PROVATE PER VOI

Nissan Pulsar: è “stretta”… solo sul pieno

Prova pubblicata su alVolante di
febbraio 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 22.000
  • Consumo medio rilevato

    20,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    94 grammi/km
  • Euro

    5
Nissan Pulsar
Nissan Pulsar 1.5 dCi 110 CV Acenta
L'AUTO IN SINTESI

Spaziosa e provvista di un bagagliaio capiente (anche se di forma poco regolare), questa Nissan Pulsar privilegia il comfort alla sportività e si guida con piacere. In linea con il carattere della vettura il 1.5 a gasolio, non brillante in ripresa (il cambio ha i rapporti lunghi) ma omogeneo nell’erogazione ed eccezionalmente parco. Tenuto conto che la dotazione comprende anche la frenata di emergenza (e si può arricchire con altri dispositivi di ultima generazione), il prezzo è allettante.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
2
Average: 2 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
3
Average: 3 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Una “media” che va sul sicuro
Lunga 439 cm, è una cinque porte dalle linee “muscolose” e dall’abitacolo accogliente; buona la qualità costruttiva, nonostante le plastiche siano rigide. Gradevole da guidare, comoda e silenziosa, su strada si fa apprezzare anche per i bassissimi consumi del 1.5 a gasolio da 110 CV; la lunga rapportatura del cambio, però, penalizza la ripresa. L’allestimento in prova, l’intermedio Acenta, comprende pure la frenata automatica in città, e può essere arricchito con optional tecnologici che migliorano il grado di sicurezza attiva. 
 
 
La Nissan è tornata a proporre una berlina a cinque porte: è la nuova Nissan Pulsar, che può essere considerata idealmente l’erede della Almera, ormai fuori produzione da un decennio. La vettura ha linee piuttosto elaborate (e originali, specialmente nella parte anteriore), e con i suoi 439 cm da paraurti a paraurti risulta più lunga delle principali rivali: anche grazie a questa caratteristica, a bordo lo spazio non manca. 
 
L’abitacolo della Nissan Pulsar è luminoso e ha un aspetto “ricco”, per quanto le plastiche della plancia e della consolle siano rigide. Si viaggia comodamente, complice l’efficace insonorizzazione e le sospensioni che - senza essere cedevoli fra le curve - filtrano bene le asperità. La guida è facile anche in città, ma per rimediare alla scarsa visuale posteriore conviene aggiungere il (costoso) Tech Pack con telecamere perimetrali.
 
Equilibrato il 1.5 a gasolio da 110 CV fornito dalla Renault: un quattro cilindri discretamente brillante che si fa apprezzare per la fluidità d’erogazione e per la silenziosità. Si distingue pure per i consumi da record (20,4 km/l rilevati), una qualità alla quale contribuisce la lunghezza degli ultimi rapporti del cambio (il rovescio della medaglia è, però, una sensibile pigrizia in ripresa).
 
L’allestimento intermedio Acenta della Nissan Pulsar offre di serie anche il “clima” automatico, i cerchi in lega e i fendinebbia, accessori ai quali si rinuncia scegliendo la più accessibile Visia. È inclusa nel prezzo anche la frenata d’emergenza in città, mentre sono optional gli ausili alla guida del Safety Shield (compreso nel già citato Tech Pack), fra i quali l’avviso di involontario cambio di corsia e il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori.
VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Spaziosa con cura
Pur senza ricorrere a soluzioni estetiche particolarmente originali, l’abitacolo ha un aspetto curato, nonostante le plastiche siano rigide. Notevole la praticità: non manca un vano climatizzato, i comandi sono al posto giusto e lo spazio non è carente nemmeno nella zona posteriore; peccato solo che il posto centrale del divano sia meno comodo di quelli ai lati. Del bagagliaio si apprezza la capienza, che è ai vertici della categoria, meno la funzionalità: la soglia è alta sia rispetto al suolo, sia rispetto al pavimento, e a divano giù si forma un fastidioso dislivello.
 
