PROVATE PER VOI

Toyota C-HR: bene guida e consumi, meno la praticità

Prova pubblicata su alVolante di
marzo 2017
Pubblicato 12 ottobre 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 30.400
  • Consumo medio rilevato

    19,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    87 grammi/km
  • Euro

    6
Toyota C-HR
Toyota C-HR 1.8H Style E-CVT

L'AUTO IN SINTESI

La Toyota CH-R è una crossover ibrida con 122 CV che sfrutta la meccanica della Prius: beve poco, si guida bene e offre parecchio di serie, soprattutto per la sicurezza. Ben fatto l’abitacolo: lo spazio c’è anche dietro (al contrario della luminosità), ma alcuni comandi sono scomodi e il baule non è né grande né ben attrezzato. Discrete le prestazioni e buoni i consumi, ma il cambio a variazione continua di rapporto richiede di guidare dolcemente perché tende a mantenere alto di giri il motore a benzina. 

Posizione di guida
3
Average: 3 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÉ COMPRARLA

Promossi consumi e frenata; ma quel cambio….

Toyota CH-R

La Toyota CH-R è una crossover ibrida dalle forme “audaci”: la carrozzeria, quasi da coupé, non toglie spazio alle persone, quanto ai bagagli (il baule non ha il doppiofondo e, a divano giù, la capacità di carico è scarsa). I 122 CV totali le assicurano un certo brio: la meccanica è quella della Prius (22,2 km/l in media nella nostra prova su alVolante 5.2016, contro i 19,6 di questa CH-R), con il 1.8 a benzina che lavora secondo il ciclo Atkinson, sfruttando la chiusura ritardata delle valvole di aspirazione per assorbire meno potenza nella fase di compressione (parte della miscela aria/benzina torna poi nei condotti per essere riutilizzata nello “scoppio” successivo). Abbinati al quattro cilindri ci sono due motori elettrici: quello principale eroga 72 CV e contribuisce a muovere l’auto, mentre l’altro fa solo da motorino d’avviamento. Nei rallentamenti sono entrambi “trascinati” dalle ruote e ricaricano la batteria principale. Come tutte le ibride, la vettura gode di agevolazioni quali il “bollo” calcolato solo sui 98 CV del 1.8 (in alcune regioni, poi, è addirittura prevista l’esenzione dalla tassa) e, in svariate città, l’accesso libero alle Ztl. Lo sterzo della Toyota CH-R è preciso e le sospensioni poco cedevoli, ma il cambio a variazione continua di rapporto mortifica il piacere di guida, facendo impennare i giri del 1.8 se si preme decisi il pedale dell’acceleratore. E già poco prima dei 130 km/h si fanno notare fruscii e rumore di rotolamento delle gomme. Le sospensioni sono “ferme” ma non brusche, mentre gli spazi d’arresto fanno invidia a quelli di molte sportive e persino la modulabilità (critica nelle ibride, perché nella prima parte della frenata a lavorare è il sistema di recupero di energia) è buona; non elevata, invece, la resistenza alla fatica dell’impianto. La dotazione della versione provata è ricca (di serie, frenata automatica e cruise control adattativo), ma il navigatore si paga caro. La garanzia è di 3 anni (5 sul sistema ibrido) o 100.000 km.

VITA A BORDO

3
Average: 3 (1 vote)
Ben fatta e hi-tech, ma si carica male

Toyota CH-R

Plancia e comandi
Originale la plancia, bassa e sporgente della Toyota CH-R: quella della Style presenta inserti blu elettrico che, assieme alle plastiche lucide scure con brillantini colorati, le danno un’aria “hi-tech”. Rafforzano questa impressione l’illuminazione soffusa blu per i pannelli porta e il tunnel. Di qualità le plastiche e gli assemblaggi. A dispetto dell’aspetto futuribile, i comandi sono razionali, grandi e ben raggiungibili: fanno eccezione quelli a sfioramento attorno allo schermo centrale di 8’’, piccoli e poco reattivi. Curioso poi che un’auto così tecnologica abbia una sola presa Usb e non consenta di usare le app dei cellulari nello schermo centrale (i protocolli Android Auto e Apple CarPlay non sono previsti). Completo invece il cruscotto: dallo schermo di 4,2” al suo interno, usando i tasti nel volante si selezionano anche le modalità di guida (il procedimento è lento e macchinoso). I pulsanti sulle razze del volante sono semplici (e grandi), ma per azzerare il volume dell’impianto audio, il comando Mode va premuto per due secondi: poco razionale. Il cassetto destro, infine, ha una capacità media, ma non è né rivestito né refrigerato

Abitabilità
La linea è quasi da coupé, eppure anche dietro c’è posto a sufficienza per testa e gambe e il divano è comodo al centro. Però mancano le bocchette del “clima” e le prese elettriche, e di luce ne arriva ben poca: i vetri (di serie, scuri nella Style) sono piccoli. Davanti, invece, la plancia sporgente della Toyota CH-R impone di arretrare molto il sedile destro. La seduta è poco più alta da terra rispetto a quella di una berlina, ma la regolazione in altezza del volante è da rivedere: i più alti lo hanno “fra le ginocchia”. Le comode poltrone sono riscaldabili e si regolano elettricamente nel supporto lombare. Lo schienale è però registrabile per mezzo di una leva, meno progressiva di una rotella. I rivestimenti in pelle sono optional. 

Bagagliaio
Lo spazio è inferiore a quello che si trova nella maggior parte delle medie a cinque porte. L’imboccatura ha comunque una forma regolare e la soglia è ben protetta; per arrivare al pavimento, però, c’è un “salto” di 19 cm, a ridosso del divano il baule si restringe e il subwoofer è ingombrante. Con lo schienale giù, si forma uno scalino di ben 13 cm: due valigioni impilati non stanno sotto il tendalino e il fondo non è ad altezza regolabile. Manca persino un doppiofondo: sotto c’è spazio solo per il kit di gonfiaggio e riparazione dei pneumatici.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Guida dolcemente e ti conquisterà

In città
I primi metri si percorrono in elettrico, ma in questa modalità non si supera un paio di chilometri. Bene la ripresa: col cambio CVT della Toyota CH-R la potenza arriva senza interruzioni. Questo cambio punta su efficienza e dolcezza; premendo sul pedale destro con moderazione, il 1.8 lavora a bassi giri, aiutato dal motore elettrico. Ma nelle accelerazioni decise si ha lo sgradevole “effetto-scooter”, con i giri che salgono ben più rapidamente della velocità. Discreto il lavoro delle sospensioni e apprezzabili i montanti anteriori sottili. In manovra, aiutano molto la telecamera posteriore (di serie) e il RCTA (avviso di traffico che incrocia da dietro, è nel pacchetto Tech). Davvero tanti i 22,2 km/l rilevati.

Fuori città
Lo sterzo della Toyota CH-R è preciso e, in curva, l’auto non s’inclina troppo di lato. Nei percorsi tortuosi la guida non delude: l’auto segue fedelmente la traiettoria e il retrotreno rimane stabile anche nelle brusche sterzate d’emergenza. In salita, invece, dà fastidio il 1.8 tenuto costantemente su di giri dal cambio CVT. Anche quando si alza il ritmo, comunque, si può contare su freni potenti e ben modulabili. Bassi i consumi (21,3 km/l secondo i nostri strumenti)

In autostrada
L’utile cruise control adattativo tiene l’auto alla giusta distanza dai veicoli che precedono. Notevole la stabilità; solo discreto il comfort per via dei fruscii e del rumore proveniente dai passaruota. Silenzioso (tranne che nei sorpassi “alla garibaldina”) il 1.8: a 130 km/h è l’unico motore che spinge la vettura (in queste condizioni si percorrono 14,9 km con un litro di benzina). In ripresa, si riguadagna velocità in breve tempo: come con un buon turbodiesel di pari potenza abbinato al cambio automatico.

PERCHÉ SÌ

CONSUMI
Non eguagliano quelli della Prius, ma sono bassi, specie in città.

DOTAZIONE DI SICUREZZA
Di serie l’auto offre molti dispositivi, come il cruise control adattativo e la frenata automatica d’emergenza.

FRENATA
Pur soffrendo un po’ nell’uso prolungato, l’impianto assicura spazi d’arresto davvero ridotti.

GUIDA
La taratura di sterzo e sospensioni è a punto: la vettura è precisa e intuitiva da guidare.

PERCHÉ NO

BAULE
È senza doppiofondo e piccolo a divano giù (quando il piano non è in pari).

COMANDI SECONDARI
Macchinoso scegliere la modalità di guida e “zittire” l’audio. E alcuni comandi a sfioramento vicini allo schermo sono scomodi.

“EFFETTO SCOOTER”
I giri del 1.8 s’impennano quando si accelera decisi o in salita: è fastidioso.

NAVIGATORE
È caro e non si può neppure sostituire con il cellulare: mancano Android Auto e Apple CarPlay. 

