NEWS

Citroën C1 e Fiat Panda: quale ti offre di più?

8 aprile 2014

La Fiat Panda ha una nuova rivale: la riedizione della Citroën C1 che punta anche sull’aspetto frizzante per conquistare clienti.

Citroën C1 e Fiat Panda: quale ti offre di più?
NIENTE DIESEL PER LA FRANCESE - L’offerta di motori per la Fiat Panda è quanto di più vasto si possa desiderare per una citycar (benzina, diesel, Gpl o metano), mentre la Citroën C1 viene proposta, per il momento, soltanto con propulsori a tre cilindri a benzina di 998 o 1199 cm3. Abbiamo scelto il primo, che esprime la stessa potenza del quattro cilindri di 1242 cm3 montato sulla piccola Fiat, anche se ottenuta a un regime superiore (6000 giri contro 5500). Più sostanzioso il vantaggio dell’italiana nei valori di coppia massima (102 Nm a 3000 giri a fronte dei 95,5 Nm a 4800 giri della francese), controbilanciato, tuttavia, dal centinaio di kg che fa segnare in più sulla bilancia. La C1 seconda serie è disponibile (come già è stato per la prima) con carrozzeria a tre oppure a cinque porte: la scelta è caduta necessariamente su quest’ultima, visto che è dal 2002 che non esiste più una Panda con sole tre porte.
 
 
PER TUTTE LE TASCHE - Entrambi i modelli sono disponibili con numerosi livelli di allestimento, tali da accontentare il vasto e variegato pubblico cui sono destinate, e tutti identificati con nomi inglesi (con buona pace della “latinità” delle due vetture). Abbiamo optato per un livello intermedio che fornisse di serie già una buona dotazione: Feel per la C1, Easy per la Panda.
 
SICUREZZA IN PRIMO PIANO - Come di consueto, ci siamo poi concentrati su una serie di dispositivi che riteniamo importanti per la sicurezza, il comfort e la praticità, con qualche concessione al superfluo. L’offerta di optional per la francese non è vastissima: la lista di quelli da noi prescelti rappresenta in pratica tutto quanto la Citroën mette, almeno per ora, a disposizione del cliente. 
 

Prezzi di listino delle due auto

Marca e modello

Motore

Allestimento

Prezzo

Citroën C1 5 porte

1.0 VTi a benzina (69 CV)

Feel

11.850

Fiat Panda

1.2 a benzina (69 CV)

Easy

11.360

 
Come partenza, la Fiat fa segnare un risparmio di quasi 500 euro. Cerchiamo ora di rendere più omogenea possibile la dotazione delle due vetture, attingendo ai rispettivi optional, per vedere se questo vantaggio iniziale è destinato a ridursi.
 

Citroën C1

5 porte

1.0 VTi Feel

 

Fiat Panda

1.2 Easy

11.850

Prezzo di listino dell’auto (chiavi in mano)

11.360

non disponibile

airbag ginocchia guidatore

non disponibile

di serie

airbag laterali anteriori

310

di serie

airbag passeggero disattivabile

di serie

di serie

airbag per la testa anteriori e posteriori

di serie

(750) (1)

ausilio al parcheggio in retromarcia

310 (1)

450

cerchi in lega di 15 pollici

510 (2)

di serie

climatizzatore manuale

850

di serie

computer di bordo

di serie

di serie

controllo elettronico di stabilità, trazione e arretramento in salita

310

150 (3)

fasce paracolpi laterali

130

di serie

poggiatesta posteriori

di serie

di serie

radio con lettore mp3 (4)

di serie

100

ruotino di scorta

100

di serie

sedile guida regolabile in altezza

110

di serie

sedile posteriore frazionato

180

di serie

servosterzo elettrico ad assistenza variabile

di serie

1.150

tetto apribile elettricamente (5)

1.010

500

vernice metallizzata

520

(750) (1)

vivavoce Bluetooth e ingressi Aux e Usb

310

di serie

volante regolabile in altezza

di serie

14.950

Prezzo finale (chiavi in mano)

16.010

 
(1) nella C1 c’è la telecamera posteriore, e nel prezzo è incluso lo schermo a sfioramento di 7” nella plancia, dove sono visibili le immagini riprese dalla telecamera, l’ingresso Usb e il sistema vivavoce Bluetooth. Nella Panda vi sono invece i sensori nel paraurti
(2) disponibili anche di 14 pollici, a 410 Euro
(3) il prezzo comprende i vetri posteriori scuri (nella Panda sono ottenibili separatamente, a 160 Euro)
(4) con sei altoplarlanti nella Panda, soltanto due nella C1
(5) rigido trasparente nella Panda, in tela nero nella C1, dove il prezzo si riferisce alla differenza, a parità di allestimento, fra la versione chiusa e la versione “Airscape”
 
 

Queste dotazioni le ha solo lei

Citroën C1 5 porte

1.0 VTi Feel

 

Fiat Panda

1.2 Easy

500

cambio robotizzato a 5 marce

non disponibile (6)

non disponibile

5 posti

230

non disponibile

barre sul tetto

di serie

non disponibile

fendinebbia

210

non disponibile

lettore cd

di serie

non disponibili (7)

retrovisori elettrici e riscaldabili

160

 
(6) fornibile (a 860 euro) soltanto in combinazione con il motore 0.9 TwinAir da 85 CV
(7) per averli occorre passare alla più costosa (di 1.000 Euro) versione Shine, che li monta di serie
 
