PROVATE PER VOI

Alfa Romeo Giulia: gran guida e più sicurezza

Prova pubblicata su alVolante di
ottobre 2020
Pubblicato 05 agosto 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 49.000
  • Consumo medio rilevato

    11,8 km/l
  • Emissioni di CO2

    144 grammi/km
  • Euro

    6d-Temp
Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo 200 CV Sprint AT8

L'AUTO IN SINTESI

Costruita sulla piattaforma “Giorgio” comune alla suv Stelvio, l’Alfa Romeo Giulia ha un aspetto sobrio, che miscela eleganza a sportività. L’abitacolo è ben realizzato, discretamente spazioso e con una classica strumentazione analogica; buona la capienza del baule. Il 2.0 turbo a benzina da 201 CV, abbinato a un valido cambio automatico a otto rapporti che trasmette il moto alle ruote posteriori, è fluido, brioso e non troppo assetato. Entrambi assecondano la guida brillante, dove la Giulia regala molte soddisfazioni, ma anche quella rilassata. Considerato il prezzo, però, la dotazione di serie non è delle più ricche. E i fari sono bixeno: oggi tutte le rivali usano quelli a led. 

Posizione di guida
5
Average: 5 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Aiuti alla guida
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

All’occorrenza sa far divertire

Lanciata nel 2016, l’Alfa Romeo Giulia ha un aspetto ancora attuale, con il frontale aggressivo dominato dal “trilobo” formato dallo scudetto e dalle due prese d’aria nel paraurti, le fiancate snelle e la coda corta e filante. Pertanto gli aggiornamenti si concentrano sui contenuti tecnologici. Debuttano un più moderno sistema multimediale, completo di tutte le funzionalità oggi considerate indispensabili, e i dispositivi di guida semiautonoma (nel pacchetto Driver Assistance Plus): gestendo acceleratore, freni e sterzo, possono muovere l’auto da soli (ma le mani vanno comunque tenute sul volante). Sistemi che innalzano notevolmente il comfort, soprattutto in coda e nelle trasferte autostradali.

L’abitacolo dell'Alfa Romeo Giulia si conferma accogliente e sportivo; cambia la zona del tunnel, che presenta vani aggiuntivi (fra cui quello per il dispositivo di avviamento del motore) e una leva del cambio più ricercata, con un piccolo tricolore alla sua base. Anche con i 201 CV del meno potente tra i 2.0 turbo a benzina (l’altro ne ha  280), le prestazioni sono elevate e la guida di alto livello. L’auto è agile, lo sterzo diretto e preciso e il cambio automatico, di tipo classico con convertitore di coppia, molto svelto. Lo sportiveggiante allestimento Sprint ha di serie i cerchi di 18”, i fari bixeno e la retrocamera, ma fa pagare a parte dispositivi irrinunciabili in un’auto di questo calibro: dal navigatore ai nuovi aiuti alla guida, fra cui l’avviso di colpo di sonno e il mantenimento in corsia (nel Driver Assistance pack).

Nei crash test dell’Euro NCAP, l’Alfa Romeo Giulia è uscita a testa alta: ha conquistato cinque stelle (il massimo punteggio), evidenziando un’elevata protezione per i passeggeri, soprattutto negli impatti frontali. Va detto, però, che le prove risalgono al 2016, quando i parametri di giudizio erano un po’ meno completi e severi. 

VITA A BORDO

4
Average: 4 (1 vote)
E’ cambiata dove serviva

Plancia e comandi
La plancia “a onda” dell’Alfa Romeo Giulia è gradevole e ingloba un nuovo display di 8,8” per l’impianto multimediale. Oltre a gestirsi con la manopola nel tunnel (che dà una sensazione di maggior “consistenza” rispetto a prima), ora è anche “touch” e organizzato in pratici widget: icone animate da cui comandare le varie funzioni (come la radio), che si possono spostare sul monitor. Altre novità sono la ricarica senza filo per gli smartphone (optional), la connessione Wi-Fi e funzioni online come My Remote (con cui, fra l’altro, aprire le porte a distanza col telefonino) e My Navigation (dà informazioni sul traffico). Il cruscotto, di tipo analogico (non previsto quello digitale), mantiene la tradizionale la forma a binocolo delle Alfa Romeo e fornisce in modo chiaro molte informazioni (in particolare nello schermo centrale di 7”, aggiornato nella grafica).