 
Plancia e comandi
Profili cromati e rivestimenti lucidi (come quello nella consolle e alla base della leva del cambio) danno all’interno della Nissan Pulsar un tocco di ricercatezza, mentre le plastiche, sebbene rigide, hanno un aspetto “ricco”. Lo schermo centrale di 5,8” con sistema multimediale Nissan Connect con navigatore e radio DAB - che consente l’accesso ad alcune applicazioni sfruttando uno smartphone abbinato - è optional, mentre è di serie l’hi-fi con vivavoce Bluetooth. A portata di mano i comandi del “clima” bizona (standard tranne che per la “base” Visia) e i pulsanti a sinistra del volante, fra i quali quelli per escludere lo Stop&Start e l’Esp. Ben leggibile il cruscotto a binocolo, con i due strumenti analogici separati da un display di 5” personalizzabile (può visualizzare anche le indicazioni del navigatore).
 
Abitabilità
Abbastanza rigide e contenitive al punto giusto, le poltrone della Nissan Pulsar sono comode; del tipo a leva le regolazioni dell’altezza della seduta e dell’inclinazione dello schienale. Davvero largo il divano (139 cm misurati all’altezza delle spalle) che, però, è comodo soltanto per due persone: al centro, infatti, la seduta è rialzata e rigida (e chi la occupa deve anche sopportare il tunnel fra i piedi). Curata la praticità: il cassetto davanti al passeggero non è ampio, ma è collegato all’impianto di climatizzazione e provvisto di sportello con discesa frenata; inoltre, nel tunnel c’è un pozzetto con portabibita e, sotto il bracciolo, un vano che ospita gli ingressi Aux/Usb e la presa 12 V (lo spazio è abbastanza per riporvi uno smartphone in carica).
 
Bagagliaio
I suoi 385 litri di capacità lo pongono ai vertici della categoria, ma il baule della Nissan Pulsar non è un esempio di praticità: i passaruota rendono il profilo interno poco regolare e la soglia si trova a ben 71 cm da terra e 21 cm più in alto del piano di carico. In compenso l’altezza utile alla cappelliera (56 cm) è notevole, e così si possono sovrapporre senza problemi un paio di grosse valigie. Abbassando lo schienale del divano, con ripartizione 60/40, il volume utile è maggiore che nelle rivali (1395 litri), tuttavia il gradino che si forma nel pavimento impedisce di far scorrere i bagagli.
COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Una rilassante tuttofare
Sufficientemente agile in città, se dotata delle telecamere perimetrali (optional) la Nissan Pulsar non mette in difficoltà nemmeno nei parcheggi in retromarcia (il lunotto è piccolo). Fuori dall’ambito urbano è gradevole da guidare: anche se non sportiva, si rivela agile e tutt’altro che pigra. Equilibrato il 1.5 a gasolio, fluido, brillante e non rumoroso nemmeno in autostrada; in ripresa non eccelle a causa della rapportatura distesa del cambio che, però, è una delle soluzioni che gli permettono consumi da record.
 
 
In città
Non eccessivamente ingombrante, e poco impegnativa da guidare, la Nissan Pulsar 1.5 dCi Acenta diventa una “cittadina perfetta” con l’Around View Monitor, il sistema di telecamere perimetrali (parte del Tech Pack opzionale) di non poco aiuto nelle manovre di parcheggio (la visuale dal lunotto è scarsa). Promosso il 1.5 diesel, dotato di Start&Stop che lo aiuta a consumare pochissimo (nel traffico, abbiamo rilevato 17,9 km/l), progressivo nell’erogazione e abbinato a una trasmissione valida: il cambio si manovra agevolmente (gli innesti sono contrastati soltanto agli alti regimi) e la frizione non affatica.
 
