PROVATE PER VOI

Hyundai i10: adatta alla vita in città

Prova pubblicata su alVolante di
febbraio 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 12.850
  • Consumo medio rilevato

    15,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    108 grammi/km
  • Euro

    5
Hyundai i10
Hyundai i10 1.0 Style
L'AUTO IN SINTESI

Dotata di un efficiente e parco 1.0 a benzina da 67 CV, la Hyundai i10 è una citycar agile nel traffico ma a suo agio anche nell’uso extraurbano (anche se la ripresa è lenta, e lo sterzo troppo leggero in velocità). Fra i suoi pregi ci sono il comfort e la notevole abitabilità, come pure non ci si può lamentare del baule. Bene anche la garanzia (5 anni) e la dotazione del “ricco” allestimento Style, un po’ meno la scelta di far pagare come extra tutte le tinte tranne quella blu.

 

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
2
Average: 2 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
2
Average: 2 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Citycar spaziosa
La rinnovata piccola coreana è davvero spaziosa anche per chi viaggia dietro, e ha un baule niente male. Fra le curve non è sportiva perché lo sterzo, leggero, pecca un po’ di precisione; tuttavia, della sicurezza non ci si può lamentare – la completa dotazione include anche l’Esp – e il comfort è di buon livello. In linea col carattere della vettura il 1.0 tricilindrico a benzina, fluido, silenzioso e poco assetato. Garantita 5 anni con chilometraggio illimitato, la “ricca” Style è ben rifinita e vanta una dotazione completa, ma fa pagare a parte qualsiasi verniciatura che non sia quella blu.
 
 
Profondamente rinnovata e contraddistinta da una linea equilibrata e ricca di spunti attuali, la Hyundai i10 è una citycar a cinque porte decisamente spaziosa in rapporto ai 367 cm di lunghezza della carrozzeria: nell’abitacolo (piuttosto curato) quattro adulti sono accolti comodamente. Niente male nemmeno la capacità del bagagliaio (252/1046 litri) che, però, ha la soglia distante da terra. 
 
Il 1.0 a tre cilindri ha una discreta potenza (67 CV), ma più che per le prestazioni assolute e per la vivacità, si fa apprezzare per la fluidità di funzionamento, per la buona insonorizzazione e per i bassi consumi di benzina (ma, volendo, c’è anche la versione bi-fuel a Gpl, un po’ più cara); bene anche il cambio: un manuale a cinque marce ottimamente manovrabile. 
 
La leggerezza dello sterzo (assieme alla compattezza della carrozzeria e alla buona visuale di cui si gode in tutte le direzioni) facilita la guida in città della Hyundai i10, ma incide negativamente sulla precisione nelle strade tortuose o in autostrada: l’auto, sempre sincera nelle reazioni e sicura (l’Esp è di serie, e l’impianto frenante prevede dischi anche al retrotreno), dà il meglio nella guida tranquilla. E del comfort non ci si può lamentare.
 
L’allestimento Style è quello con finiture e dotazione più ricche: oltre a quel che serve per la sicurezza (per esempio i fendinebbia, sei airbag e le cinture anteriori con regolazione in altezza) offre i cerchi in lega di 14 pollici, il climatizzatore manuale, la radio con cd/Aux/Usb e il vivavoce. Peccato che siano a pagamento tutti i colori eccetto il blu, ma ci si consola con la garanzia di 5 anni e senza limiti di chilometraggio.
VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Si sta comodi anche sul divano
La qualità delle plastiche e la cura degli assemblaggi sono buone, e gli inserti colorati disponibili in alternativa a quelli neri vivacizzano l’ambiente. Facile prendere confidenza con il posto guida, complici i comandi correttamente disposti. Quanto allo spazio, non manca nemmeno nella zona posteriore, e il bagagliaio – anche se un po’ penalizzato dalla soglia di carico alta – è fra i più ampi della categoria.  
 
