PROVATE PER VOI

Citroën C4: soddisfano qualità e motore

Prova pubblicata su alVolante di
gennaio 2011

Listino prezzi Citroën C4 non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 24.100
  • Consumo medio rilevato

    15,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    109 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Citroën C4
Citroën C4 1.6 e-HDi 115 CV ETG-6 Exclusive
L'AUTO IN SINTESI

Rinnovata in tutto fuorché nel nome, è una berlina comoda e ben rifinita. Il 1.6 turbodiesel offre un discreto brio e consuma poco, ma il cambio robotizzato è brusco e lento nei passaggi di marcia. In allestimento Exclusive non costa poco, ma la dotazione di serie è davvero completa.

Posizione di guida
5
Average: 5 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
2
Average: 2 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
È “ricca” e beve poco

Rispetto al vecchio modello questa berlina compatta è cresciuta di qualche centimetro e ha una linea più filante e sportiva, anche se ha rinunciato a un po’ di originalità. Ha interni accoglienti e ben rifiniti, e in allestimento Exclusive è riccamente accessoriata: di serie ci sono anche i sedili con funzione di massaggio. Il 1.6 a gasolio è vivace e parco nei consumi, ma il cambio robotizzato CMP-6 non stupisce né per dolcezza di funzionamento né per rapidità.

In occasione del suo totale rinnovamento, la berlina compatta Citroën è stata allungata di qualche centimetro (ora ne misura 433, 5 in più del vecchio modello) e ora ha una linea meno personale, ma comunque è gradevole e proporzionata; migliorati gli interni, rifiniti con cura e realizzati con materiali di qualità. Cresciuto anche il bagagliaio, che con i suoi 408 litri misurati con il divano in uso pone la C4 ai vertici della categoria per capacità di carico.

Grazie alle sospensioni abbastanza rigide (che comunque non fanno soffrire sulle asperità) fra le curve la guida è gratificante e le reazioni sincere. Piacevole anche la vivacità del 1.6 a gasolio da 111 CV, peraltro silenzioso e poco assetato; peccato che il cambio robotizzato CMP-6 non sia all’altezza del resto, perché manca di progressività nell’innesto dei rapporti ed è lento, sia in automatico sia selezionando le sei marce in modalità sequenziale.

La Exclusive, l’allestimento più ricco, non è certo regalato, ma offre di serie accessori che molte rivali non possono avere nemmeno a pagamento: per esempio il dispositivo che avvisa del sopraggiungere di un veicolo che si trova nell’angolo cieco dei retrovisori esterni, o l’Easy Parking System che, grazie ai sensori, “misura” lo spazio disponibile nei parcheggi in linea e visualizza nel cruscotto la difficoltà della manovra.

Questi accessori non sono presenti nella più economica Business, priva pure delle poltrone anteriori con funzione di massaggio ma, comunque, dotata di navigatore. In ogni caso il cambio robotizzato, il sistema Stop&Start e il recupero di energia in frenata (utili per ridurre i consumi), il cruise control, il “clima” automatico bizona e la radio sono di serie anche nella Séduction, che permette di spendere ancora meno.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Spaziosa e ben fatta

A dispetto della consolle che sembra “invadere” lo spazio fra le ben profilate poltrone, davanti si viaggia comodi; e non c’è di che lamentarsi nemmeno dietro, grazie al divano largo e dal profilo piatto, in grado di ospitare tre passeggeri senza penalizzare chi siede al centro. Il bagagliaio, ben rifinito, è grande e si sfrutta a dovere grazie alla forma regolare, ma il dislivello fra la soglia e il pavimento è sensibile, e a divano ribaltato il piano di carico non resta piatto.

