PRIMO CONTATTO

Toyota Hilux: va ovunque e a gran voce

Aggiornato nell’aspetto e nei contenuti tecnologici il maxi pick-up Toyota Hilux si conferma efficace nel fuori strada e a suo agio anche sull’asfalto. Brillante, ma rumoroso, il nuovo 2.8 diesel da 204 CV.
Pubblicato 04 novembre 2020
  • Prezzo (al momento del test)

    € 50.807
  • Consumo medio (dichiarato)

    11,3 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    185 grammi/km
  • Euro

    6d
Toyota Hilux
Toyota Hilux 2.4 D-4D Double Cab Invincible AWD Automatica
Nuovo look e maggior sicurezza

Il grande pick-up Toyota Hilux è fra i veicoli più longevi della casa giapponese: la prima generazione è del 1968 e l’attuale, l’ottava, è in vendita da cinque anni. Per quest’ultima arriva un aggiornamento che riguarda anche l’aspetto estetico. A cambiare è il frontale, con mascherina trapezoidale più massiccia e sviluppata in senso verticale, oltre al paraurti ancora più muscoloso. L’insieme accentua l’aspetto imponente della Toyota Hilux. 

Altra novità della Toyota Hilux è la dotazione di aiuti alla guida migliorata. Include il mantenimento in corsia, la funzione Stop&Go del cruise control adattativo, che consente l’arresto e la ripartenza automatica nelle code, oltre alla frenata automatica d’emergenza potenziata: ora può evitare urti anche con pedoni e ciclisti. Tutti dispositivi inclusi nel pacchetto Safety Sense 2, non previsto per la meno cara Comfort, a 976 euro per la Lounge e di serie per la Lounge 2.8, l’Executive e l’inedita Invincible. Quest’ultimo allestimento è il protagonista del test e si distingue per le ulteriori protezioni in plastica per l’arco dei passaruota e i dettagli esterni nero lucido, fra cui la cornice della mascherina (è color antracite per la Comfort o a effetto cromato per le Lounge e Executive). Nuovo anche il 2.8 turbodiesel da 204 CV della Toyota Hilux del test, che affianca il conosciuto 2.4 da 150 CV. In ogni caso la capacità di carico utile è pari a una tonnellata e quella di traino è di 3,5 tonnellate.

Da 32.537 euro

Già in vendita la rinnovata Toyota Hilux è sempre proposta nelle varianti Extra Cab a due porte e a quattro posti, e Double Cab (quella del test) con quattro porte e cinque posti. I prezzi partono da 32.537 euro per la più rude 2.4 D-4D Extra Cab Comfort 4WD da 150 CV, col cambio manuale a sei marce e altrettante ridotte, il differenziale posteriore bloccabile, e il climatizzatore manuale. Per disporre di una dotazione di serie più completa, occorre passare allo stesso modello in allestimento Lounge: nei 36.411 euro include i cerchi in lega di 17”, i fendinebbia, la retrocamera,  i retrovisori riscaldabili e ripiegabili elettricamente, oltre all’impianto multimediale con funzionalità Android Auto e Apple CarPlay. La più ricca 2.4 D-4D Double Cab Invincible 4WD da 204 CV, col cambio automatico a sei marce e altrettante ridotte, costa 50.807 euro. Sono di serie anche il navigatore, i sedili in pelle e le ruote di 18”. 

Lo spazio non manca

Nella variante Double Cab l’abitacolo della Toyota Hilux si conferma ampio e comodo. Fra le novità spicca il sistema multimediale con schermo tattile di 8”, contro i 7” del precedente, e la compatibilità per gli smartphone Android e Apple. La Invincible si distingue per la strumentazione analogica specifica (chiara e completa), gli inserti nero lucido nel volante e nella zona del cambio, che impreziosiscono un ambiente rifinito con apprezzabile cura. Non è del tutto convincente la disposizione di alcuni comandi secondari (come quelli per il lunotto termico e i sensori di distanza) nella zona inferiore sul lato sinistro della plancia: risultano nascosti. Inoltre, avanzando il sedile di guida, il ginocchio destro può urtare la manopola per gestire il sistema di trazione integrale, che sporge dalla consolle. Il cassone, ben accessibile dalla ribaltina, ha generose dimensioni: 156x184 cm.

Inarrestabile

Dotata di un robusto telaio a longheroni separato dalla carrozzeria la Toyota Hilux 2.4 D-4D Double Cab Invincible AWD Automatica ha tutto il necessario per affrontare il fuori strada impegnativo: la trazione integrale è inseribile (di base le ruote motrici sono quelle posteriori), il differenziale posteriore bloccabile e il cambio automatico ha anche le marce ridotte. Con 29 cm di “luce” a terra (cala a 22 cm nella zona fra l’asse posteriore e il suolo), angoli di attacco e di uscita rispettivamente pari a 29° e 26°, affrontare i dossi non è un problema e si possono anche superare guadi profondi 70 cm. 

Ha sprint e rumore

Nella guida su asfalto la Toyota Hilux 2.4 D-4D Double Cab Invincible AWD Automatica si fa apprezzare per la migliorata precisione dello sterzo, di buon livello per questo genere di veicoli, e per la rinnovata taratura delle sospensioni: hanno ridotto il rollio e garantiscono un maggior comfort. Tuttavia, negli avvallamenti e sulle sconnessioni è ancora avvertibile qualche sobbalzo. La trasmissione automatica è fluida viaggiando con un filo di gas, ma non risponde con prontezza quando si dà gas per effettuare rapidamente un sorpasso o se la si usa manualmente, spostando in avanti o indietro il selettore nel tunnel. Forte di 204 cavalli il nuovo 2.8 turbodiesel spinge in modo corposo e, aiutato dal turbocompressore a geometria variabile, fin dai bassi regimi. Il suo rombo, però, è avvertibile, soprattutto in accelerazione. Quanto al consumo, nel corso del test il computer di bordo ha indicato circa 10 km/l.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. C'è parecchio spazio, anche per cinque persone.
> Fuori strada. Grazie alla trazione integrale e alle marce ridotte, questo veicolo non teme fondi difficili.
> Motore. Ha una bella verve.
 
