PROVATE PER VOI

Porsche 911: una belva al guinzaglio

Prova pubblicata su alVolante di
luglio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 124.444
  • Consumo medio rilevato

    10,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    180 grammi/km
  • Euro

    6
Porsche 911
Porsche 911 Carrera 4S
L'AUTO IN SINTESI

In oltre 50 anni, la Porsche 911 ha saputo tener fede a sé stessa, mantenendo anzitutto alcuni temi classici del suo stile (come la forma dei fari, l’andamento del tetto e le fiancate larghe), della meccanica (in primis, il motore posteriore “a sbalzo”) e soprattutto della filosofia: per quanto estrema nelle prestazioni, resta una delle sportive più versatili, da usare anche tutti i giorni. La 4S del nostro test, poi, è dotata di trazione integrale, che ne consente l’uso senza patemi anche su fondi innevati o, in generale, scivolosi. 

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
5
Average: 5 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
È UN CONCENTRATO DI TECNOLOGIA

Se si mettono fianco a fianco la prima Porsche 911 del 1963 e il modello attuale, è evidente la continuità nello stile della carrozzeria e degli interni. Qui si ritrova la classica disposizione con due sedili anteriori e altrettanti strapuntini posteriori. Ma, a parte le somiglianze estetiche, sono sempre le caratteristiche di sportività e versatilità a fare da filo conduttore alle diverse generazioni che si sono susseguite in oltre cinquant’anni. Con quest’ultimo modello, però, il salto tecnologico è notevole. Anzitutto il motore, sempre boxer e montato dietro l’asse posteriore, è un sei cilindri biturbo, anziché aspirato; il rombo ha tonalità più roche dei classici motori aspirati Porsche, proprio per via del (doppio) turbocompressore. In compenso, questo tremila ha una spinta eccezionale (420 i cavalli, 500 Nm la coppia massima), e sa anche essere mansueto. In questo, la Porsche 911 non si smentisce: vuol restare una sportiva da utilizzare anche tutti i giorni. Ad esaltare le prestazioni e il comfort, provvede anche il cambio PDK (3.599 euro), un robotizzato a doppia frizione a sette marce rapidissimo, soprattutto nelle modalità di guida più sportive, e fluido nell’impiego tranquillo. Quando si va forte, invece, si può contare sul Porsche Torque Vectoring Plus (sfrutta il differenziale posteriore autobloccante a controllo elettronico per aumentare la spinta di una delle due ruote dietro e modificare così la traiettoria dell’auto). Le quattro ruote sterzanti (optional da oltre 2.300 euro) contribuiscono ad esaltare l’agilità nei percorsi misti, mentre la trazione integrale della 4S rende più facile la vita quando il fondo è scivoloso. Peccato che, accanto tante “chicche” tecnologiche, ci siano optional non altrettanto “nobili”: come gli indispensabili sensori di parcheggio (oltre 1.600 euro, retrocamera inclusa) o gli specchietti ripiegabili elettricamente, di serie in auto ben meno care di questa.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
DA USARE RIGOROSAMENTE IN DUE

Plancia e comandi
La zona di fronte a “pilota” e passeggero anteriore ripropone temi classici delle Porsche 911, come il cruscotto a cinque elementi e la chiave d’avviamento a sinistra. Tecnologico, invece, il navigatore, di serie, che mostra le immagini dal satellite e informa sul traffico in tempo reale. Tra le funzioni del sistema multimediale ci sono pure l’Apple Car Play (per gestire le app di un iPhone dalla consolle centrale) e la tracciabilità dell’auto dal proprio cellulare. Ma questa è anzitutto una coupé da guidare: la seduta è rasoterra e i comandi (anche le palette del cambio PDK, che ruotano col volante) sono a portata di dita. Possono disturbare, però, i tasti del “clima” collocati troppo in basso (peccato che, in alcune condizioni di luce, le bocchette per l’aria si riflettano nel parabrezza).

Abitabilità
Sulle sottili, ma comode, poltrone in pelle c’è spazio a sufficienza per le gambe, in larghezza e anche in altezza (le sedute basse aiutano). Le regolazioni elettriche sono un optional da oltre 2.000 euro. I posti dietro, invece, per quanto ben rifiniti sono due strapuntini: pochissimo lo spazio sopra la testa e per i piedi (oltretutto si sta rannicchiati e con la schiena praticamente verticale). E pure l’accesso è difficoltoso.