Plancia e comandi
Il cruscotto a effetto tridimensionale è appariscente (oltre che completo e ben leggibile, anche grazie alla possibilità di schiarire il colore dell’illuminazione), ma per il resto la plancia ha un look sobrio e funzionale; buona la qualità dei materiali – i rivestimenti sono morbidi e gradevoli al tatto – e degli assemblaggi. I comandi si individuano con facilità e sono comodi da raggiungere e non mancano soluzioni pratiche di indubbia utilità: per esempio nel pozzetto sotto il poggiagomiti c’è una presa di corrente a 220 V che permette di alimentare dispositivi come un PC portatile.

Abitabilità
La voluminosa consolle diminuisce la sensazione di “ariosità”, ma ciò non toglie che davanti si stia comodi, ben trattenuti dai fianchi (rivestiti in pelle) delle poltrone; ok pure la seduta, dall’imbottitura non troppo cedevole. Dietro, il divano largo e piatto non penalizza troppo chi sta al centro; peccato solo che manchino le bocchette del “clima”. Funzionale il cassetto di fronte al passeggero, climatizzato e dotato di utili ripostigli ricavati nello sportello; non meno utile il pozzetto nel tunnel (chiuso da una saracinesca e anch’esso refrigerato), che può contenere un paio di bottiglie di mezzo litro e ospita la connessione per collegare un lettore mp3 alla radio.

Bagagliaio
Con i sedili in uso il baule è fra i più capienti della categoria, mentre a divano abbattuto qualche rivale offre di meglio e, soprattutto, non costringe a fare i conti con un gradino di 10 cm che va ad aggiungersi al dislivello di 19 cm fra soglia e pavimento. In ogni caso la sfruttabilità è corretta (è possibile sovrapporre due grandi valigie e resta lo spazio per diverse borse morbide) come pure s’apprezzano finiture e dettagli: di serie, oltre a una pratica torcia estraibile, ci sono gli elastici fermabagagli nelle pareti e quattro ganci ai quali assicurare i sacchetti della spesa. Non manca nemmeno la botola “passante” (nascosta dal bracciolo estraibile del divano) per gli sci.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Ti coccola e “beve” poco

La carrozzeria è sufficientemente compatta per muoversi senza problemi nel traffico, potendo pure contare sulla comodità del cambio robotizzato e, quando si deve parcheggiare, sui sensori di distanza abbinati al dispositivo che valuta la difficoltà della manovra. Le sospensioni isolano bene dalle asperità senza rivelarsi cedevoli: fra le curve la tenuta di strada è elevata, e lo sterzo preciso anche se poco diretto. Il turbodiesel è vivace, ma il cambio, lento nei passaggi di marcia, induce a prediligere la guida tranquilla; fra i pregi del motore anche i consumi, bassi in tutte le condizioni, e la silenziosità, pure ad andatura autostradale.

In città
Le dimensioni della Citroën C4 (433 cm di lunghezza) non mettono mai in difficoltà, lo sterzo richiede poco sforzo e a diminuire ulteriormente lo stress della guida cittadina c’è il cambio robotizzato: nel traffico la berlina francese non impegna, e per giunta “beve” poco gasolio (percorre oltre 14 km/l), anche grazie alla presenza del dispositivo Stop&Start che nelle brevi soste spegne il motore per poi riavviarlo – silenziosamente e senza vibrazioni – quando si rilascia il freno o si inserisce manualmente una marcia. Utile l’Easy Parking System (di serie), che per mezzo dei sensori di distanza valuta lo spazio disponibile nei parcheggi in linea e visualizza nel cruscotto il grado di difficoltà della manovra.

Fuori città
Per quanto non vanti una potenza da primato, il turbodiesel risulta sempre pronto e vivace nel rispondere all’acceleratore. Peccato per il cambio, troppo lento sia in automatico sia quando si selezionano le marce – muovendo la leva nel tunnel o agendo sulle palette al volante – in modalità sequenziale. Preciso lo sterzo, che però è poco diretto: perciò non si adatta alla guida sportiva che pure sarebbe bene assecondata dalle sospensioni, sufficientemente “solide” per favorire la tenuta di strada, e al tempo stesso capaci di filtrare come si deve le asperità. Bene i consumi: i 17 km/l sono a portata “di piede”.

