PROVATE PER VOI

Volkswagen Golf Variant: si stà comodi, ma che baccano

Prova pubblicata su alVolante di
novembre 2007
  • Prezzo (al momento del test)

    € 24.525
  • Consumo medio rilevato

    15.6 km/l
  • Emissioni di CO2

    137 grammi/km
  • Euro

    4
Volkswagen Golf Variant
Volkswagen Golf Variant 1.9 TDI sportline DPF
L'AUTO IN SINTESI

È la versione famigliare della classica Golf. Ha un abitacolo spazioso e un bagagliaio di grande capacità. Il motore è un 1.9 turbodiesel da 105 CV, che ha l’unico difetto della rumorosità. Elevata la qualità costruttiva ma il prezzo è alto.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
È ben fatta e beve poco

Il frontale riprende quello della berlina e la coda, sebbene “cresciuta”, non rovina l’equilibrio complessivo. Le abbondanti dimensioni della carrozzeria hanno permesso di ottenere interni spaziosi: l’abitabilità è notevole, come pure la capacità del baule. La Sportline, grazie anche all’assetto ribassato e ai cerchi di 16 pollici, ha un’elevata tenuta di strada: è una famigliare che asseconda la guida brillante. Il motore – un turbodiesel da 105 cavalli – risulta molto vivace nel rispondere all’acceleratore oltre che parco nei consumi. Peccato, però, che la sua “voce” sia troppo presente nell’abitacolo. Ben costruita e ottimamente rifinita, ha una dotazione di serie davvero completa (anche per ciò che riguarda la sicurezza). Tuttavia, il prezzo è salato e alcuni optional sono offerti soltanto in pacchetto: facile spendere più del preventivato.

Che derivi dalla Golf berlina è evidente: il frontale è lo stesso. Quel che cambia è la coda, che è stata allungata, ma non per questo rovina l’equilibrio dell’insieme. Risulta anche abbastanza originale, grazie al lunotto inclinato e alla particolare forma dei fari. Dentro c’è spazio abbondante sia per i passeggeri, sia per i bagagli, ma le dimensioni della carrozzeria (che misura 456 cm di lunghezza) sono un po’ superiori a quelle delle rivali.

Il motore è un turbodiesel da 105 CV, adottato su molti modelli del Gruppo Volkswagen, e dotato di serie del filtro antiparticolato, che permette di “salvarsi” nelle giornate in cui sono in vigore i blocchi del traffico. Si fa apprezzare per il tiro robusto, che rende la guida molto piacevole, ma risulta rumoroso nel funzionamento, il che limita il comfort. In compenso, i consumi sono fra i più bassi della categoria.

La versione Sportline, che ha di serie i cerchi di 16 pollici e l’assetto ribassato di 15 mm, vanta notevoli qualità stradali ed è molto godibile sui percorsi ricchi di curve: merito anche delle raffinate sospensioni, in particolare di quelle posteriori, di tipo multilink (uno schema a bracci multipli che rende l’auto più precisa e migliora la stabilità, oltre a incrementare la sicurezza nelle manovre d’emergenza).

La dotazione è davvero completa: fra l’altro, di serie ci sono sei airbag, i controlli elettronici di trazione e stabilità, il clima automatico e la radio con cd. Anche tenendo conto della qualità costruttiva, non è, però, una vettura a buon mercato: costa più delle rivali, e se la si vuole personalizzare bisogna tener presente che determinati optional sono offerti soltanto in pacchetto con altri, con aggravio di spesa non indifferente.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Eleganza e praticità in formato famiglia

La plancia, dall’aspetto solido, è realizzata con plastiche di qualità e ben rifinita; le sole piccole sbavature si rilevano nella parte inferiore, quella nascosta alla vista. Classico anche il cruscotto, dalla grafica ben leggibile e arricchito, al centro, dallo schermo del computer di bordo. Bene organizzati i comandi, che si individuano senza difficoltà. Lo spazio a bordo non manca: i passeggeri anteriori sono accolti su poltrone dal profilo sportivo e dall’imbottitura rigida (che offre un buon sostegno e si rivela comoda anche nei lunghi viaggi), mentre chi sta dietro ha a disposizione un divano largo abbastanza per tre persone (ma realmente comodo soltanto per due: il posto centrale è poco imbottito). Molto grande e ben rifinito il bagagliaio, che è fra i più capienti della categoria e può ovviamente essere ampliato reclinando il divano: in questo caso non si formano fastidiosi gradini sul pavimento.

