PROVATE PER VOI

Jeep Compass: è una Jeep che si è data al turismo

Prova pubblicata su alVolante di
novembre 2007
  • Prezzo (al momento del test)

    € 28.270
  • Consumo medio rilevato

    12,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    177 grammi/km
  • Euro

    4
Jeep Compass
Jeep Compass 2.0 CRD Limited
L'AUTO IN SINTESI

Con le “sorelle” da fuori strada duro condivide solo il marchio, perché questa Jeep è una Suv che ha sì la trazione integrale, ma è progettata soprattutto per l’asfalto. L’abitacolo è spazioso, la dotazione completa, ma deludono le plastiche utilizzate per gli interni.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
2
Average: 2 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Una famigliare pronta a infangarsi

È  una comoda Suv destinata principalmente all’asfalto: non ha le marce ridotte e l’altezza da terra è limitata. Comunque, se la cava anche sui fondi a scarsa aderenza, grazie alla trazione integrale che si inserisce automaticamente e alla possibilità – in situazioni difficili – di bloccare manualmente la ripartizione della coppia fra i due assali. Ha prestazioni brillanti, garantite da un vigoroso turbodiesel da 140 CV, e offre parecchio spazio a bordo: l’abitabilità è per cinque persone, anche se il baule non è molto capace. Peccato per il basso livello di finitura degli interni, realizzati con plastiche di mediocre qualità. Ci si può consolare con la ricca dotazione che – oltre a tutto ciò che serve per la sicurezza – comprende i sedili in pelle, i cerchi in lega di 18 pollici e il regolatore di velocità, ma non il “clima” automatico (di serie c’è quello manuale).

Le Jeep sono famose per l’impostazione fuoristradistica “dura e pura”: auto fatte per l’avventura e pronte ai viaggi “estremi”. La Compass, invece, rompe con la tradizione: ha la carrozzeria rialzata e la tipica calandra a sette feritoie verticali che la fa assomigliare alle sorelle più “specializzate”, ma in realtà si propone come una Suv destinata soprattutto all’asfalto, confortevole e facile da guidare, che all’occorrenza si presta a qualche escursione su sterrato.

È una 4x4, ma in condizioni normali la trazione è soltanto anteriore: solo quando le ruote davanti stanno per slittare una frizione, controllata elettronicamente, fa “entrare in azione” quelle posteriori. Sui fondi difficili è possibile anche bloccare (tramite una leva accanto al freno a mano) la ripartizione inviando fino al 60% della coppia all’assale posteriore; questo non basta, però, a renderla una vera “off-road”: non ha, infatti, le marce ridotte, e l’altezza da terra è limitata.

Il motore della Compass è un 2.0 turbodiesel con sistema pompa-iniettore di origine Volkswagen. Ha 140 CV, non consuma troppo e risulta molto vivace: nonostante il peso non trascurabile (1620 kg) le prestazioni sono al livello di quelle di una normale berlina con motore simile. L’abitacolo è grande e cinque persone viaggiano comodamente, anche se il bagagliaio può soddisfare al massimo le esigenze di un week-end. Peccato, però, che le plastiche impiegate per gli interni siano di qualità economica.

La dotazione di sicurezza è completa: di serie ci sono sei airbag e l’ESP con la funzione antiribaltamento (è utile per una vettura dalla carrozzeria più alta della media). Fra l’altro, la Compass Limited ha di serie componenti di solito disponibili a pagamento, come i cerchi in lega di 18 pollici oppure il cruise control, anche se costringe ad accontentarsi del pur valido “clima” manuale (quello automatico non è previsto). Per risparmiare c’è la Sport, ma non ha né i sedili in pelle, né i vetri posteriori scuri.

 

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Peccato per quelle plastiche

I sedili in pelle fanno sembrare ancor più povere le plastiche utilizzate per plancia, consolle e pannelli porta: rigide e sottili, sembrano prese da un’utilitaria e non convince neppure la qualità degli assemblaggi. In compenso, i comandi risultano facilmente individuabili e ben disposti, e il cruscotto è completo. Notevole l’abitabilità: le poltrone davanti, poco profilate come nelle “fuoristrada vere”, sono ampie e comode, anche se trattengono poco in curva, e il divano, dal profilo piatto e dotato di schienale regolabile, può ospitare tre adulti (ma chi siede al centro si trova fra le ginocchia la consolle…). Appena sufficiente il bagagliaio: ci sta quanto serve per un week-end con la famiglia. Però in caso di necessità permette di caricare agevolmente oggetti lunghi, perché oltre al divano si può reclinare anche lo schienale della poltrona anteriore destra.

