NEWS

Formula 1, Gp di Russia 2020: vince Bottas. Classifica e calendario

Pubblicato 27 settembre 2020

Formula 1, ordine d’arrivo del Gran Premio di Russia 2020: Hamilton parte bene, ma sconta due penalità e finisce terzo.

Formula 1, Gp di Russia 2020: vince Bottas. Classifica e calendario

EN PLEIN - Il Gran Premio di Russia, decima gara del campionato 2020, è stato vinto da una Mercedes. E questa non è certo una novità: dal 2014, quando è tornato nel calendario della Formula 1, il Gp ha sempre visto trionfare le monoposto della scuderia tedesca. Ma il successo non è stato ottenuto da Lewis Hamilton, che in Russia aveva l’occasione di vincere la novantunesima gara in Formula 1, eguagliando il record assoluto di Michael Schumacher, ma dal compagno di team Valtteri Bottas, che ha preceduto Max Verstappen della Red Bull e Hamilton. 

SUBITO LA SAFETY CAR - Al via, Hamilton difende la prima posizione e non si lascia infilare da Bottas, autore di un’ottima partenza: il pilota finlandese partiva dalla terza piazzola, ma è bravo a superare Verstappen e a ritardare la frenata per impensierire Hamilton alla prima curva. A metà schieramento, c’è un contatto fra le Racing Point di Lance Stroll e McLaren di Carlos Sainz Jr: per rimuovere i detriti lasciati in pista dalle monoposto, i commissari mandano in pista la safety car. Così così la partenza delle Ferrari, con Charles Leclerc che recupera fino all’ottava posizione e Sebastian Vettel alla tredicesima. 

DUE PENALITÀ - La safety car rientra ai box alla fine del quinto giro, dopo che molti piloti si erano fermati per il cambio gomme, e poco dopo c’è il colpo di scena che condiziona la gara di Hamilton: i commissari lo puniscono per due irregolarità, avvenute prima del via, al momento di posizionare in griglia di partenza la sua Mercedes, e durante l'uscita dalla corsia dei box dopo il pit stop. Il campione inglese è costretto a rientrare nei box e scontare dieci secondi di penalità, prima di poter ripartire. Hamilton si ferma al sedicesimo giro e, dopo la sosta, rientra in pista in undicesima posizione. 

POSIZIONI DEFINITE - A questo punto della gara, al comando c’è Bottas, davanti a Verstappen, Esteban Ocon della Renault e Sergio Perez della Racing Point. Hamilton inizia a recuperare posizioni su posizioni, tanto da essere quinto al ventiduesimo giro, ma Bottas e Verstappen sono ormai irraggiungibili; l’olandese, mai in grado di avvicinare il pilota della Mercedes, fin da metà sembra volersi accontentare del secondo posto e si limita a gestire il vantaggio su Perez, prima che quest’ultimo venga superato da Hamilton. Il pilota inglese è l’unico a regalare emozioni e a rendere brioso il Gp, perché le posizioni si cristallizzano e non si vedono sorpassi. 

RAIKKONEN, RECORD SFORTUNATO - Il campione inglese, sempre leader della classifica del campionato, taglia il traguardo in terza posizione davanti a Perez, Daniel Ricciardo della Renault e Leclerc. Tredicesimo Vettel e quattordicesimo Kimi Raikkonen dell’Alfa Romeo, che non ha avuto fortuna alla sua gara numero trecento ventidue in Formula 1: ha eguagliato il record assoluto di Rubens Barrichello.





