PRIMO CONTATTO

Subaru Forester: tutta nuova e anche ibrida

La Subaru Forester cambia poco nella linea, ma è basata su una nuova piattaforma e il 2.0 a benzina è ora abbinato a un piccolo motore elettrico. Non sempre facili da trovare i comandi nella plancia.
Pubblicato 05 marzo 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 40.000*
  • Consumo medio (dichiarato)

    n.d.
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    n.d.
  • Euro

    6d-Temp
Subaru Forester
Subaru Forester 2.0i MHEV e-Boxer Premium AWD Lineartronic

* Prezzo indicativo

Tutta nuova

Su un piccolo tracciato off-road, e lungo una pista d’asfalto nei pressi di Vienna, abbiamo potuto  provare in anteprima la Subaru Forester 2.0 e-Boxer. L’auto è appena stata presentata al Salone di Ginevra ed è in fase di omologazione, per cui molti dei dati tecnici non sono ancora stati resi noti. Si tratta della nuova generazione della suv giapponese, realizzata sulla base del pianale SGP (Subaru Global Platform, già utilizzato per le più piccole Impreza e XV) e mossa da un’inedito sistema mild hybrid (ibrido leggero). Il nome e-Boxer deriva infatti dall’accoppiata fra un piccolo motore elettrico con 16,7 cavalli e il quattro cilindri 2.0 a iniezione diretta di benzina da 150 CV (con architettura boxer, a cilindri contrapposti, come tutti i propulsori della casa). La nuova Forester (assieme alla XV) sarà la prima ibrida della Subaru venduta in Europa. Da noi, arriverà a fine 2019. 

Dietro ha più personalità

Le novità sul piano del design sono soprattutto nella parte posteriore (sebbene la macchina sia tutta nuova). Il frontale della Subaru Forester 2.0 e-Boxer, infatti, ricalca lo schema del vecchio modello, ma è più muscoloso, con la mascherina più grossa e verticale. Dietro, invece, il portellone e il paraurti hanno tratti elaborati, che danno solidità, e i fanali sono orizzontali (invece che verticali) e a forma di “C”.

Comandi e display un po’ dispersivi

Cambia parecchio l’abitacolo, che ha un’impostazione classica e un’aria robusta. Le plastiche della plancia della Subaru Forester 2.0 e-Boxer sono gradevoli e l’assemblaggio dei pannelli ci è sembrato preciso. Non ci hanno convinto del tutto, invece, il piccolo schermo centrale sopra la plancia (visualizza i flussi di energia e le informazioni sulla marcia in off-road), che può essere fonte di distrazione durante la guida, come anche i numerosi tasti al volante e nella consolle. E il “clima” è piuttosto in basso. Il baule non è piccolo: le batterie sotto il piano di carico tolgono spazio alla ruota di scorta, ma non dovrebbero penalizzare troppo la capienza del vano.

Un aiuto dal motore elettrico

La tenuta di strada in curva è buona, lo sterzo è preciso e le sospensioni assorbono bene le asperità, senza essere troppo morbide. Il 2.0 della Subaru Forester 2.0 e-Boxer è regolare, emette poche vibrazioni e non fa troppo rumore; il motore elettrico lo aiuta nelle riprese, dando un po’ di coppia motrice in più e contribuendo a contenere i consumi di benzina. Sotto gli 80 km/h, e sfiorando appena l’acceleratore, se gli accumulatori sono carichi si riesce a percorrere anche più di un chilometro in modalità elettrica. Come in tutte le ibride, le batterie si ricaricano nelle decelerazioni, recuperando energia. Ma non solo: qui, se si marcia sotto i 40 km/h a “pile” scariche, il  motore a benzina spinge l’auto e al contempo aziona il generatore, che in pochi minuti fa il “pieno” di elettroni. Il cambio CVT a variazione continua di rapporto, del tutto fluido nelle risposte, favorisce il confort quando si guida tranquilli, ma quando si preme con decisione il pedale dell’acceleratore fa impennare i giri del 2.0 (con conseguente aumento della rumorosità). Ottime le prestazioni in fuori strada, grazie alla notevole altezza minima da terra di 22 cm e alla collaudata trazione integrale permanente, col sistema X-Mode che consente di variare la risposta del motore, del cambio, dei freni e della trasmisisone per muoversi meglio sui fondi scivolosi, e che comprende il controllo automatico della velocità nelle discese ripide. Il contributo del motore elettrico si fa sentire nei passaggi più difficili e nel superamento degli ostacoli da fermo: a batterie cariche, l’auto ci è sembrata un po’ più reattiva.

Segue il traffico da sola

Dotata di serie su tutti gli allestimenti del rinnovato sistema di assistenza alla guida EyeSight, la Subaru Forester 2.0 e-Boxer ora può contare su due telecamere stereo posizionate dietro il parabrezza. Queste garantiscono il funzionamento del cruise control adattativo (che oltre a mantenere la distanza di sicurezza consente all’auto di rallentare fino a fermarsi e poi ripartire da sola), il mantenimento in corsia e la frenata automatica d’emergenza se si rischia di tamponare o di investire un pedone o un ciclista. I prezzi dovrebbero partire da circa 35.000 euro.

Secondo noi

PREGI

> Guida nel fuori strada. Il collaudato sistema di trazione integrale trae d’impaccio anche sui terreni più difficili: la buona altezza minima da terra, pari a 22 cm, è una garanzia.
> Motore. Il nuovo sistema mild-hybrid pare efficiente, fa poco rumore e offre una buona spinta.
> Sicurezza. La dotazione di serie è ricca e include i più moderni sistemi elettronici di ausilio alla guida.

