PROVATE PER VOI

BMW Serie 3 Touring: famigliare, ma per quattro

Prova pubblicata su alVolante di
aprile 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 40.700
  • Consumo medio rilevato

    17,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    124 grammi/km
  • Euro

    5
BMW Serie 3 Touring
BMW Serie 3 Touring 320d Sport
L'AUTO IN SINTESI

La BMW 320d Touring rivela la sua indole sportiva non solo nelle forme ma anche nelle qualità di guida. All’altezza della situazione il 2.0 turbodiesel da 184 CV, pronto e vigoroso oltre che eccezionalmente parco. Buona la capacità del bagagliaio, ma lo spazio per i passeggeri posteriori è solo sufficiente. Su contenuti tecnologici e qualità costruttiva non si discute, ma il prezzo è alto e qualche integrazione a pagamento è necessaria.

Posizione di guida
5
Average: 5 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
5
Average: 5 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Sportiva ma pratica
Sportiva nella linea e nel comportamento dinamico, in quest’ultima edizione la BMW Serie 3 Touring è un po’ cresciuta nelle dimensioni e vanta un baule ampio e sfruttabile, ma resta poco generosa di spazio con chi viaggia sul divano. Il 2.0 turbodiesel, brioso e parco, merita la spesa extra necessaria per il cambio automatico a 8 marce. Nel prezzo della Sport sono inclusi pure i fari allo xeno, ma a qualche aggiunta a pagamento non si sfugge.
 
BMW Serie 3 Touring
 
Il cofano affilato, i fari allungati a lambire la classica calandra “a doppio rene”, il ridottissimo sbalzo anteriore e le fiancate solcate da evidenti nervature donano a questa BMW Serie 3 Touring uno slancio da sportiva: il piccolo aumento di dimensioni rispetto al modello precedente (+9 cm di lunghezza, per un totale di 462) non ha alterato l’equilibrio della carrozzeria. Accattivante anche il profilo del padiglione che scende verso il lunotto, ma le barre sul tetto si pagano a parte.
 
Il carattere “dinamico” della BMW Serie 3 Touring non ha sacrificato la praticità del baule, capiente in rapporto alle dimensioni dell’auto e facile da sfruttare; presenti anche il sollevamento elettrico del portellone e il lunotto apribile separatamente (comodo per caricare piccoli oggetti o quando c’è poco spazio dietro la vettura). I centimetri a disposizione di chi siede sul divano, tuttavia, non è migliorato di molto: si viaggia comodi soltanto in due.
 
Il 2.0 turbodiesel da 184 CV della BMW 320d Touring abbinato all’efficiente cambio automatico a 8 marce (optional) è brillante e consuma poco. Divertente la guida: fra le curve l’auto è agile e precisa. Un tasto permette di scegliere fra le modalità di guida Comfort, Eco Pro (ottimizza i consumi), Sport e Sport+: nelle ultime due le sospensioni elettroniche (optional) si irrigidiscono, il cambio automatico sale di marcia a regime più elevato, lo sterzo si fa più pronto e l’Esp meno invasivo.
 
Buono pure il comfort, sebbene ad alta velocità ci sia qualche fruscio di troppo e il rumore di rotolamento delle gomme si faccia sentire. Quanto al prezzo, la Sport (che è la versione intermedia) si fa pagare cara: certo, i cerchi in lega di 17”, i fari allo xeno e il “clima” automatico sono di serie, ma per avere quello bizona si deve sborsare un extra, come pure restano da pagare a parte alcuni accessori irrinunciabili (come i sensori di parcheggio).

 

VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
Classe e praticità
Moderno e curato nei materiali e nelle finiture, l’abitacolo della BMW Serie 3 Touring offre un ponte di comando bene organizzato, anche se la manopola che raccoglie i controlli di diverse funzioni di bordo è troppo arretrata nel tunnel. L’abitabilità è adeguata davanti, un po’ meno dietro: sul divano si sta comodi soltanto in due. Ad aumentare la praticità dell’ampio bagagliaio c’è lo schienale del divano suddiviso in tre parti abbattibili separatamente.
 