 
Plancia e comandi
La disponibilità di pannelli in plastica colorata (arancione, beige o blu) al posto di quelli neri ravviva l’aspetto della plancia e dei pannelli delle porte della Hyundai i10, peraltro realizzati con materiali robusti e montati con attenzione. La strumentazione (integrata dal termometro dell’acqua e dallo schermo del computer di bordo) è semplice e si legge senza difficoltà, come pure sono intuitivi i comandi nella consolle e nelle razze del volante (quest’ultimo registrabile soltanto in altezza). Nell’allestimento Style, il pozzetto davanti al cambio (che ospita le prese Aux e Usb) è chiuso da uno sportellino, e l’ampio cassetto di fronte al passeggero è provvisto d’illuminazione (ma non climatizzato).
 
Abitabilità
Oltre che per la buona qualità del tessuto bicolore che le riveste, le poltrone si fanno apprezzare per la conformazione leggermente avvolgente; comoda la leva per registrare l’altezza della seduta dal lato guida, scarsamente gradevole quella per regolare lo schienale. Non meno accogliente il divano, poco rialzato al centro e largo abbastanza per ospitare, all’occorrenza, anche tre persone (che non potranno lamentare nemmeno la scarsità di spazio per le gambe); peccato soltanto che manchino le tasche portaoggetti nel retro degli schienali anteriori.
 
Bagagliaio
I 252 litri di capacità del vano – regolare e ben sfruttabile – pongono la Hyundai i10 al vertice della propria categoria, e altrettanto vale per i 1046 che vengono raggiunti reclinando lo schienale (ripartito in due sezioni asimmetriche). Va, però, specificato che in questo secondo caso si forma un gradino di 10 cm nel pavimento, e che l’altezza della soglia (che reca un’utile protezione in plastica) è notevole sia rispetto al piano di carico (23 cm), sia rispetto al suolo (76 cm). Considerato che si tratta di un’utilitaria, sulle finiture e sulla qualità dei rivestimenti c’è davvero poco da eccepire.
COME VA
3
Average: 3 (1 vote)
Vince in città e si difende fuori
Piccola, agile e provvista di uno sterzo leggero (anche se poco preciso in velocità), nel traffico si guida con piacere; inoltre, la buona visuale di cui si gode anche dietro permette di risparmiare sull’acquisto dei sensori di distanza. Il 1.0 a tre cilindri offre una spinta omogenea, vibra e consuma poco e non fa baccano neanche ad andatura autostradale. Un contributo al comfort arriva dalle sospensioni, ma quando si alza il ritmo fra le curve il rollio – senza pregiudicare la stabilità – diviene evidente.
 
 
In città
La spinta del piccolo tre cilindri (che nel traffico copre 14,6 km con un litro di benzina) della Hyundai i10 è pastosa, il volante davvero leggero da azionare e anche cambio e frizione non affaticano: se a ciò si aggiunge che le sospensioni fanno il loro dovere anche sul pavé, il quadro appare positivo. Del resto non c’è di che lamentarsi, perché alle dimensioni compatte della carrozzeria si aggiunge una visibilità buona in tutte le direzioni, dunque le manovre sono agevoli anche se la vettura è priva dei sensori di distanza posteriori (che sono optional e piuttosto cari).
 
Fuori città
La Hyundai i10 è piacevole da guidare anche fra le curve, ma a patto di rispettare il suo carattere “turistico”: il tre cilindri con valvole a fasatura variabile sia dal lato aspirazione, sia per quanto riguarda lo scarico, è sempre disponibile e vibra poco, e le sospensioni non rigide fanno viaggiare comodi. Se si alza il ritmo la sicurezza non viene meno (l’Esp veglia sulla stabilità, e le reazioni rimangono facili da gestire anche quando si raggiungono i limiti di aderenza), ma il rollio si fa sentire. Soddisfa pure l’impianto frenante, che non perde tono nell’impiego intenso, e si conferma contenuta la richiesta di carburante (19,6 km/l).
 
