PROVATE PER VOI

Toyota Rav4: fila “liscia” dettagli a parte

Prova pubblicata su alVolante di
giugno 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 34.500
  • Consumo medio rilevato

    13,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    149 grammi/km
  • Euro

    5
Toyota Rav4
Toyota Rav4 2.2 D-4D 4WD Lounge
L'AUTO IN SINTESI

Più lunga di 20 cm rispetto al modello di generazione precedente, la Toyota Rav4 è una suv davvero spaziosa; il ricco allestimento Lounge ha di serie anche i sedili in pelle, ma alcune finiture restano inadeguate al prezzo. Su asfalto è piacevole da guidare, oltre che confortevole; la trazione integrale a controllo elettronico, inoltre, aumenta la precisione di guida e permette di affrontare sterrati di un certo impegno. Promosso il 2.2 turbodiesel, non potentissimo (ha 150 CV) ma fluido e silenzioso.

 

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
3
Average: 3 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Ti dà spazio e versatilità
Totalmente rinnovata e un po’ più lunga che in passato, la Toyota Rav4 ha guadagnato grinta e spazio; qualche dettaglio dell’abitacolo, però, non convince. Valido il comportamento stradale: il 2.2 turbodiesel da 150 CV è fluido e silenzioso, la guida risulta facile e il comfort non manca. Inoltre, la trazione integrale migliora la precisione su asfalto e permette di muoversi agevolmente su sterrato. L’allestimento Lounge si fa pagare cara, ma offre di serie pure il navigatore e gli interni in pelle.
 
 
Completamente rinnovata nel 2013, la Toyota Rav4 è una suv di medie dimensioni con un grintoso frontale. Rispetto al modello di generazione precedente è cresciuto di una spanna (misura 457 cm): anche se non c’è più il divano scorrevole, l’abitabilità è migliorata e pure lo spazio per i bagagli abbonda; tuttavia, qualche dettaglio negli interni non è all’altezza del resto. 
 
La muove un turbodiesel di 2.2 litri capace di 150 CV, che vanta consumi accettabili e una grande piacevolezza di funzionamento: vibra pochissimo e con la sua silenziosità favorisce il comfort di marcia; contenuti anche i fruscii aerodinamici. Altre qualità che si apprezzano su strada sono la facilità di guida e la capacità delle sospensioni – dalla taratura turistica ma non troppo cedevoli fra le curve – di assorbire le asperità.
 
A differenza della variante da 124 CV (della stessa cilindrata), che ha la trazione anteriore, questo motore è abbinato soltanto alla trasmissione 4x4 a controllo elettronico che – a seconda della necessità – ripartisce automaticamente la coppia fra i due assali. Offre vantaggi non soltanto nel fuori strada (dove la Toyota Rav4 è piuttosto efficace, salvo i limiti legati all’assenza delle marce ridotte) ma anche su asfalto, migliorando la precisione di guida.
 
L’allestimento Lounge è il più ricco: fanno parte della dotazione di serie anche il “clima” automatico bizona e i fari allo xeno, nonché gli utili sensori di distanza posteriori abbinati alla telecamera di retromarcia. Per risparmiare ci sono lo Style, senza interni in pelle con sedili anteriori riscaldabili di serie, e l’Active, che fa rinunciare – fra l’altro – al portellone con sollevamento elettrico, ai retrovisori ripiegabili automaticamente e ai vetri posteriori e lunotto scuri.
VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Accogliente fra alti e bassi
Esteticamente piacevole e davvero luminoso, l’abitacolo è in generale ben rifinito, tuttavia scivola su qualche dettaglio. Lo spazio, comunque, non manca: le poltrone anteriori – regolabili elettricamente – sono larghe e ben sagomate, e sul divano si può viaggiare anche in tre senza troppi sacrifici. Sufficiente la disponibilità di portaoggetti dei quali, però, nessuno è refrigerato. Il baule pecca nelle finiture, ma è facilmente accessibile e sfruttabile e, soprattutto, vanta una capacità ai vertici della categoria.
 
