NEWS

Fiat: addio alle citycar

Pubblicato 04 novembre 2019

La FCA annuncia uno storico cambio di strategia per spostare la sua attenzione dal cosiddetto segmento A al B, quello delle utilitarie.

Fiat: addio alle citycar

MODELLI PIÙ GRANDI - I bassi margini di guadagno e gli alti costi di sviluppo hanno reso poco profittevole la categoria delle citycar, portando a un drastico cambio di strategia da parte dei costruttori: la Opel, per esempio, ha abbandonato questa fascia di mercato, nota come segmento A, mentre la PSA (il gruppo di Citroën e Peugeot) potrebbe non rinnovare l’accordo di collaborazione con la Toyota per lo sviluppo congiunto di C1, 108 e Aygo. La Volkswagen, inoltre, parrebbe intenzionata a trasformare la up! in un’auto solo elettrica. Anche la FCA è decisa a cambiare i suoi piani, come ha confermato nella relazione sui dati di bilancio del terzo trimestre 2019. 

RITORNA LA PUNTO? - La FCA spiega che il marchio Fiat si dedicherà in futuro a modelli più in linea con i mutati gusti del pubblico, in grado allo stesso tempo di assicurarle margini di guadagno più elevati. La strategia è chiara: abbandonare la categoria delle citycar per puntare sulle più remunerative utilitarie, ovvero il segmento B (del quale faceva parte la Punto, attualmente dominato da Renault Clio e Volkswagen Polo). Rinunciare al segmento A non significa cancellare auto come Fiat Panda e 500, modelli storici di grande tradizione e successo per la casa torinese, ma (e qui siamo nel campo delle ipotesi) riproporle con dimensioni maggiori e dotazioni migliorate rispetto a quelle attuali, così da farle rientrare a tutti gli effetti nel segmento B. C’è poi la possibilità di dare un’erede alla Fiat Punto, uscita di produzione nel 2018.


La slide della relazione trimestrale che conferma la nuova strategia.

INSIEME ALLA PSA - La Fiat insomma ha diverse carte sul tavolo. Tutte però sono strettamente legate all’esito della trattativa che dovrebbe portare alla fusione di FCA e PSA (qui per saperne di più), che potrebbe semplificare non poco la strategia della casa torinese nei confronti delle utilitarie. Fra le risorse della PSA che potrebbero “fare gola” alla FCA c’è il pianale CMP, una base costruttiva già predisposta per i motori elettrici utilizzata per le recenti Opel Corsa e Peugeot 208. La Fiat potrebbe utilizzarla come base per i suoi futuri modelli in questa categoria, con evidenti vantaggi in termini di tempistiche, costi per lo sviluppo e industriali, perché oggi la Fiat si trova a gestire due pianali per i suoi modelli più compatti: le Panda e 500 sono basate sulla piattaforma Small, mentre la monovolume 500L è costruita sulla US wide. Un base costruttiva unica, per di più condivisa fra diversi marchi, sarebbe un toccasana a livello economico.

Fiat Panda
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
272
157
106
98
135
VOTO MEDIO
3,4
3.433595
768


Aggiungi un commento
Ritratto di Santhiago
4 novembre 2019 - 16:30
Figuriamoci. Che costi di sviluppo avrà mai un'utilitaria senza troppe pretese, per chi cerca semplicemente un'auto economica? Non è una motivazione, mentre lo è solo parzialmente quella dei marginizdal momento che sicuramente fino ad oggi nessuno produceva utilitarie perdendoci deliberatamente. Mi aspetto di leggere un articolo chr smentisca questa ipotesi tra meno di qualche mese.
Ritratto di Luzo
5 novembre 2019 - 07:32
Per lasciar spazio ai trimoni a vento...
Ritratto di impala
10 dicembre 2019 - 02:29
... sempre meglio Fiattaro che il solito vaggaro tedescofilo rompi scatole
Ritratto di Luzo
5 novembre 2019 - 07:31
Deliberatamente no ma di sicuro a 9900 per le varie b che vi sono in giro chi guadagno solo se ne vendo una caterva, o sposti margini sul post vendita e sul finanziario
Ritratto di 19andrea81
5 novembre 2019 - 11:27
Se l'unione europea ti obbliga mettere tutti i sistemi di sicurezza,aiuti alla guida,ecc il prezzo di una Panda sale di 5-7.000€(17.000€+). Non la compra piu nessuno
Ritratto di pierfra.delsignore
6 novembre 2019 - 15:51
4
Meno male che ci sono questi obblighi, se no ti darebbero una Panda coni freni a tamburo senza ABS..
Ritratto di Badboyberna
6 novembre 2019 - 06:25
Normative sempre più severe di sicurezza e antinquinamento...costano troppo per modelli low cost
Ritratto di mika69
4 novembre 2019 - 16:34
La 500 non può crescere troppo... altrimenti diventa un'altra cosa.
Ritratto di Alfiere
4 novembre 2019 - 19:35
1
500 è già un altra cosa rispetto a quella che fu..
Ritratto di mika69
5 novembre 2019 - 09:45
E vorrei vedere…..
Pagine