PROVATE PER VOI

Jaguar F-Type Coupé: di serie ti offre solo il piacere

Prova pubblicata su alVolante di
ottobre 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 81.690
  • Consumo medio rilevato

    10,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    2013 grammi/km
  • Euro

    5
Jaguar F-Type Coupé
Jaguar F-Type Coupé 3.0 V6 380 CV S Automatica
L'AUTO IN SINTESI

La Jaguar F-Type Coupé è una sportiva a due posti dalla linea affascinante. L’impostazione è classica: il potente 3.0 V6 alloggiato sotto il cofano scarica i suoi 381 CV sulle ruote posteriori. Alle qualità di guida di primo piano corrisponde un buon grado di versatilità, ma il design degli interni manca di personalità e la dotazione di serie è scarna.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Dotazione
2
Average: 2 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Soddisfa lo guardo e il pilota
Se l’estetica di questa biposto fa voltare i passanti, le doti di guida sono in grado di sedurre gli appassionati più esigenti: l’erogazione dei 381 CV del 3.0 V6 con compressore volumetrico è accompagnata da un sound “da brivido”, e a favorire le doti dinamiche ci sono le sospensioni attive e il differenziale autobloccante. Bene anche la praticità, visto che – a differenza di quanto accade per la “sorella” Convertible – la F-Type Coupé dispone di un vero bagagliaio. La dotazione, però, è povera, tanto che si paga a parte anche il climatizzatore bizona al posto di quello “mono”.
 
 
Lanciata dopo la versione con carrozzeria aperta e tetto in tela, la Jaguar F-Type Coupé è - se possibile - ancora più ricca di fascino, complice il riuscito e filante design del padiglione con lunotto che “chiude” la parte posteriore della carrozzeria. Se l’insieme appare senza dubbio moderno, non mancano richiami alle Jaguar dei tempi d’oro, come per esempio il doppio terminale di scarico centrale in stile E-Type.
 
Rispetto alla Convertible, la Coupé ha un prezzo più abbordabile, è di una ventina di kg più leggera e vanta un bagagliaio di capacità più che doppia (407 litri contro 196); il pavimento di quest’ultimo, inoltre, non si surriscalda (come accade nella spider) perché meglio isolato rispetto agli organi sottostanti, vale a dire il differenziale (che nella 3.0 V6 S è di tipo autobloccante) e l’impianto di scarico.
 
Con il contributo della sovralimentazione volumetrica, il sei cilindri di tre litri della Jaguar F-Type Coupé scarica sulle ruote posteriori una potenza di 381 CV: le prestazioni sono da sportiva purosangue, tanto che nello “0-100” abbiamo misurato appena 5 secondi nel passaggio da 0 a 100 km/h (la casa dichiara un decimo in meno). Alla guida, accompagnata dal profondo sound del motore, si apprezza pure l’ottimale risposta dello sterzo, solido e diretto al punto giusto.
 
Come la più potente e costosa 5.0 V8 R (495 CV), la 3.0 V6 S ha di serie le sospensioni attive, non previste per la “base” 3.0 V6 da 340 CV (priva anche del differenziale autobloccante). In tutti i casi il cambio è un veloce automatico a 8 marce con paddle al volante; tuttavia, in considerazione del livello di questa biposto stupisce che siano extra addirittura il “clima” bizona (quello di serie è monozona) e lo specchietto di cortesia. 
VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
Spaziosa ma “fredda”
Molto meno originale dell’esterno, l’abitacolo pecca pure nella qualità di alcuni dettagli e non è ricco: regolazioni elettriche e rivestimenti in pelle si pagano a parte, come il “clima” bizona al posto di quello a zona singola. Non manca, comunque, qualche tocco a effetto, come le bocchette sopra la plancia che si sollevano solo a ventilazione attiva, e lo spazio a disposizione dei due passeggeri non è certo scarso. Per essere quello di una sportiva il bagagliaio è capiente, ma ha la soglia distante da terra. 
 
 
Plancia e comandi
Salendo a bordo della Jaguar F-Type Coupé, dimenticatevi delle sinuose forme esterne: l’aspetto della plancia e della consolle è rigoroso, e i rivestimenti scuri – seppur ravvivati da dettagli color arancio – accentuano la “freddezza” dell’insieme. I comandi sono pratici, ma la qualità e la finitura di alcune parti in plastica (vedasi il tunnel) non esalta, e i rivestimenti in pelle si pagano a parte come il riscaldamento elettrico delle poltrone e il “clima” bizona al posto di quello a zona singola. D’effetto la leva del cambio ispirata alla cloche degli aerei e le bocchette che fuoriescono sopra la consolle soltanto quando è attiva la ventilazione, non particolarmente definito lo schermo tattile di 8” del navigatore (optional, ripete le indicazioni nel display del cruscotto)
 
Abitabilità
I due posti sono accoglienti, specialmente in larghezza, e solo se si è di statura superiore alla media si sfiorano con le ginocchia la plancia o la consolle centrale (nel caso si sieda al posto di guida). Le sagomate poltrone Performance con rivestimento in pelle Premium dell’esemplare in prova – con poggiatesta integrato in stile corsaiolo – sono uno dei tanti e costosi optional, come d’altra parte le numerose regolazioni elettriche del pacchetto Memory che aiutano a ritagliarsi comodamente la posizione di guida.
 
