PROVATE PER VOI

Kia Rio: tre allegri cilindri

Prova pubblicata su alVolante di
aprile 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 16.600
  • Consumo medio rilevato

    16,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    102 grammi/km
  • Euro

    6
Kia Rio
Kia Rio 1.0 T-GDi Cool
L'AUTO IN SINTESI

Con il più potente dei motori a benzina, il “1000” turbo da 101 cavalli, la Kia Rio è una “quattro metri” brillante (buono il tempo di 10,6 secondi per coprire lo “0-100”), poco assetata (16,1 km/l il consumo medio rilevato) e piacevole da guidare. Tutte doti anticipate dall’aspetto grintoso della vettura che, però, non brilla per originalità. L’abitacolo è spazioso (al pari del baule) e accogliente, tuttavia il comfort risente dell’impostazione sportiveggiante dell’auto: le sconnessioni della strada non sono ben assorbite. Completa la dotazione di sicurezza, che include di serie anche la frenata automatica d’emergenza. E, come per tutte le Kia, la garanzia è di sette anni (o 150.000 km). 

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
3
Average: 3 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Buche a parte, è divertente

Tutta nuova, la quarta edizione della Kia Rio offre un look più sportivo, coerente col suo carattere spigliato. Riuscito, in particolare, il frontale con la sottile mascherina nera e l’ampia presa d’aria affiancata da due (finte) aperture, che ospitano i fendinebbia (di serie). La sobria parte posteriore è snellita da un elemento nero inserito nel paraurti, mentre i larghi montanti del tetto, se da un lato limitano la visibilità, dall’altro trasmettono una sensazione di robustezza. L’ampio abitacolo è arioso e accogliente, con una plancia piacevole e alleggerita alla vista da una fascia grigia; al centro, lo schermo tipo tablet del valido impianto d’infotainment (completo di Android Auto e Apple CarPlay, per la connessione con i telefonini). Sono pratici e gradevoli anche comandi del climatizzatore nella consolle, che nella forma ricordano i joypad dei videogiochi. Tanti e capienti i portaoggetti (nessuno, però, è refrigerato) e non manca il portaocchiali accanto al retrovisore interno; peccato, però, che i pannelli delle porte (con tasche ampie) siano tutti in plastica rigida. La Kia Rio è spinta da un 1.0 turbo a tre cilindri che beve poco, prende i giri in scioltezza e non trasmette molte vibrazioni; preciso il cambio a 5 marce.

Facile da guidare e dotata di freni potenti, la Kia Rio percorre le curve con notevole agilità (ha uno sterzo abbastanza pronto e preciso); tanto dinamismo va anche ascritto ai pneumatici larghi e ribassati (205/45 R 17, optional nel pacchetto Design) della vettura del test, che, per contro, impongono qualche rinuncia nel comfort: sulle buche si saltella. La Cool costa meno delle sue rivali e ha una ricca dotazione di serie, che include aiuti alla guida quali l’avviso del cambio di corsia involontario e un evoluto sistema di azionamento automatico dei freni nelle emergenze, attivo a tutte le velocità e in grado di prevenire l’investimento anche di pedoni. Tutti questi dispositivi hanno permesso alla Rio di ottenere cinque stelle (il massimo del punteggio) nelle prove che l’Euro NCAP ha condotto nel 2017. Ma, per allestimenti come l’Active (costa 2.000 euro in meno e ha il “clima“ manuale anziché automatico), che sono privi di questi accessori di sicurezza, la valutazione scende a tre stelle.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Spazio abbondante e soglia un po’ alta

Plancia e comandi
La strumentazione della Kia Rio, racchiusa in un tondeggiante cruscotto, è completa e di facile lettura. Il computer di bordo fornisce svariate informazioni, incluse quelle relative ai consumi. La maggior parte dei comandi si individua subito, anche quelli nel volante; non abbastanza in evidenza, però, il tasto delle “quattro frecce” nella consolle, mentre i comandi secondari nel lato sinistro della plancia (tra i quali il tasto che disattiva l’avviso di fuoriuscita dalla propria corsia di marcia) risultano nascosti. La posizione di guida è comoda: il sedile, con i fianchetti pronunciati, è ben sagomato e ha di serie la regolazione in altezza, ma dispone di una poco precisa registrazione a scatti per lo schienale. Pratica, invece, la regolazione in altezza delle cinture di sicurezza anteriori. Il rivestimento in alluminio (con gommini antiscivolo) dei pedali dà un tocco di sportività.

