Citroën

Citroën
C1

da 10.150

Lungh./Largh./Alt.

347/162/146 cm

Numero posti

4

Bagagliaio

196/780 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

La Citroën C1 è una compatta citycar a tre o cinque porte, dalla linea personale: è soprattutto il frontale dominato dai grandi fari ovali a differenziarla nettamente dalle “cugine” Toyota Aygo e Peugeot 108 (con cui condivide la base tecnica, gran parte dei componenti e lo stabilimento di produzione). Riuscita la vista laterale, specie nel caso delle versioni più ricche che montano cerchi di 15” anziché di 14”, e la coda, con portellone tutto in vetro e fanali arrotondati. Altrettanto originale è l’abitacolo, discretamente accogliente anche nella zona posteriore (i posti totali sono quattro) e dotabile di dispositivi all’ultimo grido, come il Touch Pad di 7 pollici che permette di gestire direttamente le app dello smartphone; discrete le finiture, minuscolo il bagagliaio. Lunga solo 347 cm e anche piuttosto stretta (163 cm), questa "piccolina" trova parcheggio facilmente; peccato che il diametro di sterzata sia ampio. Non male il comportamento anche fuori città; stabilità e tenuta di strada sono abbastanza buone, considerando il tipo di vettura. Due i motori disponibili per la Citroën C1, entrambi tricilindrici a benzina e con distribuzione a fasatura variabile: il 1.0 (69 CV) è prodotto dalla Toyota e, pur essendo piuttosto rumoroso, soddisfa per il brio in accelerazione e per i consumi (nella guida normale è facile percorrere 18 km/litro). Il 1.2 con 82 CV è invece del gruppo PSA: assicura maggiore vivacità (soprattutto nelle riprese in quarta e quinta marcia) ed è più silenzioso, ma vibra al minimo e "beve" sensibilmente di più (normali i 15-16 km/litro).

 

Versione consigliata

Dipende. La Citroën C1 con il motore 1.0 va meglio in città e consuma sempre meno di una 1.2, che, d'altro canto, se la cava un po' meglio fuori città. Sconsigliamo poi il cambio robotizzato ETG (lento nel funzionamento), mentre il tetto apribile in tela (versioni Airscape) è simpatico, ma limita parecchio lo spazio per la testa di chi sta dietro, e aumenta la rumorosità in autostrada.  

 

Perché sì

Cambio (solo per la 1.0) Il cinque marce manuale ha innesti precisi e morbidi.

Consumi (solo per la 1.0) Con il tre cilindri più piccolo, questa citycar “beve” pochissimo; meno economo (del 15-20%) il 1.2.

Linea Accattivante e personale, si differenzia da quella delle rivali costruite sulla medesima base tecnica.

Maneggevolezza Corta, leggera e provvista di sospensioni non troppo cedevoli, la C1 è una citycar abbastanza piacevole da guidare anche fra le curve.

 

Perché no

Cambio robotizzato Offerto come optional, risponde con lentezza.

Finestrini posteriori Che si scelga la versione a tre porte o quella a cinque, non “scendono” ma si aprono soltanto a compasso.

Paracolpi Nelle fiancate non sono previste protezioni contro i piccoli colpi “da parcheggio”, e il paraurti posteriore è completamente verniciato.

Soglia di carico Il lunotto che funge anche da portellone ha costretto a collocare la soglia di carico lontano da terra.

Citroën C1
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
47
37
42
28
74
VOTO MEDIO
2,8
2.80263
228
Photogallery