SCHEDA TECNICA

Motore a benzina 
Cilindrata cm31798
No cilindri e disposizione4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri72 (98)/5200
Coppia max Nm/giri142/3600
  
Motore elettrico 
Potenza massima kW (CV)/giri53 (72)/n.d.
Coppia max Nm/giri163/n.d.
Tipo batterianichel metallo-idruro
  
Potenza massima complessiva kW (CV)90 (122)
  
Emissione di CO2 grammi/km87
No rapporti del cambioautomatico CVT + retromarcia
Trazioneanteriore
Freni anterioridischi autoventilanti
Freni posterioridischi
Capacità di traino750 kg
  
Quanto è grande 
Lunghezza/larghezza/altezza cm436/180/156
Passo cm264
Posti5
Peso in ordine di marcia kg1420
Capacità bagagliaio litri377/1160
Pneumatici (di serie)225/50 R18
Serbatoio litri43

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA RilevataDichiarata
in Drive 175,6 km/h170 km/h
    
ACCELERAZIONESecondiVelocità di uscitaDichiarata
0-100 km/h11,7 11 secondi
0-400 metri18,0124,2 km/hnon dichiarata
0-1000 metri33,0158,1 km/hnon dichiarata
    
RIPRESA IN DRIVESecondiVelocità di uscitaDichiarata
1 km da 40 km/h30,9157,5 km/hnon dichiarata
1 km da 60 km/h29,3159,2 km/hnon dichiarata
da 40 a 70 km/h3,6 non dichiarata
da 80 a 120 km/h8,8 non dichiarata
    
CONSUMO RilevatoDichiarato
In città 22,2 km/litro28,6 km/litro
Fuori città 21,3 km/litro24,4 km/litro
In autostrada 14,9 km/litronon dichiarato
Medio 19,6 km/litro25,6 km/litro
    
FRENATA RilevataDichiarata
da 100 km/h 34,6 metrinon dichiarata
da 130 km/h 59,1 metrinon dichiarata
    