Plancia e comandi
Vivacizzata da inserti in alluminio, la plancia ha un design rigoroso e trasmette una piacevole impressione di qualità. I rivestimenti risultano gradevoli al tatto e il livello delle finiture generalmente elevato, con l’eccezione di alcuni dettagli nascosti alla vista. Inappuntabile la disposizione dei comandi, tutti facilmente individuabili e raggiungibili. Lo stile sobrio è utilizzato anche per il cruscotto, che ha una grafica classica e include l’ampio schermo del computer di bordo. Utili i comandi della radio nel volante, che, però, sono optional e vengono venduti in pacchetto con la leva del freno a mano e il pomello del cambio in pelle. Capiente e ben rifinito il cassetto portaoggetti, che si può chiudere a chiave ed è refrigerato dall’aria del “clima”. Al suo interno c’è la serratura per disattivare l’airbag del passeggero (operazione necessaria quando si utilizza un seggiolino per trasportare i bambini).

Abitabilità
L’abitacolo è molto luminoso e, volendo, si può dotare del tetto in vetro, provvisto di tendina parasole ad azionamento elettrico. Avvolgenti e contraddistinte da un’imbottitura rigida, le poltrone anteriori risultano comode e trattengono bene il corpo nelle curve. Facile trovare la corretta posizione di guida, anche grazie alle ampie possibilità di registrazione del volante (5 cm sia in altezza, sia in profondità). Dietro, in larghezza, c’è spazio per tre persone, ma il divano è conformato per dare il massimo comfort a due soli occupanti: chi sta al centro, infatti, ha la seduta rialzata e poco imbottita, e in più si trova fra le gambe la consolle che sporge fra i sedili anteriori (sulla quale sono collocate le bocchette d’aerazione e un portalattine estraibile).

Bagagliaio
Non ha il lunotto apribile separatamente dal portellone, ma il bagagliaio è davvero grande e pratico, oltre che ben rifinito. La bocca di carico è ampia e la soglia abbastanza vicina a terra (63 cm), e fra pavimento e tendalino c’è un’altezza utile di 50 cm: quanto basta per stivare il necessario per una vacanza con la famiglia. Il divano, suddiviso asimmetricamente, può essere abbattuto: in questo caso si forma un piano profondo 183 cm e privo di gradini; l’unica pecca è che per reclinare completamente lo schienale bisogna smontare i poggiatesta, senza contare che manca anche una sede dove riporli.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Una famigliare che diverte

È un’auto lunga più di 4,5 metri, ma in città si muove bene. Nelle manovre in retromarcia è, però, necessario fare attenzione, perché i paraurti sono privi di protezioni in gomma ed è facile rovinarli (e i sensori di distanza sono optional). L’unico fastidio proviene dal motore, rumoroso a freddo e in accelerazione. In compenso, malgrado la potenza non sia eccezionale, la risposta all’acceleratore è sempre pronta. Così, nei percorsi misti è facile andare veloci e l’auto risulta molto piacevole da guidare; d’altra parte l’assetto ribassato e le larghe gomme favoriscono la stabilità e la tenuta di strada: nelle curve affrontate con brìo il rollìo è contenuto, e nelle manovre di emergenza non si hanno reazioni difficili da controllare. Bene anche in autostrada: a velocità costante il motore non si sente troppo e il comfort è di buon livello. Ottima anche l’autonomia, grazie anche a consumi sempre contenuti.

In città
È lunga 456 cm, ma nel traffico si muove agevolmente, anche perché la visibilità non è male. In ogni caso nei parcheggi, per non rischiare di rovinare i delicati paraurti (totalmente verniciati), è meglio avere i sensori posteriori (venduti in “pacchetto” assieme al cruise control e al sistema di monitoraggio della pressione delle gomme). Lo sterzo non è troppo leggero, ma comunque non risulta faticoso da azionare nemmeno in manovra. L’unica pecca riguarda la rumorosità del motore, sensibile sia a freddo sia in accelerazione.

Fuori città
La Volkswagen Golf Variant ha sospensioni raffinate, con il retrotreno a bracci multipli; inoltre, dispone di assetto ribassato e di gomme di generosa sezione: pur essendo una famigliare accetta di buon grado di essere guidata con piglio sportivo. Fra le curve è stabile e precisa, ha un rollìo molto limitato e, quando si esagera, l’ESP interviene con puntualità e senza essere troppo invadente. Ottimo il comportamento del motore, che nonostante non sia potentissimo spinge sempre con piacevole vigore e consuma poco anche quando non si lesina con l’acceleratore.

