NEWS

Ritorno all’utile per la Mazda

29 aprile 2013

Dopo anni di passivi il bilancio 2012-13 ha segnato un profitto di 286 milioni di euro. Aumenta la quota di mercato in Europa.

Ritorno all’utile per la Mazda

MODELLI DETERMINANTI - Dalla Mazda viene la conferma che a fare la salute o meno di una casa automobilistica sono i modelli che propone. Dopo un lungo periodo di bilanci “in rosso”, la Mazda ha infatti chiuso i conti dell’anno fiscale 2012-2013 (che per le aziende nipponiche va da marzo a marzo) con un buon profitto, e a determinare il trend positivo sono state le sue ultime novità, la Mazda CX-5 e la Mazda 6.

FATTURATO E UTILI - Il numero delle auto vendute è rimasto sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente: 1,24 milioni di unità, ma il fatturato è arrivato a 18,4 miliardi di euro, che significa un incremento dell’8,5% rispetto all’anno precedente. Una buona crescita la Mazda l’ha registrata anche per il profitto operativo arrivato a 449 milioni di euro, mentre l’anno precedente aveva dovuto mettere a bilancio delle perdite. Con questi dati c’è stato anche il ritorno all’utile netto, che è stato di 286 milioni, contro gli 898 milioni di perdite accusati nell’anno fiscale 2012.
 
MEGLIO DELLA MEDIA - In Europa purtroppo l’andamento del mercato non ha consentito risultati in sintonia con quelli mondiali, ma la Mazda può comunque dire di aver fatto meglio della media del mercato, e soprattutto di rilevare un trend di miglioramento molto significativo. La seconda metà dell’anno fiscale le vendite Mazda in Europa sono cresciute del 4,7% con una tendenza di forte crescita nell’ultimo trimestre (gennaio-marzo 2013) in cui le immatricolazioni di vetture Mazda in Europa sono state 39.804, cioè l’1,7% in più rispetto a quelle dello stesso periodo dell’anno precedente. Il buon andamento della Mazda è testimoniato dall’aumento della propria quota di mercato, passata da 1,1 all’1,3%. Va comunque aggiunto che nell’ultimo mese (marzo) il trend non è stato così positivo, con il totale delle immatricolazioni Mazda diminuito del 17,4%.
 
PROSPETTIVE ANCORA MIGLIORI - All’origine della ritrovata redditività ci sono le due ultime novità della casa: la suv Mazda CX-5 e la berlina Mazda 6, aiutate dalla svalutazione delle yen che negli anni scorsi aveva fortemente compromesso i conti dell'azienda. Grazie ai nuovi modelli la Mazda prevede di mantenere l’andamento positivo anche per il 2014, puntando a un aumento del fatturato mondiale nell’ordine del 14% e al raddoppio dei profitti. Le previsioni della casa parlano di un aumento delle vendite pari all’8% (fino a 1,34 milioni di unità) compreso un notevole balzo del 17% sugli scenari europei, Russia compresa.
Aggiungi un commento
Ritratto di italico
29 aprile 2013 - 13:01
3
bene capisco la mazda 6 un'ottima familiare...la cx5 ?...un suv ...niente è il loro momento ...sveglia fiat arriverai buon ultima a fare un suv medio .. però almeno qualcosa vendi visto il buonvento dei suv..ps: oer favore non prendere la nuova sx4 della suzuki...è bruttina...grazie
Ritratto di italico
29 aprile 2013 - 13:42
3
.
Ritratto di MatteFonta92
29 aprile 2013 - 17:02
3
Beh, sono contento per la Casa giapponese, le sue ultime auto (specialmente la Mazda 6) sono davvero ben riuscite e la risposta del pubblico è giustamente positiva. Anche la CX-5, benché sia un Suv, a me esteticamente piace. Con queste premesse, sono ottimista anche per la futura collaborazione Fiat-Mazda, per la produzione delle prossime Alfa Romeo Spider e Mazda MX-5.
Ritratto di yeu
29 aprile 2013 - 18:09
Sempre la solita storia, chi produce dove la moneta è forte, ne risente, mentre chi lo fa dove la moneta è debole, è in una posizione più favorevole. Quando l'Europa si sveglierà potrebbe essere troppo tardi. L'Euro è nato per essere 1 a 1 con il dollaro, mentre adesso è scambiato a 1,3 dollari per 1 Euro. Il vero problema dell' Europa è questo.
Ritratto di 52armando
29 aprile 2013 - 18:58
1
Concordo con la tua analisi ma penso che 1 a 1 sia troppo a sfavore dell'EURO penso leggendo lo studio di molti analisti che basterebbe 1 a 1,25 o al max 1 a 1,2. Comunque ritengo la Mazda produca buoni prodotti e che con i motori Fiat ci sarebbero ottime combinazioni. Quindi ritengo che le annunciate collaborazioni per futuri modelli nasceranno con ottimi auspici.- Saluti
Ritratto di Guzzo78
29 aprile 2013 - 18:59
Almeno buone notizie da qualche parte arrivano !! speriamo che anche Alfa potrà godere (almeno in parte) della tecnologia mazda sulla duetto che arriverà
Ritratto di meo_tamigi
30 aprile 2013 - 00:25
la mazda è affidabilità. Il TUV negli ultimi anni l'ha sempre eletta come casa più affidabile del mondo (quest'anno è seconda dietro toyota). Se poi aggiungiamo 3 anni o 100.000 km più due facoltativi per arrivare a 5 o 200.000 in tempo di crisi è come assicurare la propria vita. zum zum
Ritratto di checco
30 aprile 2013 - 01:13
2
La mazda ha sempre fatto buone auto certo le prime che aarivavano in europa erano un po troppo orientali come stile ...ma adeso e tutta un' altra storia....per migliorare in europa gli basterebbe avere una gamma di motori diesel più ampia poichè per le stesse 6 e cx 5 si può avere solo un 2.2 che di qwesti tempi e una spesa importante non dico solo a livello di consumi ma di fisco e di assicurazione.. per qwanto riguarda gli accordi futuri con fiat..la vedo dura le nostre fabbriche assemblano ancora le auto come negli anni 80...scricchioliii plastiche dure ecc...sono la cosa più odiosa che ci possa essere...sono le cosi dette sciocchezze che alla lunga ti stufano e ti fanno cambiare brand
Ritratto di Zack TS
30 aprile 2013 - 09:45
1
mazda sta lavorando bene a mio avviso, le linee degli ultimi modelli non sono male e la qualità è sempre alta! L'accordo con fiat è una buona opportunità per entrambe, specialmente per la fiat che può guadagnare in qualità costruttiva
Ritratto di hornet72
30 aprile 2013 - 10:19
Brava Mazda, però secondo me manca una piccola tipo Kà è un profondo restyling e motori diesel accessibili e gpl alla 2.
Pagine