Audi A5: ritocchi per restare giovane

Pubblicato 06 settembre 2019

L’Audi rinnova la famiglia A5, grazie a leggeri interventi estetici, alla tecnologia mild-hybrid e al nuovo sistema multimediale.

Audi A5: ritocchi per restare giovane

INTERVENTI IN FAMIGLIA - La casa dei quattro anelli continua il processo di rinnovamento della sua gamma. Questa volta il modello oggetto di restyling è la famiglia Audi A5: le varianti Sportback, Coupé e Cabriolet, a tre anni di distanza dalla presentazione della seconda serie, beneficeranno di un nuovo look, della tecnologia mild-hybrid e del nuovo sistema multimediale basato sulla piattaforma MIB 3.

MOTORI MILD HYBRID - La nuova Audi A5, che arriverà nell’autunno del 2019, può contare su motori quattro e sei cilindri tutti mild-hybrid. Alla base della gamma c’è il 4 cilindri turbodiesel di 2 litri mild hybrid, disponibile nelle due versioni, la 35 con 163 CV e la 40 con 190 CV. Per tutte il cambio doppia frizione S tronic a 7 rapporti e a richiesta la trazione integrale per la più potente. Ai due diesel di ingresso si affianca il V6 3.0 TDI con 231 cavalli, abbinato alla trazione integrale Quattro e al cambio Tiptronic. I diesel 4 cilindri sono dotati della tecnologia mild hybrid (MHEV) a 12 volt, che prevede la presenza di un piccolo motore elettrico collegato al 2.0 TDI tramite una cinghia: ottimizza la funzione di Stop&Start quando l’auto si ferma al semaforo o in coda, grazie a riavvi più veloci e con meno vibrazioni, e permette lo spegnimento e la riaccensione del motore in fase di “veleggiamento” (quando si procede per inerzia senza il motore “in tiro”). Nelle fasi di decelerazione il motorino elettrico agisce da generatore per ricaricare la batteria a 12 volt. 


 
LE S SONO DIESEL - Per le versioni sportive, rappresentate dall’Audi S5 Sporback e dall’S5 Coupé, c’è il V6 TDI da 3 litri con sistema mild-hybrid a 48 Volt che eroga 347 CV e 700 Nm di coppia e le fa scattare da 0 a 100 km/h in meno di 5 secondi, con una velocità massima limitata a 250 km/h. Le S TDI dispongono della tecnologia MHEV a 48 Volt, che prevede una batteria più grande che alimenta un motore-generatore più potente che aiuta il motore termico in diverse situazioni per migliorarne il rendimento (i consumi vengono ridotti fino a 0,4 litri ogni 100 km). Il sistema inoltre aziona un turbo elettrico, che si aggiunge al turbo tradizionale per limitarne il ritardo di risposta all’acceleratore. Il V6 delle sportive S è abbinato al cambio automatico a otto rapporti con convertitore di coppia e alla trazione integrale permanente Quattro con differenziale autobloccante (a richiesta il differenziale sportivo che distribuisce attivamente la coppia tra le ruote posteriori). È presente in gamma anche il benzina TFSI 190 cavalli. 

SCELTA DI SOSPENSIONI - Il telaio dell’Audi A5 è in grado di garantire ottime doti dinamiche. Si possono scegliere tre varianti d’assetto: standard, sportivo o con ammortizzatori regolabili. Di serie il sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select, che prevede cinque programmi di guida che incidono su taratura dello sterzo, trasmissione ed erogazioni.

ADDIO ALLA ROTELLA - La maggiore novità per gli interni è la presenza del nuovo sistema multimediale, controllabile dallo schermo da 10,1 pollici, basato sulla potente piattaforma MIB 3. Da segnalare la scomparsa della rotella che lascia il posto al touch screen e ai comandi vocali. Non mancano i servizi digitali offerti dall’applicazione myAudi, attraverso la quale è possibile aprire e chiudere la vettura da remoto e avviarla.

RITOCCHI ESTETICI - Il rinnovamento estetico della famiglia Audi A5 segue quanto già visto in occasione del restyling dell’A4. Al frontale troviamo quindi la nuova mascherina single frame con motivo a nido d’ape, un nuovo paraurti e delle prese d’aria più ampie. Nuovi anche i fari anteriori a led (a richiesta sono disponibili i Matrix led adattivi o i fari Matrix laser led). Novità anche per il posteriore, dove spicca la nuova cromatura che collega i fanali e l’impianto di scarico che si avvale di terminali con mascherine trapezoidali integrati all’estrattore. L’acquirente potrà arricchire l’estetica della propria A5 attraverso l’adozione dei pacchetti S line e Design selection, oltre ad avere la possibilità di scegliere tra 11 tinte per la carrozzeria, tra cui la nuova District Green.

LA CABRIO RESTA IN TELA - Alle A5 Sportback e Coupé con motori a partire da 190 cavalli è dedicato il pacchetto Edition One, che include l’assetto sporitvo, il pacchetto S line e gli inserti in nero lucido. L’Audi A5 Cabriolet, come da tradizione, ha la capote in tessuto, che si apre automaticamente in 15 secondi sino a una velocità di 50 km/h. La scocca è stata rinforzata per migliorare la sua rigidità. 

