NEWS

Le batterie delle elettriche saranno più piccole?

Pubblicato 24 febbraio 2021

Secondo il ceo dell’Audi si andrà verso una riduzione della capacità delle batterie con l’aumento dei punti di ricarica nel prossimo futuro.

Le batterie delle elettriche saranno più piccole?

UNA BUONA ANNATA - Nonostante la crisi economica conseguenza della pandemia il 2020 è stato positivo per le vendite di auto elettriche dell’Audi. A dirlo a CNET è stato il ceo dell’Audi, Markus Duesmann (nella foto sopra), che confermato consegne “in aumento dell’80% rispetto al 2019 e quest’anno ci aspettiamo di fare ancor meglio”. La punta di diamante sarà l’Audi E-Tron GT, una berlina sportiva rivale di Porsche Taycan e Tesla Model S.

LA DIMENSIONE GIUSTA - L’Audi E-Tron GT, che condivide con la Taycan la piattaforma J1, ma ha diverse componenti che la distinguono, come sospensioni, sterzo, interni, esterni e comportamento dinamico, ha una batteria da 93 kWh e dovrebbe consentire una percorrenza di oltre 470 km (misurati secondo le regole WLTP) con una carica. Il ceo dell’Audi ha riconosciuto l’importanza che oggi i clienti danno a un’autonomia elevata e prevede che lo sviluppo e l’adozione di pianali dedicati consentirà di aumentare le dimensioni delle batterie. Eppure, secondo Duesmann, le auto elettriche del futuro avranno batterie con meno kWh, non di più. Il ragionamento di Duesmann è condivisibile: “inserire batterie enormi permette autonomie elevate, ma credo che questa tendenza si attenuerà perché l'infrastruttura di ricarica sarà più diffusa e i clienti si abitueranno all’utilizzo delle auto elettriche”.

QUESTIONE DI ABITUDINI - Si tratta di cambiare abitudini, secondo Markus Duesmann: "oggi vai alla stazione di servizio e fai rifornimento in un modo molto semplice. Il rifornimento con le auto elettriche però non è così naturale e occorre modificare i comportamenti. Una volta fatta l’abitudine penso che le dimensioni della batteria diminuiranno di nuovo, perché rendono le auto inutilmente pesanti e costose. E anche inutilmente grandi". Le considerazioni di Duesmann sono logiche e basta pensare alle percorrenze medie giornaliere - italiane e non solo - per capire che disporre di 300 e più km di autonomia può non essere necessario per tanti automobilisti. Nuove batterie a ricarica rapida e colonnine diffuse un po’ ovunque (qui per saperne di più) potranno rendere inutili, nella maggior parte dei casi, battery pack da 100 e più kWh. In questo modo diminuirebbe anche la produzione di CO2 durante la costruzione dell’auto, mitigando le polemiche legate elle emissioni delle auto elettriche nel ciclo vita (qui per saperne di più).

Audi e-tron GT
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
67
28
15
6
19
VOTO MEDIO
3,9
3.874075
135




Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
24 febbraio 2021 - 19:08
Discorso che avrebbe senso se accompagnato da una maggiorazione dell'efficienza dell'auto. E, in Audi, hanno già dimostrato di essere un po' carenti da questo punto di vista con le varie salse della Etron, con pacchi batterie importanti ed autonomie esigue. Ma, soprattutto, sono poi curioso di vedere se, giunti nell'epoca delle batterie più piccole, abbasseranno i prezzi oppure li manterranno intoccati (se non rialzati) con qualche escamotage.
Ritratto di Santhiago
24 febbraio 2021 - 20:05
Pienamente d'accordo
Ritratto di Cancello92
25 febbraio 2021 - 16:48
Condivido in pieno
Ritratto di Redder
24 febbraio 2021 - 19:13
Al di là dell'assurdo di possedere un auto inutilizzabile in caso di emergenza (propria o di un famigliare) se è scarica, quando può essere questione di vita o di morte, un'autonomia ridotta e calibrata esclusivamente sulle esigenze lavorative mi sa di visione nazistella della vita: esci solo per produrre e poi torni a casa e là resti, perché la macchina è da ricaricare per il giorno dopo. Come se non ci debba più essere una vita da vivere a pieno, usufruendo del proprio tempo libero come meglio si crede. Non so se il covid serva a costringere ad abituarsi ad tale visione nazi-demenziale della vita e dell'essere umano. Comincio ad avere qualche sospetto.
Ritratto di Jimgoose
25 febbraio 2021 - 06:41
sospetto anch'io,da tempo."abituare"il cliente alle imperfezioni e mancanze delle loro auto,bello fare gli imprenditori così son capaci anche i buzzurri
Ritratto di Vittorio Popoli
25 febbraio 2021 - 09:10
Credo che il senso sia: Batterie leggere ed economiche che bastano ampiamente in città, tanto per i viaggi lunghi ci saranno molti punti di ricarica"
Ritratto di Check_mate
25 febbraio 2021 - 09:13
...ed anche molta pazienza.
Ritratto di Vittorio Popoli
25 febbraio 2021 - 10:32
La lentezza della ricarica potrebbe diventare un ricordo con le nuove batterie 'veloci' e le colonnine rapide
Ritratto di Mbutu
25 febbraio 2021 - 09:38
Vittorio, il senso del discorso (condivisibile o meno) è assolutamente quello. Ma dubito che la linearità di quel pensiero possa essere compresa da qualcuno che crede che il covid si fatto per abituarci a qualcosa.
Ritratto di Vittorio Popoli
25 febbraio 2021 - 10:34
Il mondo va vanti e l'evidenza delle cose (forse) potrebbe vincere. In ogni caso chi usa un'elettrica 9 volte su 10, secondo più di uno studio, non tornerebbe ai motori a combustione
Pagine