NEWS

Cambio gomme invernali: nelle Regioni in zona rossa si può andare dal gommista

Pubblicato 18 novembre 2020

Lo ha chiarito il Governo. Via libera al montaggio dei pneumatici invernali all'interno del proprio comune, dopo l’entrata in vigore delle ordinanze il 15 novembre.

Cambio gomme invernali: nelle Regioni in zona rossa si può andare dal gommista

CAMBIO GOMME - Con il Decreto del 3 novembre 2020, le Regioni italiane sono state suddivise in zone: partendo dalle gialle, arancioni e rosse, a seconda della gravità della situazione sanitaria. Nelle Regioni in zona rossa, che sono attualmente Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Toscana, Abruzzo e Valle d’Aosta, più la provincia autonoma di Bolzano, non è possibile effettuare spostamenti in tutte le fasce orarie della giornata, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute (bisogna avere con sé l’autocertificazione). Alla luce di ciò, è possibile recarsi dal gommista?

C'È L’OBBLIGO - La domanda è d’attualità, perché il 15 novembre sono entrate in vigore le ordinanze che impongono agli automobilisti di circolare con pneumatici invernali, o catene a bordo, nelle strade italiane in cui vige l’obbligo, dunque per lo più strade provinciali, regionali e autostrade. AssoGomma e Federpneus, le associazioni che rappresentano produttori e venditori di pneumatici, hanno fatto luce sulla questione, dopo un chiarimento del Governo: è emerso così che nelle zone rosse è possibile effettuare spostamenti per acquistare beni diversi da quelli alimentari, ma soltanto per i prodotti che rientrano nelle categorie previste dal Decreto, dunque anche quelli per il mondo dell’auto, come pneumatici, accessori e parti. 

GOMMISTI APERTI - Con il Decreto del 3 novembre, inoltre, si è chiarito che i gommisti possono restare aperti, pur nel rispetto delle norme per il distanziamento sociale; si raccomanda perciò la prenotazione, al fine di evitare possibili assembramenti. Insieme ai gommisti, sono aperti che officine, venditori di parti di ricambio, autolavaggi e autoscuole, sebbene le sessioni per l’esame pratico della patente siano attualmente sospese nelle zone rosse (lo saranno fino al 21 novembre, salvo nuove comunicazioni). Vediamo allora quali sono le restrizioni nelle Regioni in zona gialla, arancione e rossa. 

ZONA GIALLA - È possibile spostarsi liberamente, anche se il Governo raccomanda di non farlo se non per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi. Tuttavia, c’è il coprifuoco dalle ore 22.00 alle 5.00 del giorno successivo: in questa fascia oraria è vietato spostarsi, se non per comprovate esigenze. Inoltre, i mezzi pubblici devono avere la metà dei posti liberi, bar e ristoranti possono restare aperti fra le ore 05.00 e le 18.00 ed i centri commerciali sono chiusi nei weekend.  

ZONA ARANCIONE - Scattano forti restrizioni agli spostamenti: non è possibile entrare e uscire dalla Regione di residenza, se non per comprovate esigenze, ma ci si può spostare all’interno del proprio Comune dalle ore 05.00 alle 22.00, e senza necessità di motivare lo spostamento (dunque non bisogna avere con sé l’autocertificazione). Inoltre, è possibile fare rientro al domicilio, accompagnare un figlio a scuola (se la didattica avviene in presenza) e andare a ritirare cibo da asporto. In più, bar e ristoranti sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto, con orario dalle 05.00 alle 22.00, e per la consegna a domicilio, consentita senza limiti di orario. Sono aperti concessionari di auto e moto, officine, gommisti, ricambisti e autolavaggi.

ZONA ROSSA - Le restrizioni agli spostamenti sono maggiori che nella zona arancione, dunque non è possibile entrare e uscire dalla Regione e nemmeno dal Comune di residenza, se non per comprovate esigenze, ma si può fare rientro al domicilio, accompagnare un figlio a scuola (se la didattica avviene in presenza) e andare a ritirare cibo da asporto. Restano chiusi i centri estetici e le attività inerenti la persona, ma sono aperti i parrucchieri. Sospese anche le attività commerciali di vendita al dettaglio, con l’eccezione di quelle per la vendita di alimenti, medicinali tabacchi, giornali e carburanti. È consentita l’attività motoria in prossimità della propria abitazione, con obbligo di mascherina e distanza di almeno un metro dall’eventuale accompagnatore. Sono aperti concessionari di auto e moto, officine, gommisti, ricambisti e autolavaggi.

> Pneumatici: montare le invernali, tenere le estive o scegliere le all season?





Aggiungi un commento
Ritratto di Andre_a
18 novembre 2020 - 18:41
8
Oggi c'erano più di 20 gradi fuori, per ora tengo le estive
Ritratto di Claus90
18 novembre 2020 - 18:53
Conviene orientarsi sulle gommature 4 stagioni ed avere sempre le catene a bordo cosi si possono evitare inconvenienti.
Ritratto di AndyCapitan
19 novembre 2020 - 17:30
1
io abito a circa 1000 m in montagna.... negli ultimi tre anni ho addottato le 4 stagioni e devo dire che funzionano davvero bene in quasi ogni occasione quindi....perche' spendere per altri cerchi e altri treni di gomme???....no basta...me li mangio al ristorante quei soldi...ammesso che riaprino..ahah
Ritratto di marcoveneto
18 novembre 2020 - 19:37
Mai come quest'anno sono indeciso sul da farsi. Temperature ancora elevate e rischio lock down dietro l'angolo (quindi addio sciate??) ... Cambiare le gomme per farci ipoteticamente 3000 km, magari solo per andare a lavoro, mi sembra assurdo... La mia però non è catenabile purtroppo, e se andassi in autostrada sarei in difetto..un bel dilemma quest'anno...