PRIMO CONTATTO

Volkswagen ID.4: sempre ampia. E più brillante

Con 299 cavalli, la GTX è la versione più potente della suv elettrica Volkswagen ID.4 e anche l’unica 4x4. Oltre che scattante, è confortevole e spaziosa. Migliorabili, però, le finiture.
Pubblicato 13 dicembre 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 56.850
  • Autonomia (dichiarata)

    480 km
  • Tempo di ricarica (dichiarato)

    7,3 ore a 11 kW
  • Capacità batteria

    77 kWh
Volkswagen ID.4
Volkswagen ID.4 GTX
Anche sportiva

L’offerta della suv elettrica Volkswagen ID.4 si arricchisce della grintosa versione GTX. Al motore che muove le ruote posteriori, già presente nelle altre versioni e che in questo caso eroga 204 CV, se ne aggiunge un secondo (da 109 CV) collegato a quelle anteriori: la GTX è l’unica ID.4 a trazione integrale, e con i suoi 299 CV di potenza combinata è anche la più prestante. Normalmente, funziona solo il motore posteriore. Quando sono richiesti più dei suoi 204 CV o se le condizioni di guida lo suggeriscono (come affrontando una curva a forte velocità), interviene anche quello davanti. La gestione della trazione è fluida, e difficilmente ci si accorge dell’alternarsi fra le due unità a corrente. Con la modalità Traction, delle cinque selezionabili dallo schermo nella consolle, la trazione integrale diventa permanente: fino a 20 km/h il sistema tiene attivi i due motori, e le quattro ruote restano sempre in presa. Una funzione utile per affrontare i fondi più scivolosi, come neve e fango.

Una sola versione

La Volkswagen ID.4 GTX è già in vendita a 56.850 euro; inclusi nel prezzo il cruise control adattativo, un raffinato impianto multimediale con un chiaro schermo di 10” (e di 12” scegliendo il pacchetto Plus, che include l’head-up display a realtà aumentata e costa 1.625 euro), il navigatore e svariati servizi on line (gratuiti per i primi tre anni). Sempre di serie i sedili riscaldabili e i sensori anteriori e posteriori di distanza. Fra gli optional, le sospensioni a controllo elettronico (1.225 euro nel pacchetto Sport Plus), presenti nella Volkswagen ID.4 GTX del test, e i sedili più sportivi visibili nelle foto (pacchetto Top Sport Plus, a 3.500 euro): dispongono di poggiatesta integrato, supporto per le cosce allungabile, regolazioni elettriche e funzione di massaggio.

La Volkswagen ID.4 GTX mantiene le linee sobrie, con il frontale arrotondato e le fiancate sinuose, delle altre Volkswagen ID.4. Oltre alle ruote di 20”, a differenziarla sono alcuni dettagli, come lo spoiler anteriore e i fascioni nella parte inferiore delle porte in tinta con la carrozzeria. Rivisto anche il paraurti posteriore, più vistoso.

Comoda pure per cinque

L’abitacolo della Volkswagen ID.4 GTX si conferma spazioso, come nelle altre versioni. C’è agio a sufficienza anche per cinque adulti e chi siede al centro del divano non ha il tunnel fra i piedi: il pavimento è piatto. L’atmosfera è minimalista, anche troppo considerato il prezzo dell’auto, e alcune finiture lasciano a desiderare. Per esempio, le plastiche economiche scelte per il tunnel, il cassetto di fattura un po’spartana e la mancanza della rotella per regolare il flusso d’aria dei diffusori del climatizzatore. Gli assemblaggi, comunque, sono curati e a impreziosire l’abitacolo della GTX c’è il rivestimento in finta pelle blu e con cuciture rosse per plancia e porte. 

Tutta virtuale

Passando ai comandi della Volkswagen ID.4 GTX, il pur piccolo cruscotto digitale (5,3”) è di agevole lettura e fornisce le informazioni necessarie. I comandi secondari si gestiscono con eleganti tasti a sfioramento. Quelli nel volante, però, si possono attivare involontariamente e quelli del climatizzatore bizona nella consolle sono meno immediati delle classiche manopole. La posizione di guida alta è comoda e il sedile di serie, presente nell’auto che abbiamo guidato, è ben sagomato, non eccessivamente avvolgente, e completo di regolazione in altezza. Generosa la disponibilità di portaoggetti, fra cui l’ampio vano richiudibile nel tunnel. Grande, oltre che ben sfruttabile, è anche il bagagliaio con il pratico doppio fondo (può contenere i cavi di ricarica della batteria). 

Bella vispa

Nel test su strade collinari, la Volkswagen ID.4 GTX ha messo in mostra una notevole verve, con scatti decisi (specie nella modalità Sport), e molto grip sull’asfalto (a tratti viscido) grazie ai pneumatici di 20” e alla trazione 4x4. Complici le sospensioni attive opzionali, e tenendo conto di un peso che supera i 2100 kg, i cambi di direzione sono rapidi, gli inserimenti nelle curve precisi e la guida poco impegnativa. Lo sterzo rimane consistente anche nella modalità Comfort, è diretto quel tanto che basta ma, per una sportiva, ha una risposta un po’ “artificiale”. Potenti i freni, con un pedale leggermente spugnoso nella risposta.

