NEWS

È in edicola il nuovo numero di alVolante

9 ottobre 2018

Scopri con il nostro sondaggio le auto preferite dagli italiani. E, se stai pensando di comprarne una, per te c’è la panoramica delle promozioni di autunno. Oltre al supertest di quattro mini crossover. 

È in edicola il nuovo numero di alVolante

LA GIULIA SUL PODIO - I 45.000 lettori che finora hanno partecipato al sondaggio “driverview-L’opinione di chi guida”, non hanno dubbi: l’auto di cui sono maggiormente soddisfatti è l’Alfa Romeo Giulia, seguita dalla crossover Peugeot 3008 e dall’Audi A4. La Giulia, in particolare, domina le classifiche riservate alle “prestazioni” e alla “tenuta di strada” (in totale la nostra indagine ne considera otto, dal comfort ai sistemi di sicurezza, dal rapporto qualità/prezzo ai consumi, e così via). Dopo i 20.000 questionari online compilati sino allo scorso marzo, oggi cresciuti a 45.000, il sondaggio va avanti. E, tu che cosa aspetti? Rispondendo a poche e facili domande, puoi dire la tua sull’automobile che guidi tutti i giorni cliccando qui. Darai un importante contributo per conoscere il grado di soddisfazione di chi l’auto la sceglie, la compra e la vive. Come te.

AFFARONE CERCASI - Con l’autunno arriva un’ondata di campagne promozionali per l’acquisto di auto nuove. Fra maxi sconti per la rottamazione, pagamenti rateali e bonus aggiuntivi, ne abbiamo messe sotto la lente 22, soppesandone i pregi e i difetti. Ce n’è per tutti i gusti: dall’Alfa Romeo Stelvio (se si è in cerca di una suv sportiva), alle Audi Q2 e Kia Stonic (se la preferenza va alle piccole crossover), fino alle citycar come la Lancia Ypsilon (per spendere poco senza rinunciare a un pizzico di eleganza).

SGARRARE COSTA CARO - Le formule di acquisto dell’auto tramite noleggio o leasing a lungo termine stanno conoscendo un crescente interesse non solo presso i titolari di partita Iva, ma anche fra i privati. I siti web delle case ne illustrano i vantaggi, con canoni mensili che possono includere vari servizi (tra cui l’assicurazione e la manutenzione), mentre glissano sulle penali a carico del cliente. Infatti, in caso d’incidente con colpa, di furto dell’auto o di sforamento del chilometraggio concordato, l’extra da pagare può essere una batosta. Come vi raccontiamo nella nostra inchiesta.

loading.......

VISTE E GUIDATE - I test delle ultime novità hanno per protagoniste le versioni aggiornate di Jeep Cherokee, Kia Sportage e Mazda CX-3, ma soprattutto modelli nuovi che conservano nomi conosciuti: è il caso della piccola Suzuki Jimny e delle lussuose Audi Q3 e BMW X5. Tra i primi contatti anche quelli della maxi wagon A6 Avant e della Mercedes Classe A berlina, classica quattro porte con il baule separato dall’abitacolo. Ampio spazio pure per le sportive: dalla Opel Corsa GSi (150 CV per 19.400 euro) alla poderosa Mercedes-AMG GT Coupé 4 (che di cavalli ne eroga ben 639 cavalli e costa 181.519 euro).

TANTE PROVE  - Questo mese le auto provate sono otto: quattro riunite nella comparativa che mette a confronto lepiccole crossover con motori a benzina intorno ai 120 CV (Ford EcoSport, Jeep Renegade, Nissan Juke e Volkswagen T-Roc, guarda il video qui sopra). Poi ci sono i test, sempre con i rilevamenti delle prestazioni e dei consumi, deicati ai singoli modelli: due pratiche berline come la Kia Ceed (con il 1.6 diesel da 136 CV) e la Skoda Fabia (con il 1.0 TSI a benzina da 95), e due sportive con i fiocchi. Queste ultime sono la Mini Cooper S da 192 CV, aggiornata da poco, e la seducente coupé Alpine A110 (252 CV) che richiama un “mito” dei rally degli anni 60 e 70.