Bagagliaio
Ovvio che, trattandosi di una coupé supersportiva, la Jaguar F-Type Coupé non è scevra di compromessi in fatto di praticità: la soglia d’accesso al baule non è vicina a terra (85 cm) e l’imboccatura che si libera sollevando il portellone non è particolarmente ampia. Ma con i suoi 407 litri di capacità, il vano di questa coupé inglese batte in scioltezza quello delle rivali, e permette di stivare quel che occorre per una breve vacanza in coppia (anche se è meglio, comunque, utilizzare sacche e borse morbide…).
COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Ama le curve ma non teme i viaggi
La posizione di guida è rasoterra e in città si patisce qualche problema di visuale, soprattutto dietro (indispensabili i sensori, optional), ma il V6 sa essere docile anche ai bassi regimi (salvo scatenarsi a quelli superiori). Le sospensioni elettroniche salvaguardano sia il comfort sui fondi imperfetti, sia l’agilità: fra le curve la F-Type Coupé è davvero efficace e – se non si disattiva l’Esp – sicura e prevedibile. In autostrada qualche fruscio si fa sentire, ma il motore lavora in souplesse e i viaggi non stancano. Tenuto conto del livello prestazionale, i consumi sono discreti.
 
 
In città
Anche se la lunghezza della carrozzeria non è esagerata (447 cm), in città si devono fare i conti con i quasi due metri di larghezza (specchi esclusi) e con la posizione di guida rasoterra (basti pensare che la Jaguar F-Type Coupé è alta appena 131 cm): la visuale è critica, specialmente nella zona posteriore, e per manovrare senza rischiare danni alla carrozzeria è meglio aggiungere i sensori di distanza (disponibili anche davanti) e la telecamera. Per il resto, non c’è da lamentarsi: con le sospensioni elettroniche lo sconnesso non disturba (nonostante i cerchi in lega di 19” con gomme extra ribassate) e il complesso motore-cambio automatico assicura la necessaria dolcezza anche quando ci si muove a passo d’uomo. Accettabili i consumi: con un litro di benzina si fanno 8 km.
 
Fuori città
Lo sterzo è demoltiplicato il giusto, solido nella risposta e davvero preciso e la vettura risulta stabile e incollata all’asfalto anche nelle curve veloci. Quanto al motore, ha una progressione incisiva ai regimi inferiori e furiosa quando il contagiri si avvicina a quota 7000: anche se non è un peso piuma (la massa sfiora i 1600 kg), la Jaguar F-Type Coupé dispensa emozioni veraci e lo fa in tutta sicurezza (sempre senza dimostrare una sete eccessiva: abbiamo rilevato 12,8 km/l). Spingendo in avanti una levetta nel tunnel si può selezionare la modalità di guida dedicata ai fondi a bassa aderenza, mentre tirandola indietro viene resa più permissiva l’elettronica di controllo; la disattivazione dell’Esp è possibile, ma consigliabile soltanto in pista e se si è piloti esperti abbastanza da gestire le (facili) derapate di potenza. 
 
In autostrada
In autostrada la Jaguar F-Type Coupé rivela la sua anima da granturismo, e i chilometri scorrono senza troppo stress: la voce del V6, che a 130 orari in ottava marcia lavora in tutta souplesse ad appena 2300 giri, è quasi impercettibile, e alle orecchie arriva soltanto qualche fruscio aerodinamico. Di alto livello la stabilità, com’è d’altronde lecito attendersi da una vettura capace di sfiorare i 263 km/h di punta effettiva (ma la casa ne dichiara 275). Potente e modulabile l’impianto frenante, che nell’esemplare in prova era quello di tipo maggiorato (un altro optional). 
QUANTO È SICURA
3
Average: 3 (1 vote)
Largo agli optional
Della dotazione standard fanno parte gli airbag frontali e quelli laterali, oltre a un Esp giustamente declinato in chiave sportiva, dunque regolabile ed escludibile. Compresi nel prezzo anche i fari allo xeno, ma non il vivavoce Bluetooth. Fra gli optional pure il cruise control, che con ulteriore sovrapprezzo può essere di tipo adattativo. L’Euro NCAP non ha ancora sottoposto a verifiche la sportiva della casa inglese.
 