 
Plancia e comandi
Le finiture della movimentata plancia – parzialmente rivestita in pelle come i sedili – convincono, ma non mancano dettagli sottotono: per esempio l’anacronistico orologio digitale o le plastiche della consolle. Criticabili pure alcuni comandi della Toyota Rav4: per esempio, i tasti per bloccare il differenziale centrale e per sollevare il portellone elettrico sono nascosti, come la leva del regolatore di velocità (dietro il volante). Al contrario, risultano a portata di mano i controlli del “clima” automatico, appena sotto lo schermo del navigatore (optional). Non particolarmente moderno (e privo di termometro del liquido refrigerante) il cruscotto, che – in compenso – vanta un’ottima leggibilità.
 
Abitabilità
L’ambiente è davvero luminoso (soprattutto con il tetto apribile in vetro, optional) e lo spazio non manca, né davanti, dove si è accolti da ben sagomate poltrone riscaldabili e regolabili elettricamente anche nel supporto lombare, né sul divano, con la seduta ampia e piatta che, all’occorrenza, può ospitare tre persone; d’altra parte per chi viaggia dietro ci sono fra i 20 e i 52 cm di spazio dagli schienali anteriori, nonché la possibilità di variare l’inclinazione dello schienale (ma un po’ duro al centro, data la presenza di un bracciolo estraibile). Di fronte al passeggero ci sono una mensola priva di sportello e, più in basso, il classico cassetto portaoggetti (in verità né particolarmente ampio né climatizzato), che va ad aggiungersi ai vani ricavati nella consolle e nel tunnel. Troppo arretrato il bracciolo (fisso) fra le poltrone.
 
Bagagliaio
La soglia, non troppo alta per una suv come la Toyota Rav4 (è a 67 cm dal suolo) e a filo del piano di carico, e l’ampio portellone sollevabile elettricamente, permettono un facile accesso a un vano fra i più ampi della categoria: misura 547 litri con tutti i posti in uso e 1746 a schienale reclinato (nel qual caso il pavimento rimane privo di gradini), oltre a disporre di un doppiofondo di ulteriori 100 litri. Anche se rispetto alla Rav4 di generazione precedente è stato eliminato il divano scorrevole, e se i passaruota sporgono parecchio, la sfruttabilità del vano è ottima e i 51 cm di altezza utile sono sufficienti a sovrapporre due valigie sotto il tendalino. Peccato che le pastiche del rivestimento interno siano di qualità solo discreta, e che si notino troppe viti lasciate a vista.
COME VA
3
Average: 3 (1 vote)
Facile su strada, non teme lo sterrato
Pur non compattissima, la Toyota Rav4 si muove bene anche in città: ha comandi dolci da azionare e i sensori di distanza con telecamera che vengono in soccorso nei parcheggi. Le sospensioni, inoltre, sono efficaci sulle buche ma non cedevoli fra le curve, dove la guidabilità si rivela davvero buona, grazie pure allo sterzo preciso e alla trazione integrale. Il turbodiesel, inoltre, anche senza essere un mostro di prestazioni assicura sempre la giusta spinta, ha un funzionamento fluido ed è silenzioso anche ad andatura autostradale. In fuori strada si deve tener conto del fatto che mancano le marce ridotte, ma grazie alla discreta luce a terra e alla possibilità di bloccare il differenziale centrale gli sterrati di un certo impegno non sono preclusi.
 
 
In città
Confortevole grazie alle sospensioni efficaci nel filtrare le buche, e dotata di comandi dolci da azionare, nel traffico la Toyota Rav4 risulta efficace anche grazie alla fluidità che il turbodiesel vanta sin dai regimi inferiori. E anche se gli ingombri della carrozzeria non sono quelli di una citycar, si può comunque contare su una buona visuale davanti (sebbene il montante sinistro del parabrezza disturbi un po’ nelle svolte strette) e di lato, mentre nelle manovre in retromarcia vengono in soccorso i sensori di distanza e la telecamera. Accettabili i 12,8 chilometri che si percorrono con un litro di gasolio.
 
