PROVATE PER VOI

Alfa Romeo Giulia: è la meno potente, ma la guida convince sempre

Prova pubblicata su alVolante di
aprile 2019
Pubblicato 05 novembre 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 42.450
  • Consumo medio rilevato

    16,8 km/l
  • Emissioni di CO2

    131 grammi/km
  • Euro

    6 d-Temp
Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia 2.2 Turbo 160 CV Super AT8

L'AUTO IN SINTESI

L’Alfa Romeo Giulia è una berlina sportiva che non rinuncia a un certo comfort: il molleggio è buono. Punto di forza, però, è il piacere di guida. Lo sterzo, molto diretto e mai pesante, è esemplare per precisione e quantità di informazioni trasmesse al guidatore; promosso a pieni voti anche il cambio automatico a otto marce, davvero reattivo. L’auto provata è la meno potente della gamma, ma i 160 CV sono vivaci: specie in Dynamic, il motore ha una spinta corposa dopo i 2000 giri (ma non oltre i 4000). La sua “voce”, però, si fa un po’ sentire. Non molti gli aiuti alla guida, ma con l’aggiornamento di fine 2019 sono arrivati quelli più moderni, e un infotainment “touch” al passo con i tempi.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Aiuti alla guida
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Meno cavalli non vuol dire meno divertimento

Con i 160 CV del suo turbodiesel, è l'Alfa Romeo Giulia meno potente. Ma conserva le caratteristiche dinamiche che rendono speciali le sue “sorelle”, a partire dallo sterzo preciso e dal cambio automatico fulmineo. Anche la generosa coppia motrice, di 450 Nm, è la stessa della 2.2 Turbo da 190 CV; qui, però, l’allungo verso gli alti regimi è meno deciso. L’auto c’è anche con il cambio manuale, ma in questo caso si “perdono” 50 Nm (per salvaguardare la trasmissione). Ben tarato l’assetto: l’auto è molto agile, sempre composta e niente affatto scomoda, visto che le sospensioni assorbono con efficacia. Non male neppure l’insonorizzazione: si nota solo la “voce” roca del motore in accelerazione. 

Escludendo la Business (che fa spendere qualche centinaio di euro in meno e ha in più il navigatore, ma è poco personalizzabile) la Super del test è la meno costosa. Da arricchire però la dotazione di questa Alfa Romeo Giulia: di serie c’è solo la frenata automatica, mentre il controllo dell’angolo cieco è nel pacchetto Driver Assistance Plus. L’Executive costa un po’ di più, ma aggiunge contenuti utili per tre volte il sovrapprezzo richiesto: dal cruise control adattativo ai sensori di distanza anteriori, dal Gps con schermo grande alla retrocamera, dal divano ripiegabile ai sedili regolabili elettricamente. Assenti gli aiuti alla guida più moderni, che però arrivano a gennaio del 2020, con le Giulia aggiornate. Queste hanno anche un nuovo sistema multimediale con schermo sensibile al tocco, che rende molto più agevole usare Android Auto e Apple CarPlay. Nei test del 2016, l’EuroNCAP ha assegnato alla Giulia cinque stelle: valida la protezione degli occupanti (anche se bambini) mentre quella per i pedoni investiti non è risultata adeguata in alcuni punti. Valida la frenata automatica (di serie).

VITA A BORDO

4
Average: 4 (1 vote)
È “cucita” addosso al guidatore

Plancia e comandi
Che l'Alfa Romeo Giulia sia un’auto “da guidare” lo si capisce impugnando il volante, correttamente sagomato e con il pulsante d’avviamento integrato. Subito dietro, le due lunghe palette in alluminio del cambio, fissate al piantone come nelle supercar: si pagano a parte, ma sono soldi davvero ben spesi. Il cruscotto “a binocolo” con lancette è una tradizione della casa e risulta ben leggibile; al centro c’è uno schermo di 7'' a colori (optional). Di qualità montaggi e materiali: soltanto alcuni dettagli (come il pomello del cambio) sono realizzati con plastiche di qualità mediocre. Consigliato il pacchetto Clima: comprende anche due prese Usb extra e il cassetto destro refrigerato. Il retrovisore autoanabbagliante si paga a parte, come anche il navigatore (e quello con schermo di 8,8’’ anziché di 6,5, Android Auto, Apple CarPlay e la radio Dab è caro). L’Alfa Connected (altro optional) consente di controllare lo stato e la posizione della vettura dal cellulare (per il quale manca, però, la ricarica wireless).

Abitabilità
A dispetto della linea filante, davanti si viaggia bene. Sul divano due adulti stanno comodi, ma il terzo sconta la seduta sporgente e il poco spazio per le gambe. La posizione di guida è sportiva, con volante verticale, seduta bassa, gambe distese e regolazioni elettriche (optional)

Bagagliaio
L'Alfa Romeo Giulia è allineata alle migliori rivali quanto a praticità, ma lo schienale frazionato in tre parti, ripiegabile mediante pratiche leve, si paga a parte.