Plancia e comandi
L’abitacolo della Compass è pratico, ma delude l’aspetto della plancia: è realizzata in plastica economica, rigida e sottile, e ha finiture grossolane rese ancor più evidenti dal contrasto con il “lusso” dei sedili in pelle; criticabile anche il montaggio fra le varie parti e l’aspetto di alcuni elementi, come il portaoggetti davanti al sedile destro, che sembrano presi da un’utilitaria. Completo, in compenso, il cruscotto che, però, ha le cifre del tachimetro troppo piccole e di comprensione non immediata. Ben disposti e di aspetto solido – anche se non particolarmente elegante – i vari comandi, e molto pratico il bracciolo fra i sedili: se dà fastidio lo si può far scorrere all’indietro, e all’interno nasconde un comodo portatelefono.

Abitabilità
Il profilo delle poltrone anteriori – ampie e comode, ma dai fianchi poco pronunciati – è più da fuoristrada vera e propria che da Suv: lasciano grande libertà di movimento ma nelle curve affrontate velocemente trattengono poco. Facile, comunque, individuare la corretta posizione di guida, perché le possibilità di regolazione sono ampie. Registrabile anche lo schienale del divano, la cui inclinazione si può variare di 12 gradi: è piatto e adatto a ospitare tre adulti, anche se chi sta al centro deve fare i conti con la seduta poco imbottita e con la consolle che sporge fra i sedili davanti e interferisce con le ginocchia.

Bagagliaio
Come spesso accade in vetture di questo tipo, la soglia della Compass è alta da terra (ben 78 cm) e, anche se in questo caso è a filo del piano di carico, con i bagagli pesanti si fa fatica. Delude la capacità, che va bene soltanto per un weekend con la famiglia: sotto il telo copribagagli arriva solo a 334 litri, ampliabili fino a 1277 se si abbatte il divano (diviso asimmetricamente); in questo caso il pavimento rimane piatto. Volendo, si può reclinare in avanti anche lo schienale del sedile anteriore destro, ottenendo una profondità utile di ben due metri. Non mancano soluzioni originali: accanto alla luce sul soffitto, che illumina il vano, c’è una lampada estraibile, comoda in caso di necessità.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Tiene molto e si corica poco

I montanti anteriori limitano un po’ la visuale in città, soprattutto a sinistra, e anche dietro, in manovra, si fa fatica (meglio acquistare i sensori optional); in più, c’è la frizione che richiede un certo sforzo nell’azionamento. Eppure in città la Compass non è male, perché si rivela abbastanza agile e ha un motore scattante. A dispetto della carrozzeria alta non teme le strade ricche di curve, dove, anzi, risulta divertente perché ha un rollìo contenuto e tiene bene la strada (con l’ESP che vigila nelle situazioni critiche). L’insonorizzazione dell’abitacolo è buona e in autostrada si viaggia in un salotto, senza essere disturbati dai fruscii o dalla voce del turbodiesel. La ridotta altezza da terra crea qualche limite, però, quando si abbandona l’asfalto: la trazione integrale ad attivazione automatica funziona bene, ma l’auto è più bassa delle “vere Jeep” e per non fare danni è bene evitare percorsi troppo accidentati.

In città
Il motore della Compass è piuttosto pronto anche sotto i 2000 giri: al semaforo si scatta con rapidità. Peccato, però, che nelle code la gamba sinistra sia stressata dalla frizione pesante da azionare. La carrozzeria dalle dimensioni non eccessive (è lunga 441 cm) e lo sterzo pronto rendono la Jeep Compass maneggevole nel traffico, anche se i montanti anteriori, massicci e inclinati, possono ostacolare la visuale nelle curve strette e agli incroci. Maluccio anche dietro: per evitare di rovinare la vernice del paraurti sono consigliabili i sensori di distanza, optional, forniti direttamente dalle concessionarie.

Fuori città
Nonostante il peso non trascurabile (1610 kg), in accelerazione e in velocità questa Jeep si batte ad armi pari con le normali berline di cilindrata simile: merito del brillante turbodiesel, accoppiato da un valido cambio a sei marce. Fra le curve si guida con piacere, perché la tenuta di strada è elevata e il rollìo (cioè la tendenza a coricarsi di lato) molto contenuto; se si esagera, ci pensa l’elettronica a riportare – talvolta in modo ben percettibile da chi guida – la situazione sotto controllo. Migliorabili i freni, che non sono il massimo in fatto di potenza e di resistenza all’uso prolungato.