Abitabilità
L’interno dell’Alfa Romeo Giulia è accogliente. Davanti c’è tutto l’agio necessario e si viaggia seduti piuttosto in basso. L’auto del test era dotata di sedili più fascianti, a regolazione elettrica, e con il cuscino allungabile: offerti come optional, garantiscono una postura più sportiva, ma comunque confortevole. Il divano, un po’ infossato, è sagomato per accogliere bene due adulti: nel mezzo la seduta risulta scomoda e si ha il tunnel (molto ingombrante) fra i piedi. Non mancano i diffusori dell’aria del “clima” inseriti nel mobiletto fra i sedili.

Bagagliaio
Per un’auto di questa categoria, il baule dell’Alfa Romeo Giulia ha una buona capienza: 480 litri. Il vano ha una forma regolare, e come optional si può avere lo schienale in tre parti reclinabili (agendo su due comode leve poste sotto la cappelliera). Le operazioni di carico sono facilitate dalla soglia non troppo distante dal suolo: 67 cm.

COME VA

5
Average: 5 (1 vote)
Una bella guida

In città
Nel traffico l’Alfa Romeo Giulia consuma parecchio (abbiamo misurato 8,8 km/litro), ma la pronta risposta del 2.0 consente di muoversi con disinvoltura e il cambio automatico seleziona con dolcezza le otto marce. Bene anche lo sterzo, che è diretto e non pesante da azionare; le sospensioni a controllo elettronico optional aiutano a mitigare un po’ i sobbalzi sullo sconnesso, dovuti ai pneumatici antiforatura di 18” (dalla spalla molto rigida). 

Fuori città
Molto rapida nei cambi di direzione e precisa negli inserimenti in curva, l’Alfa Romeo Giulia invoglia a una guida spigliata. Soprattutto dopo aver selezionato col pomello nel tunnel centrale la più sportiva delle tre modalità di guida: in Dynamic, lo sterzo acquista consistenza, la trasmissione tiene più a lungo le marce basse e le sospensioni s’irrigidiscono. Inotre, la frenata potente e la salda tenuta di strada infondono sicurezza. Nella più “tranquilla” modalità Natural, e sul nostro classico percorso di prova, abbiamo rilevato 13,5 km/l.

Autostrada
Col due litri che a 130 km/h lavora a 2150 giri in ottava marcia, si viaggia in souplesse. Merito, oltre che di motore e cambio, della buona insonorizzazione e dell’efficacia dei sistemi di guida autonoma (mantengono la vettura al centro della corsia e regolano la velocità anche in base al traffico). Dopo i rallentamenti la ripresa è decisa, mentre a 130 orari il consumo non è esagerato (12,3 km/l).

PERCHÈ SÌ

GUIDA
Grazie allo sterzo diretto, al brillante 2.0 ben accordato al cambio e alle valide sospensioni “intelligenti”, dà soddisfazione.

SICUREZZA 
Ora si possono avere i moderni dispositivi capaci anche di muovere l’auto in semiautonomia.

SISTEMA MULTIMEDIALE 
È migliorato. Offre un nitido monitor tattile e la pratica gestione con i widget. 
tunnel Ha un maggior numero di portaoggetti ed è impreziosito dalla nuova leva del cambio in pelle.

PERCHÈ NO

DOTAZIONE DI SERIE 
Considerato il prezzo dell’auto, potrebbe essere più ricca e includere, per esempio, l’allarme contro il colpo di sonno.

FARI 
Sono previsti soltanto quelli bixeno. Anche auto meno costose offrono le più moderne luci full led, e molte rivali quelle a matrice, ben più efficaci. 

CRUSCOTTO 
Le concorrenti offrono anche quello virtuale.

