NEWS

Auto elettriche: i benefici per le città

Pubblicato 26 marzo 2021

Secondo uno studio congiunto del CNR e dell’associazione Motus-E, la conversione del parco auto attuale con vetture elettriche, garantirebbe nelle principali città italiane meno morti e una diminuzione significativa dei relativi costi sociali.

Auto elettriche: i benefici per le città

La graduale sostituzione del parco auto circolante a combustione con vetture elettriche consentirà diversi vantaggi, si in termini ci inquinamento che di salute. Proprio sui benefici che avranno le città da un’aria più pulita garantita dalle EV si è concentrato lo studio “Più mobilità elettrica: scenari futuri e qualità dell’aria nelle città italiane” realizzato congiuntamente dall’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Cnr e da Motus-E (qui per saperne di più), l’associazione italiana per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia.

Lo studio presenta l’effetto delle emissioni in atmosfera e della ricaduta al suolo degli inquinati primari e secondari su cinque diverse città italiane: Torino, Milano, Bologna, Roma e Palermo, che vengono analizzate in due scenari temporali, 2025 e 2030. La ricerca evidenzia come, uno scenario di ricambio dell’attuale parco auto circolante con veicoli elettrici, contribuisca in maniera determinante alla riduzione delle concentrazioni degli inquinanti locali, come NO2 (biossido di azoto).

È stata riposta particolare attenzione verso il biossido di azoto poiché, secondo uno studio pubblicato sul British Medical, concentrazioni nell'aria ridotte e nei limiti di legge sono direttamente associate a un aumento di mortalità dovuta a patologie cardiovascolari e respiratorie. Riduzioni che, relativamente al comparto mobilità e in uno scenario proiettato al 2025, sarebbero di un minimo del 47% a Bologna, fino a arrivare a un massimo del 62% a Roma. I decrementi risultano ancora maggiori se si considera lo scenario al 2030: meno 74% a Palermo, fino ad un massimo dell’89% a Roma.

Meno impattante, ma comunque significativa la riduzione delle polveri sottili PM10. Se si considera uno scenario 2025, la percentuale di riduzione parte da un minimo del 28% a Bologna, fino ad un massimo del 38% a Palermo. Nello scenario 2030 la riduzione varia tra 34% e 46%.

In conclusione, stando alle proiezioni dello studio, la graduale transizione verso la mobilità elettrica, garantirebbe concreti benefici nell’ambito della salute pubblica, riducendo il numero dei morti in città come Milano, Roma e Torino, e un relativo decremento del costo sociale. Quest’ultimo, associato al numero di morti evitate legate ai cambiamenti di concentrazioni di PM10 e NO2 dovute al traffico veicolare, secondo le proiezioni, varia tra circa 140 milioni a circa 2 miliardi di euro allo scenario 2025, salendo a 222 milioni e 3 miliardi allo scenario 2030.





