PRIMO CONTATTO

Seat Tarraco: comoda e vivace

La versione ibrida ricaricabile della Seat Tarraco può percorrere più di 40 km in modalità solo elettrica, ma premendo a fondo l’acceleratore sa anche sfoderare una grinta insospettabile. Scomodi i tasti del “clima”.
04 maggio 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 46.250
  • Consumo medio (dichiarato)

    62,5 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    37 grammi/km
  • Euro

    6d
Seat Tarraco
Seat Tarraco 1.4 e-Hybrid FR DSG
Una nuova ibrida in famiglia

Dopo la Leon, nelle versioni berlina e famigliare Sportstourer, ecco un nuovo modello ibrido plug-in della casa spagnola: si tratta della suv a trazione anteriore Seat Tarraco 1.4 e-Hybrid. Disponibile in due allestimenti, l’elegante Xcellence (44.600 euro) e lo sportivo FR del nostro test (46.250 euro), ha sotto il cofano un quattro cilindri 1.4 turbo a iniezione diretta di benzina da 150 cavalli, abbinato a un motore elettrico da 116 CV integrato nel cambio robotizzato a doppia frizione DSG; la potenza combinata è pari a 245 cavalli, con picco di coppia motrice di 400 Nm. La batteria agli ioni di litio è sotto il divano, al posto del serbatoio della benzina, che quindi finisce nel bagagliaio: di conseguenza, il vano di carico perde 150 litri (pur restando capiente, con 610 litri a divano su) e non si possono avere i due posti della terza fila, optional per le altre versioni della Tarraco. La “pila” ha una capacità effettiva di 12,8 kWh e pesa 125 kg. Come in tutte le ibride, la ricarica “automatica” avviene durante ogni rallentamento, ma, essendo una plug-in, il "pieno" di corrente si ottiene solo collegandosi alla rete con un cavo; secondo il costruttore, ci vogliono 3 ore e 40 minuti per arrivare al 100% con una wall box da 3,6 kW e 5 ore e 40 utilizzando la presa domestica da 2,3 kW (quella da 10 A).  

Più connessa

L’abitacolo della Seat Tarraco 1.4 e-Hybrid FR DSG è ampio e rifinito con cura, e ha uno stile elegante e razionale, con un tocco di sportività. Nella plancia spiccano il cruscotto digitale di 10,25” e il display di 9,2” del sistema multimediale, in grado di visualizzare informazioni essenziali sulle modalità di marcia della vettura, lo stato di carica della batteria e l’autonomia residua in modalità esclusivamente elettrica. I vani portaoggetti sono parecchi (i quattro nelle porte hanno anche il fondo anti-rumore in feltro, mentre quello nella plancia è refrigerato) e i comandi principali sono disposti razionalmente (eccetto i tasti fisici del “clima”, un po’ troppo in basso, tanto da costituire una possibile fonte di distrazione quando si guida). A distinguere questa versione ibrida plug-in ci sono il nuovo selettore delle marce e i due pulsanti nella consolle per selezionare le modalità e-Mode (marcia solo elettrica) ed s-Boost (per disporre della massima potenza del sistema ibrido).

Anche il sistema multimediale della Seat Tarraco è stato migliorato, con i comandi gestuali e l’applicazione Seat Connect, che consente di gestire da remoto il processo di ricarica e il climatizzatore (la vettura può essere preriscaldata). Inoltre, con l’applicazione Seat Media Control che include Amazon Alexa, anche nell’abitacolo della Tarraco è possibile sfruttare la stessa tecnologia degli assistenti domestici. Il sistema si attiva con un semplice “Hola Hola”, dopodiché i comandi vocali “naturali” consentono di navigare tra le funzioni, rendendo semplice e rapido trovare informazioni sulla navigazione o effettuare la ricerca di brani musicali. E l’eSim integrata, oltre a garantire la chiamata eCall, che contatta direttamente i servizi di emergenza in caso di incidente, permette, tra l’altro, di utilizzare informazioni sul traffico online, di trovare la posizione dei parcheggi e delle stazioni di rifornimento con relativi orari di apertura e prezzi correnti.

Anche a noleggio

La dotazione della Seat Tarraco 1.4 e-Hybrid FR DSG è completa, con il “clima” a tre zone, il cruscotto virtuale di 10,25” configurabile (consente anche di visualizzare le mappe del navigatore a tutto schermo), i cerchi in lega di 19”, i fari full led, lo spoiler sul tetto. Particolarmente ricca quella relativa ai sistemi elettronici di ausilio alla guida, che comprendono la frenata automatica d’emergenza (con il rilevamento dei pedoni e dei ciclisti), il dispositivo anti-colpo di sonno, il mantenimento in corsia, la guida semi-autonoma in colonna e il sistema di riconoscimento dei segnali stradali. Interessante la formula di acquisto “Seat Senza Pensieri”, che permette di avere una Tarraco 1.4 e-Hybrid FR DSG a 349 euro al mese (TAN 3,99%, TAEG 4,71%, 7.300 euro di anticipo, con gli incentivi statali). Ma è anche possibile optare per la formula del noleggio a lungo termine a 229 euro al mese (e con un anticipo di 5.250 euro). 