Fuori città
Lo sterzo è abbastanza rapido e non manca di precisione, e la stabilità si rivela elevata anche nelle manovre brusche (quando l’Esp interviene con sin troppo zelo): fra le curve, questa suv è facile e gradevole da guidare. Inoltre, la trazione integrale migliora il comportamento dinamico, soprattutto quando si preme il tasto Sport alla base della plancia: in questo caso aumenta la coppia inviata alle ruote posteriori così da ridurre il sottosterzo e migliorare la percorrenza delle curve. In condizioni standard, invece, la trazione è sulle ruote davanti per ridurre assorbimenti e consumi (che sono bassi: abbiamo rilevato 15,8 km/l).
 
In autostrada
L’insonorizzazione della Toyota Rav4 è da berlina di classe: nell’abitacolo il rumore del turbodiesel giunge ovattato, e in velocità non si è nemmeno disturbati dal rumore di rotolamento delle gomme o dai fruscii aerodinamici. Le sospensioni lavorano bene e le sconnessioni vengono assorbite con efficacia: sono avvertibili soltanto le giunzioni più marcate (specialmente da chi siede sul divano). Alla notevole souplesse, il turbodiesel associa discrete capacità di ripresa e consumi normali per una vettura di questo tipo (11,9 km/l). Quanto ai freni, non sono potentissimi ma nemmeno tendono a perdere tono a seguito di un impiego intenso.
 
In fuori strada
Con 18,7 cm di altezza minima da terra gli sterrati non sono preclusi, e a riparare la vernice dal pietrisco proiettato dalle ruote ci sono opportune protezioni in plastica nella parte bassa della carrozzeria. Certo, a differenza che nelle vere fuoristrada non ci sono le marce ridotte, ma la trazione integrale a controllo elettronico è efficiente; inoltre, all’occorrenza, permette di bloccare il differenziale centrale per districarsi nelle situazioni impegnative. Ad assistere nelle ripartenze in salita c’è il sistema antiarretramento, ma non è intuitivo perché per essere attivato richiede due colpi di freno.
QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Volendo, c’è un occhio in più
Promossa nei crash test Euro NCAP con cinque stelle (il massimo), è equipaggiata di tutto punto: oltre all’Esp con sistema antiarretramento, sono di serie sette airbag, il cruise control, i fendinebbia e i fari allo xeno. Come optional sono disponibili il sistema di monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori e l’avviso di superamento della propria corsia basato su una telecamera che rileva la posizione del veicolo rispetto alle strisce sull’asfalto.
 
 
La dotazione di serie della Toyota Rav4 include pure i fari allo xeno, che vanno ad aggiungersi ai fendinebbia, all’Esp con sistema antiarretramento in salita, al cruise control e a un set di airbag che comprende i due frontali (con possibilità di disattivare quello destro quando si monta un sedile per bimbi sulla poltrona del passeggero), la coppia di laterali anteriori, gli elementi a tendina estesi ai posti dietro e quello per le ginocchia del guidatore. Acquistando il pacchetto Tech si aggiungono il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori e il dispositivo che avvisa se si abbandona la propria corsia di marcia (è basato su una telecamera che “legge” le strisce sull’asfalto, e che controlla anche gli abbaglianti disattivandoli qualora disturbino altri veicoli). Contribuisce alla sicurezza attiva anche la trasmissione 4x4, che, quando si preme il tasto Sport, viene tarata per migliorare la dinamica della vettura: se in condizioni standard (ossia su asfalto e con aderenza ottimale) la trazione è soltanto sulle ruote davanti, nel momento che si ruota il volante viene trasferito il 10% di coppia anche alle ruote posteriori e la percentuale può arrivare fino al 50% qualora i sensori dell’Esp rilevino un allargamento di traiettoria (riducendo, in tal modo, il sottosterzo). Promossa con cinque stelle (il massimo) nei crash test Euro NCAP, la Toyota Rav4 ha riportato giudizi molto buoni negli ambiti specifici: 89 punti percentuali per la protezione degli occupanti, 82 per i bambini trasportati su seggiolini dedicati (gli attacchi Isofix sono compresi nel prezzo), 66 punti percentuali per la salvaguardia dei pedoni in caso di investimento e altrettanti per l’efficacia dei sistemi di assistenza alla sicurezza.
NE VALE LA PENA?
3
Average: 3 (1 vote)
Non regalata, ma “sostanziosa”
È una suv dalla linea dinamica, che offre parecchio spazio a bordo, sia per i passeggeri, sia per i bagagli. Nonostante qualche dettaglio interno migliorabile, con il ricco – e anche costoso – allestimento Lounge il lusso non manca: fanno parte della dotazione di serie anche i sedili in pelle. Piacevole e sicura su asfalto, grazie alla trazione integrale la Rav4 è efficace anche su sterrato. E per quanto riguarda l’insonorizzazione e il comfort, ha poco da invidiare a una berlina.
 