In autostrada
A 130 orari il motore lavora a un regime abbastanza contenuto e il suo rombo – che comunque si fa sentire quando si tirano le marce – non disturba; inoltre, ha una buona riserva di potenza: per riprendere vivacemente non occorre scalare marcia. Il comfort è di buon livello e rende la Variant adatta ai lunghi trasferimenti, anche perché ad andatura autostradale consuma poco (14,5 km/l) e vanta una notevole autonomia. In velocità si apprezzano anche lo sterzo, sufficientemente solido e preciso, e le qualità dell’impianto frenante, potente e correttamente modulabile.

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Non serve aggiungere molto

L’EuroNcap ha per ora effettuato i crash test soltanto per la versione berlina (con cui la Variant condivide gran parte della scocca e dei componenti tecnici), che li ha superati con brillanti risultati. Dal punto di vista dell’equipaggiamento di serie, la versione famigliare ha tutto ciò che serve; a pagamento si possono aggiungere gli airbag laterali posteriori e, in pacchetto con i sensori di parcheggio, il regolatore di velocità e il dispositivo di controllo della pressione dei pneumatici.

È una famigliare bene equipaggiata: di serie ha l’ESP, il controllo della trazione, gli airbag frontali, laterali e per la testa (questi ultimi proteggono anche chi siede dietro); come optional si possono avere pure quelli laterali posteriori. Chi siede davanti dispone dei pretensionatori pirotecnici: in caso di incidente, lo scoppio di una piccola carica esplosiva tende le cinture di sicurezza riducendo il rischio di fratture al torace e al bacino. Come optional si possono aggiungere i fari allo xeno (mentre i fendinebbia sono di serie) e il cruise control, che fa parte del pacchetto Comfort assieme ai sensori di parcheggio posteriori e all’utile dispositivo di controllo della pressione delle gomme. L’EuroNcap non ha ancora sottoposto a esame la versione Variant della Golf , ma a titolo di riferimento si possono prendere i risultati ottenuti dalla berlina: cinque stelle (il massimo) per la protezione degli occupanti, quattro per i bambini assicurati a seggiolini Isofix e tre stelle per la tutela dei pedoni in caso di investimento.

NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Una media superiore

Costa più delle rivali, però ha una dotazione abbastanza ricca anche per quanto riguarda la sicurezza  e non è indispensabile aggiungere accessori a pagamento. Ben costruita e curata nelle finiture, è una famigliare “solida” nell’aspetto e nella sostanza. Confortevole (nonostante che l’insonorizzazione del turbodiesel lasci a desiderare) e spaziosa, ha prestazioni brillanti e appaga anche il piacere di guida.

Esteticamente è riuscita quanto la berlina da cui deriva: all’eleganza aggiunge un tocco di sportività dato dall’assetto ribassato e dalle gomme larghe, che piacerà a chi vuole una famigliare con qualcosa in più. A livello di spazio a bordo e di bagagliaio offre tutto ciò che ci si aspetta da un’auto del genere: è comoda, pratica e versatile, e il solo limite al comfort arriva dalla rumorosità del motore, che in accelerazione si fa sentire troppo. In compenso il turbodiesel ha prestazioni brillanti e consumi fra i più bassi della categoria: ben si adatta a una station che riesce a unire la praticità a un comportamento stradale sicuro e piacevole. Certo non è una vettura a buon mercato, e per giunta alcuni accessori sono offerti solo in pacchetto con altri, ma il prezzo è giustificato dai contenuti tecnici, dalla qualità costruttiva superiore alla media e dalla completa dotazione di serie.
 

PERCHÉ SÌ
 
 

Consumo 
Nella versione da 105 CV il turbodiesel 1.9 si conferma fra i più efficienti della categoria: consuma poco in tutte le condizioni d’uso. Autostrada compresa, nonostante manchi una sesta marcia “di riposo”.

Finiture
La media famigliare tedesca non costa poco, ma la cura costruttiva è notevole e i dettagli criticabili sono davvero pochi, sia all’esterno, sia per quanto riguarda gli interni (bagagliaio compreso).