In autostrada
Una volta inserita la sesta marcia non resta che godersi il viaggio: i fruscii restano fuori dall’abitacolo e il motore – che all’occorrenza garantisce riprese vivaci – gira a regimi contenuti e non infastidisce affatto. Dunque, in autostrada il comfort è inappuntabile, tanto che il solo vero neo va attribuito all’impianto audio di serie, colpevole di una resa acustica al di sotto delle aspettative. Comodo il cruise control (di serie) con cinque posizioni di memoria. Da migliorare i freni: se sollecitati intensamente tendono a perdere tono, mentre la loro efficacia – altrimenti ottima – cala sensibilmente.

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Ha un’ottima pagella

Di primo piano i risultati riportati nei crash test EuroNcap, che sono valsi alla berlina francese la valutazione massima, ossia cinque stelle. Completa di tutto il necessario, la dotazione di serie può essere ulteriormente arricchita con un pacchetto che include, fra l’altro, i fari bixeno e il dispositivo che fa vibrare il sedile se si supera inavvertitamente la linea di mezzeria.

Le cinque stelle, ossia la valutazione massima, che l’EuroNcap ha assegnato alla C4 si basano su punteggi parziali di assoluto rilievo: 90 punti percentuali per la protezione dei passeggeri, 85 per i bambini assicurati a seggiolini Isofix, 43 per la tutela dei pedoni in caso di investimento e ben 97 per i dispositivi di assistenza alla sicurezza. D’altra parte la dotazione di serie è molto ricca: oltre all’Esp (integrato dal sistema che facilita le ripartenze in salita) c’è un set di airbag con quelli per la testa estesi ai posti dietro. Inclusi nel prezzo anche il cruise control e i fendinebbia. A pagamento si possono avere i proiettori bixeno a orientamento automatico, forniti in un pacchetto che include i sedili riscaldabili, il monitoraggio della pressione delle gomme e l’apparato che segnala – facendo vibrare il sedile – l’involontario superamento della linea di mezzeria.

NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Non costa poco, ma vale molto

Meno originale del vecchio modello, ma pure equilibrata e non priva di carattere, è una berlina costruita con cura, che offre lo spazio necessario a una famiglia e che garantisce un comfort degno di vetture di categoria superiore. Fra le curve si muove con precisione e sicurezza e può contare su un motore vivace e parco nei consumi, ma in fatto di piacere di guida si sconta la lentezza del cambio. Il prezzo non è basso, ma ampiamente giustificato dalla dotazione, che su questa versione Exclusive è davvero al top.

Si inserisce in un segmento di mercato molto affollato e non costa poco, però ha buoni argomenti per convincere: per esempio una linea filante e gradevole, seppure non originalissima, oppure le finiture, davvero al livello delle migliori proposte della categoria. Ma la vera differenza la fa la ricca dotazione, effettivamente completa di tutto quanto si possa desiderare non solo per la sicurezza ma pure per la “qualità della vita a bordo”, e che comprende dispositivi che la concorrenza non offre nemmeno a pagamento. Su strada la Citroën C4 è sicura e piacevole da guidare, anche grazie al motore brillante; peccato, però, che il cambio robotizzato risulti troppo lento (oltre che brusco). È una buona scelta per chi desidera una berlina spaziosa, anche in fatto di bagagliaio, e al di là della dotazione tiene d’occhio il rapporto fra prestazioni e consumi, che è un altro dei punti di forza di questa francese.

PERCHÉ SÌ

Baule
La soglia molto rialzata rispetto al piano di carico costringe a qualche sacrificio con i bagagli pesanti, ma il vano è ampio e si sfrutta con facilità; curati anche i dettagli pratici, come i ganci e le reti fermacarico.