In autostrada
La Jeep Compass si presta ai lunghi viaggi, perché ha un abitacolo “arioso” e soprattutto ben isolato dai fruscii aerodinamici; nemmeno il turbodiesel, che a 130 orari lavora a 2800 giri, si fa sentire troppo, e per di più dispone della riserva di potenza necessaria a guadagnare rapidamente velocità nei sorpassi senza scalare marcia. Stabile e precisa nei curvoni affrontati in velocità, ha uno sterzo sufficientemente preciso, che tende ad alleggerirsi solo se si supera di parecchio il limite di velocità imposto dal Codice.

Fuori strada
Il sofisticato sistema di trazione garantisce alla Compass elevata “motricità” sui fondi a scarsa aderenza, come neve e fango, e nelle situazioni più critiche si può agire manualmente (basta alzare la maniglia a T accanto al freno a mano) per inviare fino al 60% della coppia alle ruote posteriori. Tuttavia, questo non basta a farne una vera off-road: non ci sono le ridotte né il limitatore di velocità in discesa (che alcune rivali hanno), e la scarsa altezza da terra (come pure il paraurti davanti, basso e sporgente) sconsiglia di avventurarsi su terreni molto dissestati.

QUANTO È SICURA
4
Average: 4 (1 vote)
Lasciate fare all’elettronica

Non è ancora stata sottoposta ai crash test da parte dell’EuroNcap, ma è una vettura bene equipaggiata: ha di serie i controlli elettronici della trazione e della stabilità (quest’ultimo, integrato anche dal sistema antiribaltamento), sei airbag, il regolatore di velocità e i fendinebbia.
Sui fondi a scarsa aderenza la trazione integrale “intelligente” si inserisce senza che sia necessario l’intervento del guidatore: un bell’aiuto per i meno esperti.

Con la pioggia, e ancor più sui fondi molto scivolosi, la trazione integrale gestita in modo completamente automatico dall’elettronica di bordo è una bella sicurezza in più. L’ESP, che è di tipo disinseribile, ha tre livelli di funzionamento (stradale, fondi a bassa aderenza e off-road); i suoi sensori sono utilizzati anche dal sistema antiribaltamento, che nelle situazioni critiche interviene sui freni e sull’erogazione del motore per riportare la situazione sotto controllo: è un dispositivo utile nelle vetture di altezza superiore alla media. Di serie, ci sono anche gli airbag frontali, laterali e per la testa, oltre agli accessori secondari che comunque contribuiscono alla sicurezza di marcia, quali i fendinebbia e il cruise control. L’EuroNcap non ha ancora effettuato le prove di crash della Jeep Compass.

NE VALE LA PENA?
3
Average: 3 (1 vote)
Una blasonata abbordabile

Ha un motore valido e prestazioni brillanti, e fra le curve si rivela divertente, sicura e “attaccata” all’asfalto grazie all’aiuto dell’elettronica. Per quel che costa dà molto in fatto di contenuti tecnici e dotazione, ma le plastiche degli interni sono parecchio sotto tono. È un’auto versatile, utilizzabile senza problemi in città e confortevole nei lunghi viaggi. In fuoristrada le vere Jeep sono un’altra cosa, ma all’occorrenza neppure la Compass teme di sporcarsi le ruote.
 

È una proposta con cui la Jeep – blasonato marchio sinonimo di fuori strada –  allarga la sua presenza nel settore delle Suv non eccessivamente “specializzate”: non è, dunque, l’auto adatta a chi ha in mente di avventurarsi spesso fuori dall’asfalto. Tuttavia, va bene per coloro che cercano una famigliare dalla linea diversa dal solito e dall’aspetto imponente, e che soprattutto sia in grado di affrontare senza troppe preoccupazioni i fondi a bassa aderenza: su neve e fango la Compass non si tira certo indietro, e risulta l’auto ideale per andare a lavoro tutti i giorni e poi partire per la montagna nel week-end. Sicura e piacevole da guidare, convince anche per la dotazione ricca e per il prezzo accattivante. Peccato che, osservando le plastiche utilizzate per gli interni, appaia un po’ troppo evidente l’intento di contenere i costi.