QUINTO POSTO 
Non si può dire confortevole.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 148 (201)/4500
Coppia max Nm/giri 330/1750
Emissione di CO2 grammi/km 144
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 464/186/144
Passo cm 282
Peso in ordine di marcia kg 1429
Capacità bagagliaio litri 480
Pneumatici (di serie) 225/45 R18

 

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 5000 giri   236,7 km/h 235 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 6,9   6,6 secondi
0-400 metri 15,0 148,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 27,6 189,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 26,2 190,6 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 25,1 191,4 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,2   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 5,0   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   8,8 km/litro 12,2 km/litro
Fuori città   13,5 km/litro 18,9 km/litro
In autostrada   12,3 km/litro non dichiarato
Medio   11,8 km/litro 15,6 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   36,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   60,7 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,2 metri 10,8

 

Alfa Romeo Giulia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1254
214
105
114
205
VOTO MEDIO
4,2
4.161735
1892


Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
5 agosto 2021 - 18:40
1
È stato omesso che è valutabile l'acquisto solo se si ha memoria dei fasti passati...
Ritratto di DigitalHunter
5 agosto 2021 - 18:43
Ahaha esatto... je devi portà le foto tue sulla Giulia Super del 73 sennò nun te la danno. Ecco spiegato perché non la vendono
Ritratto di Check_mate
5 agosto 2021 - 18:45
1
difatti io la amo, ma seriamente la amo, ma temo non mi facciano entrare manco in conce
Ritratto di Meandro78
5 agosto 2021 - 19:01
Hai detto brutte cose sulla memoria del grande salvatore degli alfiattari, maglioncino primo?
Ritratto di bebbo
5 agosto 2021 - 19:45
Macché, se gli fai vedere la grana o meglio ancora vai di finanziamento li fai belli che felici e anzi meno ne sai di auto in generale prima ancore che di tradizione delle stesse e meglio sarà per loro, in generale non solo per Alfa ma per tutti i marchi ovviamente. Sai quante ne avranno vendute al tempo, e con che piacere, di Serie 1 che i clienti nemmeno sapevano da che lato avesse la trazione né tanto meno lontanamente a immaginare poi per quale motivo la avesse da quel lato in quanto BMW.
Ritratto di bebbo
5 agosto 2021 - 19:49
Loro ovviamente preparano il prodotto per la clientela che ne sa e ne apprezza caratteristiche e sfumature, ma gli sta bene anzi benissimo se arriva quello/a che compra solo perché il marchio è di moda, o perché fra 2 anni già sa che la rivenderà e avrà ancora un controvalore buono, o perché il taeg è 8% invece che 8,05%.
Ritratto di Autolive
7 agosto 2021 - 00:35
I soliti commenti delle solite teste di c... capaci solo di girare col girello dei neonati
Ritratto di Ale776
7 agosto 2021 - 15:40
1
Preferirei girare col girello dei neonati piuttosto che con una fumante 166 che sta più tempo dal meccanico che in strada.
Ritratto di Check_mate
8 agosto 2021 - 07:15
1
@Autolive Per fortuna che ci sei te che coi tuoi interventi altamente qualificati alzi il livello della discussione. Ah, complimenti per l'educazione, esemplare
Ritratto di Flynn
5 agosto 2021 - 20:45
Che è valutabile solo da chi ha memoria degli antichi fasti e’ implicito. Solo un Alfista D.O.C. la può comprare. L’importante è la guida per il resto chiudiamo gli occhi. Vale oggi come valeva 40 anni fa .
Pagine
Annunci

Alfa romeo Giulia usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Alfa romeo Giulia usate 201616.95021.40012 annunci
Alfa romeo Giulia usate 201710.98027.58048 annunci
Alfa romeo Giulia usate 201818.49027.06031 annunci
Alfa romeo Giulia usate 201918.30032.26034 annunci
Alfa romeo Giulia usate 202026.40035.87052 annunci
Alfa romeo Giulia usate 202135.20038.85016 annunci

Alfa romeo Giulia km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Alfa romeo Giulia km 0 201828.90028.9405 annunci
Alfa romeo Giulia km 0 201929.90047.3508 annunci
Alfa romeo Giulia km 0 202032.20040.31023 annunci
Alfa romeo Giulia km 0 202133.99041.860106 annunci