Abitabilità
Viste le dimensioni esterne (407 cm la lunghezza), l’abitacolo è ampio: anche in cinque non si sta troppo stretti. Dietro, c’è agio sopra la testa e il tunnel sul pavimento ingombra poco. Inoltre, Il divano, largo, piatto e con l’imbottitura solida, è confortevole anche per chi siede al centro. 

Bagagliaio
L’apertura del portellone è larga e di forma regolare. Per un’utilitaria il baule è grande (325 litri, che salgono a 980 ripiegando il divano) e ben studiato. Per esempio, il pavimento si può facilmente fissare su due altezze: quando è su, si crea un ampio sottofondo alto 8 cm. Inoltre, un altro vano è ricavato nella parete sinistra (rivestita di robusta plastica). Unica pecca, i 75 cm che separano la soglia di accesso al bagagliaio dal suolo: una distanza non tra le più comode per caricare valigie e sacchi della spesa.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Economa e con un bel piglio

In città
Sterzo e frizione leggeri da azionare rendono il traffico meno stressante. Le vibrazioni del motore (pronto e omogeneo nella risposta) si avvertono appena, e più che altro al minimo, ma i tombini non sempre vengono “assorbiti” come si deve. Utili i sensori posteriori di distanza (di serie): nelle “retro” si vede poco. Basso il consumo rilevato: 15,4 km/l.

Fuori città
Al tre cilindri della Kia Rio non manca la fluidità che serve per far viaggiare rilassati; il buon brio e la taratura solida delle sospensioni rendono l’auto maneggevole nei percorsi tortuosi. Forzando il ritmo, la vettura resta prevedibile nelle reazioni (il retrotreno è stabile) e i freni mordono a dovere (ben modulabile il pedale). Ok i consumi: 19,6 km/l.

In autostrada
Le lunghe trasferte non sono un problema: a 130 km/h, in quinta, il motore lavora a 3000 giri e la sua “voce” resta sommessa (a differenza dell’evidente rumore di rotolamento dei pneumatici sull’asfalto). In quinta marcia la ripresa dopo un rallentamento non è granché (brillante, invece, in quarta). Non male i 13 km/l che abbiamo registrato nel test.

PERCHÉ SÌ

Guida
Prevedibile nelle reazioni, l’auto tiene bene la strada ed è maneggevole.

Motore
Il nuovo tre cilindri turbo convince per la fluidità, le prestazioni brillanti e i consumi ridotti.

Sicurezza
Sono di serie sistemi come l’avviso per involontaria uscita dalla corsia e l’azionamento autonomo dei freni (per parte loro, efficienti). 

Spazio
In relazione alle dimensioni esterne, l’abitacolo è grande. E pure il bagagliaio è capiente.

PERCHÉ NO

Assorbimento delle asperità
È penalizzato dai pneumatici con il fianco basso e dalla taratura rigida delle sospensioni.

Regolazione schienale
A scatti, con una leva (anziché in continuo, con la rotella): non è precisa.

Soglia di carico
Molto alta dal suolo: costringe a sollevare parecchio le valigie per caricarle.

