PROVATE PER VOI

Audi A8: vince in tecnologia e maneggevolezza

Prova pubblicata su alVolante di
maggio 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 93.800
  • Consumo medio rilevato

    14,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    152 grammi/km
  • Euro

    6
Audi A8
Audi A8 50 TDI 3.0 quattro tiptronic
L'AUTO IN SINTESI

A trazione integrale come in passato, la rinnovata Audi A8 è una grande e lussuosa berlina (513 cm di lunghezza) che in quest’ultima edizione può contare sui più avanzati sistemi di assistenza alla guida (alcuni, però, a pagamento), oltre che sulle ruote posteriori sterzanti (altro optional) che la rendono eccezionalmente maneggevole. Il poderoso 3.0 diesel da 286 CV funziona in perfetto accordo con il cambio automatico a 8 marce, e quando la vettura procede per inerzia si spegne per risparmiare carburante (riducendo le emissioni); al suo riavvio provvede un motore elettrico alimentato da una batteria a 48 V (a sua volta caricata dal sistema che recupera l’energia cinetica nei rallentamenti): anche se non è collegato alle ruote, è sufficiente perché la vettura sia omologata come ibrida. Il prezzo, elevato, è giustificato dalla qualità costruttiva e dai contenuti, ma non esime da qualche esborso extra per integrare la dotazione (a esempio aggiungendo la radio Dab).

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
5
Average: 5 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Aiuti alla guida
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
La sobria eleganza del futuro

Nuova da cima a fondo, l’Audi A8 resta fedele alla trazione integrale ma mette sul piatto le inedite ruote posteriori sterzanti (optional): una soluzione che rende quest’ammiraglia sorprendentemente maneggevole, ancor più se si tiene contro dei 517 cm di lunghezza e dei tre metri tondi di passo. Volendo, c’è pure la versione allungata di 13 cm, che vanno a tutto vantaggio di chi viaggia nella zona posteriore dell’abitacolo, tanto lussuoso nei materiali quanto sobrio nello stile (del resto, anche le linee della carrozzeria sono più filanti che appariscenti). Allo stato dell’arte l’elettronica di bordo: sebbene la guida autonoma non sia ancora disponibile (per ragioni legate alle attuali normative), nel Pacchetto Assistenza Tour (optional) ci sono sistemi quali quello che aiuta a evitare gli ostacoli, o la frenata automatica che agisce pure quando, mentre si svolta “tagliando” la corsia opposta, sopraggiunge un veicolo in direzione contraria. Non manca il cruise control adattativo che interagisce con il mantenimento di corsia (dando luogo a un sistema di guida semi-autonoma): basa il suo funzionamento sui dati raccolti da telecamere, radar e lidar (dispositivo basato non su onde radio ma su un raggio laser, e montato dietro l’ampia e prominente griglia anteriore). Non ancora disponibili, tuttavia, i risultati dei test Euro NCAP.

L'Audi A8 in prova, equipaggiata con il sei cilindri 3.0 a gasolio da 286 CV (l’alternativa è la 55 TSI a benzina, con la stessa cubatura e frazionamento ma erogante 340 CV), è omologata come ibrida e quindi può godere delle agevolazioni stabilite da alcune amministrazioni locali (a esempio l’esenzione dal pagamento della sosta); tuttavia, il suo motore elettrico non “aiuta” quello termico (i consumi sono simili a quelli delle rivali “normali”) ma si limita a riavviarlo – dato che questo si spegne se la vettura avanza per inerzia – sfruttando l’energia accumulata durante i rallentamenti e immagazzinata in una batteria a 48 V. Imperiose l’accelerazione e la ripresa (grazie pure al vellutato ma veloce cambio automatico a 8 marce) e inappuntabile il comfort. A quest’ultimo proposito, la situazione dovrebbe migliorare con le sospensioni regolabili singolarmente in tempo reale (tramite quattro motori elettrici) in base alle informazioni fornite da una telecamera che “legge” il manto stradale, optional non ancora disponibile al momento della prova. Quanto al prezzo, l’Audi A8 è in linea con le rivali, anche se qualche aggiunta obbligatoria fa lievitare l’assegno da staccare: i fari full led con abbaglianti assistiti sono standard, ma si pagano a parte accessori irrinunciabili come la radio Dab, il monitoraggio dell’angolo cieco, l’avviso anti-colpo di sonno o lo sblocco automatico delle porte (in pacchetto con il rilevamento del traffico in arrivo dietro la vettura).