Aggiungi un commento
Ritratto di EnricoRS
27 marzo 2021 - 11:33
Veramente come confermato anche da numerosi scienziati dell'altro articolo la soluzione per la mobilità del futuro è comprare a 180.000 euro un Alfa Romeo Giulia GTAm, tenerla ferma in un garage climatizzato per 50 anni mentre per gli spostamenti utilizzi il cavallo e la carrozza. Questa è la soluzione più ambientalmente corretta.
Ritratto di Meandro78
27 marzo 2021 - 17:46
E per le deiezioni equine?
Ritratto di rebatour
29 marzo 2021 - 10:10
Concime per i campi (quei pochi rimasti)
Ritratto di EnricoRS
27 marzo 2021 - 11:43
Tornando alle elettriche mi pare evidente che l'odio verso questo tipo di automobili sta nello scarso potere d'acquisto di molti. E chiaro che chi oggi gira con la Skoda Roomster 1.2 da 70 cv quando dovrà per forza convertirsi all'elettrica al massimo si potrà prendere la Citroën C-Zero o una E-bike 25 km/h. Visione diversa sull'argomento per chi gira oggi con l'ultima Porsche Panamera, BMW Serie 7, Mercedes Classe S, Audi A8 e quando cambierà auto semplicemente al posto della Panamera ci metterà una Taycan. Andate a un charger e chiedete al possessore di una Porsche Taycan, Tesla Model S o Audi e-tron con cosa girava prima e come si trova con la nuova auto. Diversamente, chi sarà così sfigat0 da doversi prendere una Peugeot 2008 elettrica maledirà il giorno che l'ha presa. A fare un riassunto veloce qua dentro il 90% gira con auto che valgono meno di 15.000 euro o che hanno meno di 150 cv, con queste premesse le elettriche che potete prendervi è ovvio che fanno schifo, come fanno schifo le vostre attuali auto termiche. Ma chi da un Audi Q7 è passato ad Audi e-Tron ha mantenuto il suo tenore di auto lussuosa ampliandolo ulteriormente ed è contentissimo dell'acquisto (chiedete quando li incontrate e ve lo confermeranno proprio i possessori).
Ritratto di Volpe bianca
27 marzo 2021 - 11:55
@EnricoRS è ovvio che sia così e ci mancherebbe anche che ci fosse qualcuno che si lamenta di una Tesla o di una Audi e-Tron.... Io pur non potendo permettermi di acquistare auto simili apprezzo molto le elettriche, anche quelle più "modeste" solo per il fatto di essere elettriche e quindi di non inquinare. Se un giorno dovessi sostituire la mia auto con una 2008 o anche con una Spring stai sicuro che non avrò nulla da lamentarmi....
Ritratto di EnricoRS
27 marzo 2021 - 12:12
A lamentarsi di Tesla o Audi e-Tron, Porsche Taycan, ecc.. sono in tantissimi, soprattutto quando non c'è l'hanno. Gente pronta a tutto per screditare che si attacca a qualsiasi cosa, prendi la Taycan, in quanti non perdono occasione di sfotterla perchè usa il nome Turbo e Turbo S senza rendersi conto che queste denominazioni quantificano la gerarchia della motorizzazione e non la presenza o meno del turbo (ma neanche col disegnino puoi farglielo capire), i migliori poi davanti ad un auto che ha tantissimo spazio, è rifinita super bene, è comodissima, supera i 260 km/h e arriva a 100 in 2,5 secondi a cosa si attaccano per criticarla? All'autonomia.... Se non fa 1000 km con un pieno non va bene, meglio l'utilitaria diesel da 80 cv che ti viene da piangere dopo 15 minuti e che il viaggio più lungo che si fa con queste auto è di 150 km, e sto esagerando, fa niente se l'utente della Taycan arriva a casa e la carica tranquillamente a 22 kW mentre l'utente dell'utilitaria 80 cv ha appena 3 kW per tutta la casa, fa niente se la Taycan si carica a 350 kW alle colonnine (presenti dove le Taycan le vendono, mica a San Brancato) mentre l'utente con l'utilitaria 80 cv va a fare 5 euro al distributore automatico e piange perchè con quei 5 euro non riesce nemmeno a spostare la lancetta del carburante. Bisogna sempre criticare a prescindere ciò che non ci si potrà mai permettere e ciò che non è compatibile con l'appartamentino in affitto senza neanche un proprio posteggio e 1.500 euro al mese di stipendio.
Ritratto di Volpe bianca
27 marzo 2021 - 12:45
Credo che sia giusto distinguere chi critica perché non può possedere e chi critica perché non apprezza. Si può criticare qualsiasi auto, proprio i costruttori imparano di più dalle critiche che non dai complimenti. C'è chi reputa fondamentale l'autonomia, chi le prestazioni, chi l'economia d'uso, chi l'estetica....siamo in tanti e con tante idee, è impossibile accontentare tutti. L'auto perfetta non esiste, troverai sempre qualcuno che avrà qualcosa di cui lamentarsi.
Ritratto di EnricoRS
27 marzo 2021 - 13:04
Non cercate di fraintendere apposta, nessuno ha detto che ci siano auto esenti da critiche, io parlo di quelli che pur di criticare sono disposti pure a dire che una Taycan è troppo veloce in accelerazione e quindi pericolosa. Gente che si si lamenta della velocità di punta bassa delle elettriche ma poi contemporaneamente quando Tesla mette in produzione una Model S che fa i 322 km/h il commento è: "a cosa serve? Tanto il limite è 130" Troveremo sempre qualcuno che avrà da lamentarsi ma se quel qualcuno gira con una Skoda Roomster e critica in tutto un Audi e-Tron qualche domanda sorge spontanea.
Ritratto di Volpe bianca
27 marzo 2021 - 13:06
Sì adesso ho capito, un po' come "la volpe e l'uva" giusto?
Ritratto di Volpe bianca
27 marzo 2021 - 12:54
Tu citi la model S e la e-Tron, se guardi ho dato 5 volanti a tutte e due. Non potrò mai comprarle, ma le apprezzo molto
Pagine