Aggiungi un commento
Ritratto di Dario Visintin
27 settembre 2020 - 21:08
1
oggi, forse per il clima autunnale e non uscendo di casa, un buon riposo pomeridiano, i tempi per la differita del gp di russia sono arrivati in concomitanza con il risveglio . pronti via,complice una caduta di professionalità del designatore del percorso ecco arriva la safety car .a questo punto con un Hamilton che avrebbe già vinto la gara due innocui errori hanno cambiato il nome del vincitore,tutto è rimasto in casa mercedes.piace anche a me correre ,e certo non avrei commesso questi innocui errori...... ma comunque doveva vincere Bottas. una famosa canzone del grande Califano ( tutto il resto è noia) gli altri 52 giri.forse anche in casa mercedes si sono annoiati.ma parlando seriamente, il doppiaggio di vettel mi ha profondamente rammaricato .vista l'ennesima delusione proviamo delle soluzioni estreme o abbiamo le mani legate ? cordiali saluti alla redazione, e ai lettori di al volante.
Ritratto di Andre_a
27 settembre 2020 - 22:54
5
Che Hamilton provi un po’ di pressione all’avvicinarsi di due record così importanti?
Ritratto di FiestaLory
28 settembre 2020 - 10:02
Ne dubito Andre_a, anzi, l'errore domenicale di Luigi a mio parere è proprio espressione di una certa "rilassatezza". Dovuta al suo strapotere ovviamente.
Ritratto di Andre_a
29 settembre 2020 - 07:38
5
Non credo che uno sul punto di diventare il pilota più vincente della storia della F1 possa essere davvero rilassato. Se lo fosse, ancor più stima per lui.
Ritratto di FiestaLory
29 settembre 2020 - 10:31
Concordo sulla stima. La """rilassatezza""" (le virgolette vogliono essere emblematiche della relatività del termine adottato quando si tratta di guidare una F1) si riferiva alla totale assenza di rivali (i potenziali guidano macchine inferiori, sempre che Bottas non si svegli dopo questa vittoria, ma non ci scommetterei) che permette a Hamilton di disporre con tanta naturalezza del suo teatro, la pista, per acclimatarvisi dimentico delle comparse e preparare lo scenario del suo prossimo record. Sia chiaro che questo mio commento è in ossequio al talento di Hamilton, non in spregio. Non a caso, per battere il record, ha già possibilità dalla prossima. Un saluto ✋
Ritratto di FiestaLory
29 settembre 2020 - 10:38
O meglio, per eguagliarlo, eguagliare il numero di vittorie di Schumacher. In Germania. Direi che come scenario forse è anche più suggestivo...
Ritratto di Miti
27 settembre 2020 - 23:08
1
Due articoli più su trovi la Ferrari Omologata. Semplicemente una meraviglia. Poi leggi questa cosa. No mi stanco nemmeno a fare un commento. Vettel ? Che se ne va più veloce possibile e senza che qualcuno lo doppia. Spero che si torni a propulsori da formula uno. E che finirà questa farsa di ecologia del ca**o. Formula uno è uno sport fatto per potenza, tecnologia, fumo di gomma e odore di benzina. L'hanno trasformato in una cosa indecente. Inguardabile. Con pochi piloti con personalità. Una specie di timbro entrata vado a correre poi timbro l'uscita e ci vediamo fra due settimane. O si torna a potenza e motoristica seria o per me la Ferrari può anche uscire da questa competizione senza nessun valore sportivo.
Ritratto di Miti
27 settembre 2020 - 23:18
1
Una sola cosa. Schumacher è un campione che fino ad arrivare alla Ferrari aveva già fatto vedere di che pasta è fatto. Che con tutte le sue vittorie con un Senna vivo in posta forse non avrebbe vinto così. Ma comunque due campioni che per arrivare la hanno veramente lavorato. Hamilton ...io non voglio toglierli nulla ma ho l'impressione che vince , non dico sempre ovviamente , ma tante volte perché gli altri sono la per fare solo scena. Vince troppo facile. Comunque che ho visto oggi ? l'anti formula uno.
Ritratto di Andre_a
28 settembre 2020 - 23:10
5
Ma ce lo siamo scordato il debutto di Hamilton? Perse il mondiale per 1 punto al suo primo anno in F1, e lo conquistò al secondo. E aveva il bicampione del mondo uscente Alonso come compagno di squadra. E correva per la McLaren.
Ritratto di conan55
8 ottobre 2020 - 20:59
chi hamilton, quello che è arrivato secondo quando correvano in due soltanto?
Pagine

PROSSIMO GP

Autódromo Internacional do Algarve F1 2020
ORARI
Venerdì 23 Ottobre
Prove 112:00 - 13:30
Prove 216:00 - 17:30
Sabato 24 Ottobre
Prove 312:00 - 13:00
Qualifiche15:00 - 16:00
Domenica 25 Ottobre
Gara14:00

NEWS FORMULA 1