 
Suv di concezione moderna, la Toyota Rav4 offre una dotazione di sicurezza di alto profilo e può montare come optional svariati dispositivi elettronici di ultima generazione. Su strada è gradevole da guidare e in grado di offrire un comfort superiore alla media, al quale contribuisce la silenziosità del ben dimensionato (seppure non potentissimo) e fluido 2.2 a gasolio. L’allestimento Lounge è riccamente equipaggiato anche per quanto riguarda la funzionalità e il comfort, e offre di serie addirittura gli interni in pelle; tuttavia, visto il prezzo, si sarebbe dovuto evitare qualche calo di tono nelle finiture (che in generale appaiono ben curate), come pure è perfettibile la collocazione di alcuni comandi. I pregi, comunque, sono molti, a cominciare dalla notevole disponibilità di spazio per i passeggeri e per i bagagli: insomma, si tratta di una suv adatta alla famiglia, in grado di svolgere il ruolo di una station wagon di lunghezza simile offrendo, in più, il vantaggio di poter essere utilizzata senza patemi d’animo anche fuori dall’asfalto, grazie all’efficace trazione integrale e alla discreta altezza da terra.
PERCHÉ SÌ
Comfort
Si viaggia più comodi che in molte berline, grazie alle sospensioni in grado di “cancellare” le asperità del fondo stradale e all’accurata insonorizzazione dell’abitacolo (motore, rotolamento delle gomme e fruscii si percepiscono appena).
 
Dotazione
L’allestimento Lounge in prova è il più ricco, e offre di serie anche i fari allo xeno (che di solito si pagano a parte); inoltre, se si vuole arricchire la vettura con il navigatore o con gli “aiuti alla sicurezza” inclusi nel pacchetto Tech, non occorre svenarsi.
 
Spazio
L’abitacolo è davvero accogliente, sia nella parte anteriore sia dietro, dove possono viaggiare anche tre adulti senza grandi sacrifici; e anche se non modulabile come nel modello precedente (che aveva il divano scorrevole), il baule è davvero capiente.
 
Trazione 4x4 
La trasmissione integrale a controllo elettronico è piuttosto efficiente: aumenta la precisione di guida sull’asfalto e – grazie pure al differenziale centrale bloccabile – assicura una buona mobilità su fango, neve e sterrato.
PERCHÉ NO
Comandi
La disposizione dei vari pulsanti nella plancia è poco razionale: alcuni non sono tanto intuitivi da individuare e da raggiungere, inclusi quelli – come per esempio il tasto Sport – che vanno azionati durante la marcia.
 
Dettagli fuori moda
Il navigatore si gestisce attraverso comandi tutt’altro che al passo con i tempi, e l’orologio con cifre digitali retroilluminate che si trova al centro sovrastante e sottile schermo sembra preso da un’auto di venti o trent’anni fa.
 