Fuori città
Il 1.5 ha il giusto brio e permette di divertirsi, ma fra le sue principali qualità c’è la parsimonia: 23,8 chilometri percorsi con un litro di gasolio sono un valore eccezionale (anche se la casa dichiara ben 30,3 km/l). Sincera da guidare ancorché provvista di uno sterzo un po’ leggero in velocità, questa giapponese si giova di sospensioni in grado di contrastare efficacemente il rollio, risultando agile e sempre sicura. Quando si forza il ritmo fra le curve, emerge la tendenza ad allargare la traiettoria, ma c’è da dire che la gommatura di serie (195/60 R 16) non è certo da sportiva; ok l’impianto frenante, potente e non troppo sensibile alla fatica.
 
In autostrada
Stabile e precisa anche alle andature elevate, la Nissan Pulsar assicura grande comfort anche nei lunghi viaggi: l’abitacolo è isolato a dovere sia dalle asperità del manto stradale, sia dai rumori (si percepisce soltanto qualche fruscio generato dai retrovisori esterni). D’altra parte, nemmeno il 1.5 si fa sentire troppo, anche perché a 130 orari lavora ad appena 2350 giri: la sesta marcia è alquanto “distesa”, studiata in funzione del contenimento dei consumi (che sono davvero bassi: ben 18,9 km/l rilevati) a scapito delle capacità di ripresa (dopo un rallentamento, meglio scalare in quinta).
QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Ti protegge guardandosi intorno
La Nissan Pulsar, che nel 2014 ha superato i crash test Euro NCAP con le cinque stelle corrispondenti al punteggio massimo, offre di serie tutto l’indispensabile per la sicurezza. Nel prezzo della Acenta è compresa anche la frenata automatica d’emergenza ma – a differenza di quanto accade per la ricca Tekna, che ha pure i fari a led – si pagano a parte i dispositivi “avanzati” del pacchetto Tech, fra i quali il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori e l’avviso di uscita di corsia.
 
 
Oltre all’Esp, ai sei airbag (quelli a tendina sono estesi ai posti dietro), ai sensori di pressione delle gomme, al cruise control e ai fendinebbia, la Nissan Pulsar Acenta offre incluso nel prezzo anche la frenata d’emergenza automatica (scongiura il tamponamento di un veicolo che precede o, almeno, riduce l’intensità dell’impatto. Per avere di serie anche i fari a led si deve passare all’allestimento più ricco, denominato Tekna, che offre di serie anche il pacchetto Tech. Quest’ultimo, altrimenti a pagamento, comprende il navigatore e un sistema di telecamere (una frontale, due nei retrovisori e una posteriore autopulente) che sono d’aiuto in manovra: consentono di visualizzare nello schermo nella consolle l’immagine perimetrale della vettura oppure quella di uno dei quattro lati; in retromarcia l’attivazione è automatica, ma c’è pure quella manuale nella marcia avanti (fino a 10 km/h, basta premere il tasto Camera). Il dispositivo, che si chiama Around View Monitor, supporta pure alcuni ausili alla guida di ultima generazione: sono gli avvisi (tramite led e segnali acustici) di presenza di un veicolo che sopraggiunge ma si trova nell’angolo cieco dei retrovisori, di involontaria uscita di corsia e – nelle manovre in retromarcia – di presenza di pedoni nella zona posteriore dell’auto. Di alto profilo i risultati ottenuti nei crash test Euro NCAP (effettuati nel 2014, quindi con le procedure più recenti): le cinque stelle di valutazione globale (il massimo) sono accompagnati da punteggi dell’84% per la protezione dei pedoni in caso di investimento, dell’81% per i bambini trasportati su seggiolini omologati, del 75% per i pedoni e del 68% per i sistemi elettronici che incrementano la sicurezza attiva.
NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Scelta di concretezza
Ha un 1.5 a gasolio tanto fluido e generoso quanto parco nei consumi, è piacevole da guidare e comoda anche nei viaggi, e offre tanto spazio a bordo. Il tutto, mantenendo ingombri adatti anche alla città: anche se la praticità del bagagliaio è migliorabile, l’eclettica Pulsar è una berlina ha tutti i numeri per svolgere il ruolo di unica vettura di famiglia. Il prezzo della Acenta è equilibrato, considerata la buona qualità costruttiva e la dotazione di serie completa anche sotto l’aspetto della sicurezza.
 