In autostrada
La leggerezza dello sterzo della Hyundai i10, che in città è un vantaggio, presenta il conto a velocità elevata sotto forma di qualche difetto di precisione. Ma per il resto, in autostrada la citycar coreana non è un pesce fuor d’acqua: in quinta a 130 orari il motore frulla a ben 4150 giri, eppure non infastidisce né con le vibrazioni, né con la rumorosità (ma salgono i consumi, pari 12,2 km/l). Certo, le riprese dopo i rallentamenti non sono brillanti (ma le rivali non fanno di meglio) e la velocità massima di 156,5 km/h (a fronte dei 155 dichiarati) lascia un margine di riserva soltanto discreto.
QUANTO È SICURA
4
Average: 4 (1 vote)
Non chiede extra
Analizzata dall’Euro NCAP secondo le procedure più recenti, che tengono conto anche della presenza di dispositivi di ultima generazione, come per esempio la frenata automatica, manca di una stella il punteggio massimo. Ma per il resto l’equipaggiamento di serie è più che adeguato alla categoria e al prezzo della citycar coreana e, d’altronde, in tema di sicurezza non sono previsti optional a pagamento.
 
 
Per tutta la gamma della Hyundai i10 sono di serie l’Esp con sistema anti arretramento in salita, sei airbag (con quelli per la testa estesi ai posti dietro) e gli attacchi dedicati ai seggiolini Isofix nel divano. L’allestimento Style in prova (come, pure, quello denominato Login, che è un po’ meno ricco) include nel prezzo anche i fendinebbia, i led diurni e dispositivi secondari che, comunque, giovano alla sicurezza di marcia (per esempio il vivavoce Bluetooth e i comandi della radio ripetuti nel volante): di fatto, non occorrono esborsi extra, anche perché il cruise control – che alcune rivali offrono almeno a pagamento – non è disponibile. La citycar coreana è stata sottoposta ai crash test Euro NCAP secondo le procedure più recenti, che nella valutazione dei sistemi di assistenza tengono conto anche della presenza di dispositivi sofisticati che, in questo caso, non sono disponibili: questo spiega il punteggio specifico relativamente basso (56%) e, anche, quello totale di “sole” 4 stelle su 5; buoni, invece, i giudizi riportati negli ambiti specifici, con 79 punti percentuali per la protezione degli occupanti, 80 per i bambini che viaggiano su seggiolini omologati e 71 per la salvaguardia dei pedoni.
NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Un “pacchetto” invitante
Alle facilità di guida, questa citycar affianca un comportamento sincero anche fra le curve, a patto di essere guidata con piglio turistico. Il 1.0 a tre cilindri non è grintoso ma mantiene le promesse, perché consuma poca benzina e vanta un funzionamento fluido e silenzioso. Notevoli, per una vettura di questa categoria, lo spazio a bordo e la dotazione, che assieme alla garanzia quinquennale contribuiscono a giustificare l’esborso necessario per l’acquisto.
 
 
Compatta come dev’essere una citycar, l’accattivante Hyundai i10 risulta pure comoda e versatile, grazie allo spazio disponibile sia nell’abitacolo, sia nel baule. Seppure non brillantissimo, il 1.0 a tre cilindri ha prestazioni al livello della concorrenza, è silenzioso e chiede poca benzina. Lo sterzo, davvero leggero, va meglio in città che fra le curve, ma la tenuta di strada è soddisfacente e le reazioni rimangono sincere pure quando si arriva a sollecitare l’intervento dell’Esp. Scegliendo il “ricco” allestimento Style non si spende pochissimo, ma va anche detto che la versione speciale Login, più a buon mercato, ha già il “clima”, la radio e una dotazione di sicurezza analoga, anche se fa rinunciare ai cerchi in lega. Quel che si ottiene, comunque, non è poco, e su questo giudizio incidono sia i particolari interni distintivi (per esempio il volante rivestito in pelle o la registrazione in altezza delle cinture di sicurezza anteriori), sia le finiture, che non lasciano a desiderare come talvolta accade per altre “piccole”. Volendo risparmiare (senza rinunciare all’essenziale per la sicurezza) ci sono il Comfort e il “base” Classic, ma il secondo non ha gli alzavetro elettrici posteriori e fa pagare a parte il climatizzatore. In ogni caso rimane la “tassa” sulle vernici diverse da quella blu, la sola inclusa nel prezzo. In compenso, la garanzia quinquennale senza limiti di chilometraggio rappresenta una bella tranquillità.
PERCHÉ SÌ
Cambio
Non è frequente, in una vettura di questa categoria, trovare un cambio manuale dagli innesti tanto precisi quanto dolci (come, d’altronde, richiede poco sforzo il pedale della frizione); inoltre, la leva è comoda da raggiungere.
 
