Audi RS 6 Avant: la regina delle superwagon

Pubblicato 21 agosto 2019

Debutta la quarta generazione della RS 6 Avant, “missile” da autobahn con un V8 da 600 CV.

Audi RS 6 Avant: la regina delle superwagon

A DUE FACCE - Poche auto sanno coniugare prestazioni da supercar e usabilità come la wagon l’Audi RS 6 Avant. Questa ricetta, ormai tipica per la casa tedesca (la prima RS 6 Avant è del 2002), è stata ulteriormente perfezionata per la quarta generazione, presentata oggi ma in vendita in Italia dal primo trimestre 2020, che alza ulteriormente l’asticella sul fronte delle prestazioni: per lo ‘0-100’ bastano infatti 3,6 secondi, un dato in linea con le supercar che fa il “paio” con lo ‘0-200’ in 12 secondi. La velocità massima è autolimitata a 250 km/h, ma si possono ordinare i pacchetti Dynamic e Dynamic plus che la portano a 280 km/h o 305 km/h. Dati paragonabili alle rivali BMW M5 (solo berlina) e Mercedes-AMG 63 wagon.

RABBIOSO O PACIOSO - Il “cuore” dell’Audi RS 6 Avant 2020 è il motore V8 TFSI di 4.0 litri che eroga 600 CV e 800 Nm di coppia. L’otto cilindri sa essere una furia quando si schiaccia a fondo l’acceleratore, ma è in grado anche di “fare il bravo”, perché disattiva quatto cilindri quando si va piano e integra un sistema ibrido leggero a 48 Volt, che comprende una batteria agli ioni di litio e un motore-alternatore a cinghia (RSG) collegato direttamente al motore termico. Nelle fasi di frenata, l’RSG consente di recuperare fino a 8 kW di potenza, energia che viene immagazzinata nella batteria agli ioni di litio e successivamente veicolata nella rete di bordo. Questo sistema, che consente all’auto di “veleggiare” (cioè procedere in folle in fase di rilascio dell’acceleratore), permette di ridurre i consumi fino a 0,8 litri ogni 100 km.

L’ELETTRONICA DA (PIÙ) DI UNA MANO - Il motore V8 TFSI è abbinato al cambio automatico Tiptronic a 8 marce, del tipo a convertitore di coppia, e alla trazione integrale permanente, che su fondi asciutti invia il 40% della coppia alle ruote anteriori e il 60% a quelle dietro. In caso di slittamenti, il differenziale centrale e il sistema elettronico di gestione fanno arrivare più potenza all’asse delle ruote con la migliore aderenza: quelle anteriori possono riceverne fino al 70%, quelle posteriori all’85%. Incluso nei pacchetti Dynamic e Dynamic plus c’è il differenziale sportivo, che in più ripartisce la potenza fra le ruote dello stesso asse, migliorando così l’Audi RS 6 Avant nelle curve strette e sui fondi sdrucciolevoli.

ASSETTO REGOLABILE - Per migliorare le doti di guida, l’edizione 2020 dell’Audi RS 6 Avant è dotata di serie delle sospensioni regolabili con molle ad aria: l’altezza da terra, in posizione standard, è ribassata di 2 cm rispetto alle A6 Avant, ma oltre i 120 km/h la RS6 si avvicina al suolo di un altro centimetro. Davanti a un dissuasore di velocità, invece, l’altezza da terra può crescere di 2 cm rispetto alla posizione standard. È a richiesta l’assetto sportivo RS plus con Dynamic Ride Control, nel quale le sospensioni hanno molle in acciaio ma ammortizzatori a controllo elettronico collegati tra loro da un circuito idraulico incrociato (anteriore sinistro con posteriore destro, per esempio) caratterizzato da una valvola centrale per ciascuna linea. In curva e nei trasferimenti di carico viene generato un flusso d’olio che provoca un ulteriore smorzamento destinato a influenzare le fasi di compressione ed estensione dell’ammortizzatore. Una soluzione che nasce per favorire sia la stabilità sia l’agilità dell’auto. Tale compensazione integrata del rollio e del beccheggio, un sistema integralmente idraulico in grado di operare con eccezionale rapidità senza fare ricorso all’elettronica, consente di contrastare tanto il coricamento laterale quanto le alterazioni longitudinali nell’assetto della vettura. Grazie al sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select, il guidatore può agire sul setting degli ammortizzatori, personalizzando il comportamento dell’Audi RS 6 Avant. Di serie c’è lo sterzo ad assistenza variabile, più demoltiplicato a basse velocità e più diretto quando si va forte, mentre si pagano a parte le ruote posteriori sterzanti.