PERCHÉ SÌ
 
 

Comfort
Accoglie i passeggeri su comode poltrone (anche chi sta dietro può regolare l’inclinazione dello schienale), ha una climatizzazione efficiente e un abitacolo ampio e ben insonorizzato: è un’auto piacevole anche nei lunghi viaggi.

Dotazione
Dal punto di vista della sicurezza non bisogna aggiungere nulla: ci sono anche gli airbag per la testa e l’ESP è integrato dal sistema antiribaltamento. E non mancano né i cerchi in lega di 18 pollici né i sedili in pelle.

Guida
È davvero facile prendere confidenza con questa vettura: è disinvolta su ogni percorso, l’agilità fra le curve è molto buona, nonostante la carrozzeria alta e la posizione di guida è rialzata e dominante.

Prezzo
Per quel che offre in termini di contenuti tecnici e di equipaggiamento, la Compass ha un prezzo effettivamente allettante, che la rende competitiva anche nei confronti di rivali che non portano un marchio altrettanto blasonato.

PERCHÉ NO
 
 

Finiture  
Rappresentano il punto debole di una vettura che per altri versi è robusta e ben costruita: le grossolane finiture interne e molti dettagli approssimativi tradiscono in modo troppo evidente l’esigenza di contenere i costi.

Frenata
Gli spazi di arresto sono un po’ superiori alla media, e anche la resistenza alla fatica lascia a desiderare: una Suv (probabilmente) destinata alle vacanze in montagna e a essere spesso utilizzata a pieno carico meriterebbe un impianto migliore.

Materiali
La plancia, la consolle e i pannelli delle porte sono realizzati con plastiche di bassa qualità, dure e sottili: sono sgradevoli al tatto e alla vista, e risultano fuori luogo in un’auto di questa categoria.

Visibilità
Dietro non si vede granché: i sensori di parcheggio (un costoso optional) sono praticamente obbligatori. Anche davanti c’è qualche limite dovuto ai montanti massicci e inclinati: quello di sinistra viene spesso a trovarsi fra voi e ciò che vorreste vedere.