BMW Serie 3 Touring
 
Plancia e comandi
Assieme a materiali di prima qualità e ad assemblaggi precisi, l’abitacolo della BMW Serie 3 Touring propone un design moderno, caratterizzato dalla plancia lievemente orientata verso il guidatore e dal largo tunnel che, nella parte destra, ospita la manopola dell’iDrive: un po’ troppo arretrata per essere comoda, controlla radio, navigatore (disponibile come optional, anche nella versione Professional con schermo di 8,8” ad alta definizione) e telefono. Di sapore classico il cruscotto, completo (c’è anche l’indicatore di consumo) e ben leggibile. Specifici della Sport l’inserto nella plancia e le cuciture dei sedili di colore rosso.
 
Abitabilità
Le poltrone sportive, avvolgenti ma non costrittive, sono di serie, mentre per le regolazioni elettriche (con memoria dal lato guida) si deve sborsare un extra. Se davanti lo spazio non manca, dietro è meglio essere in due: il divano, che ha la seduta bassa, è comodo soltanto per chi siede ai lati (e comunque l’agio per le gambe non abbonda, soprattutto se i sedili davanti sono arretrati); il mobiletto che sbuca fra le poltrone anteriori ospita efficienti bocchette di climatizzazione ma è d’intralcio a un eventuale quinto passeggero (penalizzato anche dal tunnel). Né grande né refrigerato il cassetto di fronte al passeggero, ma in compenso c’è la serratura a chiave.
 
Bagagliaio
Migliorato rispetto a quello della vecchia BMW Serie 3 Touring e capace di 495 litri, il vano si colloca ai vertici della categoria. Ben sfruttabile grazie alla forma regolare, è provvisto di occhielli fermacarico e di ganci laterali ai quali appendere borse o sacchetti. Lo schienale suddiviso 40:20:40 permette di stivare oggetti lunghi (come per esempio gli sci) rinunciando al solo posto centrale, mentre abbattendolo totalmente si raggiungono i 1500 litri di capacità senza che nel pavimento si formino gradini. Agevole l’accesso: la soglia è a soli 60 cm da terra, e non manca il lunotto apribile separatamente.
COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
Ti accarezza ma è pronta a mordere
Agile in rapporto alla stazza, la BMW 320d Touring si lascia guidare facilmente anche in città, ma per star sicuri nelle manovre conviene affidarsi ai sensori di distanza, che sono optional. Senza far rinunciare al comfort, la 3 Touring è pronta a tirare fuori gli artigli: il motore spinge forte ed è ottimamente assecondato dal cambio automatico; selezionando la modalità Sport+ si ottiene un’agilità che fa invidia a vetture più piccole e leggere. Notevole pure la souplesse in autostrada, ma i fruscii aerodinamici e il rumore di rotolamento delle gomme si sentono troppo. Sempre contenuti i consumi.
 
BMW 320d Touring
 
In città
Selezionando la modalità Comfort, cambio automatico e sospensioni garantiscono la massima comodità; docile anche lo sterzo, opportunamente leggero in manovra ma sempre pronto nei cambi di direzione. Nei parcheggi, comunque, la non trascurabile lunghezza della carrozzeria e la scarsa visibilità posteriore impongono l’acquisto dei sensori di distanza; volendo c’è pure il sistema di telecamere Surround View, che mostra nello schermo centrale ciò che si trova dietro l’auto e di lato, con una visuale di 270°. Notevoli i 14,8 km/l di consumo medio da noi rilevato, ottenuti anche grazie all’efficiente Stop&Start (che, comunque, è disattivabile).
 
