PRIMO CONTATTO

Subaru Outback: con l'automatico è ancora più godibile

In questa nuova versione con il cambio a variazione continua, la Subaru Outback è più piacevole da guidare: il 2.0 turbodiesel da 150 CV si "sposa" bene con la dolcezza e la progressività della trasmissione Lineartronic.

25 settembre 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 42.990
  • Consumo medio

    15,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    166 grammi/km
  • Euro

    5
Subaru Outback
Subaru Outback 2.0 D Lineartronic Exclusive
Il cambio che mancava
 
Derivata dalla Legacy, ma più alta da terra di 5 cm (dal suolo, il pianale ne dista 20) e con utili protezioni in plastica nella carrozzeria, la Subaru Outback pochi mesi fa è stata sottoposta a un leggero restyling che ha interessato il frontale. La novità più importante per la crossover giapponese, però, arriva ora (le vendite cominceranno il 5 ottobre): il cambio a variazione continua dei rapporti abbinato al 2.0 turbodiesel boxer da 150 CV. Si tratta dell'unico modello sul mercato a offrire questo tipo di trasmissione in accoppiata con il motore a gasolio e la trazione integrale: non a caso, proprio questa versione è quella che si candida a essere la più richiesta all'interno della gamma Outback, che comprende anche un 2.5 a benzina da 167 cavalli (già disponibile con il cambio Lineartronic).
 
Interni un po' dimessi
 
La Subaru Outback si conferma  spaziosa anche per  cinque adulti, pratica (tanti vani e tasche portaoggetti) e con una notevole capacità di carico, che varia da 526 a 1677 litri (il baule, tra l'altro, si fa apprezzare anche per la sfruttabilità: il pavimento resta piatto quando si abbassa il divano). Dove invece non c'è stato un miglioramento (che pure sarebbe auspicabile, dato il prezzo non certo "da saldo" della vettura) è nella qualità di alcune plastiche. In particolare, quelle della plancia (rigide, anche se assemblate con cura); i pannelli delle portiere, invece, sono rivestiti in materiale morbido. In questa ricca versione Exclusive, sono di serie gli interni in pelle (di buona qualità), la chiave elettronica e il navigatore con schermo da 7", tutti accessori a cui bisogna rinunciare scegliendo la Trend, che per contro fa risparmiare 4.000 euro (ne costa 38.990). Se poi si è disposti a fare a meno anche dei fari allo xeno e del tetto apribile elettrico, c'è la Comfort (35.990 euro).
 
Ok in fuori strada, su asfalto… si piega
 
Il turbodiesel boxer (i quattro cilindri contrapposti sono paralleli al terreno) della Subaru Outback si conferma valido. Non è un "mostro" di potenza (150 CV non sono un record di categoria), ma vibra pochissimo, è poco rumoroso e spinge con un certo vigore i 1.624 kg dell'auto: con uno “0-100” di 9,7 secondi e 195 km/h di velocità massima, non ci si può lamentare. Particolarmente riuscito l'abbinamento con il cambio a variazione continua dei rapporti, che “memorizza” gli stili di guida del conducente ed è in grado di "scegliere" il miglior rapporto di trasmissione in base alle condizioni di marcia per adattarsi alle esigenze di chi è al volante. Si apprezza anche la sua linearità di funzionamento: vengono drasticamante ridotti i salti di giri tra una "marcia" e l'altra, tipici dei tradizionali automatici. Anche nella modalità di selezione manuale delle marce (la vettura dispone di 7 rapporti “virtuali”), le cambiate sono fluide e senza scossoni. Il comportamento, però, stradale è tutt'altro che sportivo: la precisione di guida è influenzata da un rollìo evidente, ma non fastidioso. Leggero e sufficientemente preciso, comunque, lo sterzo. La luce a terra di 20 cm e la trazione integrale permanente offrono parecchi vantaggi a chi percorre spesso strade di montagna, non disdegnando qualche incursione sullo sterrato.... e sulla neve (la vettura, a testimoniare la sua vocazione "invernale", monta infatti gomme M+S). 
 