ALTRI VALORI RilevatiDichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica 136 km/hnon dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede 10,9 metri11,0
Toyota C-HR
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
167
82
64
48
85
VOTO MEDIO
3,4
3.443945
446
Aggiungi un commento
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 18:56
Non capisco solo le tre stelle a posizione di guida, l'ho provata di recente e stavo comodissimo con una postura anche relativamente bassa per essere un crossover, e allungata, volante piuttosto verticale, pedaliera comoda e ben spaziata e un appoggio abbondante e inclinato correttamente, del piede sinistro. In realtà anche questo effetto scooter di cui si parla sempre è solo relativamente avvertibile e, al limite, può accadere solo in caso di accelerazioni da fermo col gas a tavoletta altrimenti si avverte pochissimo, nella mia prova effettuata tra città e circonvallazione sono riuscito a viaggiare in elettrico per il 77,5% del tragitto, dato riscontrato poi in concessionaria sul computer del venditore che mi aveva accompagnato, un ottimo risultato direi.
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 19:11
Leggo solo ora della regolazione del volante un po' macchinosa per i più alti,ok evidentemente non me ne sono accorto perché essendo alto 1,75 rientro perfettamente nella media.
Ritratto di Dirk
12 ottobre 2017 - 19:17
Linee spigolose molto spigolose. Troppo per i miei gusti. Si sono convertiti pure loro alle frecce dinamiche.:-))
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 19:58
Non che fossero d'obbligo: Di generaliste che ne sono sprovviste è pieno il mercato.
Ritratto di Dirk
12 ottobre 2017 - 20:28
Pochi le hanno. Sono molto d'effetto, comunque e chissà che non le utilizzeranno anche altri in futuro.
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 23:00
Anche la Mustang le ha ma se non sbaglio lampeggia in modo sequenziale l'intero fanale con un effetto squisitamente USA.
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 23:00
Anche la Mustang le ha ma se non sbaglio lampeggia in modo sequenziale l'intero fanale con un effetto squisitamente USA.
Ritratto di Dirk
13 ottobre 2017 - 06:59
Se non ricordo male è stata la prima ad averle.
Ritratto di MAXTONE
13 ottobre 2017 - 11:07
Probabilmente si dal momento che le montava già il model year 67 ma vorrei avere il parere di Francesco per esserne certo, credo che qualche generazione potrebbe anche averle saltate ma è solo un impressione.
Ritratto di lucios
13 ottobre 2017 - 07:21
4
Dietro è molto stretta per essere una SUV!
Ritratto di SMario73
8 dicembre 2017 - 18:59
4
Devo dissentire totalmente sull'effetto scooter, sembra di essere in un frullatore appena si chiede qualche cavallo per accelerare, l'ho provata, ci sono sceso volentieri, dal frullatore...peaccato perché per il resto è molto bella.
Ritratto di napolmen4
12 ottobre 2017 - 19:15
molto bello ma ha diversi difetti che ne minano la sua vendita specie in italia..come il navigatore e quel cambio...oppure il diesel...
Ritratto di Zot27
12 ottobre 2017 - 19:49
Il cambio (anzi non cambio) e il non diesel sono dei pregi
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 19:59
Quoto. Tra l'altro lo stesso gode di un funzionamento ineccepibile e rende la guida fluida e molto gradevole nei frequenti stop and go cittadini.
Ritratto di Sepp0
12 ottobre 2017 - 22:18
Ok per la guida fluida, ma in accelerazione ed in salita il rumore del motore è imbarazzante. Sembra di essere su una Ferrari ma con la ripresa di un'Ape 50. Si comporta allo stesso modo della mia HR-V, da questo punto di vista.
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 22:56
Perché la ripresa di un ape 50? Ad esempio 8,8 secondi nell'80-120 mi sembra un risultato niente male per la categoria, non da guinness ma certo non disprezzabile imho.
Ritratto di Sepp0
12 ottobre 2017 - 23:07
In quei nove secondi però il rumore del motore è assordante, te lo assicuro. E a me sembra comunque un'eternità per un misero 80-120.
Ritratto di V-Twin
13 ottobre 2017 - 11:26
Peugeot 3008 TD 120cv 9.2s Peugeot 2008 TD 120cv manuale 13.3s Audi Q3 TD 150 cv manuale 13.6s Tiguan 2.0 TD 150cv DSG 7.6s Jaguar F-Pace TD 179 cv 8 marce automatico 7.5s... Tanto per citarne alcune. La CHR non mi pare per nulla "ferma".
Ritratto di fastidio
16 ottobre 2017 - 13:38
7
in lombardia se ne vedono davvero parecchie in giro..
Ritratto di GiorgioBG68
10 novembre 2017 - 12:57
1
Confermo, e tra l'altro piace molto anche a me. A patto di evitare il solito anonimo grigio, in tutte le sue declinazioni.
Ritratto di Zot27
12 ottobre 2017 - 19:50
Anche quando il regime sale molto, è sempre meno fastidioso del rumore, della rombosità e delle vibrazioni che darebbero un diesel di ultima generazione
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 20:02
Esatto. Tra l'altro a volte mi capita di sentire dei diesel di ultima generazione estremamente rumorosi soprattutto a freddo e la cosa mi lascia sempre inevitabilmente basito perché il ticchettio non è poi così diverso da quelli degli anni 90.
Ritratto di Zot27
12 ottobre 2017 - 22:10
Vero, non credevo alle mie orecchio qualche settimana fa stando vicino al cofano anteriore di una Stelvio mentre faceva manovra
Ritratto di Zot27
12 ottobre 2017 - 22:13
(orecchie, scusate) , e aggiungo che non aveva certo il motore freddo
Ritratto di MAXTONE
12 ottobre 2017 - 23:03
E monta uno dei migliori diesel nel suo segmento (se non il migliore) figuriamoci quelli nella media.
Ritratto di otttoz
12 ottobre 2017 - 20:27
la renault ha usato recentemente il cvt ma lo ha migliorato evitando l'effetto scooter,cosa aspettano in toyota per adottare la stessa soluzione?
Ritratto di fedevidrik93
20 ottobre 2017 - 08:56
2
Renault se non sbaglio ha posizioni preimpostate della cinghia "simulando" un cambio automatico..Ma non ne sono sicuro! Così come Nissan che addirittura prevede il cvt sulla Juke Nismo..
Ritratto di domi2204
12 ottobre 2017 - 20:35
Non male come auto, ma le prestazioni sono alquanto deludenti, 30.000€ per un auto che non va nemmeno come una panda mjet o una up tsi
Ritratto di V-Twin
13 ottobre 2017 - 11:15
Va almeno quanto p.es. la Peugeot 3008, che mi pare sia un best seller nella categoria. Per curiosità, la ben più pomposa Audi Q3 TD 150 cv 6 marce nella ripresa 40-70 e 80-120 fa *molto* peggio del CHR . La Tiguan TD 150cv DSG nel 40-70 fa appena 0.5s meglio e nel 80-120 solo 1,2s meglio, la Tiguan 1.4 TSI 122 cv autmatica fa giusto uno 0,5s meglio nello 0-100, ma in ripresa la spunta il CHR. Non mi pare quindi che il CHR vada tanto piano rispetto alle concorrenti. PS: tacciamo della Panda mj, i cui tempi sono doppi...
Ritratto di domi2204
13 ottobre 2017 - 20:54
fa quasi 12 sec da 0-100, la ripresa ha un automatico quindi va in piena accelerazione, parliamoci chiaro è cool è green ma è anche un polmone.
Ritratto di Zot27
14 ottobre 2017 - 20:32
I motori A/M non vanno giudicati in rapporto alla cilindrata
Ritratto di Mark R
15 ottobre 2017 - 19:39
è così fondamentale avere prestazioni da simil supercar?? Penso che in strada non sia possibile andare oltre certe velocità... senza contare i limiti... poi è vero ogni giorno dobbiamo fare le drag race sul quarto di miglio.... poi andate sempre dietro con le solite argomentazioni.... siete monotoni... l'ibrido toyota nasce con altri scopi... non con l'obiettivo di fare record di prestazioni... ma record di consumi (per quelli che sanno usare l'ibrido). Ovviamente chi prova e fa articoli sull'ibrido toyota non utilizza l'ibrido come si deve... proviamo a farla usare a coloro (tipo il sottoscritto) con più di 200.000km all'attivo sull'ibrido toyota e vediamo.... io su una prius del 2006 al giorno d'oggi faccio medie di 3.8lt/100km, in estate anche 3.5lt/100km... è dichiarata da libretto 4.2lt/100km, consumo meno del dichiarato....
Ritratto di gynt
12 ottobre 2017 - 20:57
"... Se si preme decisi... " ma in una guida normale quando si preme decisi? Forse solo per fare un sorpasso, giusto, giusto quella manciata di secondi. Un TD deve fare 3000/3500 giri e non è che sia sinfonia. È tutta questione di abitudine.
Ritratto di gilrabbit
13 ottobre 2017 - 14:22
Dipende dal modo di guidare. Oggi il più scalcinato dei diesel tra i 120 e i 140 cv fa 0-100 poco sopra i 10 secondi e se parti da una terza in un attimo sali in 5/6 con l'effetto di stare incollato al sedile e i 200 all'ora sonop lì a poratta di mano il che significa che nel normale uso il motore "dorme". Non capisco l'accanimento verso i diesel da quando sono uscite queste ibride che si ostinano a afrle pagare 30k euro e giù di lì. Per me un'ibrida da città, perchè è solo la città il suo regno, dovrebbe essere una segmento A o B e fino a che non si salirà di tecnologia fermiamoci quì ma un'auto similsportiva mezzo sub ibrido che va come uno scoter e a 170 all'ora gli scoppaino i polmoni mi sembra assurdo. E' solo un parere personale.
Ritratto di gynt
13 ottobre 2017 - 18:38
Ciao gilrabbit, il mio non voleva essere un accanimento contro i diesel è solo che le riviste sembrano non avere ancora capito che l' e-cvt funziona in questo modo, diversamente da tanti manuali e automatici e non è di per se un difetto, come ho scritto è solo questione di abitudine. Un td l'ho avuto anch'io (12 anni ), a volte mi manca la spinta del turbo ma non ci ritornerei mai per rinunciare alla rilassatezza di guida e alla silenziosità che mi da questa. Un solo appunto: che l'ibrido va bene solo in città, credimi, è un luogo comune da sfatare, personalmente faccio molto extraurbano e va benissimo, seguo il flusso del traffico o altrimenti vado da codice (10 km/h avanti o indietro), non faccio da tappo come alcuni e consumo meno di prima. Esperienza personale. Ho apprezzato molto il tuo "parere personale" troppa gente parla in termini assoluti senza conoscere. In amicizia.