DIFETTI
> Cambio. Non molto svelto nel selezionare le sei marce.
> Comandi. Alcuni sono nascosti alla vista.
> Rumorosità. Quella del motore non è ben attutita.

SCHEDA TECNICA

Carburante gasolio
Cilindrata cm3 2755
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 150 (204)/3400 giri
Coppia max Nm/giri 500/1600-2800
Emissione di CO2 grammi/km 185
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio automatico a 6 marce + 6 ridotte + retromarcia
Trazione posteriore, integrale inseribile
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 185
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,7
Consumo medio (km/l) 11,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 533/186/182
Passo cm 309
Peso in ordine di marcia kg 2130
Dimensioni del cassone cm 156x184
Pneumatici (di serie) 255/60 R18
Toyota Hilux
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
40
27
26
22
46
VOTO MEDIO
3,0
2.95652
161


Aggiungi un commento
Ritratto di Flynn
4 novembre 2020 - 20:15
6
Ottima notizia, un mito che continua
Ritratto di Spock66
4 novembre 2020 - 20:43
Non fosse penalizzato da una assurda omologazione autocarro, sarebbe il sostituto ideale per gli orfani del Defender (quello vero)...
Ritratto di Andre_a
5 novembre 2020 - 09:19
9
La normativa, e soprattutto la sua applicazione, è meno peggio di quello che sembra a una prima occhiata.
Ritratto di Spock66
5 novembre 2020 - 10:10
Andrea, si e no. Innanzitutto non devi avere minori di 16 anni a bordo e devi fare la RCA come autocarro senza bonus-malus (non è detto che paghi di più, ma cmq è diverso). Poi in teoria non hai altre limitazioni, ma resta sempre il margine interpretativo del poliziotto di turno. Infatti, se guardi le schede anche informative della Toyota, ti scrivono che questo è un mezzo da lavoro.. la situazione dubbia c'è sempre.. se ti fermano il sabato alle 23, con compagna in abito da sera, qualche decerebrato potrebbe contestarti il fatto che non state andando a lavorare.. e in punta di regolamento non ha torto, perchè tu puoi usare un autocarro ad uso privato se sei da solo (e allora no problem), oppure per il trasporto di persone adibite al carico scarico.. certo devi trovare il rompiscatole invidioso, ma non è così impossibile..
Ritratto di Fiorenzo erba
5 novembre 2020 - 23:07
tutto sta a come viene registrato in fase di omologazione: L'AUTOCARRO N1 registrato USO PROPRIO è regolare e inattaccabile, poiché tale registrazione non presuppone alcun tipo di “reddito commerciale” e nessuno percepisce un corrispettivo in denaro durante il suo utilizzo, si tratterà di un semplice veicolo adibito al trasporto di cose con totale libertà di circolazione e trasporto privata e/o aziendale. Se intestato ad un'azienda sarà un bene strumentale detraibile, con le stesse concessioni di libero utilizzo.
Ritratto di Spock66
6 novembre 2020 - 08:39
Assolutamente no. Confondi il discorso fiscale con l'uso del mezzo. Un autocarro, come ho scritto, può essere usato esclusivamente dalle persone adibite al carico/scarico. Quindi niente minori 16 anni e gli altri passeggeri devono essere adibiti al carico/scarico. Col tacco 12 di sabato sera può essere discutibile (sempre dipende da chi trovi). La regola è questa.
Ritratto di luca_montaldo
6 novembre 2020 - 15:12
Assolutamente no
Ritratto di Fiorenzo erba
8 novembre 2020 - 23:08
Spock66 ti invito a visitare il sito di Vallistore.com dove viene spiegato quanto "siamo" ignoranti in materia
Ritratto di Marcello7
20 novembre 2020 - 18:36
Non vi è nessun dubbio, la carta di circolazione parla chiarissimo, AUTOCARRO.
Ritratto di Fiorenzo erba
20 novembre 2020 - 22:11
A questo punto bisogna fare una distinzione in base all’utilizzo che si intende fare del proprio pick-up. Le opzioni tra cui scegliere per l’immatricolazione di un “Autocarro di tipo N1” sono due: “Autocarro di tipo N1 – Uso proprio” = Destinazione d’uso privato e/o aziendale (registrazione non limitata nell’utilizzo del veicolo) “Autocarro di tipo N1 – Uso di terzi” = Destinazione d’uso a terzi (registrazione limitata nell’utilizzo nell’utilizzo del veicolo) Un pick-up leggero immatricolato come “Autocarro di tipo N1 – Uso proprio”, acquistabile da chiunque (anche un semplice privato) può essere guidato tutti i giorni (festivi inclusi) come una normale autovettura, sia dal proprietario, sia da amici e familiari, e può essere utilizzato per trasportare qualsiasi categoria di persone. In pratica un pickup immatricolato ad uso proprio si può utilizzare anche nel tempo libero, ad esempio per trasportare delle biciclette durante una gita fuoriporta con tutta la famiglia oppure caricare qualsiasi tipo di attrezzatura per il proprio hobby o sport preferito. SVEGLIATEVI
Pagine