Finiture
La cura riservata agli interni è al livello della migliore concorrenza, con materiali piacevoli (in grado di soddisfare il tatto e la vista, in particolare il morbido rivestimento della plancia) e montaggi precisi.

Motore
Oltre a essere ottimamente insonorizzato, il turbodiesel convince con un’erogazione pronta, fluida e molto piacevole; e, qualità da non trascurare di questi tempi, si accontenta di poco gasolio in qualsiasi condizione d’impiego.

Sospensioni
Assolvono bene al loro compito garantendo adeguato comfort anche sui fondi imperfetti, ma non per questo risultano troppo cedevoli in curva, anzi: garantiscono la solidità d’appoggio necessaria per avere elevata tenuta di strada e stabilità, anche nelle manovre brusche.

PERCHÉ NO

Cambio
Il funzionamento del robotizzato è al di sotto delle aspettative: non solo i passaggi di marcia avvengono troppo lentamente (anche quando si usa la modalità manuale-sequenziale), ma risultano bruschi e penalizzano il piacere di guida.

Freni
In condizioni normali garantiscono una potenza decelerante superiore a quella della maggior parte delle rivali. Peccato, però, che l’impianto perda tono nell’uso intenso, e che gli spazi d’arresto – altrimenti ai vertici della categoria – tendano ad allungarsi molto.

Portellone
In mancanza della maniglia di sblocco, l’unica soluzione per sollevarlo è utilizzare come appiglio l’incavo superiore del portatarga: una soluzione scomoda e poco pratica, visto che se l’auto non è perfettamente pulita ci si sporca la mano.

Radio
Nonostante i sei altoparlanti, la non eccelsa qualità dell’impianto audio di serie si traduce in una resa acustica che lascia a desiderare: il suono è poco pulito e la qualità dell’ascolto ne risente, soprattutto ad andatura autostradale.