Ritratto di gilrabbit
16 ottobre 2017 - 09:28
Infatti: credo che quì si possano esprimere solo pareri personali sulla base della propria esperienza e uso che si fa dell'auto. Io ho una guida molto pesante sempre al limite del codice. Questa abitudine proviene dal fatto che mi capita di fare strappate autostradali anche di 2000 km fermandomi solo per un breve spuntino o per andare in bagno. Quindi si può capire che per l'auto non deve avere fronzoli. Conosco la strada e non ho bisogno del tv color da 30 pollici che mi indica dove e cosa fare. Non mi crea problema l'immagine che daq un'auto o se ha le plastichine sul cruscotto. Ho bisogno di un mezzo che mi deve trasportare in sicurezza e con il minor costo da quì a lì. Per questo ho una vecchia MB 280 oramai del 2005 con un motore 3000 che fa 15 al litro borbottando a pochi giri con solo 170 cv ma con la certezza che, facciamo le corna, non si spegnerà mai. Conosco persone che con i 270 E sono arrivati a 600.000 km e altri che sono sui 400.000. La mia auto a nuovo costava 70 mila euro e oggi, che in pratica è ancora nuova vale sie no 5/6 euro. Non ho mai avuto incidenti, è lucida come nuova e gli interni in pelle bianca sono impeccabili. Qualcuno dirà: la tecnologia è andata avanti......avanti dove dico io? E' tecologia qeulla che in 120 kim fa cambiare 2 turbine al mio amico con una A4? E' tecnologia quella di un amico che ritira l'auto in concessionaria e si ferma dopo 500 km lontano da casa con un'assistenza che dopo 2 mesi ancora non ha capito il difetto oppure è tecnologia la pubblicità che si basa su telecamere posteriori che riprendono a 180 ° per vedere la figlia che si bacia? Quindi come si capirà sono critico verso un progresso che progresso non è. I motori oramai sono quello che sono e le scocche gira che ti rigira o più alte o più basse sono state disegante in tutti i modi e....il prezzo in pochi anni è raddoppiato mente stipendi e consumi sono al palo da anni. Quindi io mi tengo la mia macchina con i suoi 12 anni e quando ci sarà vera tecnologia nuova possiamo riparlarne. Per ora vedo solo gadget e plastichine!!!!
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 10:07
L'ibrido di T/L, che non è gadget e plastichine, non è vero progresso ?
Ritratto di gilrabbit
16 ottobre 2017 - 10:47
Parere personale? No. Suv sportivo che sportivo non è venduto a oltre 30.000. Tecnologia che non da grossi risparmi effettivi all'utente finale. Inquinamento tale e quale ad altre auto che percorrono gli stessi km/litro. Unico vantaggio in città dove puoi percorrere alcuni km con l'ettrico ma allora che me ne faccio di un suv sportivo per i vicoli di una centro città? Credo invece che visto il rischio di stagnazione che presenta la tecnologia corrente le case si gettino su questo mezzo motore a benzina con le batterie per spillarci un buon 30% in più e il resto lo farà la pubblicità e la politica. Un pò come l'bbligo di bancomat per prendere il caffè. Far sparire il contante per mettere al sicuro le banche da fallimenti e far guadagnare i vari visa e mastercard. Sarò retrogrado ma voglio avere i soldini in tasca e usare il resto solo se lo decido io!!!
Ritratto di gynt
16 ottobre 2017 - 11:24
Non posso che stimare una persona che tiene l'auto fin che va. In effetti se si ha il piede pesante l'ibrido di Toyota non è l'ideale, non è per tutti come alcuni sembrano dire in certi loro discorsi/commenti, mi dispiace solo leggere di come la gente è ancora piena di luoghi comuni e/o non ha conoscenza di queste auto sebbene siano professionisti come chi ha fatto questa prova. Almeno quelli di di 4r ogni tanto si degnano di rispondere ogni tanto, questi di AV...
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 16:07
Io quando ho molta fretta col piede molto pesante, faccio sempre minimo 16 al litro, molto meglio di qualsiasi altra auto. 4r infatti si degnò, solo su internet, di ammettere che le prove di consumo a velocità costante, con le ibride, non erano proprio attendibili
Ritratto di Francesco_93
27 ottobre 2017 - 12:15
Concordo con gilrabbit. Anch'io ho un'auto vecchiotta sempre tenuta bene ma ora con comprensibili piccoli acciacchi, ma non saprei proprio con cosa sostituirla. La disponibilità economica ce l'avrei pure ma spendere 25.000 euro per una segmento C attuale con dimensioni/spazi uguali alla mia, consumi che oltre i 20 al litro non ottieni, autoradio sempre scadenti, prestazioni sempre uguali (nonostante i più cv che si ripercuotono solo su bollo e assicurazione, visto che i motori moderni sono tutti strozzati...), non mi sentirei di aver fatto un buon affare a comprarla. Per ora attendo al palo, in attesa dei tanto annunciati progressi che investiranno il settore auto nei prossimi anni, sperando che, facendo le corna, la mia auto non mi abbandoni prima....
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 16:09
Dire che è una tecnologia che non da grossi risparmi effettivi all'utente finale è ridicolo, io ho già risparmiato varie migliaia di euro nonostante l'ibrido all'acquisto viene di più
Ritratto di Mbutu
17 ottobre 2017 - 09:53
Discorso senza capo ne coda (oltre che antiquato). Al solito si considerano la propria esperienza e le proprie necessità come le uniche degne di nota mentre si dovrebbe essere capaci di un po' di astrazione.
Ritratto di Zot27
17 ottobre 2017 - 09:57
Non ho capito questo intervento, Mbutu. Che l'affidabilità dell'ibrido Toyota/Lexus è massima è risaputo, la Prius è definita l'auto più affidabile al mondo
Ritratto di gilrabbit
17 ottobre 2017 - 10:40
Che questo sia un forum di tifosi è risaputo e non ho mai letto di nessuno che dice la mia auto è un ce@so. Detto questo tanto per capire e convincermi della bontà delle tue affermazioni, mi dici dove e come con numeri alla mano hai risparmiato varie migliaia di euro? E' evidente che il paragone va fatto con auto di pari cilindrata e prestazioni. Solo così possiamo capire.
Ritratto di Zot27
17 ottobre 2017 - 11:09
Certo. Avevo prima un dci 120 cv col quale ho fatto 267k km, e col quale ho avuto molte spese di manutenzione straordinaria, compreso turbo e intercooler. Oltre a pastiglie anteriori ogni 35k km ca, dovevo rettificare a basso livello i dischi ant. ogni 10-15k km perchè sempre si deformavano. Ecc.. ecc... Con la Prius III ho fatto 185k km e ho speso solo 50euro ca di pastiglie anteriori a 160K km come manutenzione straordinaria, e il confronto consumo è che risparmio circa40-50euro al mese di carburante con il chilometraggio mensile che ho (20-25% ca di autostrada). E` sufficiente ?
Ritratto di gilrabbit
17 ottobre 2017 - 13:00
Diciamo che prima più che una macchina avevi un ce@sso. Mai sentito uno che rettifica i dischi ogni 10 mila k. Io li avrei cambiati cosa che mai mi è accaduta così come trovi strano cambiare le pasticche una vcolta sola in 185 mila km. Forse che prima scendevi dal monte bianco tutte le mattine e oggi viaggi solo in una autostrada senza nessuno perfettamente piana e dritta....o forse prima andavi a 1000 e oggi vai a 80? Detto questo se il maggior esborso si traduce si traduce in 500/600 auro l'anno di risparmio sul carburante....mi tengo la mia vecchia diesel. Aggiungo come sempre che sono pareri strettamente personali. Aggiungo anche che questa CH-R per i miei gusti è inguardabile ma in un mondo dove si vende tutto che ben venga.
Ritratto di gilrabbit
17 ottobre 2017 - 13:00
Diciamo che prima più che una macchina avevi un ce@sso. Mai sentito uno che rettifica i dischi ogni 10 mila k. Io li avrei cambiati cosa che mai mi è accaduta così come trovi strano cambiare le pasticche una vcolta sola in 185 mila km. Forse che prima scendevi dal monte bianco tutte le mattine e oggi viaggi solo in una autostrada senza nessuno perfettamente piana e dritta....o forse prima andavi a 1000 e oggi vai a 80? Detto questo se il maggior esborso si traduce si traduce in 500/600 auro l'anno di risparmio sul carburante....mi tengo la mia vecchia diesel. Aggiungo come sempre che sono pareri strettamente personali. Aggiungo anche che questa CH-R per i miei gusti è inguardabile ma in un mondo dove si vende tutto che ben venga.
Ritratto di Zot27
17 ottobre 2017 - 13:51
Se gilrabbit trova strano cambiare le pastiglie una sola volta in 185k km (che poi sarebbe in 319k km) con un'ibrida T/L, è meglio stia zitto, visto che non ha alcuna competenza automobilistica
Ritratto di Zot27
17 ottobre 2017 - 13:54
E sappia , per esempio, che la Bmw adottò nelle proprie officine , una quindicina di anni fa , l'attrezzatura per fare la rettifica dei dischi a basso livello, proprio perchè il fenomeno è molto più frequente di quel che si pensa
Ritratto di Zot27
17 ottobre 2017 - 14:07
E poi gilrabbit non cambia mai la cinghia distribuzione alla sua vecchia diesel ? Mi venga a dire che non ha mai speso niente oltre a olio e filtro dell'olio (e filtro dell'aria ogni 60k km nelle ibride)
Ritratto di Mbutu
17 ottobre 2017 - 13:01
Zot27, il mio commento era per gilrabbit. Non ho capito perchè mi ha incolonnato sotto di te.
Ritratto di gilrabbit
17 ottobre 2017 - 13:09