PER LA TECNOLOGIA SI PAGA - La C1 colma il proprio svantaggio e “allunga” decisamente sulla Panda, offrendo di serie dotazioni importanti come airbag laterali, climatizzatore, Esp e sedile posteriore frazionabile: solo considerando queste quattro voci, la piccola Citroën presenta all’acquirente un conto di 1.160 euro più leggero rispetto a quello necessario per la rivale Fiat. Quest’ultima cerca di recuperare chiedendo un obolo più contenuto per il tetto apribile, oltre a pretendere “soltanto” 620 euro per consentire al suo possessore di utilizzare la tecnologia Bluetooth per parlare al cellulare e fornire comandi vocali, di collegare una chiavetta Usb al sistema d’intrattenimento della vettura e di parcheggiare in retromarcia col conforto di un cicalino che lo avverte dell’imminente approssimarsi dell’ostacolo. Per avere queste funzioni nella C1 si sborsano 750 euro, ma al posto dei sensori nel paraurti abbiamo una telecamera che riprende ciò che avviene dietro la vettura: le immagini si vedono in uno schermo di 7 pollici, col quale guidatore e passeggero possono interagire sfiorandolo con un dito; tecnologie che nel 2011, anno di presentazione della Panda, erano disponibili solo per modelli di categoria superiore. 
 
 
SOLO IN QUATTRO - Alla fine, il confronto fra le due auto si chiude con 1.060 euro in favore della C1, anche se è doveroso notare che la piccola Fiat offre in esclusiva due accessori di serie, barre sul tetto e lettore cd, che probabilmente poco importano all’utenza giovane cui la C1 dichiara di puntare, ma sono comunque una comodità in più. Più spiacevole, a nostro avviso, l’impossibilità, per la francesina, di trasportare all’occorrenza un quinto passeggero e di avere un accessorio importante per la sicurezza come i fendinebbia: nella Panda queste opzioni si pagano un po’ care (440 euro in tutto), ma almeno ci sono. 
 
TIRANDO LE SOMME - La Citroën C1 conferma la sua vocazione cittadina, sottolineata dalla disponibilità del cambio robotizzato, così utile in ambito urbano: anche la Fiat Panda lo ha in listino, ma a un prezzo più che doppio rispetto a quello della rivale (1.010 Euro contro 500) e abbinabile soltanto al più potente (e di 1.500 euro più caro) motore 0.9 TwinAir Turbo da 85 cavalli. L’italiana, da parte sua, offre in esclusiva alcuni validi argomenti per convincere l’utente a un utilizzo anche “familiare”, magari pure in qualche viaggio: all’esterno barre sul tetto, fendinebbia e retrovisori elettrici riscaldabili, all’interno una diffusione del suono più articolata grazie ai sei altoparlanti e la possibilità di ascoltare i “vecchi”, ma ancora diffusissimi, compact disc.

 

Citroën C1
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
47
37
43
28
74
VOTO MEDIO
2,8
2.803495
229
Aggiungi un commento
Ritratto di oretaxa
8 aprile 2014 - 17:57
La nuova C1 è veramente carina, darà filo da torcere alla Panda... Peccato solo per il tricilindrico di origine Toyota: non potevano montare piuttosto il nuovo 1.0 Peugeot/Citroen che ha il valore di coppia massima molto più in basso (3000 giri vs 4800 giri)???
Ritratto di juvefc87
8 aprile 2014 - 18:08
c1 sono toyota! mi aspettavo qualcosa di più dalla psa!
Ritratto di Francesco3454
8 aprile 2014 - 18:15
Oddio e quella sarebbe macchina senza fendinebbia nemmeno a pagarli.Costa 1.060 euro in più ma è nettamente migliore la Panda siamo ITALIANI e teniamoci ciò che è nostro.....
Ritratto di osmica
8 aprile 2014 - 20:38
Visto che alcune marchi hanno abbandonato completamente i fendinebbia. Ma meglio la Panda, pagando può avere i fendinebbia, airbag laterali, ESP, climatizzatore, sedile regolabile in altezza... Spendendo oltre 1.000€ in più.
Ritratto di TommyMichi
9 aprile 2014 - 10:59
prova a stare in pianura padana, vediamo se proprio proprio non servono a nulla i fendinebbia... vai dritto alla prima curva e ti troviamo in fosso ahah
Ritratto di osmica
9 aprile 2014 - 11:04
Prova una nuova vettura di un marchio che svetta nella sicurezza e non offre i fendinebbia e poi vieni a parlare. ahahaha
Ritratto di PariTheBest93
9 aprile 2014 - 11:45
3
Giusto perché quanto esci dalla curva in una giornata di nebbia e sbatti su un albero, te ne freghi dei fendinebbia :)))
Ritratto di osmica
9 aprile 2014 - 11:52
Con i fendinebbia vedi sia l'albero sia il fosso! W la tecnologia anni 90!
Ritratto di PariTheBest93
9 aprile 2014 - 11:59
3
Grandi gli anni 90!!! Ma se preferisci quella del 21° secolo ci sono i fari full led o bixeno alla modica cifra di 2000€
Ritratto di osmica
9 aprile 2014 - 12:13
A partire quelli della Volvo, una casa che non risparmia sulla sicurezza. I full led costano la metà di quello che sostieni, come gli xeno.
Pagine