 
Dal momento che l’Euro NCAP non ha esaminato la Jaguar F-Type Coupé (e nemmeno la Convertible), i risultati dei crash test non sono disponibili. Gli aspetti relativi alla sicurezza vanno perciò valutati in relazione alla dotazione di serie, che comprende l’indispensabile: l’Esp a intervento graduabile e disattivabile e quattro airbag (ossia le coppie frontali e laterali). Non previsti i fendinebbia, inclusi nel prezzo i proiettori allo xeno che – con un esborso extra – possono essere dotati di sistema di orientamento automatico in curva e di abbaglianti assistiti. Optional anche il vivavoce Bluetooth e il cruise control; quest’ultimo può essere anche del tipo con radar di distanza, che consente di mantenere automaticamente la distanza di sicurezza dal veicolo che precede. Ancora a pagamento, è possibile aggiungere il sistema che avvisa qualora sopraggiungano veicoli alle spalle della vettura (utile quando si abbandona un parcheggio in retromarcia), il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori, i sensori per l’attivazione automatica dei tergicristallo e delle luci e quelli che tengono costantemente sotto controllo la pressione delle gomme.
NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Si dev’essere sportivi anche sul prezzo
L’estetica è da dreamcar e la dotazione tecnica prevede tutto quanto “fa racing”, dal differenziale autobloccante ai controlli elettronici non soltanto regolabili ma anche disattivabili, e il 3.0 V6 ha un gran carattere, sia quando si “spremono” i suoi 381 CV sia quando si va a passeggio. Ma se la guida è esaltante, e se la praticità è discreta in relazione al tipo di vettura, chi decide di acquistare questa Jaguar dovrà dimostrare la propria “sportività” anche al momento di staccare l’assegno, destinato a lievitare per colpa di accessori che ci si aspetterebbe fossero di serie.
 
 
Ha una linea capace di mettere d’accordo gli appassionati di vetture sportive con coloro che non lo sono, e non risparmia piccole finezze quali le maniglie delle porte a filo della carrozzeria, che fuoriescono soltanto quando si sbloccano le serrature mediante il telecomando. Ma la Jaguar F-Type Coupé non fa soltanto “scena”: di sostanza ce n’è, e molta, a cominciare da una meccanica raffinata, basata su un motore capace sia di spingere come una furia sia di borbottare tranquillo ad andature da parata. All’altezza del proprio compito pure il cambio automatico, e qualificante il differenziale a bloccaggio automatico (che nella guida al limite fa la differenza). Giudizio positivo pure su sterzo, impianto  frenante (specialmente se di tipo maggiorato, optional) e assetto, che conta su efficacissime sospensioni elettroniche in grado di salvaguardare… addirittura il comfort. In un quadro del genere, sugli interni un po’ sottotono (per l’estetica e per le finiture) si può anche sorvolare, magari consolati dal fatto di disporre di un bagagliaio molto capace per essere quello di una sportiva. Meno facile digerire l’esborso extra richiesto per il “clima” bizona (ormai standard in vetture che costano tre volte di meno di questa) e per i sensori di distanza con telecamera (davvero indispensabili), senza contare gli interni in pelle, il navigatore e magari gli scarichi attivi che, a comando, consentono di rendere ancor più rabbioso il ruggito del V6.
PERCHÉ SÌ
Guida
Al volante le gratificazioni non mancano: oltre alla notevole potenza e fruibilità del motore, soddisfano i palati fini la rapida risposta del cambio, l’equilibrato rendimento delle sospensioni e la precisione dello sterzo.
 
Linea 
Se la F-Type in versione aperta è affascinante, questa variante con carrozzeria chiusa lo è ancor di più: si fa notare per le sue forme personali e inconsuete, quasi da concept car.
 
Motore
Fluido ai regimi inferiori, poderoso ai medi e rabbioso quando la lancetta del contagiri si avvicina al fondoscala (in allungo si arriva alla soglia dei 7000 giri), vanta anche un sound esaltante. 
 
Versatilità
Sportiva a tutto tondo, questa inglese associa prestazioni e qualità dinamiche da purosangue a un sufficiente livello di comfort, e dispone di un bagagliaio capace di contenere l’occorrente per una vacanza in coppia.
PERCHÉ NO
Dotazione
L’equipaggiamento tecnico non presenta lacune, anzi. Ma non si può dire che per il resto la casa inglese abbia largheggiato: il “clima” bizona (invece che monozona) si paga a parte, come gli irrinunciabili sensori di distanza posteriori.
 