Per avere astrazione si dovrebbe aver avuto decine di auto e percorso milioni di km su vari tipi di strade. Se fai casa ufficio per 20 anni passando sempre sopra le stesse buche solo quelle conosci e se il tuo tipo di auto è sempre stato in quel range solo quelle conosci. Il mio più che un discorso antiquato ma un discorso che punta alla praticità dell'uso dell'auto che è cosa ben diversa.
Ritratto di Mbutu
17 ottobre 2017 - 14:50
Si chiama astrazione proprio perchè non è necessario aver provato le cose. Te ne esci con sentenze del tipo "l'ibrido non dà alcun risparmio" solo pensando al tuo uso. Che però non è quello di tutti. E' come se io, dal momento che vivo a Milano, dicessi che le auto con 4 ruote motrici non servono a nulla. Non mi permetterei mai di farlo perchè "astraendo" mi rendo conto che per altri potrebbe essere diverso. Il discorso diventa antiquato quando te ne esci con "non mi serve il navigatore", "non mi serve la retrocamera" e via dicendo. Io ho appena cambiato l'auto dopo 11 anni: non avevo retrocamera ne sensori di parcheggio, non avevo frenata d'emergenza, non avevo avviso di superamento corsia. E potrei ancora farne a meno. Però ora li ho e devo riconoscere che sono cose assolutamente utili e comodi. Idem per il navigatore: mi sono sempre spostato con cartine, tutto città e chiedendo informazioni ai passanti (o, una volta ci si orientava con le stelle!!!). Poi sono usciti i primi navigatori e non c'è nulla da fare: sono molto più comodi. A sentirti lo sviluppo tecnologico è tale solo se serve a te. Non è così.
Ritratto di gilrabbit
18 ottobre 2017 - 09:34
Non ho detto in generale che l'ibrido non da risparmio. Ho detto che l'ibrido è un ottima scelta se finalizzata ad usi prevalentementi cittadini e con auto tipo Yaris o Swift e simili. Per il resto un carroarmato come il Rav 4 ibrido e 4x4 che ci faccio in un uso prevalentemente cittadino? Ci salgo sui marciapiedi? Del resto questo è l'uso più consono a chi acquista queste auto oppure ci giro in città per 10 mesi per poi fare la settoimana bianca? Se parli con le persone queste sono le risposte più ricorrenti come quello che si fa il 7 posti per una scampagnata con amici una volta l'anno. Certo io non gli proibisco di farlo ma datemi almeno la facoltà di riderci su. Quanto alla tecnologia, nessuno se ne accorge e nessuno lo dice ma in pochi anni il costo delle auto è raddoppiato al contrario di altre tecnologie con i prezzi in calata verticale. Quindi se per avere la telecamerina o altri "gadget" fatti pagare a peso d'oro se permetti continuo a tenermi stretta la mia vecchia auto che è 100 volte meglio delle nuove.
Ritratto di Zot27
17 ottobre 2017 - 13:52
Si, grazie, poi l'ho capito
Ritratto di Zot27
17 ottobre 2017 - 13:56
Risposta a Mbutu, visto che le indentazioni qua spesso non funzionano
Ritratto di mika69
12 ottobre 2017 - 20:59
Il 1.2 non lo prova mai nessuno....ma esiste solo l'ibrido?
Ritratto di mika69
12 ottobre 2017 - 21:37
@Redazione Il consumo in autostrada è rilevato con che livello di carica delle batterie? Grazie.
Ritratto di Vincenzo1973
13 ottobre 2017 - 14:18
carica immagino, non e' una plug-in, si ricarica continuamente. il punto e' che a 130 l'ibrido non entra in gioco se non marginalmente
Ritratto di Zot27
14 ottobre 2017 - 18:35
I giapponesi sono stati bravi a far funzionare l'ibrido, in modo inavvertibile, anche a qualsiasi velocità costante
Ritratto di Vincenzo1973
16 ottobre 2017 - 10:34
ma che storia e storia. ma se tutte le riviste dicono che in autostrada queste auto fanno piu o meno 14,9 (come dichiarato qui), a 130, ma perche dovresti avere ragione te? un complotto?
Ritratto di Vincenzo1973
16 ottobre 2017 - 11:22
mi fido, c'e' un complotto. peccato che amici che ce l'hanno dicono che i consumi che pensavano potessero fare erano un illusione (auris sw per essere esatti), a meno di non avere tanto tempo da perdere andando lentamente
Ritratto di Vincenzo1973
16 ottobre 2017 - 12:16
sicuramente tutti incapaci i miei amici, li mando a scuola guida da te. saluti
Ritratto di Vincenzo1973
16 ottobre 2017 - 13:17
non faccio mai finta, tutte le opinioni meritano considerazione. riportero' i tuoi saluti...ps non sono invidioso di una ibrida, giusto per chiarire, vado a metano da oltre 10 anni...saluti di nuovo
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 17:06
Non dimentichiamo però lo scarto tachimetrico (ca 6-7kmh)
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 18:18
il video non l'ho visto
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 16:11
Questi amici mi sa che azzerano il cdb appena fatto carburante e poi lo rileggono vari km dopo in un luogo centinaia di metri più in alto
Ritratto di Vincenzo1973
16 ottobre 2017 - 17:12
questi amici, caro Zot27, probabilmente non hanno nessun interesse in un senso o in un altro...
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 18:22
E` pochissima la gente che fa come me annotando sempre i dati pieno su pieno
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 18:23
E lo facevo anche prima col diesel. So quindi che differenza c'è
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
12 ottobre 2017 - 22:01
@zzz. è una toyota, mi pareva una renault
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
12 ottobre 2017 - 22:17
ma perche toyota va con le batterie NiMH quando gli altri usano litio?
Ritratto di V-Twin
13 ottobre 2017 - 11:00
Perché sono più affidabili, le litio invece danno un sacco di problemi.
Ritratto di gynt
13 ottobre 2017 - 13:27
Come ha detto V-twin sono più affidabili delle litio, inoltre, sebbene hanno meno capacità di carica, hanno un rendimento più costante nel tempo.
Ritratto di Jumputer
13 ottobre 2017 - 19:51
Le litio sono più sensibili alla temperatura e costano di più. Le nimh le conoscono da 20 anni e molto molto raramente hanno problemi. Comunque 10 anni di garanzia. Ad esempio sulla prius plus del 2012 usano le litio ma le hanno posizionate non sotto il sedile posteriore ma in mezzo ai sedili anteriori e se avevo letto bene era per gestirne meglio la temperatura di esercizio. Sempre sulla prius plus le batterie pesano 34 kg cioè 8 kg di meno di quelle della prius "normale" NiMH con li stessi KW. Capite che il risparmio è minimale e magari si complica tecnicamente e salgono i costi.
Ritratto di Zot27
13 ottobre 2017 - 20:10
Aggiungo che le nimh sopportano un numero maggiore di micro cariche scariche nel range intermedio, quindi adattissime alle ibride
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
13 ottobre 2017 - 23:58
Non le usano più neanche sui trapani pensavo che la moda Tesla ormai avesse imposto le litio-ion anche sulle auto
Ritratto di ardo
12 ottobre 2017 - 23:27
mi piace quel 15 km/l in autostrada fatto da un 1.8 da 98 cv. sará merito del ciclo atkinson. a roma se ne vedono in giro, molte taxi anche, originale. brava toyota, ben fatta. magari alla prox evoluzione riescono pure a stare sotto i dieci secondi in accelerazione e a eliminare il fastidio del cvt. la velocitá va giá bene cosí. ( unico appunto, ma è na cosa mia, forse lo sbalzo anteriore poteva essere più ridotto )
Ritratto di studio75
13 ottobre 2017 - 08:27
5
Non dimentichiamoci un ottimo 21,7s nel 40-140km/h...vabbè, meno male che ha lo spoiler e l'estrattore altrimenti prenderebbe il volo hi hi hi. Scherzi a parte è un auto da scegliere solo per distinguersi non per praticità o prestazioni.
Ritratto di MAXTONE
13 ottobre 2017 - 11:13
Ma infatti. Comunque quelle che vedo sul raccordo vanno via svelte senza incertezze.
Ritratto di fola217
13 ottobre 2017 - 14:58
Che non si prenda una C-HR per le prestazioni è abbastanza ovvio come qualsiasi altro crossover anche TD con potenze analoghe (vedi prestazioni 3008 TD ed altri analoghi scritte in un post precedente). Mi piacerebbe poi capire a cosa servono certe rilevazioni 40-140kmh che nell'uso normale non si verificherà mai a meno che non si faccia la gara a chi, uscendo da un'area di rifornimento in autostrada, arriva per primo a 140kmh...
Ritratto di Jumputer
13 ottobre 2017 - 19:53
Nel uso normale per "piloti" normali le ibride sono imbattibili.... Rotonede, stop , code ecc. Insuperabili come fluidità... Sia in urmabo che in extraurbano e sempre considerando i costi.... Provatele qualche giorno....
Ritratto di Mbutu
13 ottobre 2017 - 10:02
Dissento dalla difficoltà per i più alti. Sono quasi due metri e non ho trovato alcuna particolare difficoltà. Questa cosa dell'effetto scooter in realtà mi pare ormai più una fisima che altro, nella guida di tutti i giorni problemi non ne dà. In autostrada in realtà si fà tranquillamente meglio. Riguardo a spazio e praticità ...se servono non si compra una coupè (per quanto suvvizzata). Quello che non mi è piaciuto è il cruise controll adattativo. Premetto che è l'unico che abbia mai provato quindi magari è così per tutti ma l'ho trovato decisamente brusco. Quindi benchè funzioni bene rende la guida poco confortevole.
Ritratto di V-Twin
13 ottobre 2017 - 10:32