LA GOMMA GIUSTA - Se nevica, qual è il divario in fatto di tenuta di strada e frenata fra i pneumatici estivi, quelli invernali e gli all season? E sul bagnato come vanno le cose? Con una serie di test comparativi misuriamo le prestazioni di queste gomme per farvi “toccare con mano” la differenza. Sotto esame le coperture 235/55 R 19 di un’Alfa Romeo Stelvio e le 205/55 R 16 di una Volkswagen Golf.

USATO SÌ, MA NON BANALE - Per chi l’auto preferisce acquistarla usata, ecco un faccia a faccia fra due berline di rango, classe 2015: l’Audi A3 Sportback e la BMW Serie 1. Di ciascuna svisceriamo la qualità della vita a bordo, la dotazione di sicurezza, l’affidabilità, le finiture) e, oltre a valutare pregi e difetti, segnaliamo i guasti che si sono presentati nella loro carriera e consigliamo su quale versione puntare.

VIDEO
loading.......
Aggiungi un commento
Ritratto di Ercole1994
9 ottobre 2018 - 19:44
45.000 voti più che meritati per la Giulia. Non avrà una linea particolarmente "futuristica", ma la sua semplicità, mista alla giusta cattiveria, la rendono comunque affascinante! Per non parlare dell'ottima meccanica che porta in dote. Rimane assolutamente la mia berlina segmento D preferita!
Ritratto di slvrkt
10 ottobre 2018 - 18:08
2
non avere una linea "futuristica" e' solo un vanto, non certo un limite.
Ritratto di gjgg
9 ottobre 2018 - 19:48
1
Probabilmente per il produttore sarebbe stato più interessante altro riscontro (ossia di vendite, anche se poi in Italia è comunque prima), tuttavia penso se l' auto stessa avesse potuto avere una soddisfazione, questo sia il più gratificante dei tributi. Ossia che chi se la compra sa come sfruttarla e trarne giovamento ed è cosciente del bagaglio tecnico (legato da sempre alla voglia di prestazionalità che contraddistingue una parte degli automobilisti italiani, ma non è detto che lo stesso non avvenga/avverrà in altri paesi con una certa cultura automobilistica). Poi a fare i numeri, altrove, per il momento e a lungo resteranno altri marchi magari vendendo a clienti che non sanno cos'è un sovrasterzo di potenza, un transaxle, ma magari anche da che lato ha la trazione la propria auto.
Ritratto di ziobeII0
9 ottobre 2018 - 20:32
Concordo pienamente, per questo BMW Serie 3 tutta la vita. Vari motori 6 cilindri in linea con potenze over 250hp sulle sole ruote posteriori, elettronica completamente disattivabile, e via, si va a comandare facendo traversi di potenza. Altri modelli (a parte nella versione più performante) questi contenuti possono soltanto sognarseli
Ritratto di gjgg
9 ottobre 2018 - 20:58
1
Sì però prima per la 3 berlina (concorrente della Giulia) dovrebbero assolutamente colmare il vuoto dei benzina fra il 3 cilindri 136HP della 318i che poi attualmente a listino si passa direttamente ai 326HP del 6 cilindri 340i. Una 320-25i da 180-220Hp ce la vuole assolutamente
Ritratto di ziobeII0
9 ottobre 2018 - 21:09
A dire la verità l'attuale listino (F30-F31-F34) offre la 340i TP o TI da 326hp, la 330i a TP o TI da 252HP, la 335d da 313hp, la 330d TP o TI da 258hp, la 325d da 224hp, la 320d da 190hp, la 320i da 184hp. Perciò come vedi ci sono eccome. Non confondere il listino italiano (dove i clienti non sanno cos'è un sovrasterzo di potenza, un transaxle, ma magari anche da che lato ha la trazione la propria auto) con il listino BMW nel resto d'Europa (dove chi se la compra sa come sfruttarla e trarne giovamento ed è cosciente del bagaglio tecnico (legato da sempre alla voglia di prestazionalità che contraddistingue una parte degli automobilisti europei, vedasi numero di berline premium over 250hp a trazione posteriore vendute in Germania x esempio, rispetto all'Italia)