Comfort 
L’abitacolo è efficacemente isolato dai rumori esterni, e il motore non fa troppo baccano nemmeno a velocità autostradale. Inoltre, sullo sconnesso le sospensioni rispondono con efficacia.  
 
Dotazione di sicurezza
A differenza di quanto accade nella maggior parte delle rivali, l’impianto frenante impiega freni a disco anche dietro. Completa la dotazione di serie, che oltre all’Esp e ai sei airbag comprende fendinebbia e led diurni.
 
Spazio
Considerato che la carrozzeria è lunga meno di 370 cm, l’abitabilità stupisce, davanti e ancor più nella zona posteriore. E tutto questo è stato ottenuto senza sacrificare il bagagliaio.
PERCHÉ NO
Colori
Si può scegliere fra 11 tinte, ma l’unico offerto senza sovrapprezzo è il blu. Tutti gli altri si pagano a parte (che siano metallizzati oppure pastello): trattandosi di una vettura economica, incidono in misura sensibile sul conto finale.
 
Ripresa
Se si valutano in assoluto i riscontri cronometrici, la i10 è più vivace di svariati modelli di cilindrata e stazza simili. Ma ciò non toglie che per sorpassare, o riguadagnare velocità dopo un rallentamento, convenga mettere mano al cambio.
 
Soglia di carico
Con le valigie o con i sacchetti della spesa più pesanti servono buone braccia, perché l’imboccatura del bagagliaio è a ben 72 cm da terra e, per giunta, forma un dislivello di 23 cm rispetto al piano di carico.
 
Sterzo 
Se nelle manovre e nella guida in città se ne apprezza la notevole leggerezza, al crescere della velocità il comando manca della necessaria precisione: nei percorsi tortuosi e in autostrada il feeling di guida ne risente.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 998
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 49 (67)/5500
Coppia max Nm/giri 94/3500
Emissione di CO2 grammi/km 108
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 367/166/150
Passo cm 239
Peso in ordine di marcia kg 933
Capacità bagagliaio litri 252/1046
Pneumatici (di serie) 175/65 R14

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 5000 giri   156,5 km/h 155 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 14,4   14,9 secondi
0-400 metri 19,2 113,5 km/h non dichiarata
0-1000 metri 36,1 139,1 km/h  
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 39 133,3 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 37 127 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 4a 10,4    
da 80 a 120 km/h in 5a 22,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,6 km/litro 16,7 km/litro
Fuori città   19,6 km/litro 25 km/litro
In autostrada   12,2 km/litro non dichiarato
Medio   15,4 km/litro 21,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   37,2 metri non dichiarata
da 130 km/h   64,2 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   137 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   9,9 metri 9,6

 

 