Di imbarazzante c'è la continua e stucchevole critica al cosiddetto "effetto scooter"... Da possessore di Prius sono anni che devo sorbire questa critica. Chi muove la suddetta critica dimostra di conoscere poco il particolare sistema di trasmissione della Prius e soprattutto dimostra di conoscere poco la fisica. Posso aspettarrmelo da un comune utente, ma non da giornalisti che dovrebbero conoscere la materia... La potenza del motore è proporzionale al nr di giri, come dovrebbe essere noto, in particolare nel caso di un motore aspirato, che non è "pompato" dal turbo. Chiunque abbia guidato un aspirato sa che la ripresa da bassi giri è lenta e per avere più spinta occorre scalare marcia. Ciò è ovvio, visto che così il motore può salire di giri e spostarsi verso potenze superiori. Semplificando al massimo, il sistema Toyota fa proprio sì che il motore possa subito erogare la potenza richiesta, trasmettendola con continuità alle ruote attraverso il "ricircolo" elettrico. Non bisogna "aspettare" che il motore "salga" assieme alla velocità, né ci si ritrova a dover poi cambiar marcia per proseguire l'accelerazione. Il sistema massimizza l'efficienza e l'efficacia della trasmissione della potenza, ove invece il cambio "a marce", manuale o automatico che sia, non consente che una trasmissione "a scalini" della suddetta potenza. Personalmente considero un male il fatto che Toyota abbia attenuato l'effetto scooter ed una "resa" nei confronti delle manie dell'utenza.
Ritratto di isi76
13 ottobre 2017 - 10:35
Il cambio cvt o e-cvt é cosí, lo potranno migliorare ma rimarrá sempre a variazione continua con conseguente effetto scooter e proprio per questa caratteristica non capisco perché lo si debba giudicare sempre negativamente, alla fine non é un difetto bensí un'effetto di tale sistema. Piace? non piace? sono gusti, ma anche scelte tecniche differenti che lo portano come ottima alternativa alla vecchia frizione. Anche i giudizi sulle prestazioni sono ormai stanco di leggerle (per tutte le auto in generale)...va bene avere un buono spunto, questo lo accetto, ma quando leggo anche su altre riviste velocità di punta inferiori alla concorrenza, beh, metto 2 mani in faccia e mi chiedo "perché" l'essere umano è così stolto? ...ma cosa vuoi fare o dove vuoi andare se i limiti di velocità al max in Italia arrivano a 130km/h? Comunque la C-HR l'ho provata recentemente e ci sto bene, sono alto 1.95 e son più comodo che sull'Auris (dove giá sto bene). I consumi in autostrada mi sembrano un pó altini, nel senso che con la mia (ieri) con 250km di sola autostrada senza traffico ho fatto 18,6km/l, quindi ipotizzando un peso maggiore e un cx non propriamente basso, secondo me non scenderebbe sotto i 16....sarei curioso di provarla in quelle condizioni, o se qualche possessore volesse condividere le proprie esperienze sarebbero più che gradite. Come linea devo essere onesto che inizialmente non mi piaceva, non l'avevo capita e per questo criticata, ma a distanza di mesi ho ribaltato il giudizio! Alla fine é un Concept che ha preso forma con tutte le sue limitazioni in termini di spazio perché hanno puntato principalmente sull'estetica e per chi cercasse la praticità di utilizzo il Rav4 mi pare le abbia (forse un pó lungo?) Ad ogni modo Toyota ha fatto un buon lavoro con questo modello e lo si evince dalle ottime vendite nonostante il prezzo.
Ritratto di money82
13 ottobre 2017 - 11:50
1
L'ennesima conferma che a livello di consumi non ci sono grandi paragoni con le auto a benza, 22 km/l forse sono anche troppi, io mi attesto sui 20 pur non risparmiandomi certo qualche sorpasso. Per quanto riguarda il cambio è vero che sembra assorbire la potenza anzichè scaricarla, ma preferisco fare 0,5 secondi in meno sullo 0-100 piuttosto che vivere nell' inaffidabilità del dsg...a seconda della mia esperienza.
Ritratto di neuro
13 ottobre 2017 - 12:02
meglio la Niro col doppia frizione ed eventualmente anche plug-in.
Ritratto di isi76
13 ottobre 2017 - 12:13
La Niro come concetto fa piú concorrenza alla Prius che non alla CHR e il doppia frizione non è sempre un valore aggiunto. Ho avuto modo di provarla, ottima macchina non c'è nulla da dire, ma in alcune condizioni il cambio non mi è sembrato così efficiente. Comunque nel complesso è una buona alternativa.
Ritratto di neuro
13 ottobre 2017 - 12:15
ma le dimensioni sono più simili alla ch-r che alla prius.
Ritratto di CHRis69
13 ottobre 2017 - 19:56
Ne riparliamo quando si romperà il cambio a doppia frizione (perché è certo che si romperà), vedremo se sarà ancora il cambio migliore.
Ritratto di opinionista
13 ottobre 2017 - 14:32
2
Per non consumare bisogna tenere una guida da 80enni, il cambio non aiuta di certo. Ridotto raggio di sterzata e tra una decina d'anni ( voglio essere largo di manica ) la sostituzione batterie implica un esborso notevole.
Ritratto di fola217
13 ottobre 2017 - 14:52
Non è vero che per consumare poco bisogna tenere una guida da 80enni, anzi, se vuoi consumare poco devi avere accelerazioni brillanti per arrivare alla velocità che ti serve rapidamente e poi la macchina veleggia di suo ad un numero di giri inferiore addirittura a quello di un diesel visto che non è diffcile trovarsi ad oltre 70 kmh con il motore termico a 1.000 giri. Per la durata della batteria basta guardare le varie Prius che circolano con 200.000 ed anche 300.000 km con ancora la batteria originale.
Ritratto di opinionista
13 ottobre 2017 - 15:36
2
Ho un collega che ha acquistato una Toyota Auris Hybrid dopo l'entusiasmo iniziale, enfatizzato anche dal venditore ha fatto delle constatazioni ed è arrivato a concludere che se tornasse indietro non rifarebbe la scelta, sopratutto per quanto concerne i consumi e i tipo di utilizzo non è per nessun modo soddisfatto, non è tutt'oro quello che luccica bisogna fare i conti ad auto acquistata
Ritratto di fola217
13 ottobre 2017 - 15:54
Non è tutto oro quello che luccica come è anche vero che ognuno ha i propri gusti ed esigenze che possono portare a non esser soddisfatti di qualsiasi auto; in tali casi (escludendo la possibilità magari per sfortuna di avere problemi non prevedibili) ritengo che non sia stata valutata correttamente l'acquisto di tale auto. Le mie valutazioni (che restano cmq soggettive) sono date dopo 8 mesi di utilizzo della C-HR che ho provato in tre occasioni diverse prima di decidere l'acquisto.
Ritratto di V-Twin
13 ottobre 2017 - 16:14
E quindi? A fronte di un deluso ce ne sono dieci entusiasti. Non sarà tutto oro quello che luccica, ma una rondine non fa primavera. Deluso dai consumi, ma quanto consuma? Certo se si aspettava di fare 30 km/l in autostrada o nel traffico chiaro che è deluso. Magari insisteva per andare il più possibile in elettrico, che è il modo migliore per consumare come un V8 americano... Poi la guida da nonno è controproducente con le ibride Toyota.
Ritratto di Mbutu
13 ottobre 2017 - 18:15
Oddio, aria fresca. Ed infondo al tunnel si vide la luce. C'è tanta di quella disinformazione sull'ibrido Toyota che sono quasi commosso quando leggo commenti di questo genere. Il problema è che si commenta senza sapere di cosa si parla ma visto che "ammiocuggino", che vuole viaggiare solo in modalità elettrica anche con le batterie scariche, dice che si consuma tanto sarà sicuramente così.
Ritratto di Zot27
13 ottobre 2017 - 16:15
Evidentemente c'è disinformazione sulla durata delle batterie Toyota, e, dopo i 10 anni di garanzia, eventualmente, sul sostituire solo l'elemento guasto ..
Ritratto di Paolinostudio
13 ottobre 2017 - 15:23
Imbarazzante in accelerazione. Questo mi basta per non comprarla. O comprarla solo a benzina.
Ritratto di V-Twin
13 ottobre 2017 - 16:09
Quale imbarazzo? I tempi sono gli stessi delle concorrenti.
Ritratto di Paolinostudio
13 ottobre 2017 - 16:52
Intendevo il rumore del motorino isterico:=)
Ritratto di isi76
13 ottobre 2017 - 16:39
Emh, evidentemente non ne hai mai provata una. Siccome la disinformazione è legata sopratutto alla sola lettura di dati numerici su una rivista, invito a provarla su strada e poi liberissimo di giudicare. Nel mio caso (Auris) sono soddisfattissimo perché il tragitto casa lavoro pur essendo quasi controproducente per una ibrida, la media da pieno a pieno si attesta sui 20/22 km/l contro i 10/12 della buon vecchia Rover200 e i 14 della panda dei miei. Cosí anche l'accelerazione dove spesso mi ha tolto dagli impicci e quest'anno sul passo del Maloja in modalità Power non sfigurava di fronte a vetture ben piú dotate in termini cavalleria. Poi ognuno puó essere soddisfatto o meno in base al proprio utilizzo o metodo di guida
Ritratto di ziobell0
13 ottobre 2017 - 15:28
bene motorizzazioni e cambio, però un crossover con così poco spazio e assolutamente poco pratico per trasportare oggetti, persone e biciclette (io lo uso per quello) non lo prenderei mai in considerazione.
Ritratto di lucios
13 ottobre 2017 - 16:51
4
Dunque, consumo misto 19,6. Con la benza a 1,549, con 20 euro faccio circa 253 km. Col mio 1.6 tdiesel, da 290.000 km, che fa ancora il 17,5 sul misto, con la nafta a 1,339, con 20 euro faccio circa 261 km. Finale: o altro diesel o autogasata!
Ritratto di Zot27
13 ottobre 2017 - 18:38
Da quando il gasolio costa 21 cent in meno ?
Ritratto di lucios
13 ottobre 2017 - 18:45
4
Dalle mie parti sempre quelle cifre è stato, intorno ai 20 cent di differenza. Prezzi self.
Ritratto di Zot27
13 ottobre 2017 - 19:33
e comunque anche se la differenza fosse 30 risparmierei lo stesso parecchio con l'ibrida, soprattutto per i costi di manutenzione
Ritratto di lucios
13 ottobre 2017 - 21:01
4
I tagliandi col mio 1.6 attualmente li pago, senza cambiare filtro gasolio, sui 90 euro, 140 con.
Ritratto di Zot27
13 ottobre 2017 - 23:00
Si, ma è la manutenzione straordinaria il problema del diesel
Ritratto di Zot27
13 ottobre 2017 - 23:00
Si, ma è la manutenzione straordinaria il problema del diesel
Ritratto di lucios
13 ottobre 2017 - 23:09
4
Scusa, quale sarebbe la manutenzione straordinaria?
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
13 ottobre 2017 - 23:53