 
Non sfoggia la personalità estetica di alcune rivali, ma la Nissan Pulsar è gradevole nelle linee, e questo vale sia per la carrozzeria, sia per l’abitacolo. Fra i suoi punti di forza c’è il prezzo, tutt’altro che esagerato in rapporto sia alla qualità costruttiva della vettura, sia alla dotazione: la Acenta (a differenza della “base” Visia, che fa rinunciare anche al “clima” bizona, ai cerchi in lega e all’accesso senza chiave) offre di serie più dell’indispensabile sia per quanto riguarda il comfort, sia la sicurezza, e con sovrapprezzo può essere arricchita del Tech Pack (con Around View Monitor e Safety Shield) rimanendo, anche in questo caso, più abbordabile della “top di gamma” Tekna (che aggiunge, fra l’altro, i retrovisori ripiegabili e riscaldabili elettricamente e i sensori di distanza posteriori). Piacevole da guidare anche fra le curve, sicura e confortevole, è una berlina adatta alla famiglia in virtù della sua abitabilità (favorita dal passo di ben 270 cm) e del baule capiente (ancorché perfettibile nella praticità). A differenza della versione turbo a benzina 1.2 DIG-T da 116 CV, la turbodiesel 1.5 dCi protagonista della nostra prova non può essere equipaggiata con il cambio automatico a variazione continua Xtronic, ma si rifà con un ottimo rapporto fra prestazioni (briose, se si eccettua la ripresa) e consumi (ambito nel quale non teme confronti).
PERCHÉ SÌ
Comfort
Con questa berlina si viaggia in tutto relax: le poltrone sono accoglienti e ben conformate, l’abitacolo è arioso e l’insonorizzazione efficace anche a velocità elevata (si avverte solo qualche lieve fruscio nella zona dei retrovisori). 
 
Consumo 
Fuori città si fanno più di 20 km/l, nel traffico si sfiorano i 18 e in autostrada si arriva quasi a 19: il 1.5 è davvero poco assetato, e con una media rilevata di 20,4 km/l fa della Pulsar la vettura più sobria sinora passata al vaglio dei nostri strumenti.
 
Motore
Anche se la rapportatura lunga lo penalizza in ripresa, il 1.5 sa sfoderare un piacevole brio ed eroga la sua potenza in modo omogeneo e lineare. Inoltre, non alza troppo la voce nemmeno in accelerazione.
 
Sospensioni
Quando si affrontano le curve a velocità elevata, si rivelano sufficientemente ferme da scongiurare eccessi di rollio. Ma non sono troppo rigide sulle asperità, dunque salvaguardano anche il comfort.
PERCHÉ NO
Divano
La seduta posteriore sarebbe sufficientemente larga per ospitare senza sacrifici anche tre persone di corporatura media, se non fosse che la parte centrale è poco imbottita, e sagomata in modo da formare un rialzo. 
 
Ripresa
Quando si deve effettuare un rapido sorpasso, oppure recuperare velocità dopo aver rallentato, conviene scalare: la quinta e la sesta marcia sono parecchio distese, studiate per contenere i consumi e non per favorire lo sprint.
 
Sfruttabilità del baule
Anche se è uno dei più capienti della categoria, il vano ha una forma poco regolare a causa dell’ingombro dei passaruota; inoltre, la soglia è lontana dal suolo e dal piano di carico, e a schienale giù si forma un gradino.
 