VITA A BORDO
5
Average: 5 (1 vote)
Due schermi, tanto lusso

Plancia e comandi 
I materiali sono raffinati, ma i rivestimenti in pelle estesi alla plancia e ai poggiabraccia (in pacchetto con le tendine elettriche posteriori) costano cari, come pure le luci soffuse che corrono anche su porte, tunnel e soffitto (30 i colori a scelta), o gli spot di lettura orientabili a matrice di led. Il navigatore, di serie, sfrutta un display centrale di 10,1” (che con sovrapprezzo può essere integrato con Android Auto/Apple CarPlay e con impianti hi-fi di qualità superiore, con 17 o 23 altoparlanti). Appena sotto di esso c’è un touch screen di 8,6” per gestire il “clima” e, a vettura ferma, scrivere gli indirizzi di destinazione; nel farlo, si può sfruttare la larga leva del cambio come appoggiapolso. Intuitivi da usare anche i tasti che nell’Audi A8 comandano funzioni secondarie, come quello a sfioramento a sinistra del volante che permette di ottimizzare l’emissione dei fari full led per il brutto tempo. Standard lo scenografico cruscotto virtuale configurabile, che può mostrare pure le mappe di navigazione riducendo le dimensioni dei restanti indicatori.

Abitabilità  
Lo spazio è parecchio in tutte le direzioni, ma per le registrazioni elettriche del supporto lombare, dei fianchetti e dei poggiatesta dei sedili davanti si deve sborsare un extra, come del resto per i pannelli delle porte in Alcantara (abbinati ai rivestimenti in pelle Valcona).
L’Audi A8 della prova era provvista anche delle due ampie poltrone posteriori (optional): dotate di regolazioni elettriche attuabili tramite un tablet asportabile di 5,7” (alloggiato dietro lo schienale centrale ribaltabile) sono davvero comode, ma rendono il quinto posto di fortuna. Fra i vani spicca quello di fronte al passeggero, ampio (nonostante sia in parte occupato dal lettore cd/dvd), refrigerato e rifinito con grande cura.

Bagagliaio 
Altre ammiraglie offrono una manciata di litri di capacità in più, ma l’Audi A8 permette di contare, comunque, su un vano da 505 litri: la presenza dell’accumulatore a 12 V dei servizi (sulla destra) e dell’amplificatore dell’hi-fi non limitano la capienza; la batteria a 48 V è, invece, celata sotto il piano di carico, assieme al cric e al kit di riparazione delle gomme. Rifinito con grande cura (anche nella parte interna del portello), il vano non può essere ampliato dato che lo schienale è fisso; con sovrapprezzo, però, si può avere uno sportello passa carico.

COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
Un “salotto” che non teme le curve

In città  
Gli ingombri dell’Audi A8 richiedono attenzione, ma la dolcezza del motore e il fluido cambio automatico rendono la marcia priva di strappi e le asperità vengono filtrate a dovere; più che ragionevoli, anche considerando i 1975 kg di massa della vettura, gli 11,4 km/l di consumo rilevato. Prezioso il pacchetto City (optional), con monitoraggio dell’angolo cieco, degli incroci con scarsa visibilità e dell’area intorno alla coda nelle “retro”; prevista anche la funzione che ritarda l’apertura delle portiere qualora da dietro sopraggiungano altri veicoli.