Dipende da quale diesel, su certi sono spese folli ma tacciono perche sono premium, su altri ci si stanca di averli e solo tagliandi normali.
Ritratto di lucios
14 ottobre 2017 - 00:14
4
Io, sulla mia, l'unica grande spesa che ho avuto è stato il fap. La mia Mazda3 del 2''6 monta un motore di origine Ford PSA con il famigerato FAP a cerina che prevede il rabbocco ogni 60.000 km e la sostituzione dopo 120.000. La prima volta l'ho sostituito, anche perché, altrimenti perdevo la garanzia. Alla soglia dei 240.000 non ci pensato un'attimo e non ho fatto un bel niente. Ora sto a 290.000 senza problemi.
Ritratto di Zot27
14 ottobre 2017 - 13:50
Costo del Fap ?
Ritratto di lucios
14 ottobre 2017 - 18:43
4
Si, purtroppo!!! I primi diesel con filtro antiparticolato, di origine PSA, avevano un tipo di filtro chiamato FAP. In sostanza, funzionava sempre con le post-iniezioni di gasolio ma nel serbatoio veniva immessa cerina (una sorta di additivo che aiutava la rigenerazione, da rabboccare ogni 60.000, spesa 80 euro). Il pregio di questo FAP era che non influiva troppo sui famigerati trafilaggi di gasolio nella coppa, dall'altro però si tappava man mano che passavano i km per una minore efficienza rispetto ai filtri che sono usciti successivamente. Quindi, dopo un po' andava cambiato. Mazda aveva messo il limite a 120.000 (però sò che Peugeot e Citroen prevedevano percorrenze anche sui 180-200.000 km). Dato che avevo 5 anni di garanzia, ho preferito fare la sostituzione (anche superflua forse) a 120.000, pagando la bellezza di 1100 euro compreso tagliando. Ora però, dopo quella lezione, ho superato abbondantemente la soglia dei 240.000 (sto a 290.000) e non ho nessuna intenzione di cambiarlo. HO GIA' DATO!
Ritratto di Zot27
14 ottobre 2017 - 20:34
Visto, mantenere un diesel costa nettamente di più. E non abbiamo parlato di cinghia di distribuzione. E non abbiamo parlato di consumo dei freni .. ecc..
Ritratto di lucios
14 ottobre 2017 - 23:26
4
No spetta spetta! Stiamo parlando di un'autro del 2006. Questo problema del FAP da cambiare è esistito fino a 7-8 anni fa. Oggi sono molto più affidabili e non vanno cambiati. Quindi, questo costo è praticamente pari a 0. Considera che un mio familiare ha una c3 benzina 1.2 3 cilindri (un frullino). Primo tagliando 150 euro, prezzi concessionaria. Secondo me i tagliandi stanno li. Cmq cambiano a tutti, olio, filtro olio, filtro aria come operazione di base. Alle diesel ogni 2 tagliandi c'è il costo aggiuntivo del filtro gasolio (dai 30 ai 60 euro). Le cinghie, dipende molto dal motore. Se tenuti bene, qualsiasi motore dura parecchio.
Ritratto di Zot27
15 ottobre 2017 - 00:08
Si ma il gasolio non proprio pulito e col biodiesel per legge, porta tanti problemi, tipo melma e alghe nel serbatoio, iniettori che si sporcano o come mi hanno raccontato da sostituire con oltre 4k euro di spesa, turbo che ancora saltano, ecc.. . Ma comunque, anche se affidabili fanno spendere di più, solo solo per filtri gasolio e freni, e anche filtro aria, che nelle ibride si cambia ogni 60k
Ritratto di lucios
15 ottobre 2017 - 08:15
4
A parte sulla pulizia dei motori a gasolio dove ti do pienamente ragione (anche se, dai vecchi e fumanti "naftivori" degli anni 80/90 sono stati fatti dei passi da gigante), sul resto ci sono diverse cose sulle quali non sono proprio d'accordo e mi fa piacere il confronto che si è instaurato. Premesso che, oggi, la stragrande maggioranza dei motori (diesel, benzina, ecc.), se tagliandati e manutenuti in modo regolare, dura almeno 300.000 km, diventa cmq molto importante scegliere quelle motorizzazioni che sul mercato diano una certa garanzia. Spesso sono quelle motorizzazioni condivise da più modelli. Il PSA DV 1560 DIESEL (questa è la sigla del mio motore), è un'unità che ormai ha quasi 20 anni (ovviamente aggiornato nelle varie componenti), montata su tantissime auto, e devo dire che si è rilevato veramente un vero e proprio "CIUCCIO E' FATICA". A parte il costo del FAP, per il resto solo olio e filtri (a proposito il filtro aira costa €. 8). FACENDO LE OPPORTUNE GRATTATINE, alla soglia dei 300.000, gira ancora con frizione originale, olio cambio originale, iniettori mai toccati, turbo ancora in regola. Ho molti amici con Peugeot, Citroen, addirittura una Mini, con questa unità, tutti sono abbastanza contenti, senza problemi. Altre unità molto affidabili sono il 1.6 FIAT, Il 1.6 VW, dicono anche il 1.5 Renault. Le motorizzazioni 2.0 le conosco un po' meno, però un mio amico con una Freemont 2.0 è già alla soglia dei 200.000 senza problemi. Quindi il mito dei turbo sfondati, iniettori andati, ecc., è influenzato molto dalle circostanze, dal modo in cui si guida (la coppia dei diesel ti spinge a fare belle tirate e questo non è un bene). Nella mia famiglia, ampliata, e amici abbiamo almeno il 70% di motorizzazioni diesel. Saremo tutti con la coscienza sporca? Non lo so. Io, domattina, comprerei un ibrido, ma faccio solo un 30% di strade urbane e il prezzo della benza a 1,53 (self) dalle mie parte è un muro psicologico non da poco.
Ritratto di Zot27
15 ottobre 2017 - 12:02
Il motore delle Toyota/Lexus ibride dura non meno 400k-500k km, perchè nell'utilizzo normale spesso è spento (ecco perchè il filtro aria dura molto di più). (Anche a me fa piacere questo confronto che si è instaurato, e spero sia utile anche per gli altri). I dischi freno anteriori? Io con il mio diesel precedente mi toccava farli rettificare a basso livello almeno ogni 15k km, perchè chi più chi meno tulle le auto che non rigenerano li ovalizzano per l'effetto delle forazione. Ora non solo ho sempre una frenata bella 'liscia', ma se si cambiano ogni 2 volte delle pasticche, allora mi toccherà a ben 320k, altrimenti a 480k .
Ritratto di lucios
15 ottobre 2017 - 13:39
4
Beh! Ci sono tanti diesel che sono arrivati anche oltre quelle cifre! Il consumo dei dischi dipende molto da dove si guida e dal tipo di auto, e soprattutto dalla qualità delle pastiglie usate. Io, che ho fatto quasi il 60% di autostrada in 11 anni, le ho cambiate solo due volte all'anteriore e una volta al posteriore. In famiglia avevamo una Punto 1.1. fire prima serie, usata in campagna, e in città: ogni 20-30.000 km c'erano le pastiglie da cambiare. Presumo che, data l'alta utilità in ambiente urbano, la pastiglie vadano cambiate più di frequente alle ibride, nonostante ci sia anche il dispositivo di ricarica.
Ritratto di Zot27
15 ottobre 2017 - 14:52
No no, anche in uso frequente cittadino si consumano pochissimo. Le pastiglie normalmente si consumano parecchio con le frenate leggere e prolungate, proprio quelle effettuate al 100% dal sistema rigenerativo. Per quanto riguarda le auto non ibride, i costruttori di solito scelgono una di queste due opportunità: pastiglie morbide e dischi duri, o pastiglie dure e dischi morbidi; quindi capita che chi cambia le pastiglie dopo parecchi km però deve cambiare più spesso del normale i dischi
Ritratto di lucios
15 ottobre 2017 - 23:17
4
Sinceramente, vorrei avere la possibilità di usare un'ibrida per una settimana, al fine di vedere come va e quali consumi fa per poter, poi, valutare in seguito.
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 00:26
Si, ma è alla lunga che poi arrivano le conferme sul fatto che come si suol dire non si spende niente
Ritratto di lucios
16 ottobre 2017 - 08:16
4
Giusto per vedere se i consumi sono uguali o inferiori alla mia.
Ritratto di marcoluga
22 ottobre 2017 - 05:37
2
Non ho mai dico mai dovuto cambiare i dischi delle mia auto, anche superando abbondantemente i centomila km. Ed erano tutte diesel. Ora comunque ho ordinato la CH-R. Devo dire che rispetto ad una mia precedente Lexus Ct l'effetto scooter si è molto attenuato. Mi arriva a marzo.
Ritratto di GiorgioBG68
10 novembre 2017 - 13:31
1
Io ho una C3 Picasso hdi 110 cv ritirata il 31 marzo 2009, comprata per farci tanti km, ma poi alla fine, il mio tipo di utilizzo si è modificato dopo soli 2 mesi dall'acquisto (facevo 66 km al giorno solo per il tragitto casa-lavoro), ormai l'avevo presa. Ora ha solamente 77k km, pro di questo motore è che faccio un tagliando ogni 25k km senza fare mai un rabbocco (utilizzando olio di qualità), nonostante l'uso in gran parte cittadino (60%), quando tolgo l'olio, ha ancora gran parte della sua viscosità e non è di certo nero come la pece, anzi tutt'altro. Sintomo che il motore lavora bene, peccato per il resto...volano bimassa difettoso (mai riconosciuto da Citroen, nonostante nel 2011, lo abbiano sostituito con un'unità Valeo...ecchecaso eh?!), più manicotti vari progettualmente errati, e modificati successivamente (ovviamente, figuriamoci se PSA fa un richiamo per errori loro, ma che deve poi invece pagarsi il cliente finale). Per non parlare di quel fastidiosissimo Fap a cerina, e del suo strampalato funzionamento...peccato, perché per il resto, il motore è un mulo per davvero.
Ritratto di lucios
13 ottobre 2017 - 21:01
4
Altro mito da sfatare
Ritratto di Angelotorino
13 ottobre 2017 - 17:32
Non bella, costo elevato, no baule, freni così così, cambio problematico e costa oltre 30.000 euro. Penso che sul mercato si trovi qualcosa di meglio. Comunque auguri.
Ritratto di CHRis69
13 ottobre 2017 - 17:56
Macchinoso scegliere la modalità di guida e “zittire” l’audio. Basta premere il pulsante a sinistra sul volante, non so se c'è più ignoranza o malafede.
Ritratto di Valiant
17 ottobre 2017 - 15:30
Mentre per scegliere la modalità di guida si deve premere 2 ( due ) volte un pulsante sul satellite di destra dello sterzo. Mah ...