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in DRIVE a 3500 giri   191,1 km/h 190 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,2   11,2 secondi
0-400 metri 18,3 121,9 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,7 154,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h  31,7 154,6 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h  29,9 155,4 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h 9,6   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,5 km/litro 21,3 km/litro
Fuori città   17,2 km/litro 26,3 km/litro
In autostrada   13,7 km/litro non dichiarato
Medio   15,4 km/litro 23,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   60,8 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri 10,7
Cilindrata cm3 1.560
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 82 (111)/3600
Coppia max Nm/giri 285/2000
Emissione di CO2 grammi/km 109
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (robotizzato) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 433/179/149
Passo cm 261
Peso in ordine di marcia kg 1290
Capacità bagagliaio litri 408/1183
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in DRIVE a 3500 giri   191,1 km/h 190 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,2   11,2 secondi
0-400 metri 18,3 121,9 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,7 154,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h  31,7 154,6 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h  29,9 155,4 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h 9,6   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,5 km/litro 21,3 km/litro
Fuori città   17,2 km/litro 26,3 km/litro
In autostrada   13,7 km/litro non dichiarato
Medio   15,4 km/litro 23,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   60,8 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri 10,7
Cilindrata cm3 1.560
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 82 (111)/3600
Coppia max Nm/giri 285/2000
Emissione di CO2 grammi/km 109
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (robotizzato) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 433/179/149
Passo cm 261
Peso in ordine di marcia kg 1290
Capacità bagagliaio litri 408/1183
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16
Citroën C4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
24
41
58
58
79
VOTO MEDIO
2,5
2.51154
260
Aggiungi un commento
Ritratto di armyfolly
19 aprile 2011 - 18:56
POCHO STILOSA MA TANTA QUALITA' E ABITABILITA' ...
Ritratto di audi94
19 aprile 2011 - 19:19
1
bella, bellissima, fantastica, suprema... psa sempre meglio...
Ritratto di Mister Grr
19 aprile 2011 - 19:27
peccato per quel rosso che stona tantissimo anche per la versione exclusive.
Ritratto di druido83
19 aprile 2011 - 19:27
i consumi dichiarati sono una presa per i fondelli..ma quando si decideranno a dire la verità,o perlomeno ad avvicinarla(parlo in generale di tutte le marche)??Citroen comunque sembra abbia imboccato la strada giusta.
Ritratto di diddl1970
28 febbraio 2012 - 01:14
Ciao druido83, sono d'accordo con te... Purtroppo ad oggi con tante authority esistenti, delle quali non ho alcuna intenzione di giudicare la vera o presunta utilità, non ne esiste ancora una seria che controlli la veracità delle informazioni dichiarate soprattutto in materia di consumi reali delle auto... Parlando con un venditore, ho chiesto spiegazioni tra il divario esistente tra consumi dichiarati e reali... La sua risposta è stata più o meno questa: "Le vetture vengono lasciate accese su dei rulli che simulano le varie situazioni di uso della vettura, quali autostrada, città e misto... Tali prove vengono effettuate con climatizzatore ed apparati elettronici secondari spenti, luci spente... E' logico che poi alla fine vengono fuori dati che non stanno ne' in cielo ne' in terra, se confrontati con quelli reali". Viste, allora le modalità di rilevazione di tali informazioni, che poi quando compriamo una vettura, hanno il loro peso (almeno per me il consumo è uno dei parametri prioritari), perché non chiedere ai produttori di auto dei test più realistici? Per esempio, so che esistono piste più o meno di proprietà, dove tali test potrebbero essere condotti, con vetture "accese" come le teniamo noi durante il loro quotidiano utilizzo. Fare una cosa del genere, anche se non risolve, almeno permette di rilevare qualcosa un pochino più vicina alla realtà... Non voglio fare polemica: ma visto che le riviste specializzate sanno quanto ti ho detto, perché poi fanno finta di ignorare, pubblicando a caratteri cubitali la differenza rilevata tra consumi dichiarati e consumi reali? Chiedo scusa a tutti, ma non comprendendone i motivi, una cosa del genere sembrerebbe avere tutte le connotazioni di velata ipocrisia.
Ritratto di Lelegear
19 aprile 2011 - 20:32
è un auto molto valida con qualita' e costruzione ottime...di dentro poi mi piace molto,ma quel design è bruttissimo
Ritratto di IchLiebeCorsa84
19 aprile 2011 - 20:51
Ottima auto, ma di certo non bella; piuttosto che questa, DS4 a vita!!! Guardandola nell'insieme (ma è solo una mia impressione) rivedo nelle sue proporzioni il fantasma della vecchia Opel Signum rimpicciolito, il che non è propriamente di buon auspicio!
Ritratto di andel06
19 aprile 2011 - 22:48
citroen ultimamente mi ha stupito come design ma questa mi sembra un passo indietro.vista di persona molto carina e curata dentro ma solo nelle versioni top.a quel prezzo pero si trova decisamente di meglio....
Ritratto di Mister Grr
19 aprile 2011 - 22:50
ma se è allineato alla sua categoria!
Ritratto di andel06
20 aprile 2011 - 11:04
Intendevo dire che per 25000euro trovo molto piu sostanziosa una golf o molto piu gradevole una giulietta,magari rinunciando a qualche accessorio che trovo superfluo in questa categoria
Pagine
Annunci

Citroen C4 usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Citroen C4 usate 20125.9007.80011 annunci
Citroen C4 usate 20136.5008.48010 annunci
Citroen C4 usate 20146.80010.47011 annunci
Citroen C4 usate 20158.90011.6605 annunci
Citroen C4 usate 201610.90012.0207 annunci
Citroen C4 usate 201710.50015.0405 annunci
Citroen C4 usate 201824.20024.2001 annuncio

Citroen C4 km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Citroen C4 km 0 201618.49018.4901 annuncio
Citroen C4 km 0 201713.50015.7004 annunci