Linea
Nell’insieme è riuscita ed equilibrata: davanti riprende fedelmente l’impostazione della Golf berlina, mentre dietro non risulta “pesante” come accade nel caso di svariate concorrenti.

Spazio
Ce n’è in abbondanza sia nell’abitacolo, arioso e ospitale, sia nel bagagliaio, del quale si apprezza non solo la notevole capienza, ma anche la regolare conformazione interna, che ne favorisce la sfruttabilità.

PERCHÉ NO
 
 

Divano
Va benissimo per due, mentre la seduta centrale – per quanto non ci siano problemi di spazio in larghezza – è male imbottita. Inoltre, quando si reclina lo schienale bisogna rimuovere i poggiatesta e non si sa dove riporli.

Portellone
Dà accesso a un’apertura ampia e regolare, ma per sollevarlo occorre avere un discreto spazio a disposizione: il problema potrebbe essere aggirato con un lunotto apribile in modo indipendente.

Prezzo
La qualità c’è e la dotazione non mostra lacune, ma la Golf si fa pagare parecchio, più delle rivali. Inoltre, determinati accessori vanno acquistati necessariamente in “pacchetto”, e la cifra finale cresce più del dovuto.

Rumorosità
Sarebbe una vettura davvero confortevole se avesse un motore più silenzioso. Invece, il turbodiesel trasmette qualche vibrazione di troppo e durante la marcia si fa sentire parecchio, non solo ad andatura elevata.

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 3800 giri   188,9 km/h 187 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h

11,2

  12,2 secondi
0-400 metri 17,9 125,6 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,8 158,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 32,9 157,0 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 32,0 154,1 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 11,4   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,0 km/litro 14,9 km/litro
Fuori città   18,5 km/litro 22,7 km/litro
In autostrada   14,5 km/litro non dichiarato
Massimo   8,1 km/litro non dichiarato
Medio   15,6 km/litro 19,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,3 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   138 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri 11
Cilindrata cm3 1896
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 77 (105)/4000
Coppia max Nm/giri 250/1900
Emissione di CO2 grammi/km 137
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 456/178/148
Passo cm  
Peso in ordine di marcia kg 1286
Capacità bagagliaio litri 505/1495
Pneumatici (di serie) 205/55 R16
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 3800 giri   188,9 km/h 187 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h

11,2

  12,2 secondi
0-400 metri 17,9 125,6 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,8 158,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 32,9 157,0 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 32,0 154,1 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 11,4   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,0 km/litro 14,9 km/litro
Fuori città   18,5 km/litro 22,7 km/litro
In autostrada   14,5 km/litro non dichiarato
Massimo   8,1 km/litro non dichiarato
Medio   15,6 km/litro 19,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,3 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   138 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri 11
Cilindrata cm3 1896
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 77 (105)/4000
Coppia max Nm/giri 250/1900
Emissione di CO2 grammi/km 137
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 456/178/148
Passo cm  
Peso in ordine di marcia kg 1286
Capacità bagagliaio litri 505/1495
Pneumatici (di serie) 205/55 R16
Aggiungi un commento
Ritratto di bravoemotion
24 agosto 2010 - 21:58
1
quando qualcosa su una volkswagen non va nessuno commenta..
Ritratto di 290609
22 marzo 2011 - 13:44
volevo fare un nuovo acquisto di auto e la scelta era caduta sulla golf variant 1.6
Ritratto di bruno samuelli
19 aprile 2011 - 12:34
Ho acquistato una golf variant 1600 TDI DSG Yglain marzo 2010, Km. percorsi 15000 circa. Bisogna proprio riconoscere che è un' ottima macchina io ho cambiato parecchie vetture di questo segmento, questa è superiore vale il prezzo poco più alto. per quanto riguarda l'unico difetto " motore rumoroso" segnalato nella prova"Al Volante" sebbene la mia golf sia un 1600 e non un 2000, la mia auto è di una silenziosità incredibile.
Ritratto di micky83
15 agosto 2012 - 23:41
Salve, sarei prossimo all'acquisto di una Golf Variant 1.9 105cv Trendline, ma personalmente reputo ''strano'' o meglio esagerato che in autostrada i consumi siano di 14,5 km/litro ed in città 13,0 km/litro; forse il peso della vettura influisce molto su tali dati? Qualcuno mi può confermare che, sul modello citato, i consumi si aggirano su tali valori? Grazie.