Partenze in salita
Il dispositivo che blocca la vettura per qualche istante per facilitare le partenze in salita va attivato premendo due volte il pedale del freno (mentre in altri modelli interviene automaticamente): è un sistema scomodo e di uso non intuitivo
 
Portaoggetti
Strano che in una vettura che punta parecchio sulla praticità non sia stata predisposta la climatizzazione del cassetto di fronte al passeggero anteriore; inoltre, le tasche nelle porte sono piccole e realizzate con plastiche rigide.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2231
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/3600
Coppia max Nm/giri 340/2000-3600
Emissione di CO2 grammi/km 149
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 457/185/166
Passo cm 266
Peso in ordine di marcia kg 1605
Capacità bagagliaio litri 547/1746
Pneumatici (di serie) 235/55 R18

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3750 giri   193,7 km/h 190 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,1   9,6 secondi
0-400 metri 17,1 129,8 km/h non dichiarata
0-1000 metri 31,7 161,7 km/h  
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 37,2 153,8 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 33,7 151,1 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 11,3    
da 80 a 120 km/h in 6a 13,0   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   12,8 km/litro 14,5 km/litro
Fuori città   15,8 km/litro 20,0 km/litro
In autostrada   11,9 km/litro non dichiarato
Medio   13,7 km/litro 17,5 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   39,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   67,0 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   137 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,8 metri 10,6

 

 