Bagagliaio
Aprendo il cofano anteriore della Porsche 911 si accede a un “pozzetto” profondo (soprattutto nella zona verso l’abitacolo) e ben rifinito. Ha una capacità dichiarata di 125 litri e riesce a contenere un paio di trolley, lasciando ancora qualche centimetro a disposizione per un portabiti. Se serve caricare di più, basta reclinare gli schienali posteriori per ottenere altri due ripiani (la capienza dichiarata è di altri 260 litri).

COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
(QUASI) SEMPRE A SUO AGIO

In città 
Nel traffico  la Porsche 911 non è proprio facile percepire gli ingombri (lungo il cofano e larghe le fiancate), ma il comfort non manca, soprattutto impostando le sospensioni su Normal. Il cambio PDK riduce lo stress nella guida, mentre nei parcheggi la visibilità posteriore quasi nulla viene compensata dagli ausili elettronici, retrocamera in primis (che però è optional). Nella media, per una sportiva, i consumi da noi rilevati: 8,8 km/litro.

Fuori città
Quando iniziano le curve, la Porsche 911 dà il meglio di sé, specialmente se, come nell’auto del test, sono presenti “chicche” come le quattro ruote sterzanti e il rapido cambio a doppia frizione. Il “tremila” sei cilindri turbo spinge che è un piacere, ma ha una voce un po’ difficile da “digerire” per gli amanti dei boxer aspirati. Forzando il ritmo, l’Esp interviene in modo assai progressivo e i freni si rivelano potentissimi. Guidando tranquilli, invece, si ottengono percorrenze di tutto rispetto: 12,7 km/litro in base ai nostri test.

In autostrada
I lunghi viaggi non sono troppo stressanti: a 130 km/h effettivi, in settima marcia, il cambio PDK tiene il motore a soli 2200 giri, e il rombo diventa un piacevole sottofondo. I consumi sono “decenti”, 10,5 km/litro, ma bisogna badare a non superare i limiti di velocità (il cruise control adattativo è optional: oltre 2.200 euro), ed è difficile vedere ai margini dei piccoli specchietti (utili i sensori per l’angolo cieco, altro optional da includere nel “carrello della spesa”).

PERCHÉ SÌ

Cambio 
Il robotizzato a doppia frizione PDK vale tutti i 3.599 euro che costa: abbina comfort e prestazioni, ed è abbinato al differenziale posteriore a controllo elettronico.

Guida 
La Porsche 911 è davvero esaltante fra le curve. Parte del merito va ai tanti dispositivi elettronici a richiesta, a partire dalle ruote posteriori sterzanti. 

Motore 
Il 3.0 boxer spinge forte, ma sa anche essere mansueto quando occorre. Peccato per il rombo, non all’altezza di quello dei vecchi motori Porsche aspirati.

PERCHÉ NO

Optional 
Alcuni dispositivi (dai retrovisori ripiegabili elettricamente al regolatore di velocità) dovrebbero essere di serie in un’auto di questo prezzo.

Climatizzatore 
I comandi risultano un po’ troppo in basso: distraggono. Inoltre, quando fuori c’è molta luce, le bocchette nella plancia si riflettono (talvolta fastidiosamente) nel parabrezza.

Visibilità posteriore 
Preziosi la telecamera (con i sensori di distanza) e pure i sensori per l’angolo cieco degli specchietti: dietro si vede pochissimo.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 2981
No cilindri e disposizione 6 boxer
Potenza massima kW (CV)/giri 309 (420)/6500
Coppia max Nm/giri 500/1700-5000
Emissione di CO2 grammi/km 180
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizz. doppia frizione) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 450/185/130
Passo cm 245
Posti 2 + 2
Peso in ordine di marcia kg 1510
Capacità bagagliaio litri 125 + 260
Pneumatici (di serie) ant. 245/35 R20 post. 305/30 R20

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 6600 giri   305,5 km/h 303 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 3,7   3,8 secondi
0-400 metri 11,8 192,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 21,4 246,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 20,6 246,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 20,1 246,9 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/H 1,2   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 2,3   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   8,8 km/litro 9,7 km/litro
Fuori città   12,7 km/litro 15,2 km/litro
In autostrada   10,5 km/litro non dichiarato
Medio   10,6 km/litro 12,7 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   33,8 metri non dichiarata
da 130 km/h   53,0 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,5 metri 10,7

