L'Alfa Romeo Giulietta si rinnova

2 settembre 2013

Un nuovo motore diesel, piccoli affinamenti estetici e, soprattutto, una nuova plancia per il restyling dell’Alfa Romeo Giulietta.

L'Alfa Romeo Giulietta si rinnova
PICCOLI RITOCCHI - L’Alfa Romeo Giulietta, in vendita dal 2010 e scelta da 212.000 clienti in tutto il mondo, si rifà il trucco per restare sulla cresta dell’onda: pochi tocchi a un design ancora attuale, un nuovo motore e nuovi interni sono le “armi” scelte dai vertici  per permettere alla Giulietta di continuare a recitare un ruolo da protagonista. Le principali modifiche estetiche sono riservate al frontale dove, solo un occhio particolarmente attento noterà il diverso disegno del tipico scudetto Alfa Romeo e la nuove cornice cromata dei fendinebbia accompagnate da tre nuovi modelli di cerchi in lega (da 16, 17 e 18 pollici) e tre nuove tinte per la carrozzeria (Perla Moonlight, Blu Anodizzato e Bronzo).
 
 
UN VOLANTE ICONICO - I designer Alfa Romeo sono intervenuti più pesantemente sugli interni della Giulietta. Spiccano la nuova plancia, il nuovo volante a tre razze con inserto in alluminio che richiama fortemente la calandra, il pannello e la maniglia porta ridisegnati e l’inedito inserto su tunnel centrale e plancia. Nuovi anche i rivestimenti e le finiture con la versione Quadrifoglio Verde che adotta sedili sportivi rivestiti in pelle e alcantara di colore nero con cuciture a contrasto e logo sullo schienale. A richiesta, su tutta la gamma dell'Alfa Romeo Giulietta, sarà disponibile il nuovo sistema multimediale UConnect con touchscreen da 5 o 6,5 pollici che include il navigatore satellitare, i comandi vocali, il sistema Bluetooth e la funzionalità Audio Streaming (riproduce file musicali e web radio direttamente dal proprio smartphone). 
 
CUORE NUOVO - Da segnalare l’introduzione per la rinnovata Alfa Romeo Giulietta del motore 2.0 JTDM da 150 CV e 380 Nm di coppia massima a 1.750 giri dotato di sistema di iniezione Common Rail di terza generazione. Semplificato grazie all’adozione di iniettori che impiegano il 40% in meno di componenti, il sistema è capace di gestire fino a 8 iniezioni per ciclo migliorando il processo di combustione. Secondo l’Alfa Romeo sono state inoltre incrementate le capacità di filtraggio delle sospensioni a tutto vantaggio del comfort di marcia mentre alcuni interventi tecnici hanno reso la Giulietta più silenziosa. 
 
 
SPORTIVA A RICHIESTA - La gamma 2014 dell' Alfa Romeo Giulietta si compone di cinque allestimenti, Impression, Progression, Distinctive, Exclusive e Quadrifoglio Verde, con il dispositivo DNA, il differenziale elettronico Q2, il climatizzatore manuale e l’indicatore della pressione degli pneumatici di serie su tutte le versioni. A richiesta diversi pacchetti di optional tra i quali spicca il Pack QV Sportiva ispirato al Quadrifoglio Verde che include: assetto ribassato, cerchi in lega da 18 pollici, minigonne laterali, impianto frenante maggiorato Brembo con pinze rosse, proiettori e cristalli posteriori oscurati, pedaliera in alluminio, volante in pelle con cuciture bianche (o rosse con i sedili in pelle), batticalcagno in alluminio con logo Quadrifoglio Verde e inserto in alluminio spazzolato brunito sulla plancia.
Alfa Romeo Giulietta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
478
234
135
60
117
VOTO MEDIO
3,9
3.875
1024
Aggiungi un commento
Ritratto di Gianfranco84
2 settembre 2013 - 14:14
L'Alfa Romeo Giulietta è un'ottima auto,sportiva,elegante,spaziosa e con motori molto performanti,il marchio Alfa Romeo è molto ricco di storia e fascino.Questo aggiornamento alla Giulietta ha rinfrescato l'immagine di questa riuscitissima auto,interni più curati e dal bellissimo design (soprattutto il nuovo volante e navigatore touch screen),il motore diesel è stato ulteriormente potenziato e la coppia di ben 380 Nm è equivalente alla coppia di molti 3.0 turbo diesel di qualche anno fa,ottimo Alfa Romeo.
Ritratto di Alfista96
2 settembre 2013 - 14:45
Vista l'introduzione di questo nuovo motore (che con tutta probabilità sostituirà il 140CV) sarebbe stato interessante introdurre anche il 1.6 JTD della MiTo per non avere un salto troppo alto tra il 105 e questo nuovo motore da 150CV.
Ritratto di osmica
2 settembre 2013 - 18:32
Lo dico da tempo (anni), che l'Alfa dovrebbe montare quel motore. Andrebbe a colmare il buco tra il 105cv e il 2.0jtd. Non che ci sia un buco notevole, ma il motore è disponibile, è un ottimo motore e la concorrenza non ha un motore simile da offrire.
Ritratto di Yellowt
2 settembre 2013 - 18:46
Sarebbe dovuta uscire con il 120 dal primo giorno solo che poi nessuno si sarebbe filato il 2000. Su macchine di queste dimensioni il 2000 è ormai un'idea vecchia. La gente vuole motori piccoli, affidabili e potenti ( e che consumino poco ) Persino la classe A mercedes monta il 1.5 da 110 cv della renault.
Ritratto di coski
2 settembre 2013 - 14:30
Non ci siamo... L'Alfa Romeo deve imparare a fare le auto... La 4C è carina... ma siamo ancora lontani dalla qualità tedesca di audi e BMW. Alfa Romeo dei imparare dai tedeschi come si fa un auto
Ritratto di Ghibly
2 settembre 2013 - 14:50
Concordo!!!!
Ritratto di batman999
2 settembre 2013 - 14:55
Ma stai zitto che è meglio le italiane non devono imparare un tubo dalle tedesche per primo i motori ti ricordo che la golf fino alla quinta serie era iniettore pompa con un 1.9 tdi 8v che derivava dagli anni 90 e fiat aveva già il multijet per non parlare del jtd presente dal 96. Ti ricordo le bmw serie 1 con interni pieni di cigolii e scricchiolii informati e mi dirai
Ritratto di osmica
2 settembre 2013 - 18:34
Io vedo una Mito che praticamente è già morta e una Giulietta che tintenna pure in Italia. Se si parla di cigolii si potrebbe parlare anche delle Alfa che perdevano i pezzi per strada (luci della 145).
Ritratto di Greenstone
4 settembre 2013 - 03:57
potrebbe anche parlare dei vari tsi tdi che rompono le testate già dopo i 100.000 km e il dsg che da noie continue no?!
Ritratto di osmica
4 settembre 2013 - 09:10
Infatti dopo 100.000km con il 1.2Tsi nessun problema e con il 1.4tsi in quasi un anno non ho avuto problemi.
Pagine