Fuori città
Condotta con piglio turistico questa tedesca regala un comfort da ammiraglia e consumi da utilitaria, ma rimane sempre pronta ad assecondare la voglia di alzare il ritmo: perfettamente bilanciata e dotata di uno sterzo davvero preciso, è rapida in ingresso di curva come nei cambi di traiettoria. Selezionando il profilo Sport+, che assicura la massima reattività e “libera” i controlli elettronici quel tanto che basta per divertirsi senza rinunciare alla sicurezza, si riescono ad assaporare le emozioni tipiche delle vetture a trazione posteriore. All’altezza della situazione pure il cambio, che asseconda la notevole grinta del motore con innesti rapidi e puntuali, e il vigoroso impianto frenante.
 
In autostrada
Comodamente seduti su poltrone che non stancano nemmeno dopo molte ore di guida, e rassicurati dalla sempre elevata sensazione di sicurezza derivante da una stabilità e da un rigore che non vengono meno al crescere dell’andatura, in autostrada si viaggia con piacere. Pronte pure le riprese dopo i rallentamenti, ben sostenute dalla velocità con cui il cambio automatico a convertitore di coppia scala le marce. Peccato che il rumore di rotolamento delle larghe gomme 225/50 R17 e i sibili generati dagli specchi retrovisori si facciano sentire, a differenza del turbodiesel che, invece, “ronfa” silenzioso (in ottava marcia, i 130 orari si raggiungono ad appena 2050 giri), peraltro accontentandosi di un litro di gasolio ogni 16,4 km.
QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Bixeno di serie
La dotazione di serie va oltre l’indispensabile e include anche i fari bixeno; a pagamento è possibile aggiungere i più avanzati dispositivi di assistenza alla guida. La BMW Serie 3 è stata esaminata dall’Euro NCAP in versione berlina, identica alla Touring tranne che nella parte posteriore, e ha superato i crash test con le cinque stelle corrispondenti alla valutazione massima.
 
 
L’Euro NCAP ha sottoposto a crash test la BMW Serie 3 in versione berlina, che ha ottenuto le cinque stelle corrispondenti al punteggio massimo e valutazioni parziali di 95 punti percentuali per quanto riguarda la protezione degli adulti, 84 per i bambini su seggiolini Isofix, 78 per la salvaguardia dei pedoni in caso di investimento e 86 punti percentuali per i sistemi di assistenza alla sicurezza. Si tratta di risultati superiori alla media (soprattutto quello relativo alla tutela dei pedoni, per la quale il basso profilo del cofano svolge un ruolo importante), la cui validità è estensibile anche alla Touring, che rispetto alla tre volumi cambia soltanto nella coda. Di alto profilo pure la dotazione di sicurezza, con Esp a intervento variabile (si adatta alla modalità di guida impostata, risultando meno invasivo in Sport e Sport+), sei airbag, poggiatesta anteriori attivi che riducono il rischio del “colpo di frusta”, fendinebbia e fari bixeno (standard per tutte le versioni eccetto la base). Inoltre, di serie per la Sport ci sono pure i pneumatici run flat (provvisti di spalla rinforzata, in caso di foratura permettono di percorrere fino 250 km a patto di non superare gli 80 km/h), con i relativi sensori di pressione e spia di allerta nel cruscotto. Come per le ammiraglie, a pagamento si possono avere i dispositivi ad alta tecnologia, come il cruise control attivo (cioè con radar per il mantenimento automatico della distanza di sicurezza dal veicolo che precede), l’head-up display o l’avviso di involontario abbandono della propria corsia.
NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
(Tanti) soldi ben spesi
“Tecnologica” e costruita con cura, la BMW 320d Touring abbina un buon livello di comfort a qualità di guida nettamente superiori alla media. Ma questa wagon non è certo regalata, considerato che la dotazione va arricchita con qualche extra a pagamento. Rispetto alle rivali sconta un’abitabilità posteriore non ottimale, ma il baule è grande e pratico. Il turbodiesel, poi, è un punto di riferimento per quanto riguarda piacevolezza d’erogazione, prestazioni e consumi.
 