Tuttavia, in certe condizioni, come nel traffico, non è sempre necessario premerlo: può bastare la “frenata rigenerativa”, quando in fase di rilascio il motore posteriore viene trascinato dalle ruote fungendo da generatore per ricaricare la batteria e rallentando l’auto. L’elettronica può variare la sua intensità in base ai dati forniti dal navigatore, come in prossimità di una curva o di un incrocio. Il guidatore della Volkswagen ID.4 GTX può, comunque, accentuare la frenata rigenerativa (per recuperare maggiore energia) inserendo la modalità Brake con la levetta a destra del cruscotto. Manca, però, la funzione “one pedal”, che non si limita a rallentare l’auto rilasciando l’acceleratore, ma anche ad arrestarla: nelle code è una comodità. 

Nonostante l’impostazione sportiva la Volkswagen ID.4 GTX non trascura il comfort. Anche impostando la taratura più rigida (la Sport), le sospensioni attive non fanno sobbalzare sulle buche. Convincente l’insonorizzazione dell’abitacolo: i fruscii sono ben attutiti. Quanto all’autonomia, la casa dichiara fino a 480 km con una ricarica. In attesa di una più precisa prova strumentale, possiamo dire che alla partenza del nostro test il computer di bordo indicava energia sufficiente per 358 km. Affrontati con brio 158 km di strade collinari, alla fine della prova il display ne prometteva altri 153. 

Secondo noi

PREGI
> Guida. Pur pesante, l’auto è scattante e anche agile.
> Funzione Traction. Questo sistema che mantiene le quattro ruote sempre in presa è utile per trarsi d’impaccio su neve e fango.
> Spazio. L’abitacolo è grande e il baule ha una buona capienza.

DIFETTI
> Finiture. Alcune plastiche, come quelle del tunnel, e dettagli quali il cassetto anteriore, non sono all’altezza del prezzo dell’auto.
> “One pedal”. Manca questa funzione utile nel traffico, che permette di arrestare l’auto senza premere il freno.
> Tasti a sfioramento. Si possono attivare involontariamente e non sono sempre pratici.

SCHEDA TECNICA

Motori (anteriore e posteriore) elettrici trifase
Potenza massima kW (CV)/giri 220 (299)/n.d.
Coppia max Nm/giri 460/n.d.
   
Batteria ioni di litio
Capacità kWh 77
Tensione volt 288
Tempo di ricarica 7 ore 30 min (a 11 kW)
Potenza max di ricarica 11 kW in corr. alternata
  125 kW in corr. continua
   
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 180 (autolimitata)
Accelerazione 0-100 km/h (s) 6,2
Autonomia (km) 480 (ciclo WLTP)
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 458/185/162
Passo cm 277
Peso in ordine di marcia kg 2149
Capacità bagagliaio litri 543/1575
Pneumatici (di serie) 235/50 R20 ant. 255/45 R20 post.

VIDEO

Volkswagen ID.4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
89
73
41
37
66
VOTO MEDIO
3,3
3.267975
306


Aggiungi un commento
Ritratto di Sprint105
13 dicembre 2021 - 19:18
Certo che i prezzi ormai sono impazziti. Cento milioni delle vecchie Lire per una suv senza troppe pretese. Da quello che leggo, almeno sembra che sia una bella macchina.
Ritratto di Truman200
13 dicembre 2021 - 19:28
Con k inflazione fra un Po non si riuscirà più ad acquistare le auto, solo i ricchi come una volta, e lo sciopero è ingiusto x governo e industriali
Ritratto di Matteo Bramucci
13 dicembre 2021 - 21:27
3 mila lire per un litro di latte 10 mila lire per un kilo di pane 4 mila lire per il corriere della sera quando ha l'inserto..... Tutto è cambiato!!!!
Ritratto di deutsch
14 dicembre 2021 - 17:35
4
beh non ha un prezzo diverso da un suv plugin di pari potenza, prestazioni e pari dimensioni, vedi su tutte rav 4 o omologa suzuki
Ritratto di OB2016
15 dicembre 2021 - 00:31
1
@Sprint105, non so in che bolla temporale lei continua a vivere, ma dopo 20 anni di €uro, come ha anche scritto Matteo Brambucci, lei dovrebbe aggiornare la sua borsa.
Ritratto di Er sentenza
16 dicembre 2021 - 12:48
Ob2016, non so in che bolla temporale lei continua a vivere, ma dopo 20 anni di €, lei dovrebbe accorgersi che lo stipendio dell'italiano medio non si e' mai aggiornato a queste speculazioni sui prezzi. Se poi parliamo dei prezzi delle auto elettriche....chiamare speculazione 57k per questo furgoncino e' fargli un complimento.
Ritratto di Siux
30 dicembre 2021 - 13:04
Nel 1993 mio padre comprò una Thema da £40.000.000 e mio nonno lo sfotteva che con £1.500.000 nel 1963 comprò una fiat 1300 a suo dire anche superiore...
Ritratto di ConteBerengario
6 gennaio 2022 - 13:51
Che comparazione e'?! I salari con la Scala mobile salivano e coprivano l inflazione. Con l Euro si e aumentata la ricchezza di chi ha e diminuito il potere di acquisto di chi non ha. Sono dati incontrovertible.
Ritratto di Alvolantino
13 dicembre 2021 - 19:52
L'elettrico ormai é diventato un nuovo standard, le termiche hanno sempre meno senso con le loro prestazioni inferiori, problemi vari e inquinamento continuo. Go Electric!
Ritratto di Verde Passero
13 dicembre 2021 - 20:06
Qualcuno si offende se a questo punto, proprio qui sotto, io invoco LORENZ?
Pagine