Si può anche ripiegare il divano ottenendo un piano lungo oltre due metri.

Una guida “no problem”

La buona agilità, l’elevata tenuta di strada, il cambio agevole da manovrare (solo un po’ troppo lunga la leva, mentre la frizione è leggera) e lo sterzo preciso (più consistente nella modalità Sport) favoriscono una guida sicura e poco impegnativa. Le sospensioni, non molto cedevoli, limitano il rollio, tuttavia assorbono senza difficoltà le sconnessioni della strada. Dai 110 Cv del 1.5 a gasolio della Renault Mégane Grand Coupé non si possono pretendere scatti brucianti (specie in ripresa), ma offrono comunque tutta la spinta che serve per muoversi disinvolti e rispondono sempre in modo fluido, anche ai bassi regimi. Inoltre, il motore fa sentire poco la sua “voce” e ha bassi consumi: nel test, svolto su strade extraurbane pianeggianti, la media registrata dal computer di bordo è stata di oltre 17 km/l. Non altrettanto efficace l’insonorizzazione dai fruscii aerodinamici e dal rumore di rotolamento delle ruote che, ad andature autostradali, possono creare qualche fastidio. Altro aspetto migliorabile, per via del lunotto piccolo, è la visibilità posteriore; tuttavia, è disponibile la retrocamera. 

Secondo noi

Pregi
> Baule. Capiente e di forma regolare.
> Comfort. L’abitacolo è accogliente e spazioso.
> Motore. Fluido e piuttosto vivace in rapporto alla potenza, è anche ben insonorizzato.

Difetti
> Apertura del baule. Manca un tasto esterno e la bocca di carico non è ampia.
> Tasto del cruise control. Posto fra i sedili, è scomodo.
> Visibilità posteriore. Dal piccolo lunotto non si vede granché.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1461
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 81 (110)/4000 giri
Coppia max Nm/giri 260/1750
Emissione di CO2 grammi/km 95
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 190
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,6
Consumo medio (km/l) 27,0
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 463/181/144
Passo cm 271
Peso in ordine di marcia kg 1320
Capacità bagagliaio litri 550/n.d.
Pneumatici (di serie) 205/50 R17
Renault Mégane Grand Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
29
18
20
7
10
VOTO MEDIO
3,6
3.583335
84
Aggiungi un commento
Ritratto di fiattaro
11 ottobre 2016 - 23:59
Ci vuole poco.
Ritratto di napolmen4
12 ottobre 2016 - 09:41
cosa c'entra la tipo?
Ritratto di fiattaro
12 ottobre 2016 - 21:11
Ma chi ha detto qualcosa?
Ritratto di fiattaro
16 ottobre 2016 - 21:40
Le macchine che hai citato sono tra le più vendute nella povera Italia ed è per questo che se ne vedono molte, hai compreso qualcosa fenomenetto?
Ritratto di littlesea
12 ottobre 2016 - 14:31
2
Stessa categoria ma si pone (non nascondendolo) un gradino sotto per prezzo... Però dirlo a quelli come voi.
Ritratto di fiattaro
12 ottobre 2016 - 21:13
fenomeno sei il solito ridicolo, mi spieghi cosa avrei detto?
Ritratto di fiattaro
16 ottobre 2016 - 21:43
Secondo me caro fenomeno hai qualche problema psicologico.
Ritratto di fiattaro
16 ottobre 2016 - 21:41
Fenomenetto non sai nemmeno di cosa stai parlando.
Ritratto di lucios
11 ottobre 2016 - 19:45
4
Bella linea e originalità in questa versione. I fari con le parentesi non mi convincono: mi sa che rimarranno una parentesi, appunto, tolti al primo restyling! Il 1.5 poi, una garanzia, anche se non proprio moderno e potentissimo! Dicono che le finiture interne sono superiori rispetto agli standard (scarsi) della casa.
Ritratto di fiattaro
12 ottobre 2016 - 00:01
Insomma le auto che non si rompono le hai avute tutte tu......
Pagine