BMW Serie 3 Touring
 
Anche in quest’ultima edizione, la BMW Serie 3 Touring riesce ad amalgamare caratteristiche apparentemente inconciliabili: è una famigliare confortevole con un bagagliaio adeguatamente capiente e pratico, ma quando viene messa alla frusta rivela qualità dinamiche da sportiva vera, basate su un equilibrio difficile da riscontrare nelle rivali (che, per la maggior parte, hanno la trazione anteriore). Peccato, però, che nonostante le dimensioni siano cresciute, l’abitabilità posteriore sia rimasta poco più che sufficiente. Quel che di certo non delude è il turbodiesel, generoso sin dai regimi più bassi e perfettamente accordato alle caratteristiche di guida della vettura. Di notevole livello la dotazione di sicurezza, che include accessori – come i fari allo xeno – solitamente disponibili a pagamento, e integrabile con i dispositivi di assistenza di ultima generazione. Tutto questo, comunque, costa caro: seppure commisurato alla qualità costruttiva e ai raffinati contenuti tecnici, il già elevato prezzo di listino va considerato una base di partenza: per valorizzare appieno le qualità di quest’auto è necessario aggiungere molti optional, a cominciare dal cambio automatico (che impone un ulteriore sovrapprezzo per le levette al volante) e dalle sospensioni elettroniche, per arrivare ad alcuni accessori funzionali (come i sensori di parcheggio) ormai di serie anche nelle wagon che costano la metà di questa BMW.
PERCHÉ SÌ

Cambio
L’automatico a 8 marce è veloce nella guida sportiva e capace di innesti impercettibili quando si cerca il comfort. Inoltre, non peggiora i consumi: per esempio, in modalità Eco Pro inserisce il rapporto più alto a soli 70 km/h per sfruttare la coppia del motore e migliorare l’efficienza.

Consumi
Tenendo conto del livello di potenza e prestazioni, e considerando pure i 1500 kg di stazza di questa famigliare, i 17,2 km/l di media da noi rilevata rappresentano un risultato eccellente: la maggior parte delle utilitarie “beve” di più.
 
Guida
A bassa velocità è sufficientemente agile e intuitiva, ma quando si alza il ritmo la 320d lascia emergere un equilibrio e una precisione da vera sportiva. Il tutto senza far rinunciare al comfort che si richiede a una vettura di questo tipo.
 
Motore
Con la sua erogazione omogenea e vigorosa (grazie anche alla turbina a geometria variabile, la spinta è energica già prima dei 1500 giri), il quadricilindrico 2.0 turbodiesel non fa rimpiangere le unità a 6 cilindri di maggior cilindrata.
PERCHÉ NO

Comandi
Alla manopola dell’iDrive, e ai tasti che la circondano, si deve ricorrere per gestire molte delle funzioni di bordo (come la radio, il telefono e il navigatore): peccato che si trovi in posizione troppo arretrata per risultare comoda.

Fruscii aerodinamici
I generosi retrovisori esterni sono all’origine della rumorosità aerodinamica che diventa fastidiosa ad andatura autostradale, e che (assieme al “rombo” prodotto dalle gomme che rotolano sull’asfalto) va a inficiare leggermente il livello del comfort acustico.
 
Optional
Nonostante il non trascurabile prezzo di questa famigliare, dalla dotazione di serie sono stati “dimenticati” accessori irrinunciabili, come gli specchi retrovisori ripiegabili elettricamente oppure i sensori di distanza posteriori.
 