Visibilità posteriore
Il lunotto piccolo e i montanti larghi del tetto limitano al visuale nelle “retro”.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 998
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 74 (101)/4500
Coppia max Nm/giri 172/1500-4000
Emissione di CO2 grammi/km 102
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 407/173/145
Passo cm 258
Peso in ordine di marcia kg 1080
Capacità bagagliaio litri 325/980
Pneumatici (di serie) 195/55 R16
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4300 giri   184,4 km/h 190 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,6   10,7 secondi
0-400 metri 17,4 128,7 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,0 160,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 34,8 156,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 34,3 140,7 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 4a 7,8   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 15,5   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   15,4 km/litro 19,2 km/litro
Fuori città   19,6 km/litro 24,4 km/litro
In autostrada   13,0 km/litro non dichiarato
Medio   16,1 km/litro 22,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,8 metri 37,5
da 130 km/h   61,2 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,6 metri non dichiarato
Kia Rio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
36
38
30
11
6
VOTO MEDIO
3,7
3.71901
121
Aggiungi un commento
Ritratto di gjgg
24 gennaio 2018 - 15:50
1
Per qualità prezzo, mia opinione, la migliore. Prendi la 100HP in secondo allestimento al costo di una tedesca base con motore da al max 70HP.
Ritratto di gjgg
24 gennaio 2018 - 16:01
1
Per dire. 3 dei 4 Perché No elencati sono da classica "giusto per non presentare scheda vuota"
Ritratto di gjgg
24 gennaio 2018 - 16:48
1
L'assorbimento è molto condizionato dai cerchi da 17" opzionali sull'auto in prova. Ma d'altronde c'è poco da fare, se si vuole un'auto un po' più dinamica fra le curve poi bisognerà pagare dazio sulle sconnessioni. Probabilissimo che coi cerchi da 15" del secondo allestimento (Active invece che il presente Cool) il difetto sarebbe molto meno... difetto. Per il bagagliaio invece onestamente non so quanto 5-6cm ossia nemmeno il 10% possano mai fare la differenza visto che tale sarà la differenza rispetto alla migliore fra le concorrenti. Per dire quanto è aleatorio il dato, poi, considera che non si fa differenza fra persone alte 1.65 e 1.80. Mi sembra un po' come dire che una frizione è pesante se invece di 6.4Kg fa 7Kg. Spesso è più tragico avere un pozzetto interno non a filo rispetto alla soglia bensì che cala giù, ma questo fattore che pure una volta veniva dato come criticità alla pari dell'altezza esterna della soglia dall'asflato, ora di colpo non interessa più a nessuno visto che oramai quasi tutte le auto hanno il doppio fondo e quindi si dovrebbe dire che è un difetto per tutte le auto. Per farti capire come siano questioni molto soggettive e, si deduce, tutt'altro che fondamentali. Poi ognuno può ritrovare una criticità in qualsiasi fattore che ad altri potrebbe non sembrare tale, per molti ad esempio è un difettissimo non avere il lettore cd.
Ritratto di tramsi
25 gennaio 2018 - 14:44
Il prezzo è allineato a quello della Fiesta parimenti motorizzata.
Ritratto di Mattia Bertero
24 gennaio 2018 - 17:43
3
RIO. Mi piace, semplice senza chissà quale ricercatezza stilistica ma ha l'aria di una vettura concreta. Anche gli interni li trovo azzeccati. Prezzo davvero ottimo per quello che offre.
Ritratto di grande_punto
24 gennaio 2018 - 18:17
2
Bella internamente, rapporto qualità-prezzo ottimo, MA... fuori la trovo davvero brutta, se dovessi scegliere prenderei senza dubbio la sorella i20.
Ritratto di bridge
24 gennaio 2018 - 19:12
1
È una valida utilitaria. Ma preferisco la i20 come design. Il 1.0 T-GDi è un buon motore ma non è all'altezza del 1.0 TSI Volkswagen come rapporto consumi/prestazioni.
Ritratto di Moreno1999
24 gennaio 2018 - 19:50
4
La ho vista e non la ho scelta: ha una stupidissima politica degli allestimenti, con il Cool che è destinato solo alla 100 cv (che dubito sarà la motorizzazione top) per lasciare al 1.2 solo l'allestimento intermedio dalla dotazione veramente scarsissima e neanche integrabile. Esteticamente nulla di eccezionale anche se con il nero guadagna parecchi punti, prezzo consono per quello che l'auto è, anche se aggiungendo poco si prende la Stonic che è ben meglio
Ritratto di andre0509
24 gennaio 2018 - 21:13
Al momento, per le motorizzazioni a benzina, quella da 100 CV è quella "top", ma durante l'anno dovrebbe arrivare la versione GT con il turbo aspirato da 120 CV. Non sono d'accordo sul discorso dell'allestimento intermedio, ci sono dei pacchetti optional (che comprendono sistemi di sicurezza, cerchi in lega, retrocamera ecc.) che permettono di avere una dotazione simile (anche se non paritaria) all'allestimento top.
Ritratto di andre0509
25 gennaio 2018 - 13:45
Turbo, 1.0 120 CV
Pagine