DIFETTI
 
> Cambio CVT. La trasmissione fa salire bruscamente i giri del motore quando si chiede tutta la potenza: può essere fastidioso.   
> Comandi. Sono tanti e sparsi tra il volante, la plancia e la consolle. E quelli del “clima” e di alcuni Adas (sistemi elettronici di aiuto alla guida) sono nascosti e un po’ troppo in basso.
> Strumentazione. Oltre al cruscotto, ci sono altri due schermi da consultare per avere informazioni sulla guida e sullo stato dell’auto: è un po’ dispersivo.

SCHEDA TECNICA

 

Motore a benzina  
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 boxer
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/6000
Coppia max Nm/giri 194/4000
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 12,3 (16,7)/n.d.
Coppia max Nm/giri 65/n.d.
   
Potenza max complessiva kW (CV)/giri 110 (150)/6000
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) n.d.
Accelerazione 0-100 km/h (s) n.d.
Consumo medio (km/l) n.d.
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 463/182/173
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg n.d.
Capacità bagagliaio litri n.d.
Pneumatici (di serie) 225/55 R18

 

*In base al nuovo ciclo Wltp

Subaru Forester
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
30
22
15
16
18
VOTO MEDIO
3,3
3.29703
101


Aggiungi un commento
Ritratto di dhgfhere
15 giugno 2019 - 10:25
I prezzi esposti in USA sono esentasse
Ritratto di abbassoisuv
11 marzo 2019 - 23:23
solito cassone buono solo per fare traslochi... sulla neve...
Ritratto di orsogol
18 marzo 2019 - 22:06
1
Da ex subarista devo dire che ultimamente le Pleiadi mi stanno deludendo. Ci sono certo dei progressi, ma mi sembra che Subaru stia un po' arrancando, forse non hanno sufficienti mezzi finanziari per investire in ricerca e sviluppo. Comunque aspettiamo di conoscere prestazioni e consumi, anche se non prevedo nulla di buono. Un 2000 aspirato da 150 cv, seppure assistito da un motorino elettrico a 48 Volt, avrà sempre consumi misurabili in galloni, con prestazioni da Duster. Dovendo scegliere, preferisco di gran lunga il nuovo Rav4.
Ritratto di Roby92
19 marzo 2019 - 01:43
Sono adesso curioso di sapere su questo nuovo modello della Forester che motori propone per il mercato europeo. Oltre al boxer ibrido, che motori ci saranno nel listino? Ci sarà il 2.0 benzina? O ci sarà anche il 2.5?
Ritratto di dhgfhere
15 giugno 2019 - 10:26
Solo 2.0 e-boxer
Ritratto di alan61
25 marzo 2019 - 09:39
Pregasi astenersi chi ha voglia di fare pura polemica. Innanzitutto parliamo di CVT Linertronic subaru (unico) e non di altri CVT. Il CVT Lineartronic.. <<con comando a catena, sviluppata per l'impiego sulle vetture passeggeri a trazione integrale. Il sistema, dotato di convertitore di coppia, mantiene costantemente il motore a un regime ottimale....>>. Quindi il CVT porta il motore ai giri in cui vi è la coppia ideale in funzione dell'accelerazione richiesta. Semmai il problema è un'altro, un motore 2.0 a bz aspirato è sottodimensionato. Tutti i motori bz aspirati hanno il valore di coppia max sopra i 4.500giri; sotto i 2.500/3.000 sono abbastanza vuoti. Quindi, anche se butti giù tutto l'acceleratore è naturale che il motore giri su tali valori, lo avrebbe lo stesso con un cambio automatico. DI FATTI, il 2.0 diesel, con 350Nm di coppia non ha tale problema visto che già a 1.800 è in coppia max, raccogliendo molti complimenti da riviste specializzate. Piuttosto è da criticare la carenza di motorizzazioni disponibili in Italia. Chi critica subaru sulla meccanica deve approfondire un po' di più... prima di...., a tali prezzi c'è un contenuto tecnologico impressionate. Non a caso la subaru ha registrato a febbraio il nuovo record storico mondiale di vetture vendute; in costante crescita da 11 anni.
Ritratto di Marcello7
21 aprile 2019 - 19:06
Auto ottima solo la linea deve piacere.
Ritratto di Albe85
29 maggio 2019 - 14:57
Ho comprato una Forester Premium My19 con il 2.0bz da 150cv a gennaio, praticamente la stessa macchina ma senza l'ibrido e con carrozzeria precedente, ma tutto il comparto degli assistenti alla guida nuovi (tutti inclusi fin dalla versione base) che devo dire funzionano benissimo, oltre ai fari full led, interni in pelle e tantissime altre cose. La mia media e' di 7,4 L/100km calcolando che sui circa 7000km fatti finora, almeno 5000 erano in autostrada, mentre in extraurbano sto sotto i 6L/100km, quindi direi molto buona per un 2.0 benzia a trazione integrale permanente da oltre 1500kg (andate pure a vedere quanto bevono gli altri suv anche ibridi). Per il resto vorrei proprio trovare un'altro fuoristrada, perche' vista l'altezza da terra e le caratteristiche tecnice, non e' corretto chiamarlo SUV, full optional a 38.000 euro, anzi l'ho pagata 37500 su strada con lo sconto del concessionario ed un treno di gomme termiche e cerchi in lega piu' 3 anni di tagliandi inclusi e 5 anni di garanzia. Poi per quanto riguarda il lato estetico, si ci sono auto piu' belle, ma che magicamente diventano vecchie e brutte all'uscire del modello nuovo. Da appassionato, ma non riccone, io l'auto la compro non solo perche' mi piace ma soprattutto per i contenuti.
Pagine