Posti dietro
Rispetto alla Serie 3 Touring di precedente generazione sono aumentati sia il passo (ossia la distanza fra il centro delle ruote davanti e di quelle dietro) sia la lunghezza della carrozzeria, ma l’abitabilità posteriore è migliorata poco.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 135 (184)/4000
Coppia max Nm/giri 380/1750-2750
Emissione di CO2 grammi/km 125
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico sequenz.) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 462/181/143
Passo cm 281
Peso in ordine di marcia kg 1490
Capacità bagagliaio litri 495/1500
Pneumatici (di serie) 225/50 R17

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 4500 giri   226,9 km/h 226 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 7,8   7,6 secondi
0-400 metri 15,6 142,7 km/h non dichiarata
0-1000 metri 28,7 183,4 km/h 28,1 secondi
       
RIPRESA in DRIVE S Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 27,2 183,3 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 26 183,6 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,6    
da 80 a 120 km/h 5,8   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,8 km/litro 16,9 km/litro
Fuori città   19,1 km/litro 25,6 km/litro
In autostrada   16,4 km/litro non dichiarato
Medio   17,2 km/litro 21,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   37,2 metri non dichiarata
da 130 km/h   62,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,2 metri 11,3

 

 

BMW Serie 3 Touring
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
63
60
30
16
23
VOTO MEDIO
3,6
3.645835
192
Aggiungi un commento
Ritratto di Ale'96
21 aprile 2013 - 19:08
Non mi convince. Il frontale è troppo elaborato e il cofano ha un profilo orribile (non segue assolutamente le linee dell'auto). Trovo poi che l'inserto rosso nella plancia sia davvero pacchiano.
Ritratto di ford 00
21 aprile 2013 - 19:18
d'accordo al 100%
Ritratto di MatteFonta92
21 aprile 2013 - 19:41
3
Sicuramente è un'auto valida e ben fatta, ma costa un'assurdità. Inoltre, la linea non è molto accattivante, specialmente se si considera l'abbinamento tra il lungo cofano e la coda alta e massiccia. E poi, su un'auto del genere, non offrire di serie accessori come gli specchietti elettrici e i sensori di parcheggio posteriori è quasi ridicolo...
Ritratto di Flavio Pancione
22 aprile 2013 - 00:20
7
non vedo l'ora! Ma avvicinandomi per la prima volta a Bmw ammetto senz'altro che gli optional che si fa pagare sono davvero ridicoli, esempio: disattivazione airbag, accendi-sigaro(?!), e tante piccolezze e comodità come il sensore pioggia . In foto può convincere poco, ma dal vivo mi ha fatto letteralmente innamorare, un'altra positività è la possibilità di personalizzazione davvero elevata,quindi senza problema è possibile ad esempio evitare gli inserti rossi e sta volta addirittura senza sovrapprezzo! Comunque l'ho scelta per la linea , ma soprattutto per le qualità di guida sono sicuro che è il punto di riferimento delle berline, con motori davvero eccellenti.
Ritratto di osmica
22 aprile 2013 - 09:54
E' un optional su molte vetture. A volte ha un altro nome, come kit fumatori. Ma di serie hanno la presa elettrica, e al posto dell'accendisigari vi è un normale tappo.
Ritratto di Flavio Pancione
22 aprile 2013 - 10:46
7
ciao :)
Ritratto di vonbraun51
22 aprile 2013 - 12:31
Abituati ai prezzi BMW: tutto costa caro e di più e purtroppo non sempre la qualità è all'altezza.....Comunque sono delle grandi macchine (ho un 320d cabrio) ma dovrebbero costare (auto, accessori e ricambi) un 20% in meno!!!
Ritratto di Flavio Pancione
22 aprile 2013 - 19:07
7
sulla Classe C la storia è la medesima, ma c'è anche da dire che offre una dotazione un po piu ricca casa Mercedes.
Ritratto di vonbraun51
22 aprile 2013 - 19:24
Se posso permettermi, cerca nei km 0 o nell'usato seminuovo: si trovano ottime occasioni. La mia l'ho presa lo scorso anno da un multimarche di Cremona, di sei mesi, 2300 km, aziendale BMW Italia (auto da esposizione), garanzia ancora di 3 anni e mezzo, superaccessoriata, 40% di sconto sul listino. Ma vedo che occasioni simili ce ne sono ancora su Autoscout, il sito di 4ruote ecc. Buon acquisto e in bocca al lupo!!
Ritratto di Flavio Pancione
23 aprile 2013 - 15:50
7
.
Pagine