Ritratto di Boys
13 ottobre 2017 - 21:20
1
Provata e riprovare...l auto mi piace ....è un Po strana ma forse per quello che mi piace...mi piacciono anche gli interni....invece molto meno il cambio....l effetto scooter lo senti se schiacci l acceleratore in modo energico ma anche non....è un peccato anche perché l auto consuma poco comunque....
Ritratto di Boys
13 ottobre 2017 - 21:20
1
Provata e riprovata....
Ritratto di Valiant
14 ottobre 2017 - 10:58
Ho una CHR da febbraio e ne sono ampiamente soddisfatto. Come altri hanno rilevato l'effetto scooter è del tutto trascurabile sia perché si sente pochissime volte ( e solo se si accelera a fondo, molto a fondo ), sia perché, comunque, il rumore è molto inferiore a quello di una diesel ( provengo da una BMW 320 ). La guida è superlativa, puro piacere nel silenzio e sono contento ogni volta che mi avvicino all'auto per salirci. Non sto molto attento alle indicazioni del consumo quando si spegne il motore ma, secondo me, i consumi indicati nell'articolo sono superiori a quelli reali, anche perché guidando con continuità ( il che, ovviamente, manca a chi usa l'auto solo per il tempo occorrente alla scrittura dell'articolo ) i consumi migliorano sensibilmente senza particolari accorgimenti da parte di chi guida. Ormai in città non faccio meno di 22/24 Km/litro avvicinandomi ogni tanto ai 28/30. A parità di chilometri percorsi mensilmente sono ormai ad un terzo di spesa in meno rispetto alla 320 ( anche se io non faccio tantissima strada ) e infatti non ho preso la CHR per risparmiare ma per la sua piacevolezza di linea e di guida e perché mi piace pensare che ora inquino molto meno di prima, specie quando entro ed esco dal complesso immobiliare nel quale abito, immerso nel verde e pieno di bambini che giocano. Sono d'accordo con l'articolo su alcune piccole 'cadute' come, per esempio, la mancanza di bocchette di aerazione per i sedili posteriori o, anche, l'assenza di ganci sopra i cristalli posteriori per appendere la giacca. Devo invece segnalare una cosa che mi ha stupito molto piacevolmente: nell'unico viaggio autostradale fatto sino ad ora l'auto ha facilmente raggiunto i 190 km/ora e lì si è fermata stupendomi non poco, visto che i dati indicano un massimo di 170 km/ora. Tra l'altro aggiungo che il sistema di navigazione Go Plus è molto affidabile anche per le indicazioni di Velox e Tutor dei quali evidenzia anche la distanza tra uno e l'altro. Nel complesso, sono davvero molto soddisfatto della mia prima Toyota e sono certo che la CHR sarà migliorata con la prossima edizione.
Ritratto di federicos
14 ottobre 2017 - 12:35
la recensione mi ha ammosciato l idea che avevo dell auto. a partire dal titolo '...si carica male' che riferito ad una hybrid fa intendere altre cose.
Ritratto di Rav
14 ottobre 2017 - 13:43
3
L'ho provata perchè era una delle due auto tra cui dovevo (volevo) scegliere. Esterni bellissimi e personali. Interni da cui mi aspettavo di più, comodi e ben fatti ma senza nessuna modernità come mi faceva pensare l'esterno. Inoltre non mi è piaciuto il cambio (mi trovo d'accordo con l'articolo) e su un auto da 30mila euro trovare i tastoni in plastica dura provenienti dalla Yaris del 99 a sinistra del volante è un po' una caduta di stile. Così come l'orologio a centro plancia che sembra quello di una radio sveglia da pochi euro. Peccato, perchè la guida è rilassata, comoda e silenziosa e nel complesso la vettura è intrigante. Alla fine ero indeciso e, dopo la risata che si è fatto il concessionario quando ho detto che il 90% dei km li faccio in autostrada, ho preso l'altra auto che avevo in testa, diesel. Ma l'ibrido mi ha colpito positivamente e se tra qualche anno cambierò percorsi e utilizzo dell'auto, sicuramente ci farò più di un pensiero.
Ritratto di filgio49
15 ottobre 2017 - 18:10
Buona sera a tutti. Sono un felicissimo e contentissimo possessore di una CH-R da quasi un anno e posso tranquillamente dire che sia la prova fatta dalla rivista che i commenti sopra elencati, non mi fanno ne caldo ne freddo. Io che sono il diretto interessato, guidandola, posso affermare che in poco piu' di un anno, mi ha fatto dimenticare la ventina di auto che ho avuto prima , sia con motori a benzina che con motori a gasolio. Il piacere di guida e' impareggiabile, la vita a bordo e' di tutta tranquillita' e sicurezza e per quanto riguarda il consumo vi diro' che in citta' riesco a fare 22 km/l e che nei viaggi Cremona/Pinzolo sono riuscito a fare 27,6 km/l e senza un minimo di stress. Ditemi voi come non si puo' essere piu' che soddisfatti!
Ritratto di mika69
16 ottobre 2017 - 11:11
Continuo a dire che la TI servirebbe anche sulle ibride. Comunque qualcuno sà quanto durano poi le batterie ? Tipo fra 7-8 anni in che stato saranno ?
Ritratto di Zot27
16 ottobre 2017 - 17:09
Intanto la garanzia è praticamente 10 anni, dopo, dovesse dare errore, si può cambiare solo l'elemento guasto
Ritratto di mika69
17 ottobre 2017 - 14:18
Grazie !
Ritratto di simo1888
20 ottobre 2017 - 15:46
io sto pensando di comprarla, mi piace molto
Ritratto di marcoluga
22 ottobre 2017 - 05:50
2
Tra l'altro il bagagliaio non per niente piccolo. 377 litri. Io l'ho provata per benino facendo 2 volte circa 50 Km sia autostrada che strade extraurbane. Globalmente su questi 100 km ho consumato 4.8 litri al 100 (computer di bordo). Il sedile è comodo ed il volante si regola benissimo, sono alto 1:85 e questa affermazione che il volante sia ingombrante non la capisco. La macchina è stabile ben piantata in curva e gira in spazi ridotti. Concludo lodando in regolatore di velocità che tiene la distanza automaticamente, finalmente una opzione utilissima! Ora non mi resta che attenderla, arriva ai primi di marzo.
Ritratto di vinlan
1 novembre 2017 - 07:32
Ad essere onesto trovo quella delle ibride (ho avuto una auris ibrida) una moda falsamente ecologica e stupidamente recepita anche a livello di legislazione tramite gli incentivi: ogni volta che entravo in centro storico e passavo vicino a mamme con bambini e passeggino mi sentivo in colpa perchè il motore a benzina si accendeva sempre e l'elettrico reggeva pochissimo anche se forzavo l'andatura totalmente elettrica tramite il pulsante anche a passo d'uomo. Piu' di 1-2 km in elettrico non reggeva quindi dov'è l'ecologia? Queste Toyota sono auto totalmente inutili: se l'elettrico non regge siamo in presenza di una normalissima auto a benzina e per di più neanche tra le più parsimoniose. Per finire quello che qualcuno chiama "non cambio" è una vera schifezza da scooter.
Ritratto di isi76
10 novembre 2017 - 19:58
Probabilmente avresti dovuto acquistare una Plug-In o una totalmente elettrica se il tuo intento fosse quello di non creare disagio alle mamme col passeggino. Comunque le ibride allo stato attuale fungono come ponte di collegamento per una fonte energetica (futura) più pulita, quindi sono un'ottima alternativa ai Diesel. Se uno acquista un'auto senza conoscerne il fine per il quale sia stata progettata, allora è tutto inutile!
Ritratto di Mbutu
14 novembre 2017 - 10:21
Quoto isi76. Le ibride NON sono auto elettriche. Se non si sa usare uno strumento, non ci si può lamentare che funzioni male. Il sistema Toyota si chiama hybrid SYNERGY drive proprio perchè i due motori devono funzionare insieme. E' così che si ottiene il massimo. Viaggiare solo in elettrico con una Auris è il modo migliore per ritrovarsi sui forum a sostenere che le ibride consumano tanto.
Ritratto di grande_punto
1 novembre 2017 - 11:44
3
Macchina semplicemente stupenda.
Ritratto di ELAN
10 novembre 2017 - 17:51
1
Moderatamente interessante, ma per le prestazioni che offre è in conflitto con la sua immagine e gli spazi interni. Sarebbe stata molto più interessante con un ibrido sportivo con almeno 170cv (vedi IMA della CR-Z con cambio manuale o i-DCD Honda con doppia frizione)... ...oppure con un'immagine sobria e un bagagliaio buono (HR-V), adatti ad un cliente di 1.8 HSD, quindinon propriamente giovane. Insomma, una bella mazzingata ma sotto mentite spoglie.
Ritratto di isi76
10 novembre 2017 - 20:11
Ma anche no!! Il bello del sistema Toyota è proprio il fatto d'aver eliminato ogni sistema a frizione e tu mi vieni a dire che sarebbe stato più interessante il sistema Honda a DOPPIA frizione? Alla fine la CH-R è la realizzazione su vasta scala di un concept con gli ultimi aggiornamenti del loro sistema ibrido e viste le vendite sicuramente è stato centrato l'obiettivo.
Ritratto di SMario73
8 dicembre 2017 - 18:56
4
Come macchina secondo me è ben fatta, l'ho provata, mi è piaciuta tutta tranne la gestione del motore, sembra di essere in un frullatore ad ogni accelerata....l'elettrico spinge troppo poco rispetto al benzina, la boccio, cambiate la trasmissione !
Ritratto di Spiderman75
10 febbraio 2018 - 21:22
Estetica anteriore riuscita, posteriore molto meno. Non esiste una motorizzazione un minimo prestazionale, peccato.
Annunci

Toyota C hr usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Toyota C hr usate 201710.95018.43069 annunci
Toyota C hr usate 201814.88020.47077 annunci
Toyota C hr usate 201918.50021.56048 annunci
Toyota C hr usate 202023.50026.35012 annunci
Toyota C hr usate 202122.99925.92027 annunci
Toyota C hr usate 202225.90028.44022 annunci

Toyota C hr km 0

Prezzo minimoPrezzo medio
Toyota C hr km 0 2018001 annuncio
Toyota C hr km 0 202126.20029.2003 annunci
Toyota C hr km 0 202227.69029.59028 annunci
Toyota C hr km 0 202328.90028.9001 annuncio