PRIMO CONTATTO

Seat Arona: a gasolio con brio

Con il 1.6 TDI da 95 CV e il cambio a doppia frizione, la guida di questa piccola crossover è piacevole. Sotto tono alcune finiture.

Pubblicato 03 giugno 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 25.200
  • Consumo medio

    18,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    141 grammi/km
  • Euro

    6d-Temp
Seat Arona
Seat Arona 1.6 TDI Xcellence DSG
Il diesel meno potente
 
 
Fra le crossover della casa spagnola, la Seat Arona è quella più piccola: con 414 cm di lunghezza, supera 8 cm l’utilitaria Ibiza da cui deriva. Rispetto a quest’ultima, la Seat Arona è più alta di 11 cm e con una distanza fra il fondo dell’auto e il suolo maggiorata di 3,6 cm (per un totale di 19 cm): quanto basta per facilitare l’accesso a bordo e per affrontare strade dissestate. Oltre che a benzina e a metano, questa crossover dalle forme spigolose e dell’aspetto gradevole c’è anche a gasolio con i 1.6 da 95 o 116 CV. Quello dell’auto del test è il meno potente, abbinato al rapido e morbido cambio robotizzato a doppia frizione DSG e con sette marce (€ 1.500) .
 
È costosa, ma offre tanto

La Xcellence del test è la Seat Arona con il 1.6 TDI da 95 CV più costosa: 23.700 euro. Prezzo che include una equipaggiamento completo: oltre alla vernice bicolore (che aggiunge personalità all’auto), sono di serie comodità come l’accesso e l’avviamento senza chiave e il climatizzatore bizona. Il prezzo include anche un moderno impianto multimediale completo di navigatore e la carica senza fili per gli smartphone predisposti. Sono tutti accessori assenti nella Style (21.500 euro), che non rinuncia all’avviso colpo-di sonno, al cruise control e ai sensori posteriori di distanza, che mancano nella Reference (19.750 euro, con il climatizzatore manuale e la frenata automatica d’emergenza). Fra gli optional, i fari full led (600 euro).

Non c’è tutto

In rapporto alle dimensioni della carrozzeria l’abitacolo della Seat Arona è spazioso. Si starebbe piuttosto bene anche in cinque, se il rigonfiamento nel tunnel non togliesse agio a chi sta al centro del divano. Corretta la posizione di guida rialzata e ben regolabile tramite leve e manopole. Bene anche la disposizione razionale dei comandi (intuitivo da utilizzare il moderno impianto multimediale con schermo di 8” e connessioni Android Auto e Apple CarPlay) e la facilità di lettura del cruscotto. Peccato che quest’ultimo non includa la spia degli anabbaglianti: quella inserita nella manopola per le luci montata in basso, nel lato sinistro della plancia, è fuori dal campo visivo del guidatore. Altra manchevolezza: l’assenza delle maniglie nel soffitto. Quanto alle finiture, gli assemblaggi sono accurati, ma le plastiche tutte rigide al tatto (braccioli nelle porte inclusi), hanno un aspetto economico. Con 400 litri a divano in uso (1200 ripiegandolo) il baule è ampio e col pavimento regolabile su due livelli: è possibile quindi avere un vano più profondo o creare un piccolo doppiofondo. Peccato che, a differenza della “cugina” Volkswagen T-Cross (condividono la meccanica), per la Seat Arona non sia previso il divano scorrevole in senso longitudinale (per dare più agio ai passeggeri o ai bagagli).

Un bel guidare

La Seat Arona 1.6 TDI si guida senza fatica e con grande “scioltezza”. I 95 CV sono vispi e l’efficienza del cambio DSG li sa sfruttare al meglio: i sorpassi sono rapidi, anche fuori città. L’insonorizzazione del 1.6 TDI non è particolarmente curata, ma il DSG ci mette una “pezza” perché, se le condizioni del traffico lo consentono, va subito alla ricerca delle marce lunghe, distendendo i giri del motore a vantaggio del comfort acustico e anche del consumo: nel test su strade extraurbane il computer di bordo ha registrato una media pari a 16,6 km/l (18,5 km/l il dato dichiarato). Quanto allo sterzo, è piuttosto preciso e non pesante da azionare mentre le sospensioni non sono delle più morbide ma, in compenso, favoriscono l’agilità.