VIDEO
Audi A5 Sportback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
115
67
54
34
47
VOTO MEDIO
3,5
3.533125
317




Aggiungi un commento
Ritratto di Michiflanoalila
6 settembre 2019 - 20:02
E anche qui abbiamo perso il metano
Ritratto di Fabio29p
6 settembre 2019 - 20:07
Mi chiedo chi prenda un'auto del genere pensando al metano.. con tutto rispetto.
Ritratto di Alfiere
6 settembre 2019 - 20:23
1
Concordo con Fabio qua il metano non ha senso. Spero che rimanga sulla A4 dove ha sicuramente uno scopo.
Ritratto di 82BOB
7 settembre 2019 - 00:06
In realtà se ne vedono a metano dalle mieparti ed è più che logico prenderle a metano se se fanno parecchi km! Che grande errore VAG togliere il metano! Togliete il puzzolio piuttosto!
Ritratto di tramsi
7 settembre 2019 - 13:56
Perché dovrebbero togliere il motore a gasolio, a maggior ragione quando ottimizzato nei consumi, affiancato dall'elettrico e infinitamente meno inquinante rispetto a quelli precedente, per non parlare della coppia, che è quella con cui si guida nel 99,9999% del tempo.
Ritratto di Woldemort
8 settembre 2019 - 14:40
Parché oggi il gasolio é il nemico numero uno dei politicamente corretti,poi magari non sanno neanche perché ma dargli contro fa fico come guardare i film del regista pachistano coi sottotitoli in aramaico antico....
Ritratto di 82BOB
8 settembre 2019 - 17:01
Ritengo il puzzolio ina tecnologia da tempo superata e, se non affiancata ad un motore elettrico serio, inutile per una vettura! Ci sono altri carburanti ben più puliti ed efficienti...
Ritratto di tramsi
8 settembre 2019 - 17:18
Peccato che i motoristi ritengano diversamente. Quale propulsore è più efficiente di uno a gasolio? Chissà perché nell'industria navale e nell'autotrasporto i propulsori siano preferiti proprio i motori a gasolio. Affiancarli all'elettrico? Certamente, ma vale anche per quelli alimentato con altri carburanti. Il metano? Più economico soltanto perché meno tassato. Hai mai guidato un buon diesel? Io sì: coppia da V8 e consumi da utilitaria a benzina.
Ritratto di 82BOB
9 settembre 2019 - 09:52
Ho guidato diesel, benzina e metano di varie cilindrate e potenze. Francamente mi manca il gpl... Il gasolio è il carburante più inquinante, obbliga i progettisti a sforzi importanti per renderlo adeguato, ha da tempo perso i vantaggi economici e di consumo di un tempo e ora, con l'avvento degli ibridi, proporlo senza elettrico è inutile per la maggioranza delle vetture (il discorso è diverso per i mezzi da lavoro, come scrivo sempre)! Tu hai mai guidato auto a metano? E soprattutto, hai mai guidato quelle del gruppo VAG? Il metano ha moltissimi vantaggi, l'essere economico è solo uno di questi, e a meno che non sei residente in Sardegna (ma ancora per pochissimo) penso che una volta provata una A3, una Golf o una Leon a metano non tornerai MAI ad altri carburanti! Fidati... Con il turbo anche in quanto a coppia sarai soddisfatto!
Ritratto di tramsi
9 settembre 2019 - 11:17
Io, oltre a guidarle, le ho possedute, inclusa una 330 cd, con l'L 6 3.000 a gasolio: guidata col piede pesante, consumava una media 7,3 l/100 km, ovvero meno di una utilitaria col piede pesante, a fronte di prestazioni, spinta e divertimento imparagonabili. Dal 2014 ho una L4 2000 a gasolio con 170 cv e 360 nm già a 1500 giri/m, infatti mi basta semplicemente premere un po' di più sull'acceleratore e la macchina schizza via, a prescindere dalla marcia e dalla pendenza: guida in relax con un filo di gas o, pigiando leggermente di più, brillante, e i sorpassi sono istantanei e in tutta sicurezza. Si tratta dello stesso identico motore che, con una un'elettronica gestinionale differente, eroga 190 cv e 400 nm sulle BMW. Quale motore a metano mi garantisce quello che io cerco? Senza contare che il distributore di metano più vicino a me dista 20 km! Il motore a gasolio è perfetto per alcune automobili proprio perché coniuga coppia, potenza ed efficienza. Oggi può anche essere coadiuvato dall'elettrico. Non è, infatti, soltanto una questione legata all'economia, quanto un mix tra efficienza (a proposito, l'aver menzionato gli autotrasporti e trasporto navale non era infatti… un caso), erogazione, potenza e, soprattutto, coppia, tipica dei motori a gasolio, per ragioni termodinamiche. Ho guidato anche turbo a benzina: a parità di potenza (ma non di coppia!!!), il consumo è maggiore e la risposta all'acceleratore diversa, a parità di coppia il consumo diventa da supercar! Ma poi, sarò libero di scegliere l'automobile che più risponde alle mie esigenze? Se è omologata, in commercio e mi piace perché conosco quel genere di erogazione, la prendo, strafregandomene di chi scrive "puzzolio", oltretutto senza sapere di cosa sta scrivendo. Cordialità.
Pagine