Hyundai i10 1.0 Style
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
6
15
4
4
4
VOTO MEDIO
3,5
3.454545
33
Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
30 giugno 2014 - 17:40
4
per capire come si fa una "Panda del 2014" e non impegnarsi solo per rovinare quel capolavoro che è stata la Panda2003...fra i difetti viene rivelato che questa i10 ha solo un colore senza sovrapprezzo, ma anche gli altri costruttori fanno così
Ritratto di Highway_To_Hell
1 luglio 2014 - 15:45
Fiat che ha le due auto più vendute del segmento in Europa (che, per chi non lo sapesse sono 500 e Panda nell'ordine...) tra le prime 20 (11 e 16 e stiamo parlando di city car...) dovrebbe imparare come si fanno le segmento A da hyundai? Qui c'è qualcuno che le spara solo per dare aria alla bocca sono altre le case, soprattutto tedesche, che dovrebbero imparare come si fa in questo segmento (e non dai coreani...)
Ritratto di Moreno1999
1 luglio 2014 - 16:30
4
dovrebbe imparare SENZA DUBBIO da Hyundai. Poi, una curiosità, mi manderesti il link delle classifiche europee che vorrei darci una sbirciata (in generale). Grazie.
Ritratto di Highway_To_Hell
1 luglio 2014 - 17:13
Gli unici dati davvero precisi sulle vendite sono di Jato: http://www.jato.com/ITALY/Pages/membersarea.aspx ma per avere questi occorre registrarsi perché con questi numeri c'è chi ci lavora anche, non solo chi chiacchiera sui blog (spesso senza sapere...). Qualcosa di molto meno preciso ma vagamente pertinente si trova sul sito bestsellingcarsblog; il resto dei numeri sparsi per la rete hanno la stessa validità di quelli che si giocano al lotto PRIMA dell'estrazione... Comunque la tua personalissima idea che la i10 sia preferibile alla Panda è largamente minoritaria in questo continente...
Ritratto di vinsex
10 luglio 2014 - 17:29
La Panda rimane la regina del segmento A..... non ha nulla da invidiare a questa hyundai
Ritratto di andryx64
5 aprile 2015 - 12:01
chi fa meglio? A parte tutti i commenti precedenti su vernice a pagamento, cerchi da 14 o 15 pollici, interni, ripresa ed altre amenità vorrei capire chi, tra i concorrenti, possa vantare 5, no dico, 5 anni di garanzia a km ILLIMITATI, e audite audite.....tagliandi gratuiti compresi i materiali di consumo. Chi compra Panda non sa di questi plus e non sa neanche che su Panda a pagamento ti danno il quinto posto. Pazzesco. - See more at: http://www.alvolante.it/prova/hyundai-i10-style#comment-738696
Ritratto di vinsex
7 aprile 2015 - 15:27
la Panda è l''unica che di SERIE ha i cerchi in lega, ha la tecnologia giusta a bordo(quello che serve) ... gli interni sono fatti meglio della hyundai, è più pratica della coreana, ampi spazi. Io guido una 4x4 e va un amore... non so te ma la regina del segmento A rimane lei, la city car per eccellenza
Ritratto di T.air Punto
30 giugno 2014 - 17:43
I cerchi sono piccoli!! Per l'allestimento top almeno i 15" di serie li dovevano mettere
Ritratto di osmica
30 giugno 2014 - 18:09
A cosa servono i cerchi da 15 per una city car?
Ritratto di T.air Punto
30 giugno 2014 - 18:31
A niente, volendo li potevano mettere anche da 12"... il mio era un giudizio puramente estetico, la macchina è piccola ma ha delle forme abbastanza muscolose e un cerchio così piccolo appesantisce il design dell'auto. guarda ad esempio la nuova c1, è quasi 20 cm più corta di questa i10, ma le versioni top hanno i 15" di serie
Pagine
Annunci

Hyundai I10 usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Hyundai I10 usate 20125.2005.5502 annunci
Hyundai I10 usate 20146.9007.4308 annunci
Hyundai I10 usate 20152.5007.22010 annunci
Hyundai I10 usate 20167.9008.7407 annunci
Hyundai I10 usate 20177.9009.0303 annunci
Hyundai I10 usate 20181797.7304 annunci

Hyundai I10 km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Hyundai I10 km 0 201711.30011.3001 annuncio
Hyundai I10 km 0 20188.00010.57047 annunci