Mazda

Mazda
CX-5

da 28.150

Lungh./Largh./Alt.

455/184/168 cm

Numero posti

5

Bagagliaio

477/1.620 litri

Garanzia (anni/km)

3/100.000
In sintesi

Rinnovata in quasi 700 particolari rispetto alla Mazda CX-5 che ha debuttato nel 2012, la suv giapponese punta di più sul comfort (sono stati aggiunti materiali fonoassorbenti e i finestrini anteriori hanno ora doppi vetri) senza però sacrificare la sportività. Anzi, le forme basate sull'ultima evoluzione del Kodo Design (uno dei pilastri per la casa di Hiroshima) esprimono slancio e grinta. L'abitacolo è spazioso e, in generale, ben rifinito. Generosa la dotazione, anche per l'allestimento base. Per quanto riguarda i motori, a benzina si può scegliere fra i duemila (da 160 o 165 CV in base al tipo di trasmissione) o l'inedito 2.5 da 194 CV. Unica la cilindrata dei turbodiesel: il 2.2 è proposto con 150 o 175 CV, quest'ultimo esclusivamente con la trazione integrale.

Versione consigliata

Per chi fa parecchi chilometri, le versioni turbodiesel della Mazda CX-5 sono una scelta quasi obbligata (tra l'altro, sono le più facili da rivendere al momento di cambiare l'auto). Già quella da 150 cavalli è sufficiente a muoversi con un discreto brio, soprattutto se si rinuncia alla trazione integrale. Anche del cambio automatico a sei marce si può fare a meno: la frizione di quello manuale non è troppo pesante, e gli innesti sono estremamente precisi. Quanto agli allestimenti, la Evolve ha di serie fari a led (adattativi a matrice quelli delle versioni più ricche Exceed e Exclusive), vetri posteriori scuri, sistema multimediale con schermo di 7", vivavoce Bluetooth e navigatore, frenata automatica anti-tamponamento e anti-investimento. La Exceed e la Exclusive hanno pure la radio Dab, i sensori di parcheggio (anteriori e posteriori), l'hi-fi Bose, i sistemi di mantenimento in corsia e di riconoscimento dei cartelli stradali, il pratico portellone automatico. La più ricca aggiunge il tetto apribile e il cruise control adattativo. 

Perché sì

Comfort I sedili sono comodi, le sospensioni filtrano bene le buche e l'abitacolo è ora meglio insonorizzato.

Dotazione Già la versione base è ben equipaggiata. Dotata di tutto punto la Exclusive.

Sospensioni Dietro, la nuova media Alfa utilizza il sofisticato schema multilink a tre bracci, che consente il miglior compromesso fra comfort e guidabilità.

Perché no

Comandi del “clima” Sono troppo in basso e rischiano di far distrarre dalla guida.

Dettagli Alcuni particolari, come le plastiche del cassetto di fronte al passeggero, non sono all'altezza del resto dell’abitacolo. 

Visibilità posteriore Senza telecamera posteriore o sensori (entrambi di serie solo per le versioni più ricche) si ha qualche difficoltà.

Mazda CX-5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
65
33
23
7
8
VOTO MEDIO
4,0
4.02941
136
Photogallery