Secondo noi
 
PREGI 

> Cambio. Un automatico a variazione continua dei rapporti che si apprezza per la notevole linerità di funzionamento.
> Comfort. Lo spazio non manca, le sospensioni “lavorano” bene sullo sconnesso e il rumore è ben smorzato.
> Comportamento sullo sterrato. Con un'altezza da terra di 20 cm e la trazione integrale permanente, può affrontare percorsi di media difficoltà. 

  
DIFETTI 

> Finiture. Alcune plastiche dell’abitacolo sono economiche in rapporto al prezzo dell'auto. 

> Prezzo. La Outback ha un listino piuttosto elevato, specie nella versione Exclusive. 
> Rollìo. La carrozzeria si inclina parecchio quando si affrontano "allegramente" le curve: ne soffre un po' la precisione di guida.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1998
No cilindri e disposizione 4 contrapposti
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/3600 giri
Coppia max Nm/giri 350/1600-2400
Emissione di CO2 grammi/km 166
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio A variazione continua + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 479/182/161
Passo cm 274
Peso in ordine di marcia kg 1624
Capacità bagagliaio litri 526/1726
Pneumatici (di serie) 225/60 R17

 

Subaru Outback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
15
20
10
12
VOTO MEDIO
3,1
3.1
70
Aggiungi un commento
Ritratto di follypharma
25 settembre 2013 - 11:55
2
per quanto tecnicamente valida, specialmente la pregevole trazione 4x4, offre ad un prezzo troppo altro un pacchetto non all'altezza : il motore e' un pochino sottodimensionato rispetto alla concorrenza, le finiture certamente non adeguate ..il cambio automatico e' di tipo superato se confrontato con i moderni doppia frizione .. inoltre esteticamente non si puo' certo definire la subaru piu' seducente di sempre.. in sostanza la cosa piu' pregevole che ha da offrire, cioe' la trazione 4x4, non e' sufficiente e giustificarne prezzo e velleita'... ed infatti se ne vendono col contagocce e certamente non versioni fulloptional carissime come questa ma ben piu' base, per chi vuole andare dappertutto senza tante pretese di estetica e finiture ne' tantomeno di prestazioni e la macchina la tiene fino a quando cammina ( la svalutazione subaru e' ferocissima)
Ritratto di dumbo54
26 settembre 2013 - 12:52
1
Prima di parlare, o di scrivere, sarebbe opportuno documentarsi. Il cambio automatico Lineartronic non è affatto superato rispetto ai moderni doppia frizione, semplicemente è diverso, e comunque è modernissimo: infatti è stato sviluppato da Subaru nel 2009, e solo oggi arriva sul diesel, presumo per problematiche legate alla gestione della coppia, che nei diesel è più cospicua rispetto ai motori a benzina. Da fortunato possessore di un'Outback bifuel del 2010, dotata di cambio Lineartronic, posso assicurare che la prontezza di cambiata e la fluidità sono al livello dei migliori doppia frizione. Motore: ha mai provato il boxer diesel? Non credo, altrimenti avrebbe certamente apprezzato la silenziosità, sconosciuta alla maggior parte dei propulsori diesel di altri costruttori, e la disponibilità di coppia in un range di regimi di rotazione particolarmente ampio: è un motore meno brutale di tanti altri, ma certamente più progressivo. Finiture: vero, le plastiche sono rigide. Ma la mia, dopo 184.000 km, non fa nemmeno un rumorino... E il comfort di marcia e di guida è al livello di modelli ben più blasonati ( e cari). Svalutazione: si svalutano come tutte le altre.. forse c'è il vantaggio di una notevole fedeltà alla marca, generalmente chi ha avuto una Subaru cerca un'altra Subaru, è certamente un mercato di nicchia, ma non funziona male. Costi: qui non posso che darle ragione, i listini sono decisamente alti. Però anche in Subaru si trovano sconti e chilometri zero..
Ritratto di dumbo54
26 settembre 2013 - 12:52
1
