NEWS

Fiat, conti economici meglio del previsto

21 ottobre 2010

Nei primi nove mesi del 2010, con 586 miliondi di euro, ha quasi raddoppiato la gestione ordinaria rispetto al 2009. Rivisti al rialzo gli obiettivi per quest''anno.

A GONFIE VELE - La Fiat ha comunicato i dati economici per il terzo trimestre appena concluso. Il gruppo torinese (nella foto sopra il Lingotto) nel terzo trimestre del 2010 ha generato ricavi per 13,5 miliardi di euro, l'11,9% in più rispetto allo stesso periodo del 2009. La quota maggiore di incremento (3 miliardi di euro) arriva dalla Case New Holland (CNH), che produce macchine agricole e per le costruzioni, cresciuta del 31,9%.

NUOVI OBIETTIVI - Numeri che permettono alla Fiat di chiudere il terzo trimestre con un utile della gestione ordinaria di 586 milioni di euro, un utile netto di 190 milioni e rivedere al rialzo gli obiettivi per il 2010: gestione ordinaria di 2 miliardi di euro (rispetto agli 1-1,2 miliardi preventivati) e indebitamento industriale netto sotto i 4 miliardi, inferiore ai 5 precedentemente annunciati. La stima dei ricavi, infine, viene rivista da 50 a 55 miliardi di euro.

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:00

SALVATI DAL BRASILE - La divisione auto della Fiat (che oltre alle auto comprende i veicoli commerciali leggeri), ha realizzato un utile della gestione ordinaria di 130 milioni di euro, 25 in meno rispetto al terzo trimestre del 2009. Un risultato considerato positivo dal gruppo torinese: le buone "performance" in Brasile hanno permesso di contenere il forte calo delle vendite auto in Europa (leggi qui per saperne di più). Complessivamente, nei primi nove mesi del 2010, le immatricolazioni delle auto Fiat si sono ridotte del 6,8% (il 12,3% in Europa).

BENE LE SPORTIVE - Se le vendite nel 2010 delle auto Fiat (Alfa Romeo, Fiat e Lancia) hanno subito un crollo, principalmente per il mancato rinnovo degli incentivi statali in Italia e nei principali mercati europei, ben altro andamento fanno registrare la Ferrari e la Maserati. Nel terzo trimestre del 2010 i ricavi della Ferrari sono stati pari a 446 milioni di euro, il 12,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2009; come riferisce la Fiat grazie alle vendite delle 458 Italia, della 599 GTO e dei programmi di “personalizzazione”. Da luglio a fine settembre la Ferrari ha immatricolato 1.398 vetture, in aumento del 3,9% rispetto al 2009. La Maserati, invece, sempre nel terzo trimestre di quest'anno, ha registrato ricavi pari a 134 milioni di euro (+44,1%) e immatricolato 1.368 auto, il 48,7% in più rispetto agli stessi tre mesi del 2009. Sia la Ferrari, sia la Maserati nei primi nove mesi del 2010 fanno registrare risultati di gestione ordinaria in crescita rispetto allo stesso periodo del 2009: da 6 a 16 milioni di euro per il Tridente e da 176 a 192 per il Cavallino.