 

Porsche 911
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
357
73
27
11
49
VOTO MEDIO
4,3
4.31141
517
Aggiungi un commento
Ritratto di ardo
14 febbraio 2017 - 18:54
estasiato.
Ritratto di Racing 75
15 febbraio 2017 - 15:11
1
Non è mai ai livelli di una Ferrari ed è anche anonima... soprattutto considerando il prezzo, inferiore a Maserati e Ferrari per qualità e bellezza. Forse su una vettura così avrei visto di più il cambio manuale visti i problemi che ha il PDK. Forse quello che manca ancora a questo modello estremo è un desin più ricercato, è troppo anonima nonostante l'aria sportiva. Penso che Porsche dovrebbe osare di più in questo senso. PS: spero vivamente che prima o poi Porsche si sleghi dal gruppo VW perchè non se ne può più di vedere porcherie immonde come il Cayenne, Macan o la Panamera, veri insulti al buon Ferdinand. Vedo troppo marketing e poca passione nella dirigenza VW, speriamo in un distacco aziendale prima o poi in modo da poter proporre finalmente delle degne avversarie di Alfa Romeo e Maserati.
Ritratto di rinc78
16 febbraio 2017 - 09:00
Ciao Racing 75, lungi da me criticare le opinioni altrui ma permettimi di non concordare con te nel giudicare ANONIMA una 911...da 50 anni é sempre la stessa, nessuna ha + personalità di lei...non deve cambiare, la sua personalità perdura da 50 anni... Poi mi parli di problemi del PDK...il PDK é uno dei migliori doppia-frizione in circolazione, parlo anche per esperienza personale, a livello di performance é per forza superiore al manuale (+veloce + comodo e + fluido), sebbene concordo che in termini di emozioni pure di guida il manuale é ineguagliabile. Concordo invece pienamente sul discorso di marketing e le porcherie come le SUV Porsche: spero che la Ferrari non scenda mai cosi' in basso. Personalmente comunque, ritengo che Maserati non sia allo stesso livello delle vetture sport Porsche almeno da un punto di vista di qualità percepita, laddove invece potrebbe anche essere superiore da un punto di vista meccanico-motoristico.
Ritratto di Blade Runner
26 febbraio 2017 - 13:17
Infatti la Ferrari è un giocattolone in scala 10:1, buono per i calciatori, gli sceicchi ed i parvenu, ottima meccanica ma niente classe. L'eleganza è invece un carattere sistintivo delle Porsche che ne ha fatto un classico, con personalità da vendere e meccanica da sempre perfetta
Ritratto di FANTAMAN
6 marzo 2017 - 13:31
La Ferrari non ha Classe nella misura in cui una Porsche sembra un utilitaria ..
Ritratto di nikomo
15 marzo 2017 - 01:20
Pienamente d accordo. Ferrari e' per lo show degli sboroni. La porsche e la porsche. Una cosa da signori
Ritratto di carletto86
22 marzo 2017 - 16:06
"degne avversarie di Alfa Romeo" ahahah, ps: Questa 911 con soli 420cv ne ha abbastanza per mettersi nel retrovisore la Giulia QV, Senza rancore ma per l'appunto.
Ritratto di tramsi
28 dicembre 2017 - 18:37
La "bellezza" è soggettiva, la qualità no e, in tale ambito (per non parlare di quello tecnologico e della performance pura), una 911 è DECISAMENTE superiore a una Maserati, tanto da essere valutata come la supercar meglio costruita al mondo.
Ritratto di Andrea1969
10 luglio 2018 - 19:33
Porsche: disastro. Compri una Carrera per guidare un mito, e ti aspetti che l'assistenza, pagata oro, il servizio e la cortesia siano all’altezza. Non a Torino. Dopo una manutenzione, l'auto mi è stata restituita con un piccolo danno. Lo faccio notare al momento del ritiro e mi viene detto che il pezzo in questione verrà sostituito. Mesi di solleciti e “tempo da perdere” per finire in un tragicomico nulla di fatto: come perdere un cliente per sempre. Morale: sconsiglio sia Porsche che dealer. Per quanto mi riguarda correttezza e cortesia non sono optional.
Ritratto di Enrico1975
14 febbraio 2017 - 19:25
Che spettacolo!
Pagine