Interni
In alcune zone dell’abitacolo – per esempio quella del tunnel – si notano piccole pecche nelle finiture, e non tutti i materiali sono all’altezza del prezzo. Inoltre, lo stile è poco coinvolgente, al contrario di quello della carrozzeria.
 
Soglia di carico
Oltre a essere piuttosto stretta, l’imboccatura del bagagliaio è lontana dal suolo ben 85 cm (una quota superiore a quella di molte suv): con le valigie pesanti le operazioni di carico e scarico sono disagevoli.
 
Visibilità
Il lunotto è parecchio inclinato, piccolo e bordato da un’estesa fascia nera; inoltre, i montanti posteriori “chiudono” la visuale di tre quarti: in retromarcia dei sensori di distanza (meglio se con telecamera, anch’essa optional) non si può fare a meno. 
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2995
No cilindri e disposizione 6 a V di 60°
Potenza massima kW (CV)/giri 280 (381)/6500
Coppia max Nm/giri 460/3500-5000
Emissione di CO2 grammi/km 213
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (aut.) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 447/192/131
Passo cm 262
Peso in ordine di marcia kg 1594
Capacità bagagliaio litri 407
Pneumatici (di serie) 245/40-275/35 R19

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 5800 giri   262,7 km/h 275 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 5   4,9 secondi
0-400 metri 13,2 173,7 km/h non dichiarata
0-1000 metri 23,9 220,1 km/h  
       
RIPRESA in DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 23,2 218,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 22,3 219,9 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2    
da 80 a 120 km/h 3,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   8 km/litro 7,8 km/litro
Fuori città   12,8 km/litro 14,3 km/litro
In autostrada   10,6 km/litro non dichiarato
Medio   10,4 km/litro 11 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   36,6 metri non dichiarata
da 130 km/h   60,3 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri  

 

 

Jaguar F-Type Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
160
39
5
4
6
VOTO MEDIO
4,6
4.602805
214
Aggiungi un commento
Ritratto di Flavio Pancione
17 marzo 2015 - 13:02
7
Anche se la dotazione è scarna il prezzo non è relativamente altissimo.. In effetti però questi interni non li capisco.. Trovo (negli interni) molto piu bella la neonata baby jaguar XE
Ritratto di Gordo88
17 marzo 2015 - 13:08
Gran bella coupè con una linea che rimanda alla gloriosa e-type molto fascinosa e unica!! Il tutto corredato da una meccanica di prim' ordine solo gli interni sono un pò freddi ma alla fine con tutto sto popo di roba è solo un puntiglio
Ritratto di fastidio
17 marzo 2015 - 13:56
3
2013 grammi ci co2 al km sono un pò tantini...credo manchi una virgola. Comunque niente male come linea, continuo sulla mia strada e dico però che il colore proprio non va bene..
Ritratto di gilletvertigo
17 marzo 2015 - 15:12
Questa macchina, come tute le Jaguar dell'era Tata, è un aborto. Non ha un grammo del fascino British delle sue antenate.
Ritratto di ferrariforever
17 marzo 2015 - 15:16
Gli interni a me piacciono, come quasi tutto di questa macchina.
Ritratto di adrgeno
17 marzo 2015 - 15:26
1
mi affascina molto ma per il prezzo che ha, più gli optional, è possibile abbordare auto sportive usate recenti di categoria superiore e già ben euipaggiate, ad esempio una Porsche 911 (997) Carrera 4S con l'ottimo cambio DSG, una Audi R8 o addirittura uno dei primi esemplari di Ferrari California....
Ritratto di follypharma
17 marzo 2015 - 16:04
2
ne ho sentita una e assicuro un rumore del motore davvero fantastico, altre supersportive passano quasi senza farsi sentire .... macchina fantastica.. personalmente andrei su una cayman s....ma sono dettagli..
Ritratto di Sepp0
17 marzo 2015 - 16:33
Davanti, nella prima foto, mi ricorda quasi la Fiat Coupè di qualche anno fa e dietro il taglio del lunotto lo trovo un po' troppo squadrato. Non malaccio ma a quel prezzo prenderei altro, decisamente.
Ritratto di Vespa Primavera
17 marzo 2015 - 17:32
Un vero e proprio generatore di emozioni. Il motore è quello giusto (V6 S), ma io la prenderei cabrio e manuale.
Ritratto di MatteFonta92
17 marzo 2015 - 17:53
3
È praticamente l'auto sportiva dei miei sogni! Motore potente al punto giusto senza eccessi e con un sound assolutamente fantastico, linea mozzafiato e prezzo (relativamente) giusto. Anche gli interni mi piacciono: io non li trovo affatto così "freddi". Peccato per i tanti optional a pagamento, su un'auto di questo livello particolari come questi stonano un po'.
Pagine