Sa essere “frizzante”

La Seat Tarraco 1.4 e-Hybrid FR DSG si fa apprezzare per il buon comfort, anche grazie alle sospensioni a controllo elettronico DCC, di serie per le plug-in; peccato solo per qualche fruscio di troppo in velocità, generato dall’aria che scorre attorno ai grossi retrovisori esterni.  Questa Tarraco non delude neppure in termini di prestazioni, nonostante i quasi 1800 chili di peso, e vanta uno sterzo preciso e una frenata ben modulabile. Utile, poi, in discesa, la modalità B selezionabile con la leva del cambio: sollevando il piede dall’acceleratore, l’auto rallenta come se si stesse premendo un po’ il pedale del freno. Questa funzione, legata a un lavoro più intenso del generatore di corrente collegato alle ruote, ha due vantaggi: limita lo stress e l’usura di dischi e pastiglie, e invia “gratis” alla batteria una maggiore quantità di energia, che sarà poi sfruttata in ripresa invece di bruciare della benzina.

Se non le si chiede troppo, non alza il gomito

Con le batterie cariche al 100%, la casa dichiara un’autonomia in modalità elettrica compresa tra i 44 e i 49 km. Sono valori verosimili: nel test, svoltosi in gran parte su strade extraurbane collinari e con un tratto di autostrada, abbiamo percorso 42 dei 41 km promessi dal computer di bordo alla partenza mantenendo sempre un buon ritmo, prima che il 1.4 entrasse in funzione dato che la batteria era arrivata “a zero”. In modalità ibrida e partendo con la “pila” scarica, invece, il consumo dovrebbe avvicinarsi a quello di una suv a gasolio, con valori tra i 14 e i 16 km/l; noi, basandoci sui dati letti nel cruscotto, possiamo dire di aver sfiorato i 20, ma con una guida molto “tranquilla”. Per limitare al massimo emissioni e consumi di benzina, comunque, occorre ricaricare il più spesso possibile la batteria collegandosi alla rete: di notte nel box di casa, e di giorno alle colonnine pubbliche. 

Secondo noi

PREGI
> Dotazione. C’è tutto quello che serve, e pure di più. Tanti i sistemi elettronici di ausilio alla guida.
> Prestazioni. I 245 CV forniscono una spinta pronta e corposa.
> Spazio. Gli interni sono ampi e luminosi, e col divano scorrevole si sceglie se rendere più accogliente l’abitacolo o più capiente il baule.
 
DIFETTI
> Baule. Ha una capacità elevata, ma perde 150 litri rispetto alle altre versioni.
> Comandi del “clima”. I tasti sono un po’ in basso nella consolle.
> Fruscii. Già attorno ai 120 km/h si sentono i sibili dell’aria generati dai grandi specchi retrovisori.

SCHEDA TECNICA

Motore a benzina  
Cilindrata cm3 1395
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/5000-6000 giri
Coppia max Nm/giri 250/1550-3500
Emissione di CO2 grammi/km 26
Distribuzione 4 valvole per cilindro
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 85 (116)/n.d.
Coppia max Nm/giri 330/n.d.
   
Potenza massima compless. kW (CV)/giri 180 (245)/5000-6000
   
No rapporti del cambio 6 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 205
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,5
Consumo medio (km/l, ciclo WLTP) 62,5*
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 474/184/166
Passo cm 279
Peso in ordine di marcia kg 1793
Capacità bagagliaio litri 610/n.d.
Pneumatici (di serie) 225/45 R17

 

*Nel ciclo WLTP, partendo con batterie cariche.

Seat Tarraco
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
43
27
33
26
84
VOTO MEDIO
2,6
2.61972
213


Aggiungi un commento
Ritratto di giulio21
4 maggio 2021 - 19:35
che bisonte... e che linea scialba ormai le auto sono praticamente tutte uguali a quel punto conviene prendere una vetusta panda, eheh
Ritratto di deutsch
5 maggio 2021 - 09:42
4
eh già proprio la stessa cosa
Ritratto di WursteI_Crauti
4 maggio 2021 - 19:37
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Walkyria1234
4 maggio 2021 - 20:56
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Wurstel_Crauti
5 maggio 2021 - 15:34
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di WursteI_Crauti
5 maggio 2021 - 19:49
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Wurstel_Crauti
5 maggio 2021 - 21:08
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di WursteI_Crauti
5 maggio 2021 - 21:34
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di WursteI_Crauti
5 maggio 2021 - 21:34
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Miyazaki
5 maggio 2021 - 21:44
Per violazione della policy del sito.
Pagine