Fuori città  
Grazie alle ruote posteriori sterzanti (che a bassa andatura si orientano fino a 5° in senso contrario rispetto a quelle davanti per aumentare l’agilità, mentre ad alta velocità lo fanno in controfase, fino a 2°, migliorando la stabilità), si ha l’impressione di essere al volante di un’auto più piccola, anche senza impostare la modalità Dynamic. Selezionando Auto, l’elettronica dell’Audi A8 adatta la risposta delle sospensioni attive (di serie), del motore e del cambio (dolce e rapido) allo stile di chi guida. Per chi vuole divertirsi anche a bordo di un’ammiraglia, non manca la possibilità di selezionare manualmente gli otto rapporti attraverso le piccole palette al volante (che sono in plastica); ma attenzione ai freni, che pur potenti e modulabili si affaticano presto. Più che ragionevoli i 16,1 chilometri che si percorrono con un litro di gasolio.

In autostrada 
La presenza della sterzata posteriore non toglie naturalezza alla risposta del volante, e le gomme 265/40 installate sui cerchi di 20” (optional al posto di quelli di 18”) fanno percepire la vettura sempre saldamente aggrappata all’asfalto. Impeccabili il molleggio e l’insonorizzazione, specie con i finestrini antirumore (un altro extra). D’altra parte, in ottava marcia il 3.0 V6 diesel dell’Audi A8 “ronfa” in silenzio ad appena 1600 giri, e da 160 a 55 km/h può spegnersi per sfruttare l’inerzia della vettura (per essere successivamente riavviato dalla batteria secondaria a 48 V, che permette pure di estendere le fasi di recupero dell’energia). Ridotte le soste per il rifornimento: con il serbatoio di 82 litri (senza sovrapprezzo), in base ai 14,5 km/l misurati dai nostri strumenti si fanno quasi 1.200 km con un pieno. 

PERCHÉ SÌ

Facilità 
Quella di cui è infarcita la Audi A8 è “tecnologia amica”: lo testimonia pure l’intuitività d’uso dei comandi, compresi quelli tattili.

Guida 
Cambio e motore fanno la loro parte, e le ruote posteriori sterzanti (optional) rendono quest’ammiraglia maneggevole quanto vetture più piccole.

Sicurezza
Unica auto di serie a utilizzare la tecnologia lidar, offre aiuti alla guida allo stato dell’arte e in notevole quantità. 

PERCHÉ NO

Disponibilità di optional
Per avere i motori elettrici che controllano in modo “predittivo” le singole sospensioni ci sarà da attendere, come pure per il sistema di guida autonoma.

Dotazione 
La radio Dab o il monitoraggio dell’angolo cieco, spesso di serie in modelli molto meno costosi, nel caso di questa Audi si pagano a parte.

Resistenza alla fatica dei freni
Una vettura che sfiora i 2000 kg di massa avrebbe meritato freni che non perdono efficienza con l’impiego intenso (facendo allungare gli spazi d’arresto).

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 2967
No cilindri e disposizione 6 a V di 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 210 (286)/4000
Coppia max Nm/giri 600/1250-3250
Emissione di CO2 grammi/km 152
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 517/195/147
Passo cm 300
Peso in ordine di marcia kg 1975
Capacità bagagliaio litri 505
Pneumatici (di serie) 235/55 R18*


*Auto in prova con gomme Continental ContiSportContact 3 265/40 R 20.