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
    192,9 km/h 189 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,1   11,0 secondi
0-400 metri 17,2 130,9 km/h non dichiarata
0-1000 metri 31,9 163,4 km/h 27,3 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 37,6 155,9 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 3,1 155,9 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 12,1   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,5 km/litro 12,1 km/litro
Fuori città   13,7 km/litro 18,5 km/litro
In autostrada   11,9 km/litro non dichiarato
Massimo   6,2 km/litro non dichiarato
Medio   12,7 km/litro 15,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   41,5 metri non dichiarata
da 130 km/h   67,3 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   131 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11 metri non dichiarato
Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/4000
Coppia max Nm/giri 310/1750-2500
Emissione di CO2 grammi/km 177
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 441/181/174
Peso in ordine di marcia kg 1610
Capacità bagagliaio litri 334/1277
Pneumatici (di serie) 215/55 R 18
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
    192,9 km/h 189 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,1   11,0 secondi
0-400 metri 17,2 130,9 km/h non dichiarata
0-1000 metri 31,9 163,4 km/h 27,3 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 37,6 155,9 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 3,1 155,9 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 12,1   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,5 km/litro 12,1 km/litro
Fuori città   13,7 km/litro 18,5 km/litro
In autostrada   11,9 km/litro non dichiarato
Massimo   6,2 km/litro non dichiarato
Medio   12,7 km/litro 15,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   41,5 metri non dichiarata
da 130 km/h   67,3 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   131 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11 metri non dichiarato
Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/4000
Coppia max Nm/giri 310/1750-2500
Emissione di CO2 grammi/km 177
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 441/181/174
Peso in ordine di marcia kg 1610
Capacità bagagliaio litri 334/1277
Pneumatici (di serie) 215/55 R 18
Jeep Compass
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
27
25
29
26
34
VOTO MEDIO
2,9
2.893615
141
Aggiungi un commento
Ritratto di Piana
14 aprile 2012 - 13:53
è previsto come optional ( a pagamento) il cambio automatico? attendo cortesi comunicazioni Grazie
Ritratto di gig
14 aprile 2012 - 13:57
Il cambio automatico non è previsto nella lista degli optional di questa auto.
Ritratto di Piana
14 aprile 2012 - 14:07
grazie della tempestività, peccato prendo solo auto con cambio automatico cordiali saluti
Ritratto di gig
15 aprile 2012 - 20:34
Se posso, Le consiglio un' auto di pari segmento, con una linea a parer mio assai più moderna e sportiva, ad un prezzo concorrenziale. Si chiama "Land Rover Range Rover Evoque". Se può invece orientarsi su una vettura più piccola, consiglio la mia, la Hyundai i10. Io la ho con il cambio manuale, ma la si può comodamente dotare della trasmissione automatica. Se desidera informazioni, chieda pure. Distinti saluti
Ritratto di dadacastelli
18 ottobre 2012 - 10:02
Buongiorno, mi piacerebbe comprare una Compass USATA da usare tutti i giorni per andare al lavoro (spesso sulla neve); me la consigliate? Quali sono i problemi maggiori rilevati su quest'auto a vostro avviso? Di Compass usate ne ho trovate molte on line a prezzi decisamente abbordabili, qualcuna con problemi al volano (che non ho assolutamente considerato) ma vorrei capire se sono problemi COMUNI e di che problemi si tratta. Attualmente ho una VW Golf Diesel non 4x4 e sarei interessata ad avere una macchina leggermente più grande e più adatta a terreni impervi. Altri consigli a parità di prezzo? Grazie in anticipo. D.
Ritratto di Andreazz85
30 novembre 2012 - 09:06
Ciao Dadacastelli, io ho posseduto un Compass per 4 anni. L'aveva scelta mia moglie, ai tempi fidanzata e non mi ha mai entusiasmato. Consumi elevati, scarsa sicurezza (vedi euron'cap), finiture scarse, climatizzatore pessimo ecc...in quanto ad affidabilità non posso dire nulla ma è anche vero che l'abbiamo venduta a 50000 km. In famiglia abbiamo anche una golf 5 e la ricomprerei ad occhi chiusi, considerato il nuovo modello io valuterei la golf 6 4motion ora più abbordabile.
Ritratto di carma1976
16 giugno 2013 - 09:04
Io sono un INfelice possessore di una Jeep Compass Limited 2.0 del 2007. È vero che si sta parlando di un modello nuovo, ma credo che alla fine non sia stravolto rispetto al precedente, sopratutto riguardo gli innumerevoli problemi che ho avuto io. Li elenco: 1. rottura manicotto turbina (dicasi difettoso dalla fabbrica) 2. sostituzione braccetto ruota destra (mia percorrenza solo asfalto!!) 3. incredibile rottura differenziale (2200euro il costo del pezzo) 4. rottura sospensione sinistra (ripeto, percorro solo strade asfaltate) 5. rottura servofreno In più aggiungo che i pezzi di ricambio costano un botto, le officine fanno fatica a trovarli, e monta dei pneumatici (se volete un prodotto di qualità) prodotti solo dalla Continental (costo da listino 260euro l'uno) La macchina ha 115000 km....e ho detto tutto. MAI PIU'
Ritratto di Andreazz85
16 giugno 2013 - 16:24
Sicuramente alcune vetture nascono "male", e il grave è che il consumatore non è tutelato per errori palesi in fase di fabbricazione o progettazione. La garanzia contrattuale ha generalmente una durata ridicola, e non può non intervenire in casi come il tuo. Trovo incredibile che nessuna agenzia a tutela dei consumatori, non abbia ancora trovato un modo per porre rimedio a tutto ciò. Noi comuni mortali facciamo sacrifici per acquistare le automobili, e se queste funzionano ce le teniamo strette. Poi peró arrivano i burocrati da noi stipendiati, che decidono che sono vetture inquinanti, perciò da rottamare...peccato che poi vengono esportate in paesi dove evidentemente non inquinano più!!!
Ritratto di Peri Giuseppe
18 luglio 2014 - 17:28
Ho appena acquistato una jeep compass usata del 2008, il giorno dopo si è verificato un guasto alla valvola di sovralimentazione. del turbo. Ancora non l'ho portata in officina. Sono avvilito.
Ritratto di sebastiano d'antoni
26 ottobre 2014 - 22:45
ottima auto se non che 15ggfa' ho urtato con la gomma anteriore dx lo spigolo di una panchina a 20 km l'ora uscivo da un parcheggio ho sentito come un col risultato la ruota anteriore dx si è portata indietro si è piegato il semiasse,la sospensione,la scocca , il piantone del volante..e non so che altro .Il bello e che in officina dicono che non rientra nella garanzia,non vogliono ammettere un difetto di fabbrica.i pezzi di ricambio non ce l'anno e aspetto da un mese,e gli piantero' una causa..cerco altri che hanno avuto un problema simile per una class action