Visibilità posteriore
Il lunotto è di dimensioni ridotte e dista parecchio da terra, e i montanti posteriori ostacolano la visuale di tre quarti: indispensabile affidarsi a sensori e retrocamera che, però, sono optional.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1461
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 81 (110)/4000
Coppia max Nm/giri 260/1750-2500
Emissione di CO2 grammi/km 94
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 439/177/152
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1270
Capacità bagagliaio litri 385/1395
Pneumatici (di serie) 195/60 R16

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 4100 giri   191,3 km/h 190 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,7   11,5 secondi
0-400 metri 17,6 126,6 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,4 160,2 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 42,3 144,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 37,1 141,1 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 18,2   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 4,9   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   17,9 km/litro 24,4 km/litro
Fuori città   23,8 km/litro 30,3 km/litro
In autostrada   18,9 km/litro non dichiarato
Medio   20,4 km/litro 27,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   37 metri non dichiarata
da 130 km/h   62,4 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   139 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,5 metri 10,2

 

 

Nissan Pulsar
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
33
53
74
45
28
VOTO MEDIO
3,1
3.077255
233
Aggiungi un commento
Ritratto di rikykadjar
12 agosto 2015 - 11:16
3
Auto concreta, forse troppo che ha come rivale un' altra auto molto concreta la Rapid Spaceaback. Dal vivo rende meglio che in foto, anche se gli interni non sono molto carini. Meccanica di buon livello come l' ottimo e instancabile 1.5 diesel.
Ritratto di Claus90
12 agosto 2015 - 11:18
renault megan brutta questa ancora di più mercedes classe A bellina
Ritratto di GolfVII
12 agosto 2015 - 11:22
Un'auto nata vecchia fuori e dentro. Di buono c'è solo il motore, ma anche in questo ambito la concorrenza offre di meglio: 1.6 Mjet, 1.6 Hdi, 1.6 Idtec, 1.6 Cdti, ...
Ritratto di DarkOne
21 agosto 2015 - 15:48
Si vede che non hai proprio idea di che parli...
Ritratto di carmelo.sc
12 agosto 2015 - 11:35
La linea e gli interni sembrano quelli di una macchina di 10 anni fa. Poi il prezzo, seppur buono, e´ in linea con le rivali che esteticamente sono 10 spanne sopra. E´ un peccato perche´ come design nissan sa il fatto suo (vedi qqashqai), ma questa e´ proprio anonima. Questa pulsar fara´ la fine della almera...
Ritratto di AMG
12 agosto 2015 - 11:55
Design fluido, per un'auto più che valida che scade solamente in ripresa e negli interni vecchiotti. Senz'altro si poteva fare di meglio in alcune caratteristiche ma ha parecchi pregi che la rendono competitiva a un prezzo ragionevole. Un buon risultato.
Ritratto di M93
12 agosto 2015 - 13:49
@AMG - Quoto in pieno. Un saluto.
Ritratto di osmica
12 agosto 2015 - 12:26
Vettura bella, comfortevole, dall'abitabilita' fuori dal normale per una berlina, bagagliaio buono (con il sedile scorrevole sarebbe ottimo, visto il grande agio per i passeggeri posteriori), prezzo onesto (non e' strettamente necessaria la versione top), motore buono e molto parco, prestazioni adeguate per un motore prestato ai bassi consumi. Insomma, molto valida.
Ritratto di torque
12 agosto 2015 - 13:07
Non mi è mai piaciuta. Ha una linea che sembra schiacciata a terra, con quest'enorme vetratura in tutte le direzioni che "spinge" verso il basso la carrozzeria, facendo risultare le proporzioni piuttosto goffe e quasi da monovolume. Gli interni sembra siano stati concepiti vent'anni fa. Con tutto quello che offre il segmento C, credo finirà presto dimenticata...
Ritratto di mirko.10
12 agosto 2015 - 14:21
2
Gli interni... come gia' scritto la plancia cruscotto e tunnel mi ricordano le produzioni fiat bravo/brava '95/'96....
Pagine
Annunci

nissan pulsar usate

Prezzo minimoPrezzo medio
nissan pulsar usate 201413.40013.4001 annuncio
nissan pulsar usate 20159.49912.3106 annunci
nissan pulsar usate 20169.80012.2004 annunci
nissan pulsar usate 20179.90014.6407 annunci

nissan pulsar km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
nissan pulsar km 0 201513.50015.7504 annunci
nissan pulsar km 0 201617.50018.7502 annunci
nissan pulsar km 0 201717.20017.5502 annunci
nissan pulsar km 0 201814.90015.9303 annunci