NEWS

A 234 km/h in Lamborghini: rischia la confisca definitiva dell’auto

Pubblicato 14 ottobre 2021

In Danimarca la Lamborghini da 200.000 euro del trasgressore rischia di finire all’asta per il reato di eccesso di velocità.

A 234 km/h in Lamborghini: rischia la confisca definitiva dell’auto

MEGLIO RISPETTARE I LIMITI - Premere troppo il pedale dell’acceleratore può essere pericoloso per se stessi e per gli altri automobilisti, ma può allo stesso tempo costare caro. Mettere mano al portafoglio e sostenere una spesa imprevista non è infatti mai piacevole, ma a volte questo può avere conseguenze ben peggiori. Ne sa qualcosa un uomo di origini irachene che ha commesso l’irregolarità mentre si trovava a Copenaghen, in Danimarca, diretto a raggiungere la Norvegia, dove vive. In queste zone, infatti, l’eccesso di velocità è punito duramente dal Codice della Strada e questo potrebbe portarlo addirittura a perdere la sua vettura. 

L’ECCESSO DI VELOCITÀ PUÒ COSTARE CARO - L’uomo aveva da poco acquistato in Germania una Lamborghini Huracan Spyder e aveva tutta l’intenzione di verificarne le prestazioni per capire fino a che velocità potesse arrivare. Non aveva però fatto i conti con l’autovelox che avrebbe incontrato lungo il percorso e che si è rivelato determinante per segnalare il suo comportamento irregolare.  L’automobilista, infatti, è arrivato a toccare i 234 km/h, ma in una zona in cui il limite era fissato a 130 km/h. 

APPENA COMPRATA, GIÀ CONFISCATA - Un comportamento di questo tipo, però, non è punito esclusivamente con la multa. Qui, infatti, la polizia può decidere di confiscare il veicolo e di metterlo all’asta (in caso di guida pericolosa o spericolata). Se questo scenario dovesse verificarsi sarebbe certamente una beffa non da poco per l’iracheno, che ha speso ben 200.000 euro per acquistare la supercar.  Ora quindi sarà chiamato a rispondere della sua azione davanti al giudice, ma appare difficile che possa cavarsela in maniera lieve. 

Lamborghini Huracán Spyder
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
82
22
9
4
5
VOTO MEDIO
4,4
4.409835
122




Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
14 ottobre 2021 - 20:44
A sua discolpa, asserisce che portava l'auto a soli 2500 giri, non se n'era mica accorto...
Ritratto di Turbostar48
14 ottobre 2021 - 20:53
Cavoli suoi!!!
Ritratto di Scatnpuz
14 ottobre 2021 - 23:29
Esproprio da stato dittatoriale. Mettetegli una multa salatissima, ma espropriare un oggetto di proprietà privata é solo di un regime….che schifo.
Ritratto di KT1007
14 ottobre 2021 - 23:47
E secondo lei devono attendere che provochi un incidente mortale per sequestrare l'auto? Un cretin* che va oltre 100 km/h in più del consentito dovrebbe avere ritirata a vita la patente, non solo l'auto. Se vuole correre così vada in pista, non sulle strade pubbliche.
Ritratto di Ivan92
15 ottobre 2021 - 06:21
8
Su quale base sostieni che ha rischiato di causare un incidente mortale? Non ha mantenuto le distanze di sicurezza? Il meteo era sfavorevole? L'intensita del traffico era elevata? Perché se ti basi soltanto sulla velocità a disfare la tua tesi c'è uno Stato poco più a Sud della Danimarca dove ogni giorno migliaia di automobilisti viaggiano a 234 km/h è oltre (strade pubbliche, mica circuito) e statisticamente gli incidenti mortali sono nettamente inferiori a quelli dell'Italia.
Ritratto di Andre_a
15 ottobre 2021 - 08:12
9
Se uno Stato stabilisce un limite di velocità, superarlo di 100 km/h è tentato omicidio, che gli sequestrino la macchina è il minimo. Questo indipendentemente dal fatto che il limite sia giusto o meno, se non ti piace, ti batti affinché venga modificato, ma nel frattempo vai a 130 e non rompi le scatole. Oppure vai in pista, o in Germania (finché si può)
Ritratto di Ivan92
15 ottobre 2021 - 12:25
8
Nel tuo Paese la sanzione minima per la stessa infrazione è di 847 euro. Se pensi che sia più giusto "rubare" un auto da quasi 300'000 euro per la stessa infrazione che in Italia costa 847 euro allora dovresti prendere seriamente in considerazione l'idea di andartene a vivere da un altra parte.
Ritratto di Andre_a
15 ottobre 2021 - 14:42
9
@Ivan92: in Italia, almeno in teoria, si dovrebbe uscire dal codice della strada e entrare nel penale in questi casi. Comunque poco importa: la democratica Danimarca ha stabilito che oltre un certo limite, sulle loro strade, scatta il sequestro del mezzo. Allora se vai oltre un certo limite e ti sequestrano la macchina, non importa chi sei, cosa guidi, e qual era il contesto, nei paesi civili, la legge è legge. Comunque è da agosto che ho accolto il tuo suggerimento, vivo in Giappone: qui i limiti su strada pubblica sono estremamente bassi, ma le piste sono diffuse ed estremamente economiche. Per ora mi trovo molto bene.
Ritratto di Ivan92
15 ottobre 2021 - 15:14
8
"La legge è legge". Pensa che fino a qualche anno fa in Arabia Saudita bastava nascere donna e per legge già non potevi più guidare. La democratica Germania e le sue leggi sono però sempre qua a ricordarci che il loro modello di regole stradali funziona alla grande (e le statistiche dei sinistri mortali, rispetto alla maggior parte degli altri, Italia in primis, lo riconfermando ogni anno).
Ritratto di Andre_a
15 ottobre 2021 - 16:25
9
Davvero vogliamo mettere la Danimarca sullo stesso piano dell'Arabia Saudita? Mi sembra una follia anche il solo pensiero, ma proviamoci: io non ritengo l'Arabia Saudita uno stato democratico, quindi per evitare problemi me ne sto alla larga. In Danimarca, invece, ci vado molto volentieri, ma mi adeguo alle loro leggi e, per quanto possibile, ai loro costumi. E comunque, visto che stiamo parlando di una cosa avvenuta in Danimarca, ricordiamo che seppur la mortalità sulle strade tedesche è invidiabilmente bassa, quella sulle strade danesi lo è ancora di più.
Pagine