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 4000 giri   259,2 km/h 250 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 6,0   5,9 secondi
0-400 metri 14,2 157,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 26,0 203,3 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE S Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 24,9 202,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 23,9 203,4 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 1,9   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 4,1   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,4 km/litro 15,4 km/litro
Fuori città   16,1 km/litro 18,2 km/litro
In autostrada   14,5 km/litro non dichiarato
Medio   14,3 km/litro 17,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,0 metri non dichiarata
da 130 km/h   61,2 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri 11,4
Audi A8
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
47
22
25
17
28
VOTO MEDIO
3,3
3.30935
139
Aggiungi un commento
Ritratto di otttoz
19 marzo 2019 - 19:09
€ 93.800 ma i ricchi devono ancora integrare la spesa per gli optional irrinunciabili...
Ritratto di Ivan92
19 marzo 2019 - 19:11
6
La nuova Audi A8 D5 mi piace davvero tanto, non vedo l'ora di vedere come sarà la S8 e la A8 6.3 W12. Il 3.0 TDI conferma anche questa volta di essere un motore brillante, capace di offrire ottime prestazioni nonostante la massa di quasi 2 tonnellate ma anche di consumare poco con dei valori (specialmente autostradali) brillanti. Trovo simpatica l'iniziativa di tarare il limitatore dei 250 km/h a ben 259,2 km/h effettivi, dovrebbero prenderlo come esempio anche quelli della BMW che ahimè sono più diligenti e regalano massimo + 2 km/h :-)
Ritratto di Franc3sc0
19 marzo 2019 - 19:46
"Il poderoso 3.0 diesel ..." non mi sembra tanto poderoso su una macchina di quelle dimensioni. Quella del film Ronin che sfrecciava per le vie di Parigi, quella sì aveva un motore poderoso
Ritratto di Gwent
19 marzo 2019 - 20:12
Eh ma quella era un s8 prima serie, ricordo però che il film mi gaso' essenzialmente per la scena dell'inseguimento tra la M5 E34 (286 hp) e la 406 guidata da De Niro, piuttosto poco credibile visto l'enorme divario di prestazioni tra le due auto. Relativamente a questa a8 posso dire che mi piace tutto , persino il diesel di cui non vado matto ma qui ci può stare. L' unica cosa che avrei evitato è il sistema ibrido concepito in questo modo, va bene per le agevolazioni fiscali ma messo giù così non serve a nulla di più, avrei preferito non avere quello e qualche accessorio in più di serie. In ogni caso 5 volanti li merita ampiamente per la realizzazione. In più ha una linea stupenda, molto più bella di quella che ha sostituito, imho, la più sbiadita a8 di sempre, le altre generazioni invece, includendo anche la splendida V8 del 1988 furono tanta roba mentre la prima a8 del 94 tutta in alluminio mi lasciò a bocca aperta all'epoca. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Gwent.
Ritratto di Metalmachine
19 marzo 2019 - 21:43
1
Direi orrenda, linea datata , senza stile.....
Ritratto di Rav
19 marzo 2019 - 22:38
3
Per me l'ultima A8 davvero bella ed elegante è stata la prima col single frame. Quella dopo la scimmiottava ma era troppo squadrata e questa, con la bocca da joker, proprio non la digerisco. Meglio dietro. Poi sarà una gran macchina di qualità, ma non la comprerei. Purtroppo anche l'attuale Classe S non la reputo elegante come un tempo e la Serie 7 è peggiorata con quel mascherone. Forse in questo segmento l'unica originale ed elegante è diventata la Lexus LS. Anche se poi, dovessi spendere questi soldi in un'ammiraglia di rappresentanza, comprerei un Range Rover.
Ritratto di marcoveneto
19 marzo 2019 - 23:04
Consumo medio rilevato 14,3 km/l... Non per dire, ma una semplice tipo 1.4 turbo benzina, consuma di più.. Alla faccia del gasolio etichettato come carburante a "fine ciclo"
Ritratto di Epigrams
20 marzo 2019 - 17:02
Tanto arriverà il solito Elan di turno per smentire i rilevamenti dicendo che in realtà la Audi A8 fa gli 8 km/l mentre la Lexus tocca i 27 km/l.
Ritratto di Pierpaolo C
19 marzo 2019 - 23:24
94'000 € e la radio DAB è optional?????
Ritratto di Gatsu
20 marzo 2019 - 01:07
2
Ma andiamo, è una presa in giro omologarla come ibrida...
Pagine
Annunci

Audi A8 usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Audi A8 usate 201319.90027.4002 annunci
Audi A8 usate 201438.70045.8303 annunci
Audi A8 usate 201539.80050.11016 annunci
Audi A8 usate 201640.80049.73010 annunci
Audi A8 usate 201759.90065.3504 annunci
Audi A8 usate 201895.00095.0001 annuncio

Audi A8 km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Audi A8 km 0 201779.00087.0002 annunci
Audi A8 km 0 2018103.900103.9001 annuncio
Audi A8 km 0 201984.90084.9001 annuncio