Aggiungi un commento
Ritratto di Paolo_1973
21 ottobre 2010 - 11:58
Sono preoccupato per la sua salute psico-fisica.
Ritratto di Limousine
21 ottobre 2010 - 13:16
Tu continui a giocare con i numerini (come fanno i bimbi), ma non capisci una mazza di ciò che leggi. A far da "traino" - caro bimbo bello - NON è Fiat Auto (solo una parte della holding del Gruppo e per giunta in costante perdita), ma altre società come - ad es. - CNH che costruisce macchine agricole. Come dire che nella mia famiglia sono miliardario, ma è il mio bis - cugino da parte della mia tris - nonna che ha fatto 6 al Superenalotto! Capito adesso? Ma poi di cosa ti esalti? Se non reinvesti nei settori in perdita (come attualmente Fiat Auto), mi spieghi a cosa servono i guadagni? Ad arricchire gl'investitori? Ok! E senza prodotto (cioè le nuove auto da VENDERE che continuano a restare nei cassetti), mi spieghi caro intelligentone, quanto potrà durare la "festa"? Lo vedi che non capisci un'acca e poi vieni pure a farmi il saccente del nulla? Giocare col Monopoli - come indubbiamente fai - è una cosa, ma la realtà di un'attività commerciale è ben altra. Si sta in piedi se s'INVESTE sul prodotto da VENDERE (di qualsiasi genere di prodotto si tratti), NON se si gioca coi numerini come fai te!!! Ma tanto, ho solo sprecato tempo. Pensa pure ciò che ti pare, sai cosa m'importa delle tue "dotte analisi"?
Ritratto di Paolo_1973
21 ottobre 2010 - 13:20
Ma stai zitto, non sai di cosa parli. Fiat auto è in utile pure lei, utile migliore del terzo trimestre 2009, in piena fase incentivi. Leggi prima di scrivere, fa bene alla salute.
Ritratto di Limousine
21 ottobre 2010 - 14:04
... è in utile in prima fase incentivi, ma senza? Non lo è più! O sbaglio? Comunque, tralasciando per un attimo il discorso relativo agli utili od alle perdite, qual è il tuo parere in merito al fatto che in Fiat Auto non sembrano voler muovere un dito per nuovi modelli, per almeno altri due - tre anni? Considera, naturalmente, che all'appello attualmente mancano le seguenti sostitute: 1) Fiat 600; 2) Fiat Panda; 3) Lancia Ypsilon; 4) Fiat Idea; 5) Lancia Musa; 6) Fiat Multipla; 7) Fiat Croma; 8) Lancia Lybra; 9) Fiat Ulysse; 10) Lancia Phedra; 11) Alfa Romeo 159; 12) Alfa Romeo GT; 13) Alfa Romeo Brera coupè e spyder; 14) Lancia Thesis; 15) Alfa Romeo 166. Senza contare che si potrebbe completare la gamma della 500 con la versione Giardinetta, la Bravo con le versioni tre porte e s.w., che volevano aggiungere l'Alfa MiTo a 5 porte, che per un certo periodo di tempo erano circolate voci (e disegni) d'una nuova Lancia Delta (definita da molti Deltina) più compatta e sportiva d'affiancare all'attuale Delta e che Abarth aveva in cantiere una sportivetta coupè-targa tipo Lotus Elise. Adesso che come affermano hanno i conti in attivo, perchè non mettono in cantiere - già nel 2011 - qualcuna di queste novità? La concorrenza - ti rammento - che non sta frattanto dormendo beata e sforna auto nuove di continuo. Marchionne, per mesi, ha lamentato la mancanza di fondi da investire. Ok! Adesso che i soldi - finalmente - ci sono cosa aspettano ancora?
Ritratto di autolog
23 ottobre 2010 - 13:26
Nel terzo trimestre del 2010 non c'erano gli incentivi, ma la divisione auto era in utile lo stesso. Opel, che ha sfornato nuovi prodotti a manetta, è ancora costantemente in perdita. Le strategie industriali sono un pò più complesse di come Limousine le mette, del tipo frutta e verdura al mercato....
Ritratto di Porsche
21 ottobre 2010 - 15:10
Da quello che scrivi non credo che tu stia meglio.
Ritratto di Paolo_1973
21 ottobre 2010 - 12:03
Trimestrale coi fiocchi (vedi link in fondo al messaggio): 1) Utili in crescita 2) Debito in calo 3) Settore in Auto in utile nonostante i cali di vendite in Europa. Quest'ultima è la vera notizia che fa molto ben sperare per lo spin-off, dove tra l'altro Fiat Auto avrà molto meno debito di Fiat Industrial, quindi anche molti meno interessi da pagare. Se pensiamo che a settimane parte la 500 negli Stati Uniti, e presto in tutto il Nordamerica e Sudamerica, e che sta per entrare in listino la Uno 2 porte in Brasile, direi che per l'anno prossimo ci si possa aspettare almeno 100.000 macchine in più dalle Americhe, senza contare India, Russia e soprattutto Turchia, dove Fiat sta crescendo molto bene (Link: http://www.hurriyetdailynews.com/n.php?n=turkeys-autotomive-industry-pro...). E faccio anche una previsione: prevedo un futuro luminoso per Maserati entro i prossimi 3 anni. http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2010-10-21/utili-quasi-raddoppiati-fiat-104015.shtml?uuid=AYo54OcC
Ritratto di cavalierebianco
21 ottobre 2010 - 12:15
Qualcuno mi spiega come hanno fatto? Perdono quote di mercato in tutta Europa eppure migliorano i conti. Dicono di avere una sola fabbrica competitiva (quella in Polonia) al punto di dover produrre in Serbia e poi fanno questi risultati. Aiuto!
Ritratto di Maik147
21 ottobre 2010 - 13:05
cioè si è in una fase che nonostante stia iniziando un leggero declino dei livelli di vendita il prodotto fornisce praticamente solo ricavi visto che i costi sono già stati ammortizzati negli anni precedenti!in economia si chiama fase di maturazione del prodotto!
Ritratto di armyfolly
21 ottobre 2010 - 15:24
finalmente qualcuno competente..!!!
Pagine