SA ESSERE PRATICA - L’Audi RS 6 Avant è pensata con auto utilizzabile tutti i giorni, non soltanto perché ha un generoso bagagliaio da 565 litri con il divano in posizione d’uso. Il guidatore infatti può selezionare le modalità di guida Comfort, Auto ed Efficiency per guidare in souplesse, ma è scegliendo le Dynamic, RS1 e RS2 che può sfruttare tutto il potenziale dell’auto: l’elettronica infatti gestisce in chiave sportiva il cambio, lo sterzo, l’assetto, il differenziale sportivo, lo scarico e anche il “clima” per trasformare la RS 6 Avant in una vera supercar. La modalità RS2, in più, fa disattivare il controllo di stabilità.

NON PASSA INOSSERVATA - L’Audi RS 6 Avant non rischia di essere scambiata per una normale A6,  perché ha ruote di 21” (optional di 22”), la larghezza maggiorata di 8 cm su entrambi gli assi delle ruote e una lunga serie di personalizzazioni per la carrozzeria, a partire dall’inedito rigonfiamento nel cofano anteriore. Non mancano i due scarichi ovali, tipici delle Audi RS, l’ampliata mascherina anteriore e le rifiniture nere per la carrozzeria. Sono a richiesta i fari con luci laser ed i freni in materiale composito, più leggeri di ben 34 chilogrammi rispetto a quelli in acciaio.

Audi A6 Avant
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
67
34
20
22
32
VOTO MEDIO
3,5
3.46857
175




Aggiungi un commento
Ritratto di str
21 agosto 2019 - 10:30
Un'altra auto con il Risparmio energetico (alla faccia di chi sogna l'elettrico alimentato dal carbone). Alla Fiat non lasciano utilizzare il metano della 500L. Meraviglioso. Fra poco metteranno erba sul tetto e diventerà tutto green.
Ritratto di mazda121
21 agosto 2019 - 11:22
se in fifiat nn sanno fare le auto a metano è un problema loro
Ritratto di str
21 agosto 2019 - 12:25
La Fiat è l'unica ditta che sa fare motori con vari combustibili, tra cui il biogas. Semplicemente l'Unione Europa ha detto che il metano inquina più del gasolio e fino all'altro ieri ci hanno detto che il riscaldamento a metano inquina meno del gasolio. Nella scienza e nella tecnica non dovrebbero comparire i politici che canbiano le regole.
Ritratto di federico p
21 agosto 2019 - 15:46
2
Bisogna capire poi quale è il vero nemico dell'ambiente se la CO2 emessa in gran parte dagli allevamenti bovini o gli inquinanti del gasolio
Ritratto di mazda121
21 agosto 2019 - 22:49
vag fa auto a metano senza problemi
Ritratto di Leonal1980
22 agosto 2019 - 08:53
4
fiat non ha aggiornato i motori a metano da almeno 10 anni che hanno 161 e oltre g/km, al contrario di VAG che esce con 98-118 a pari potenza facendosi motori modificati con impianto in casa. il motivo per cui fiat ha emissioni così alte è perchè fa montare da landi un impianto vecchio su un motore vecchio. Al momento l'unica a saper fare il motore a Metano è Vag e non Fiat, per questo non glielo fanno vendere. informatevi.
Ritratto di str
22 agosto 2019 - 15:13
Fino a quando l'elettricità proveniente dal carbone è green,. tutto è possibile. In ogn i caso, con qualsiasi emission,e ti hanno detto meglio che il riscaldamento a metanoè meno inquinante di quello a gasolio. Ora la chimica è cambiata? Le auto non consumano più combustibile e quindi niente inquinamento? La chimica mi dice che il consumo chilometrico è l'indicatore principale, chi fa auto grandi consuma di più e inquina di più.
Ritratto di Leonal1980
23 agosto 2019 - 09:37
4
-"La Fiat è l'unica ditta che sa fare motori con vari combustibili"- QUESTO HAI DETTO. ora cosa centra quello che scrivi. prima di tutto non è l'unica, vedi VW il miglior metano sul mercato in efficenza, co2, rendimento e al momento anche in affidabilità lo è diventata (iniettori che durano 200mila km contro 50 di fiat); sta di fatto che fiat non ha saputo adeguarsi ai 98-118 g/km di Co2 con il motore a Metano. Sono motori vecchi, portati ad un ammortamento finanziario assurdo, come la sicurezza delle loro utilitarie che variano da zero ad 1 stella euroncap.
Ritratto di str
23 agosto 2019 - 09:43
La chimica non entra nelle opinioni. Il metano è sempre meglio del diesel. Un aPanda a metano, anche euro3 non inquinanerà mai come una AudiRs6. Il perchè? Consuma più carburante quindi spreca di più, per il primo principio delle termodinamica dove finisce il carburante? anche con i filtri i residui non spariscono e se vuoi inquinare meno, motori più piccoli e vai in bicicletta, altro che SUV miracolosi.
Ritratto di Leonal1980
24 agosto 2019 - 09:52
4
Questo è logico... ma resta il fatto che fiat non sa fare i motori a metano come VW
Pagine