Secondo noi

PREGI
> Cambio. Il DSG “infila” le marce con rapidità nelle riprese, ma aiuta anche a tener bassi i consumi.
> Guida. Non è affaticante e può essere anche briosa.
> Spazio. In rapporto alle dimensioni dell’auto, abitacolo e baule sono grandi.
 
DIFETTI
> Divano. Non è scorrevole, a differenza di alcune rivali: avrebbe migliorato lo sfruttamento degli spazi. 
> Luci. Manca la spia degli anabbaglianti.
> Materiali. Le plastiche della plancia sono dure al tatto.

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 70 (95)/2750-4600 giri
Coppia max Nm/giri 250/1500-2600
Emissione di CO2 grammi/km 141
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (rotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 174
Accelerazione 0-100 km/h (s) 12.8
Consumo medio (km/l, ciclo WLTP) 18,5
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 414/178/155
Passo cm 257
Peso in ordine di marcia kg 1245
Capacità bagagliaio litri 400/1280
Pneumatici (di serie) 205/60 R16
Seat Arona
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
25
47
46
41
48
VOTO MEDIO
2,8
2.806765
207
Aggiungi un commento
Ritratto di otttoz
3 giugno 2019 - 19:07
la VW ,con tutta la pubblicità che si è fatta col diesel,fa bene ad insistere con tale motorizzazoine...
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
3 giugno 2019 - 20:11
Quando ci sono entrato dentro in concessionaria non potevo crederci! Plastiche rigide su plancia e portiere. Non che debbano essere morbide per forza perchè le ha prescritte il medico, ma mi domando perchè poi moltri criticano le plastiche di altre auto, con listini molto più bassi, come ad esempio molte giapponesi o la Renault Clio (la mia ha plancia ed poggiagomiti anteriori morbidi). Certo su questa Seat alVolante afferma che le plastiche "sono assemblate con cura" .....e ci mancherebbe pure in una vettura con un listino di OLTRE 25.000 euro! Penso che Ww goda di rendite di posizione più che altro conquistate nel passato.
Ritratto di Agl75
3 giugno 2019 - 23:07
Concordo sulla chiusura: VW ampiamente sopravvalutata e irragionevolmente cara
Ritratto di Leonal1980
4 giugno 2019 - 16:38
4
dure non vuol dire per forza non insonorizzanti e schifide che sbiancano dopo 3 anni. ho sentito molto criticare la plancia della polo , poi alla fine a parte la trendline son tutte morbide e ben fatte
Ritratto di alex_rm
4 giugno 2019 - 19:10
Plastiche rigide Come sulla ben più costosa t roc
Ritratto di schizzo650
3 giugno 2019 - 23:42
Qualcuno parla del diesel come panacea per la riduzione della CO2 ma dove? Poi il prezzo di questi naffettoni è esorbitante, a queste cifre conviene un'auto ibrida di segmento superiore come toyota CHR
Ritratto di Leonal1980
4 giugno 2019 - 16:39
4
la co2 che leggi non è quella del ciclo Nedc per ecotassa. è quella di vecchio ciclo.
Ritratto di carmelo.sc
4 giugno 2019 - 18:43
con 25.000€ ci compri a malapena la ch-r base a benzina, FORSE.
Ritratto di Michiflanoalila
4 giugno 2019 - 07:13
L'unica alternativa che il mercato mi offre, ovviamente nella versione a metano, se un giorno dovessi cambiare la mia panda natural power
Ritratto di Leonal1980
4 giugno 2019 - 16:40
4
la scatola di morte con zero stelle euroncap?
Pagine