Toyota Rav4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
54
50
58
29
49
VOTO MEDIO
3,1
3.129165
240
Aggiungi un commento
Ritratto di follypharma
1 ottobre 2013 - 12:03
2
non riesco a far a meno di pensare che nel corso degli anni il rav sia via via peggiorato... quello che mi e' piaciuto di piu' e' stata la seconda, male la terza specie dentro e peggio ancora la quarta (brutta anche fuori e solo poco meglio dentro) .. a questo punto preferirei a parita' di tipologia e prezzo di sicuro la ford (piu' bella) oppure la honda ( motore di gran lunga migliore, fatto meglio in generale e piu' spazioso) o Hyundai (meno caro e altrettanto valido) ...Toyota non ha piu' nulla che la faccia preferire..anzi
Ritratto di Andrea Ford
21 ottobre 2013 - 13:12
Nella vista laterale sono identiche, il frontale invece è piu'attraente quello del RAV4, quanto ai consumi la Kuga è la peggiore, il diesel beve come una spugna e non è neanche prestazionale. Sulla CR-V posso essere d'accordo perché oggettivamente ha il diesel migliore del mondo tra i 1.6 ma sul RAV4 monteranno il BMW in primavera e allora la situazione tornerà in parità. C'è da dire che il nuovo RAV4 ha da alcuni mesi superato la Kuga nelle vendite in Italia e sta vendendo benissimo negli USA e in Europa. Quanto al test di Alvolante posso solo dire che peggio non poteva essere scritto...si sono soffermati sulle cose piu'futili delle quali alla gente non puo'fregar di meno, criticandole come se si trattasse di peccati mortali (orologio, comandi navi) ignorando invece i veri punti di forza di quest'auto ovvero l'eccezionale handling su asfalto e l'eccellente mobilità in off road moderato e neve dove fa valere la sofisticata trazione integrale.
Ritratto di luca6919
2 settembre 2014 - 13:55
Si vede distante un miglio che tu tifi spudoratamente Ford, per cui non venire a sparlare di un mito del fuoristrada come la Toyota, che la Ford se la beve dritta e rovescia. Dire che RAV4 è identico a Kuga è una gran stronzata...certo la prima avrà le sue pecche, ma meccanica e trazione integrale restano un mito che Ford non riesce nemmeno ad avvicinare. In america solo Jeep riesce ad essere concorrente. Riguardo al test non può non essere soggettivo. Se proprio una vettura ti interessa vai a vederla direttamente in concessionaria.
Ritratto di Fabrizio Perrone Capano
25 ottobre 2014 - 08:27
Non è vero. E' un'auto di grande comodità, con un volume di carico immenso, ben rifinita, potente e sobria nei consumi Se i difetti riscontrati sono un pulsante poco accessibile, ebbene viva la Rav 4. La Honda non è affatto meglio: il motore è meno potente e consuma molto di pèiù, ls linea è indigeribile e non è affatto così ben rifinita. Ho avuto la serie precedente che aveva rifiniture a livello USA. Cioè indecenti
Ritratto di Domenico79
1 ottobre 2013 - 12:54
1
Beh da fuori non e' male!anzi linee moderne e sportiveggianti,ma l'interno non si puo vedere!sembra una city car!!!
Ritratto di sokrates
1 ottobre 2013 - 13:23
anteriore stupendo ma dietro fa pena... peccato
Ritratto di marcoveneto
1 ottobre 2013 - 13:49
fuori è anche carino e aggressivo ma l'interno fa veramnete pena..a parte le plastiche che vabbe,anche il design è vecchio e brutto..in generale voto 3 macchinine..
Ritratto di Gianluca chieti
9 luglio 2014 - 08:48
2
Io la comprerò a breve perchè ,tolti i gusti ,è una toyota nata per durare . Ho sentito molti ,dal meccanico alla persona che sa solo Che le auto hanno un motore e 4 ruote , che dicono che con la kuga hanno avuto solo problemi . Tutti i proprietari l'hanno mandata almeno una volta in assistenza e ha consumi alti. Comunque se nell'articolo avessero detto : comodo l'orologio ben leggibile li , tutti quanti avreste detto : si bello l'orologio . Penso che la redazione a criticato questa scelta però vedo che non critica un'altra auto che vende molto, sempre un suv, e ha lo stesso orologio ,anzi più brutto perchè ha il fondo rosso e tutti i comandi hanno illuminazione rossa . Io credo che dovete vederla dal vivo l'auto e poi giudicare perchè L qualità c'è ed è buona poi tutti i tasti che si usano spesso sono ben raggiungibili e ben leggibili . Il tasto per bloccare il differenziale si usa poco e poi molti la compreranno due ruote motrici , quindi senza quel tasto , sono comunque tasti secondari che vengono usati poco, fino a qualche anno fa come facevate senza l'aiuto della partenza in salita o in discesa ? Beh se usate il freno a mano non avete ancora imparato a guidare e non credo che facciate fuoristrada estremo altrimenti non comprereste questo tipo di auto.Comunque sia secondo me chi ha scritto la recensione ha descritto l'auto in maniera soggettiva ,perchè si è soffermato su orologio e quei due pezzi di plastica non molto grandi nel bagagliaio . Io ho letto molte volte l'orologio anni 80 o altre cose simili e se poi me lo metti nei difetti mi fai solo ridere, perchè un giornalista deve essere oggettivo e non deve mettere nei difetti una proprio giudizio estetico, poteva pure aggiungere ai difetti che l'estetica no gli piace ecc...
Ritratto di marcoveneto
10 luglio 2014 - 12:39
Guarda io nn la critico per partito preso..anzi..ne sto vedendo molte in giro e devo dire che fuori è molto carina come suv..meglio del nuovo kuga che non mi piace..se devo fare un appunto all'esterno mancherebbero solo i fari post a led..vabbe..x l'interno io prediligo forme classiche e magari abbastanza simmetriche per cui la plancia "disordinata" (ma solo stilisticamente) che ha questa rav non mi piace..ma ti posso assicurare che la reputo una gran bella macchina (tanto che andai a vederla con mio padre al momento di comprare la sua nuova)
Ritratto di MaCiao5
1 ottobre 2013 - 13:56
3
Le Rav continuano a peggiorare, l'unica meravigliosa era la seconda....e la terza non era male. Ma questa.... Fa proprio C A G A R E
Pagine
Annunci

toyota rav4 usate

Prezzo minimoPrezzo medio
toyota rav4 usate 20126.90013.71025 annunci
toyota rav4 usate 201310.50016.01049 annunci
toyota rav4 usate 201414.49917.60048 annunci
toyota rav4 usate 201511.00018.35036 annunci
toyota rav4 usate 201619.70023.37016 annunci
toyota rav4 usate 201725.47026.2703 annunci
toyota rav4 usate 201829.90030.9502 annunci

toyota rav4 km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
toyota rav4 km 0 201722.50022.5001 annuncio
toyota rav4 km 0 201827.40029.3304 annunci