Prima di parlare, o di scrivere, sarebbe opportuno documentarsi. Il cambio automatico Lineartronic non è affatto superato rispetto ai moderni doppia frizione, semplicemente è diverso, e comunque è modernissimo: infatti è stato sviluppato da Subaru nel 2009, e solo oggi arriva sul diesel, presumo per problematiche legate alla gestione della coppia, che nei diesel è più cospicua rispetto ai motori a benzina. Da fortunato possessore di un'Outback bifuel del 2010, dotata di cambio Lineartronic, posso assicurare che la prontezza di cambiata e la fluidità sono al livello dei migliori doppia frizione. Motore: ha mai provato il boxer diesel? Non credo, altrimenti avrebbe certamente apprezzato la silenziosità, sconosciuta alla maggior parte dei propulsori diesel di altri costruttori, e la disponibilità di coppia in un range di regimi di rotazione particolarmente ampio: è un motore meno brutale di tanti altri, ma certamente più progressivo. Finiture: vero, le plastiche sono rigide. Ma la mia, dopo 184.000 km, non fa nemmeno un rumorino... E il comfort di marcia e di guida è al livello di modelli ben più blasonati ( e cari). Svalutazione: si svalutano come tutte le altre.. forse c'è il vantaggio di una notevole fedeltà alla marca, generalmente chi ha avuto una Subaru cerca un'altra Subaru, è certamente un mercato di nicchia, ma non funziona male. Costi: qui non posso che darle ragione, i listini sono decisamente alti. Però anche in Subaru si trovano sconti e chilometri zero..
Ritratto di M93
25 settembre 2013 - 13:09
La Outback, come anche la Legacy, mi è sempre piaciuta come vettura. E' ben costruita, nonostante la finitura interna non sia eccelsa, e sullo sterrato ha ben poche rivali in questa categoria. L'automatico con il motore a gasolio finalmente è arrivato anche in Italia, come sempre all'estero è già presente da tarda primavera.
Ritratto di Bounty Killer
25 settembre 2013 - 15:32
La Outback, nel complesso, non è male: da buona Subaru di razza ha nella meccanica (e, in particolare, nella trazione integrale) il suo più grande punto di forza, sebbene alcune soluzioni potrebbero esser più... "al passo coi tempi". Il design esterno, seppur notevolmente migliorato rispetto il passato, rimane ancora troppo legato ai gusti del solo pubblico giapponese e, in generale, asiatico, dimenticando che altrove non tutti lo apprezzano altrettanto. Molto bello, invece, l'abitacolo che si presenta gradevole e rifinito a dovere, pur difettando nella qualità di alcuni materiali. Piacevole pure il posto di guida, con cruscotto e plancia strumenti ben disegnati e funzionali. Nel complesso un bel "crossover", ma che meriterebbe maggiori cure ed attenzioni da parte di Subaru.
Ritratto di miscone
25 settembre 2013 - 18:54
1
stupenda ... un sogno ... ma che prezzo !!!
Ritratto di gixxs
26 settembre 2013 - 22:37
2
Splendida.
Ritratto di preoccupato
27 settembre 2013 - 11:10
stiamo solo scherzando 36000€ per un una 4 ruote motrici versione base,è da folli spendere un patrimonio,150 c.v.sono pochini per muovere 16.5 quintali a vuoto,e i consumi? boh-boh...............
Ritratto di GiorgioBG68
28 settembre 2013 - 06:58
1
ma molto caro, per il solito discorso dello sfavorevole cambio euro-yen...però per gli amanti del marchio, che vogliono una outback senza doversi per forza prendere un suv, e che vogliono un diesel (anzi, IL diesel, visto che questo motore non ha eguali in tutto il panorama automobilistico mondiale per architettura, coppia e linearità di funzionamento) con il cambio automatico, è una scelta quasi obbligata, a meno che si opti per la Passat Alltrack (ma i costi sono simili se non superiori, nonostante non ci sia alcuna penalizzazione dovuta al cambio)...ma tra le due io opterei per Subaru, sia per la loro mitica trazione integrale che per quel gioiello di boxer diesel, che una volta provato, diventa come una droga! Per preoccupato, vorrei segnalare che la Passat Alltrack viene fornita anche con motore da 140 cv...ma probabilmente, in questo caso, suppongo che non ci faresti caso.
Ritratto di preoccupato
28 settembre 2013 - 11:22
di auto non vanno per me,preferisco auto molto semplici e maneggevoli.