COME VA

5
Average: 5 (1 vote)
Tutta da guidare. E neppure scomoda

In città
Col contributo del cambio automatico, l'Alfa Romeo Giulia spinge forte dai bassi giri; buono l’assorbimento di tombini e rotaie, a dispetto dei cerchi di 18’’ e delle gomme antiforatura (optional). Consigliato il pacchetto Driver Assistance Plus, con anche la retrocamera e i sensori di distanza anteriori (quelli posteriori sono di serie): il lungo cofano non aiuta in manovra e dietro si vede poco. Non male i 13,9 km/l rilevati nel consueto percorso di prova.

Fuori città
Alla prima curva si capisce di aver speso bene i propri soldi: lo sterzo è preciso come pochi. In Dynamic il cambio è più reattivo (fulminea la risposta delle palette) e l’Esp, non disattivabile, lascia un po’ di libertà: interviene solo se serve, grazie al comportamento equilibrato dell’auto. I cerchi di 18’’ con pneumatici runflat più larghe dietro (tutto da pagare a parte) rendono i limiti di aderenza molto elevati. Buona la spinta del 2.2, anche se concentrata soprattutto ai medi regimi. Quanto ai consumi, senza troppi sforzi si sfiorano i 20 km/l (19,6 quelli rilevati con i nostri strumenti).

In autostrada
A 130 km/h effettivi il 2.2 dell'Alfa Romeo Giulia lavora a 1800 giri e “beve” poco (si fanno 16,1 km/l); non è neppure  rumoroso e assicura riprese vivaci dopo i rallentamenti. A tutta prova la stabilità e discreta l’insonorizzazione, benché qualche fruscio si noti. Efficace (ma anche questo a pagamento), il cruise control adattativo.

PERCHÈ SÌ

Cambio
Rapido e fluido, in modalità manuale non passa da solo al rapporto successivo e può avere grandi leve solidali al piantone.

Guida
La vettura coniuga agilità e tenuta di strada, senza sacrificare il comfort. E il diesel da 160 CV (il meno potente) è tutt’altro che sottodimensionato.

Sterzo
Esemplare per risposta e precisione, è corretto anche nel “peso” in ognuna delle modalità di guida, e pure in manovra.

PERCHÈ NO

Dotazione
Si pagano persino lo specchietto che si oscura e la luce nel parasole: per averla “come si deve”, meglio passare alla Executive.

Quinto posto
Il divano è sagomato per accogliere comodamente solo due persone: al centro “si soffre”.

Sistema multimediale
Schermo di 8,8’’, Gps, Android Auto e Apple CarPlay (peraltro macchinosi da usare senza lo schermo tattile) costano cari. E neppure pagando si può avere la ricarica wireless.

SCHEDA TECNICA

Carburante gasolio
Cilindrata cm3 2143
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 118 (160)/3250
Coppia max Nm/giri 450/1750
Emissione di CO2 grammi/km 131
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 464/186/144
Passo cm 282
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 1445
Capacità bagagliaio litri 480/n.d.
Pneumatici (di serie) 225/50 R17
Serbatoio litri 52

 

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 3800 giri   220,5 km/h 220 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 8,0   8,1 secondi
0-400 metri 15,8 140,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 29,1 179,4 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 27,6 179,8 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 26,4 180,6 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,6   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 6,0   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,9 km/litro 16,1 km/litro
Fuori città   19,6 km/litro 23,8 km/litro
In autostrada   16,1 km/litro non dichiarato
Medio   16,8 km/litro 20,0 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   58,5 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   131 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri 10,8

 

Alfa Romeo Giulia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1175
197
98
109
196
VOTO MEDIO
4,2
4.152675
1775
Aggiungi un commento
Ritratto di paolobanchini
6 dicembre 2019 - 17:12
g
Ritratto di sergioxxyy
9 dicembre 2019 - 08:54
visto che fanno 4 auto farle anche decentemente e questo è il caso (idem per Stelvio e 4c ma non per la Giulietta oramai quasi del tutto obsoleta)
Ritratto di Leon70
18 marzo 2020 - 20:33
1
Straordinaria... Peccato costi un pacco di euro.
Ritratto di nicoloilaria
2 aprile 2020 - 10:23
2
Ottima auto, si guida benissimo, motore 160 cv azzeccato . Bella vettura, semplice nelle rifiniture ma elegante.
Annunci

Alfa romeo Giulia usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Alfa romeo Giulia usate 201614.88023.81032 annunci
Alfa romeo Giulia usate 201717.40023.020128 annunci
Alfa romeo Giulia usate 201819.40025.41074 annunci
Alfa romeo Giulia usate 201922.90033.52024 annunci
Alfa romeo Giulia usate 202045.90047.6003 annunci

Alfa romeo Giulia km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Alfa romeo Giulia km 0 201629.00031.4502 annunci
Alfa romeo Giulia km 0 201730.49033.7002 annunci
Alfa romeo Giulia km 0 201825.80032.89039 annunci
Alfa romeo Giulia km 0 201927.90036.09043 annunci
Alfa romeo Giulia km 0 202028.50039.50032 annunci