Ritratto di gjgg
9 ottobre 2018 - 21:14
1
Cioè, stai presumendo che in Italia (patria di Alfa, Lamborighini, Ferrari, Pagani e Maserati) non si saprebbe cos'è una trazione posteriore o un transaxle e per cui visto che si sarebbe poco competenti in prestazionalità sia giusto far mancare qui le varie 320i e 325ì? Bah...
Ritratto di ziobeII0
9 ottobre 2018 - 21:34
Attenzione, non manipoliamo le cose. L'enorme cultura automobilistica dell'ITALIA è una cosa totalmente diversa dalla cultura DEGLI ITALIANI e dall'essere patria di prestigiose case automobilistiche è come Ferrari (una delle migliori case automobilistiche del mondo), Pagani (opere d'arte esclusive con capolavori V12 Mercedes), Lamborghini (miglior casa automobilistica del mondo, 100% dei modelli supercar con tempi al Nurburgring sotto ai 7 minuti. E poi, motori aspirati V12 e V10, sinfonia unica, grazie ad Audi, senza Audi sarebbe soltanto fantascienza) e Ducati (che produce la moto più bella del mondo, Panigale, grazie ad Audi, che senza di lei sarebbe soltanto fantascienza). Tutto questo è completamente un argomento a se rispetto al fatto che culturalmente GLI ITALIANI medi di auto non ne capiscono nulla, non gliene frega nulla di avere comodità, o prestazioni, o insonorizzazione ma comprano la Punto, Panda, 206, Mito, Giulietta, Sandero, ecc.… e appena hanno un gruzzoletto in più si prendono il crossover o il suv rigorosamente con un motore sottodimensionato, talmente non ne capiscono niente di auto, basta guardare i numeri di vendite per capire che gli abitanti di una Germania di automobili ne capiscono mille volte di più. Quindi cosa se ne farebbe BMW delle 320i o delle 330i su un mercato dove ne venderebbe 5 in un anno?
Ritratto di gjgg
9 ottobre 2018 - 22:22
1
La cultura degli Italiani è quella che nel sondaggio di cui parla l'articolo ha fatto votare come auto più soddisfacente non, come presumibilmente sarebbe avvenuto altrove, un panzer Sw o un panzer Suv o un panzer PSEUDO(nominato)Coupé da un paio e passa di tonnellate, ma la Giulia e ciò in virtù proprio del suo piacere di guida (piacere fra l'altro riconosciuto globalmente, tant'è che in una comparativa americana fra 11 vetture parisegmento l'Italiana arrivò prima da parte di una giuria di esperti proprio con le stesse motivazioni del piacere di guida). Per il resto eviterei di approfondire negli argomenti perché non sapere che il V12 ce l'aveva già la Miura SV nel '71 quando in quell'anno probabilmente in Audi la top del listino se montàva un 4 cilindri (come una normale Fiat 124) già era tanto, beh ci pone veramente a un livello che stiamo a digitare sulla tastiera fondamentalmente solo per scaldarci i polpastrelli. Eviterei, ovviamente, tranne che per il discorso finale che se non piazzano la 320i perché ne venderebbero 4-5 allora perché invece tengono a listino la 340i?
Ritratto di gjgg
9 ottobre 2018 - 22:41
1
* In verità nel '71 Fiat aveva a listino anche la splendida Dino che môntava un V6, per renderci meglio conto
Pagine